Il trash non manca a Venezia 74

Nemmeno quest’anno lo stilista Matteo Manzini ha perso l’occasione di spiazzare il pubblico di Venezia, come l’anno prima. Stavolta a fargli da ambasciatrice è stata Romina Pierdomenico, ex corteggiatrice di Uomini e Donne. Ma non è stata l’unica uscita trash del Festival del Cinema.C_2_box_41627_upiFoto1F

Hofit Golan si cimenta in uno show con le stampelle sul red carpet: sembra siano stati in molti ad avvistare i capezzoli fuoriusciti dalle balze gialle del vestito Matija Vuica.
Trasparenze nere firmate Alberta Ferretti per Eleonora Carisi e Bruna Marquezine: entrambe mettono in mostra anche qualcosa in più della biancheria sotto al vestito. Stessa stilista per Karolina Kurkova, tradita dal vento. Martina Pinto preferisce invece un nude look che starebbe decisamente meglio in camera da letto.
Poi c’è la classica apertura frontale dello spacco con esposizione inguinale: il must di quest’anno. Dopo Miss Italia Rachele Risaliti che al primo giorno è stata penalizzata da un lieve inchino, è stata la volta della protagonista di The Lady Patricia Contreras. Ha scelto lo stesso metodo anche l’ex tronista Sonia Lorenzini: possiamo definirlo un gesto involontario? Il massimo del trash lo raggiunge però la trans Vittoria Schisano: aprendo lo spacco dimostra ufficialmente la mancanza di slip (e la riuscita della sua operazione).

Il trash non manca a Venezia 74

Nemmeno quest’anno lo stilista Matteo Manzini ha perso l’occasione di spiazzare il pubblico di Venezia, come l’anno prima. Stavolta a fargli da ambasciatrice è stata Romina Pierdomenico, ex corteggiatrice di Uomini e Donne. Ma non è stata l’unica uscita trash del Festival del Cinema.

C_2_box_41360_upiFoto1FHofit Golan si cimenta in uno show on le stampelle sul red carpet: sembra siano stati in molti ad avvistare i capezzoli fuoriusciti dalle balze gialle del vestito Matija Vuica.
Trasparenze nere firmate Alberta Ferretti per Eleonora Carisi e Bruna Marquezine: entrambe mettono in mostra anche qualcosa in più della biancheria sotto al vestito. Stessa stilista per Karolina Kurkova, tradita dal vento.
Poi c’è la classica apertura frontale dello spacco con esposizione inguinale. Dopo Miss Italia Rachele Risaliti che al primo giorno è stata penalizzata da un lieve inchino, è stata la volta della protagonista di The Lady Patricia Contreras e, il giorno successivo, di Sonia Lorenzini: come definirlo un gesto involontario?

Thylane Blondeau, “la bambina più bella del mondo”, ora è una bellissima modella

Una sedicenne dotata di bellezza mozzafiato, occhi blu e broncio alla Brigitte Bardot. La mamma è la showgirl e presentatrice Veronika Loubry, mentre il padre è l’ex calciatore Patrick Blondeau. Thylane Blondeau fa la modella da quando aveva 4 anni e fu notata da Jean Paul Gaultier.

2389908_2055_thylaneblondeau

La modella e attrice francese (ambasciatrice di L’Oreal Paris) il 5 aprile ha festeggiato il suo sedicesimo compleanno.
Thylane appartiene alla nuova generazione di muse digitali, artefici del proprio destino, che si mostrano agli occhi del mondo per ciò che sono, sicure di sé, di una bellezza disarmante, fonte d’ispirazione per milioni di giovanissime alla ricerca di modelli positivi.

JLo, ambasciatrice italiana sexy e chic

Ci piace sottolineare quando le star internazionali apprezzano e valorizzano il Made in Italy. Una di queste è indubbiamente Jennifer Lopez.
Sul palco, nelle occasioni mondane, ma anche nella vita privata, l’artista spesso sceglie di indossare la moda italiana, capace di valorizzare le sue curve latine e di conferirle un’aura raffinata e di classe, senza rinunciare alla sensualità.

C_4_boxPeople_10048_upiFotoLibera

Se l’amicizia con Donatella Versace è da tempo nota, tanto che la Lopez è spesso ospite alle sue sfilate (e addirittura si posticipa l’inizio se lei non è ancora arrivata), forse è meno risaputo il motivo. Jennifer Lopez ha contribuito, e non poco, a lanciare Donatella, la cui carriera è decollata dopo che la pop star portoricana, ai Grammy Awards del 2000 ha indossato il suo leggendario “Jungle dress” catalizzando sguardi, flash e copertine. Trasparenze, una scollatura esagerata ben sotto l’ombelico, gambe in mostra e una fantasia tropicale d’impatto.
Tornando ai giorni nostri, JLo ha una predilizione per i cappotti Max Mara. Tinta unita o fantasia, i caldi tessuti della maison italiana la accompagnano spesso nelle sue trasferte.
Al The Daily’s Fashion Los Angeles Awards, l’ultimo evento che l’ha vista protagonista, Jennifer Lopez era decisamente chic e iperfemminile con un abito bianco ricamato con paillettes ton sur tone, della collezione invernale Ermanno Scervino.
Di recente, ad American Idol, Jennifer Lopez ha indossato una particolare creazione tutta tagli di Fausto Puglisi: rosa, scenografica e sensuale, con borchie a forma di sole ad impreziosire il florido décolleté.
Che dire poi del romantico minidress celeste Dolce & Gabbana, della collezione autunno inverno 15-16, dedicata alle mamme? Ironico nel concept, delizioso su di lei.
Per concludere, altre chicche italiane dal guardaroba della star sono gli accessori. Non si contano le clutch Ferragamo, le borse Valentino, le decollete Casadei e Giuseppe Zanotti Design che la cantante latina ha orgogliosamente mostrato al mondo intero.