Modella messa all’asta sul web, Chloe confessa: “Ho avuto paura per la mia vita”

Rapita e venduta sul web, questo è stato l’incubo di una modella 20enne. «Ho subito un’esperienza terribile. Ho temuto per la mia vita minuto per minuto. Sono infinitamente grata alla polizia italiana e a quella britannica per avermi salvato. Hanno lavorato giorno e notte per trovarmi».

2604845_2047_14317562_10207207177965000_6225072517335271220_n

Lo ha detto in un’intervista rilasciata al Tg1 Chloe Ayling, la modella inglese di 20 anni attratta con un’offerta di un servizio fotografico a Milano e poi sequestrata da un uomo polacco che avrebbe voluto metterla in vendita nel deep web, l’area oscura e illegale della rete. «Sono appena arrivata a casa dopo quattro settimane» ha detto la ragazza, raggiunta dal Tg1 a sud di Londra. «Mi devo riprendere, non posso dire altro finché non sarò interrogata qui in patria».
Chloe Ayling ha inoltre riferito di star bene e che quello del mese scorso era il suo primo viaggio in Italia. La modella vive con la madre in un quartiere popolare a sud di Londra. Dagli interrogatori, come rivela sempre il Tg1, emergono anche altri dettagli. Chloe ha raccontato che il suo aguzzino, il 30enne polacco Lukasz Pawel Herba, le avrebbe detto di aver guadagnato 15 milioni di dollari in cinque anni. E che tutte le ragazze vendute come schiave sessuali dall’organizzazione ‘Black death group’ sul deep web sarebbero destinate ai Paesi arabi. Ne vengono vendute all’asta almeno tre alla settimana, secondo il racconto di Herba riferito agli inquirenti dalla modella, e chi le acquista può poi regalarle o darle in pasto alle tigri.

Marilyn Monroe, all’asta gli abiti della star

A più di 50 anni dalla sua morte, il mito prosegue: Marilyn Monroe genera ancora profitto e gli strascichi della sua breve e intensa vita alimentano l’industria dello spettacolo.
La celebre casa d’aste Julien’s Auction mette in vendita cimeli appartenuti all’attrice e provenienti dalla collezione privata di David Gainsborough-Roberts, noto per aver messo insieme la raccolta più nutrita al mondo di memorabilia della diva. Non solo costumi di scena, ma anche abiti personali, gioielli e beni di proprietà dell’attrice, fotografie originali e manifesti di film.

I-look-piu-memorabili-di-Marilyn-Monroe_image_ini_620x465_downonly

Sembra strano vedere gli abiti flosci addosso a un manichino e ripensare alla prorompente femminilità della star. Eppure quei tessuti dalla foggia antiquata e i body di scena che paiono adatti ad un circo, così come le calze a rete (bucate) o i vistosi orecchini (che nel tempo hanno perso qualche perla) hanno fanno parte del guardaroba di Marilyn Monroe, contribuendo a creare il mito di questa fragile donna la cui fama continua a travalicare tempi e luoghi.
Il pezzo più prezioso è l’abito da cocktail nero con perline e lustrini indossato da Marilyn Monroe in “A qualcuno piace caldo“: il prezzo di base oscilla tra i 200mila e i 400mila dollari.
Due i costumi sfoggiati in coppia con Jane Russell in “Gli uomini preferiscono le bionde“: l’eclatante abito rosso luccicante con spacco laterale e il body con i fiori sulle coppe. Poi c’è l’elaborato vestito bianco indossato nella commedia del 1953 “Follie dell’anno“, progettato da uno degli stilisti preferiti della Monroe, Billy Travilla, i guanti con paillettes di “Quando la moglie è in vacanza” e gli orecchini di “Come sposare un milionario“.
Legendario anche il body di raso verde con paillettes nere e frange d’oro, che Marilyn indossava mentre cantava “That Old Black Magic” in “Fermata d’autobus“. Oppure la camicetta di pizzo nero su sfondo giallo, usata per la promozione del film.
Se siete fan sfegatati dell’attrice, non vi resta che prenotare un volo per Los Angeles: l’asta si terrà il 19 Novembre di quest’anno.
Se pensate di non potervelo permettere, guardate la nostra gallery.