Occhi grandi e blu, Anastasia è la bambina più bella del mondo: ha solo 6 anni

Anastasia Knyazeva è “la ragazza più bella del mondo” per i suoi lineamenti da bambola e i grandi occhi blu. Di nazionalità russa, potrà calcare le passerelle più importanti e già vanta più di 500 mila follower. Anastasia però ha soltanto sei anni.

9d00593a13669e472b63cc0230a29228Le sue foto riscuotono grande successo e a gestire la pagina ci pensa la madre, come riporta il Daily Mail. I fan sono stati catturati dalla sua bellezza e seguono attentamente l’inizio della sua carriera commentando gli scatti più belli.
La piccola sembra seguire le orme di Thylane Blondeau, la 16enne francese, modella e figlia del calciatore Patrick Blondeau, che si è aggiudicata il titolo in precedenza. A 10 anni ha posato per un numero di Vogue Paris e le sue foto hanno innescato polemiche per la forte carica sessuale espressa nonostante la giovane età.

“Faccio sesso con una bambola, ma mia moglie non è gelosa”. La confessione dell’ingegnere 58enne

James e April fanno sesso 4 volte alla settimana. Un’abitudine normale in una coppia affiatata, se non fosse che April non è la moglie, ma è una delle tre bambole per il sesso con cui l’ingegnere 58enne condivide le lenzuola.

3385568_1959_collage_2017_11_23_7_Accade nel Regno Unito. Come riporta il Mirror, James è sposato da 36 anni, ma a sua moglie Tine sembrerebbe non dare fastidio la bizzarra abitudine sessuale del marito.
“L’aspetto migliore – spiega James – è il fatto che con le bambole puoi fare qualsiasi posizione tu voglia, senza paura di essere rifiutato. Il materiale in lattice permette di piegarle in avanti per fare sesso da dietro”. Le bambole costano oltre 2mila euro l’una e adesso l’ingegnere starebbe mettendo i soldi da parte per acquistare la bambola robot per il sesso da quasi 9mila sterline.
“Il rapporto sessuale – conclude James – è solo una piccola parte della relazione con le bambole. Il bello è prendersene cura, vestirle e truccarle. Alcune volte porto April a mangiare un hamburger e nessuno si accorge che non è umana. Se dovessi scegliere tra April e mia moglie non so cosa farei”.

Amanda Ahola, la modella finlandese che è diventata la sosia di Barbie

Ha speso oltre 20mila euro in chirurgia plastica per assomigliare a Barbie. Ecco Amanda Ahola, 21 anni, una modella finlandese che vuole assomigliare alla nota bambola di plastica.

5a0eb6501c41491bd0e81501_o_F_v0“Barbie è davvero vicina alla perfezione e io voglio avvicinarmi il più possibile alla perfezione”, ha dichiarato. La ragazza non nasconde la sua passione sfrenata e rivela: “Quando le persone mi dicono che sono un fake o assomiglio a Barbie, mi rendono davvero felice”.

Barbie umana pronta per un altro intervento: ecco cosa ha deciso di fare

Desidera diventare identica alla sua bambola preferita, la Barbie, per questo Rachel Evans, londinese di 46 anni, ha speso oltre 20 mila sterline in interventi di chirurgia plastica, ma dopo 11 anni di operazioni ha deciso di sottoporsi a quella che probabilmente è la più estrema di tutte.

barbie2-u431201038627365qm--656x369corriere-web-nazionale_640x360La donna, nel tentativo di mascherare gli anni che pasano, si è rifatta seno, labbra, zigomi ha eliminato le rughe e ora si è sottoposta a una procedura per avere gli angoli della bocca perennemente all’insù, proprio come se sorridesse in ogni momento. Tutta la sua vita, come riporta anche il Daily Mail, si basa sul desiderio e il tentativo di imitare la bambola della Mattel, anche nell’abbigliamento, nel trucco e nell’acconciatura di capelli.
«Mi sento come Barbie, penso come Barbie e sono Barbie. Penso che siamo la stessa persona, sono una bambola umana», ha ammesso la donna durante l’intervista. Rachel va in palestra 5 volte a settimana per mantenersi in forma e poter continuare a lavorare come modella per le riviste che la chiamano.

Una bambola gonfiabile in regalo al ministro: risate sul palco, poi le scuse

Bufera in Cile sul ministro dell’Economia, Luis Felipe Cespedes, finito nell’occhio del ciclone per aver ricevuto come regalo di Natale una bambola gonfiabile con un biglietto tra le labbra riportante la scritta: «Per stimolare l’economia». Un dono che ha suscitato l’indignazione delle donne cilene e della presidente Michelle Bachelet.

ProChile Director Roberto Paiva, from left to right, Chilean Sen. and ruling party presidential hopeful Alejandro Guillier, former OAS General Secretary Jose Miguel Insulza, Chile’s Economy Minister Luis Cespedes, Ministry of Planning Executive Secretary Eduardo Britan, Energy Minister Andres Rebolledo and Asimet President Juan Carlos Martinez, pose for a photo with a gift of an inflated sex toy, a placard taped over its mouth that reads in Spanish: "To stimulate the economy",  during the Asexma exporters' association annual dinner, in Santiago, Chile,  in Santiago, Chile, Monday, Dec. 13, 2016. Politicians and businessmen laughed and posed for the cameras, but later social networks exploded in criticism that pointed to the sexist nature of the gift. (AP Photo/Jorge Cadenas)

Il fatto è accaduto in occasione dell’annuale cena natalizia al ministero. A consegnare l’insolito regalo è stato Roberto Fantuzzi, leader dell’Associazione dei produttori ed esportatori cileni (Asexma), noto per aver fatto già in passato doni «scherzosi» ai suoi ospiti. Ma nessuno è mai stato così controverso come quello donato a Cespedes, che lo ha accettato sorridendo e senza fare obiezioni.
Immediato lo sdegno su Twitter, dopo che sui giornali locali sono state pubblicate le foto dell’evento, con molti utenti che hanno attaccato il machismo cileno e il regalo «inappropriato». Forte anche la reazione di Bachelet, secondo la quale tali episodi non possono essere tollerati. «La lotta per il rispetto della donna è stato un principio essenziale nei miei due governi. Quello che è successo alla cena di Asexma non si può tollerare», ha affermato.
Successivamente sia Cespedes che Fantuzzi si sono scusati. «Sono stato colto di sorpresa e ammetto che la mia reazione non è stata adeguata» ha detto il ministro. Mentre il leader di Asexma ha twittato: «Ho una moglie, delle figlie e delle nipoti, non ho mai avuto intenzione di generare violenza contro le donne».

Pixee 25 anni, vuole essere Jessica Rabbit, sei costole rimosse nell’ultimo intervento

Pixee Fox è una ragazza di 25 anni, ex elettricista svedese, che ha trasformato letteralmente il suo corpo pur di somigliare a un famoso personaggio dei cartoni animati: Jessica Rabbit. Dopo aver fatto un intervento di chirurgia plastica per aumentare il seno si è fatta rimuovere ben sei costole.

pixee-fox-2-738834

LA DECISIONE Tutto è iniziato quando il fidanzato l’ha spinta a fare una plastica al seno. Nel 2013 ha deciso che avrebbe fatto di tutto pur di avere le curve di Jessica Rabbit e con questo scopo si è sottoposta a una lunga serie di interventi, spendendo in tutto circa 120mila dollari. Ora, lei dice, di essere solo a metà del percorso. L’operazione più incredibile è stata quella alle costole per la quale, non essendoci una necessità medica, Pixee ha avuto una deroga. Una scelta che l’ha resa popolare su Instagram e l’ha fatta entrare nel Guinnes dei Primati per le sembianze da bambola.

GLI INTERVENTI In tutto Pixee ha subito quattro rinoplastiche al setto nasale, ha ingrandito il seno per due volte, si è fatta operare alle palpebre. Poi due liposuzioni, un rimodellamento di zigomi, viso, labbra e glutei, infine anche il rimodellamento delle labbra vaginali.
Per trasformarsi, inoltre, vive costantemente con un corsetto che le definisce la forma della vita, e si nutre solo di cibi liquidi e proteine. C’è anche un sito in cui documenta la sua trasformazione e chiede eventuali donazioni per continuare il percorso.

Vive con un robot del sesso da due anni: ecco la confessione che sconvolge

Acquista una bambola e la sua vita cambia. David Mills, un 57enne inglese, ha ammesso di avere maggiore successo con le donne da quando, due anni fa, nella sua vita è arrivata Taffy, una bambola di lattice. Taffy è proprio robot del sesso con pelle in silicone e giunti in acciaio che gli è costata oltre 6500. Secondo quanto racconta al Sun le donne sarebbero attratte dalla bambola al punto che una di loro avrebbe anche fatto sesso a tre coinvolgendola nel rapporto.

1755642_bambola-gonf-donne

«Quando parlo della bambola qualcuna reagisce male e mi dice di non chiamare più o di stare lontano da lei e dai figli», confessa David al Sun, «molte altre donne intrigate dalla bambola». L’uomo precisa poi con l’intento di sfatare un mito: «Quello con Taffy io non lo chiamo rapporto e credo che una delle idee sbagliate sui robot del sesso è che i proprietari vedono le loro bambole come persone vive o che siano innamorato di loro». Per lui Taffy ha la stessa utilità di un elettrodomestico: «e potessi premere un pulsante in questo momento e avere la possibilità di scegliere se essere con un robot del sesso o con una donna vera, sceglierei la donna reale ogni volta, o almeno la maggior parte delle volte perché con le bambole si possono fare cose che sarebbe impossibile fare con una donna reale».

Beckham cuce i vestiti per le bambola della figlia: fan in delirio su Instagram

David Beckham conquista i social con un ‘taglia e cuci’. L’ex calciatore di Manchester United, Real e MIlan, fotografato dalla moglie Victoria mentre cuce alcuni vestitini per la bambola della figlia, non smette mai di stupire i suoi fan.

david-beckham

Lo scatto, postato su Instagram proprio dalla consorte dell’ex centrocampista di Manchester United e Real Madrid, ha mandato in delirio i followers. Papà Beckham ha ricevuto il plauso di più di 300 mila clic.