Violante Placido: “Io vittima dei bulli, nessuno voleva essermi amico”

“Pur nella condizione privilegiata di figlia di attori ed emigrante di lusso, mi sentivo diversa: ero la straniera stralunata, che si vestiva strana, parlava strano e nessuno voleva essermi amico”, confessa Violante Placido in un’intervista rilasciata a Candida Morvillo per l Corriere della Sera.

Violante-Placido_Esquire_UK_Dec2010_Septimiu-rem_427L’attrice racconta di essere stata vittima dei bulli quando si è trasferita negli Stati Uniti e ha frequentato una scuola a Los Angeles. “Le altre ragazzine – continua – già si depilavano, alcune portavano lenti a contatto colorate. Io ero intimidita, impaurita, e troppo orgogliosa per fare il primo passo”.
“Mi facevano piccoli ricatti, sottili violenze psicologiche, non fisiche. Il rappresentante di classe aveva il compito di fare l’appello e mi faceva mettere in punizione per ritardi minimi. Oppure qualcuno m’invitava al cinema, ma a patto che lo facessi copiare in spagnolo, in cui ero la prima della classe. Mi offrivano amicizia sotto forma di ricatto. E se invece, in classe, davo aiuto a quelli più emarginati di tutti, facevano la spia”.
Violante ha un figlio di tre anni che sta educando a vivere il rapporto con gli altri in maniera sana: “Per ora, Vasco è solare, giocherellone e ha un suo senso di giustizia innato: una volta, un amichetto ha strappato un gioco a una bambina e lui è intervenuto, ha detto ‘ridaglielo, è suo’. Cerco innanzitutto di essere io per prima rispettosa nei suoi confronti. Non puoi chiedere a un bimbo di essere giusto se il senso di giustizia glielo insegni con la coercizione. E se gli trasmetti autostima, sarà difficile che senta il bisogno di prevaricare qualcuno”.

Ben Stiller e Christine Taylor è addio: si separano dopo 18 anni d’amore

I fan di Ben Stiller e Christine Taylor resteranno molto delusi: la coppia di attori ha infatti annunciato di aver intrapreso l’iter burocratico per la separazione dopo 17 anni di matrimonio e 18 anni d’amore. La notizia, riportata da Metro.co.uk, è stata annunciata così dalla coppia: «Con il massimo amore e rispetto annunciamo di voler interrompere la nostra relazione coniugale.

636314231663389319-GTY-187947912Questo non ci impedirà di restare grandi amici e di fare tutto per crescere insieme i nostri figli. Chiediamo gentilmente il massimo rispetto della nostra privacy in questo momento». Ben Stiller, 51 anni, e Christine, 45, si erano conosciuti nella seconda metà degli anni ’90 e dal 1999 avevano intrapreso una relazione sentimentale, culminata con il matrimonio nell’anno successivo. I più attenti ricordano bene i ruoli avuti da Christine in alcuni dei film di maggior successo di Ben: una piccola parte in ‘Tropic Thunder’, ma soprattutto le interpretazioni in ‘Dodgeball: palle al balzo’ e ‘Zoolander’, dove la donna recitava nel ruolo della giornalista di moda Matilda Jeffries. Ben e Christine hanno avuto due bambini che oggi hanno rispettivamente 15 e 12 anni e insieme hanno anche affrontato la terribile esperienza del cancro alla prostata. «Ad ogni modo, ho sconfitto il male e sono stato fortunato. Ho avuto una moglie fantastica al mio fianco e fortunatamente il cancro era stato diagnosticato molto presto», aveva dichiarato due anni fa l’attore.

Raoul Bova e Rocio Morales vacanze hot: topless a Ibiza

Vacanze a Ibiza per la coppia formata da Raul Bova e Rocio Morales.

rocio-munoz-01

I due attori, assente la piccola Luna, sono stati fotografati mentre si rilassano, complice l’arrivo della bella stagione, su una spiaggia dell’isola, lontana da occhi indiscreti.
Pensando di essere soli, Rocio, in ottima forma mette in mostra il suo topless, mentre Raoul appare un po’ appesantito. Scoperta la presenza dei paparazzi di “Chi” i due si rivestono per tornare nel loro esclusivo resort…

Agnese Renzi in pizzo nero e trasparenze alla prima di “Inferno”

2015555_agnese-renzi3Un abito di pizzo nero e con trasperenze.Così Agnese Renzi, in compagnia del marito premier Matteo, si è presentata alla prima di “Inferno”, terzo capitolo della saga cinematografica diretto da Ron Howard e ispirato al bestseller di Dan Brown , che si è svolta sabato sera a Firenze. Saluti con il regista Ron Howard, con alcuni attori come Pierfrancesco Favino, Tom Hanks e con lo scrittore Dan Brown e l’allenatore del Leicester Claudio Ranieri.

Pitt-Jolie, patrimonio da 500 milioni di dollari

Il divorzio tra Angelina Jolie e Brad Pitt segna la fine di una delle coppie del mondo dello spettacolo più rispettate, non solo per il lavoro svolto a Hollywood, ma anche per l’impegno umanitario. I due, insieme dal 2004 ora devono far fronte anche alla questione economica di non poco conto.

C_2_articolo_3032260_upiImagepp

La rivista People ha consultato esperti finanziari e avvocati patrimoniali i quali hanno stimato che la fortuna dei Brangelina si aggiri attorno ai 500 milioni di dollari.
A Hollywood funziona così. Messi da parte i sentimenti si va subito al sodo, ovvero alle cifre record che si aggirano attorno al divorzio dell’anno. Il noto avvocato Donald David, incalzato da People, ha stimato la fortuna di Pitt in 350 milioni di dollari, mentre quella di Jolie in 275 milioni. Anche l’avvocata divorzista Marilyn Chinitz ha calcolato l’attivo di entrambi gli attori in un totale di 500 milioni.
Considerando, invece, la data del matrimonio del 23 agosto del 2014, – secondo la rivista Forbes – i ricavi della coppia negli ultimi due anni ammonterebbero a 117,5 milioni, 76,5 dei quali generati da Pitt.
Inoltre i due attori dovrebbero concordare l’assegnazione di alcune delle loro proprietà immobiliari come, ad esempio, la lussuosa residenza vinicola Chateau Miraval (nella quale si sono sposati), nel sud della Francia.

Fabrizio Corona si dà al cinema e cerca attori per il suo film di Natale

Fabrizio Corona continua a sorprendere.
Dopo la linea di abbigliamento e la promozione del nuovo libro “La Strada Cattina”, Corona si dà al cinema.
Sulla sua pagina Facebook ha pubblicato un annuncio di lavoro in piena regola in cui cerca attori per il suo prossimo film di Natale.Tantissime le candidature dei fan ma al momento tutti i dettagli sono top secret.

Fabrizio Corona si è costituito a LisbonaQuello che invece sappiamo è che Corona reciterà nella commedia “JOBS ACT! Italian Business”  insieme a volti noti del grande schermo come Umberto Smaila, Maurizio Mattioli e Valeria Marini. In via di definizione la partecipazione straordinaria dell’ex pugile Mike Tyson. Una pellicola sul mondo del lavoro e sulla corsa a diventare imprenditori di sé stessi ai giorni d’oggi, che si pone l’obiettivo di trattare argomenti e temi sociali scottanti e d’attualità, in modo comico e il più possibile leggero.

George Clooney, Richard Gere e Salma Hayek premiati davanti al Papa con la medaglia Ulivo della Pace

George Clooney, Richard Gere e Salma Hayek sono stati premiati in Vaticano davanti a Papa Francesco e a oltre 400 partecipanti con la medaglia dell’Ulivo della Pace, alle conclusione del convegno di Scholas Occurrentes.

AFP_BB947

I due attori hollywoodiani erano accompagnati rispettivamente dalla moglie Amal e dalla fidanzata Alejandra Silva, mentre l’attrice messicana era con la figlia Valentina e il marito Francois-Henri Pinault.Clooney ha commentare il premio dicendo: “E’ stata un’esperienza meravigliosa ed è un programma meraviglioso quello che Scholas Occurrentes porta avanti, facendo sì che tante religioni diverse parlino di inclusione perché sappiamo che l’odio e l’atteggiamento integralista si apprendono e vengono inculcati”.Scholas Occurrentes è un’organizzazione internazionale che promuove l’integrazione sociale e la cultura dell’incontro per la pace ed è presente in 82 paesi attraverso la sua rete composta da oltre 400.000 scuole e reti educative.

Laura Chiatti e Marco Bocci, la coppia fa… scintille

L’amore non è bello se non è litigarello e non c’è coppia, celebre e meno che sia, che non l’abbia sperimentato. Marco Bocci e Laura Chiatti compresi. Ecco i due attori in giro per Roma alle prese con una animata discussione, come mostrano gli scatti di Settimanale Nuovo.

C_2_fotogallery_3001473_24_image (1)

Lui si arrabbia e gesticola cercando di spiegarle qualcosa, che lei sembra non capire. L’attore continua a più riprese la sua “arringa”, la prega di ascoltarlo, le punta il dito contro… Lei impassibile non replica.Scene di vita quotidiana tra coniugi… dal carattere deciso. La love story tra i due attori del resto si è svolta finora in tempi davvero record. In due anni si sono innamorati, sposati, sono diventati genitori e sono adesso in attesa di un secondo bebè, un altro maschietto, Pablo, che arriverà a luglio. E’ normale quindi che l’idillio venga interrotto di tanto in tanto da qualche screzio e dissapore. Bruciando tutte le tappe Bocci e Chiatti si sono assunti anche il rischio di scoprire… che non sono proprio d’accordo su tutto, sempre. Fa parte del gioco. Specie se si è stanchi e continuamente divisi tra lavoro e famiglia, con la valigia in mano e, nel caso della bella attrice, con un pancione in attesa. Sulla loro intesa di fondo però, per ora, non sembra si addensino nubi, lui anzi ha dichiarato di desiderare una famiglia numerosa, di figli ne vorrebbe almeno dieci, ha detto. Forse però è meglio aspettare di capire cosa significhi averne due… se con uno nella pancia e uno che comincia a camminare adesso sono già ai litigi per strada… con dieci potrebbero arrivare molto oltre!

Gabriel Garko e Adua verso il sì

Un anno d’amore e nozze in vista per Gabriel Garko e Adua Del Vesco. La coppia di attori si è conosciuta sul set della fiction Mediaset “Non è stato mio figlio”. Garko ha confessato che all’inizio lei gli stava pure antipatica, poi è scoccata la scintilla. Nelle foto di Diva e Donna sono più affiatati che mai nelle vie dello  milanese e pronti a dire “Sì, lo voglio”.

C_2_fotogallery_3000995_19_image (1)

Look selvaggio ma ben studiato per Gabriel che indossa jeans stracciati, sneakers griffate bianche e camicia slacciata sopra la tshirt bianca. Adua, 22 anni meno del compagno, ha lo sguardo serio e concentrato e tiene stretta la mano dell’attore. Camminano per le vie del centro di Milano, fanno grandi acquisti e lasciano i sacchetti in mano al bodyguard che li segue passo dopo passo. Tra poco festeggiano l’anniversario e si dice che a breve ci saranno le nozze: in grande stile, ma ancora top secret.

Sara Tommasi e il pornoprocesso, chiesta la misurazione del pene del cameraman

Come l’attore che si sottrae alla parte perché sente traditi il suo impegno e la sua esperienza. In mezzo la confusa Tommasi che già in passato ha regalato scarse trame alla Philip Dick: le sarebbe stato impiantato un microchip nel corpo, che poi è causa di tutti i suoi disturbi, che l’ha portata a un ricovero in clinica e all’abuso di psicofarmaci. Quindi dal microchip si arriva alla «Ciociara» in un giro di camera, con un ricorso compulsivo ai tribunali – già in passato aveva fatto condannare un produttore di film porno.

sara-tommasi-in-posaSi potrebbe, attraverso il corpo di Sara Tommasi, riassumere molto del nostro Paese e delle ossessioni che lo attraversano, in un corto circuito diarchico: pubblico/privato – professionisti/società civile, che si confondono e mischiano, fino a sovvertire anche uno dei pochi campi lavorativi dove il merito è innegabile: quello del porno. In una degenerazione con aggiunta di repressioni violente che diventa la chiave del merchandising contemporaneo, dove la merce – in una declinazione occidentale – è il corpo, usato non per fame ma per fama. Facendo coincidere in una sola inquadratura: ethos, ethnos ed eros. Tirando fuori la vocazione condominiale che l’Italia da sempre si tira dietro e che ormai domina tutto: dai romanzi ai partiti. Sara Tommasi incarna la parte debole e confusa di questa vocazione, porta se stessa fino all’estremo – pagandone le conseguenze – e ci costringe a guardare l’aspetto misero e ridicolo di chi non ha attitudini ma solo derive. In un tempo logoro, rifà Boccaccio senza stile, privo di erotismo e incapace di generare la curiosità che il sesso chiede; passa da Brancati ma non riesce a fasciare la carne né il desiderio, divenendo scarno pruriginoso racconto di tribunale; e si assesta in una zona di gioco al ribasso dove l’iconografia più azzeccata è lo stereotipo.