Professoressa di matematica fa sesso con tre alunni, arrestata per abusi su minore

Fa sesso con tre dei suoi alunni e finisce in carcere. La 25enne Erin McAuliffe, insegnante di matematica presso la scuola Rocky Mount Preparatory, nella Carolina del Nord, è finita in manette dopo le testimonianze raccolte dalla polizia di studenti e colleghi.

2495421_1638_sesso_insegnanteLa donna è accusata di aver fatto sesso con tre alunni minorenni e quindi accusata di molestie sessuali. Secondo quanto riporta il Sun, ad insospettire gli insegnanti, sono stati i suoi metodi di insegnamento che sarebbero stati piuttosto discutibili. Pare che la donna facesse spontaneamente dei corsi di recupero per la materia e in quelle occasioni avrebbe adescato le sue vittime.
La scuola ha immediatamente sospeso dall’incarico la McAuliffe e denunciato i sospetti alle autorità che dopo un mese di indagini l’hanno ritenuta colpevole del reato. Ora è in carcere in attesa del processo.

Indossa questa maglietta a scuola: studentessa sospesa e arrestata

Ha una media voti molto alta, ma nonostante questo le è stato impedito di diplomarsi per una ragione apparentemente senza senso: la maglietta indossata nel giorno più importante della sua intera carriera scolastica. Secondo il dirigente scolastico, che ha deciso di sospenderla, Summer avrebbe violato il ‘dress code’ dell’istituto.

summer-dress-code_24104330La ragazza, che vive in North Carolina e frequenta la Hickory Ridge High School, aveva indossato questa maglietta, considerata indecente e irrispettosa dal preside. Per questo motivo, una volta sospesa, alla ragazza è stato impedito di salire sul palco per la cerimonia del diploma e minacciata di arresto da parte della polizia, giunta presso l’istituto dopo la chiamata dello stesso dirigente scolastico.
La storia, riportata anche da Huffington Post e Crave, ha suscitato molto scalpore dopo la pubblicazione di foto e video di Summer con la maglietta incriminata. Sui social network molti hanno commentato condannando la decisione del preside. Secondo il ‘dress code’ del liceo, sono bandite magliette scollate o che scoprono le spalle. Nel caso di Summer, la maglietta le lasciava scoperte solo parzialmente.
Una decisione molto severa, motivata a quanto pare anche da vecchi attriti tra i genitori di Summer e il preside. La ragazza è ovviamente molto amareggiata: «Ho studiato duramente per quattro anni per arrivare fin qui e mi è stato negato di salire su quel palco. Ci sono saliti spacciatori e stupratori, a me invece è stato impedito».

Ubriaca in auto, la figlia dell’attore di ‘Matrix’ mostra il “lato B” e la fa davanti ai poliziotti

Montana Fishburne sempre più fuori controllo: la figlia dell’attore Laurence, noto per il ruolo di Morpheus in Matrix e di Raymond Langston in CSI, ne ha combinata un’altra delle sue. La ragazza, 25 anni, era già stata arrestata nel 2009 per prostituzione e l’anno successivo per stalking ai danni di un ex fidanzato.

41209610La sua notorietà è dovuta non solo al celebre padre, ma anche alla breve carriera da attrice pornografica, interrotta dopo due film per l’imbarazzo e il dolore che la scelta aveva provocato in Laurence. Da allora la giovane si è data agli spettacoli di striptease e danza del ventre in vari locali notturni.
L’ultimo episodio imbarazzante per la famiglia Fishburne si è consumato invece lo scorso 11 marzo in Florida: sono le registrazioni della polizia a documentarlo.
Montana era infatti stata fermata su un’autostrada all’altezza di Fort Lauderdale, mentre guidava visibilmente ubriaca e con una bottiglia di vino quasi vuota accanto. Sottoposta al test dell’alcol, la ragazza aveva dei valori superiori al doppio del limite consentito e ha iniziato a provocare i poliziotti. Prima si è tolta i tacchi alti, mostrandoli all’agente, poi si è alzata il vestito e ha fatto vedere le sue grazie.
Tutto qui? Magari. Non contenta, ha scavalcato il guardrail e si è accovacciata. «Cosa sta facendo?», chiede sbigottito l’agente. La ragazza, in tutta franchezza, risponde così: «Devo fare la pipì, anche se preferivo farla sulla vostra auto di servizio. Posso farla qui?». «È quello che sta già facendo», commenta laconico il poliziotto. Lo riporta anche il Daily Mail.

La moglie fa la prostituta, il marito lo scopre nel peggiore dei modi

Era una serata normale, cominciata con un attimo di relax sul divano guardando il telegiornale: un ignaro marito mai avrebbe immaginato che di lì a poco sarebbe stato costretto a scoprire che sua moglie era stata arrestata perché lavorava come prostituta. Igor Alexeev era sposato con Maria da otto anni, e ha scoperto la doppia vita della moglie guardando un blitz in diretta tv della polizia in un bordello nella Repubblica russa di Bashkortostan.

PAY-CEN_ProstituteWife_01

L’uomo ha digitato il nome della moglie su Google, e scoperto che la donna offriva tutta una serie di favori sessuali a pagamento, inclusa una “notte d’amore completa”.
La reazione del marito tradito è stata l’immediata richiesta di divorzio, che ha ottenuto insieme alla custodia della loro figlia di sei anni. Igor ora è tornato in tribunale per far sì che la ex moglie non veda mai più la bambina. Secondo il padre, la piccola dovrebbe crescere lontana dall’umiliazione di sapere di avere una madre che svolge tale professione. Maria deve rispondere anche di accuse penali riguardanti il blitz al bordello, ma sostiene che suo marito non sarebbe in grado di sostenere economicamente la figlia.

Brianne, insegnante 37enne, fa sesso con gli allievi minorenni: “Mi faceva sentire bene”. Arrestata

Brianne Altice, insegnante 37enne, è stata condannata a 30 anni di reclusione per aver abusato sessualmente di alcuni suoi allievi adolescenti.

brianne-altice-red-court1

Accade Kaysville, negli Usa. Come riporta il sito Metro.co.uk, la donna ha confessato le sue colpe e ha detto di “avere problemi di autostima” per questa ragione avrebbe avuto rapporti inappropriati con i ragazzi: “Ho chiaramente perso di vista di tutti i miei valori e i miei principi e stavo cercando mezzi inadeguati per affrontare i problemi”.
Gli incontri hot avvenivano, alle spalle del marito, nel parcheggio della chiesa. La donna è stata arrestata per una soffiata alla polizia. Un suo allievo 16enne a scuola ha descritto i tatuaggi che l’insegnante aveva sul corpo e ha fornito particolari della casa, dove avrebbero fatto sesso 5 volte alla settimana. La donna è stata imprigionata e il marito ha chiesto il divorzio.

Sesso e chat porno con tre 15enni e un 12enne: professoressa arrestata

Ha messo da parte ogni scrupolo, ha ceduto a tutte le sue tentazioni mettendo a rischio la propria vita familiare e professionale e, per mesi e mesi, ha realizzato il suo sogno proibito: portarsi ripetutamente a letto degli adolescenti nella sua casa di Houma, in Louisiana, nonostante avesse un marito e dei figli.

1421923071869-jpg

Nel suo delirio di onnipotenza pensava di farla franca, ma si sbagliava: la madre di uno dei ragazzi alla fine ha scoperto la tresca e la verità è venuta a galla. Ricevuta la segnalazione, la polizia ha arrestato Heidi Verret, una docente 30enne della Terrebonne Parish School, accusata di aver fatto sesso con tre adolescenti tra i 15 e i 16 anni (due cugini e un loro amico) e aver scambiato messaggi osceni con un ragazzino di 12. Trattenuta in prigione con una cauzione fissata a 50mila dollari, Heidi rischia, se riconosciuta colpevole, fino a dieci anni di carcere per ciascun capo d’imputazione.
Le famiglie dei ragazzi coinvolti (le cui generalità non sono state ovviamente rivelate, così come non è stato specificato se fossero allievi della docente) non avevano mai sospettato nulla e pensavano che alcuni piccoli regali che la donna faceva loro fossero semplicemente atti di gentilezza. Mai avrebbero immaginato cosa accadeva in casa di Heidi. «Sono sconvolta e arrabbiata – ha detto una delle madri – Sapevo che anche lei ha dei figli e non pensavo potesse comportarsi così. D’altra parte sono anche triste per la sua situazione: cosa può averla spinta a fare cose che rischiano di rovinare la sua stessa vita? Comunque non voglio che vada in prigione, i suoi figli hanno bisogno di una mamma».

Roma, casa di appuntamenti in un centro estetico a Termini: arrestata

C’era una casa di appuntamenti in un centro estetico di Roma Termini. La titolare era stata già condannata per sfruttamento della prostituzione ed aveva chiesto di poter usufruire di un regime alternativo alla detenzione. Il Tribunale di Sorveglianza, per potersi pronunciare ha delegato la Polizia di Stato ad effettuare i relativi accertamenti. La proposta avanzata dalla cittadina cinese prevedeva la possibilità di lavorare presso un centro estetico situato nella zona della Stazione Termini.

24971

Svolgendo una accurata attività investigativa durata oltre due mesi, gli agenti del commissariato Viminale, diretto dalla dr.ssa Giovanna Petrocca, hanno appurato come, dietro l’insegna di un normale centro estetico si celasse in realtà una vera e propria attività di prostituzione, gestita dalla stessa 45enne cinese avvalendosi di una sua connazionale. Ieri è scattato il blitz. Nel corso dell’intervento il locale, peraltro con gravi carenze igieniche, è stato sottoposto a sequestro penale con l’apposizione dei sigilli. Sequestrata anche una cospicua somma di denaro, presumibile frutto delle prestazioni sessuali nonché un cellulare utilizzato per fissare gli appuntamenti con i clienti, il cui numero era pubblicizzato su diversi siti internet a sfondo sessuale. I poliziotti, pertanto, hanno proceduto all’arresto della cittadina cinese presente all’interno del locale, mentre la connazionale ed un italiano, suoi complici, sono stati denunciati per lo stesso reato. Condotta in Tribunale per essere giudicata con rito direttissimo, l’arrestata è stata condannata alla pena di 4 anni e 4 mesi di reclusione.

Posta una foto su Twitter senza velo, giovane musulmana rischia la fustigazione

Arrestata e imprigionata per aver condiviso su Twitter una foto senza hijab, il tradizionale velo islamico che nasconde completamente il corpo. È accaduto a una ragazza dell’Arabia Saudita, Malak Al Shehri, che ora rischia la fustigazione per essersi mostrata a tutti.

tweet-fustigazione-donna araba_12195106

L’immagine incriminata ritrae la giovane donna per le strade di Riyadh, la capitale dello stato, vestita con un abito colorato, lugo fino alle caviglie e un cappotto nero. Nonostante non sembri esserci nulla in mostra la foto ha destato scalpore e la donna è stata arrestata: si trova ora in custodia e rischia di essere frustata a sangue. A parlare delle sue condizioni, come riporta anche il Daily Mail è il colonnello Fawaz al-Maiman, portavoce della polizia di Riyadh che sottolinea che la colpa di quanto accaduto è solo della donna che ha fomentato «una sfida annunciata da lei stessa sui social media giorni prima». L’arresto è scattato dopo una segnalazione della polizia morale dopo l’accusa di aver violato il rigido dress code imposto alle donne. Ovviamente la storia si è diffusa molto in fretta e diventata in breve tempo virale. Il web però non ha accettato e non vuole accettare quanto accaduto a Malak ed è stata lanciata un’iniziativa per salvare la giovane donna dalla fustigazione, su Twitter è stato creato l’hashtag #FreeMalakAlshehri per cercare di attirare il più possibile l’attenzione sulla vicenda.  Non solo chi sostiene la sua causa però si è scatenato in rete, ci sono stati anche degli utenti che hanno appoggiato la decisione della giustizia saudita inneggiando addirittura alla pena di morte per la giovane donna.

Mariah Carey, pose sexy sui social mentre la sorella Alison viene arrestata per prostituzione

L’hanno arrestata con l’accusa di prostituzione a Saugerties (New York) e lei si è identificata come Alison Scott Carey, sorella maggiore della ben più celebre Mariah Carey. Malata di Hiv, 55 anni, ex prostituta Alison pubblicizzava i suoi servizi sessuali online citando testi della sorella popstar…. che su Instagram intanto posta scatti molto hot.

C_2_fotogallery_3004548_4_image

A quanto riporta il Daily Freeman, che ha dato la notizia dell’arresto, Alison, avrebbe usato un sito internet per dare informazioni online ai suoi potenziali clienti. In alcune di queste avrebbe anche fatto riferimento alla canzone “Fantasy” della sorella Mariah, promettendo di essere una donna capace di muovere la terra per un uomo e di fargli vedere le stelle: “ITS SUCH A SWEET,SWEET FANTASY BABY, WHEN I CLOSE MY EYES I COME AND TAKE YOU ON AND ON”.
Da tempo malata di Hiv la sorella di Mariah Carey avrebbe più volte tentato di fare appello alla popstar per un aiuto economico ma sembra che Mariah non abbia da più alcun tipo di rapporto né con la sorella Alison né con il fratello Morgan e si è sempre rifiutata anche di rispondere agli appelli di aiuto da parte dei due.
La polizia si New York sta intanto cercando di capire se Alison abbia avuto rapporti sessuali, con chi e se in maniera protetta.

Johnny Depp-Amber Heard, lʼattrice fu arrestata per violenza

Il divorzio tra Johnny Depp e Amber Heard si arricchisce di un nuovo capitolo. A quanto riporta Tmz l’ex signora Depp, che ha accusato l’attore di violenza domestica, ha lei stessa alle spalle un’accusa per abusi. L’episodio risale al 14 settembre 2009 quando la Heard colpì l’allora compagna Tasya van Ree all’aeroporto di Seattle.

amber-heard-depp-red-carpet-645

L’attrice fu arrestata e comparve in tribunale per rispondere dell’accusa. All’epoca il pubblico ministero rinunciò a portare avanti il caso solo perchè le due donne vivevano in California, mentre l’episodio era avvenuto a Seattle, ma il giudice precisò anche che l’accusa poteva essere riaperta in caso di cattiva condotta.
Una rivelazione che potrebbe quindi rimettere in discussione gli abusi imputati da Amber all’attore. La Heard aveva infatti ottenuto, oltre al divorzio, anche un ordine restrittivo nei confronti della star proprio a seguito delle accuse di violenza. Al fianco di Depp si era schierata fin da subito l’ex compagna Vanessa Paradis, da cui il divo ha avuto due figli.