Cucinotta star a Napoli: “Caso Weinstein? Noi possiamo scegliere”

Per ora ha declinato la proposta di candidatura nel centro estra ma promette di studiare da deputato nei prossimi cinque anni, perché ad un appuntamento così importante e carico di responsabilità “occorre essere preparati”. Intanto è impegnata nel sociale attivamente con progetti nazionali e internazionali tra cui “Un Mondo di Solidarietà” portato avanti da 10 anni con Diego Di Flora, progetto con cui copre «tante lacune che lo Stato non riesce a colmare. Basta essere uniti». Quest’anno il ricavato sosterrà la raccolta fondi per la costruzione di una palestra in Tanzania a Dar Er Salam, in memoria del docente della Sapienza, il fisioterapista Giancarlo Fratocchi.

Maria Grazia Cucinotta at his home in Rome during an interview about her social engagement. Maria Grazia Cucinotta has been appointed WFP Ambassador Against Hunger in 2006 after having produced the Italian film "All the Invisible Children", that focus the attention on the millions of children and teenagers whose rights are denied by hunger, exploitation and war. The film was realized by eight top directors: John Woo, Emir Kusturica, Spike Lee and others. She is well-known in Italy as a movie and television actress, but internationally she is best known for her roles in "Il Postino" and as the Bond girl the Cigar Girl in the James Bond film The World Is Not Enough.

Mariagrazia, come l’ha cambiata la solidarietà, com’è intervenuta nel processo di costruzione della persona e della donna che è oggi?
«Sono sempre stata così, altruista e generosa. Mia madre ci ha sempre insegnato i0l concetto di condivisione: anche se non avevamo molto era buona cosa dividere con gli altri. L’amore è infinito: più ne dai, piu ne ritorna».

Era nel toto-candidati alle politiche 2018
«Non mi hanno proposto una candidatura. E’ facile tirar fuori nomi che fanno rumore. La politica è una cosa seria, hai una grande responsabilità nei confronti dei cittadini ma in questo momento ho altri impegni. mi occupo di sociale e in futuro vorrò continuare a farlo e in modo più serio ma per farlo occorre una preparazione che adesso non ho ma che cercherò di avere».

Cinque anni per prepararsi
«Si ma non è una promessa perchè vivo ancora il sogno meraviglioso del mio lavoro che sta andando bene e mi occupo sdi sociale e questo mi rende felice».

A proposito di sociale come giudica le colleghe che denunciano le violenze a distanza di anni, può sembrare una vendetta o una strumentalizzazione di chi non ce l’hanno fatta?
«Ogni caso è a sé, questo non lo so. Ma so che bisogna occuparsi di tutti i tipi di violenza: non solo di quella sulle persone famose ma soprattutto di quella sulle persone che ogni giorno vivono nell’ombra e non hanno il coraggio di denunciare perché non si sentono protette da leggi adeguate. Io mi occupo di quelle donne e delle donne che non hanno la possibilità di dire no. Noi quella possibilità ce l’abbiamo e possiamo scegliere a differenza di altre persone».

Asia Argento contro Giulia Bongiorno: “Ha difeso un mafioso e non vuole tutelare le donne”

Giulia Bongiorno è finita in queste ore al centro di polemiche anche all’interno della Lega per la sua candidatura nel partito di Salvini. Anche Asia Argento si scaglia contro di lei sui social. “L’avvocato Bongiorno aveva difeso il mafioso #Andreotti (“Assolto! Assolto!

asia_argento_giulia_bongiorno_difeso_mafioso_andreotti non_vuole_tutelare_le_donne 20 gennaio 2018_20204648Assolto!”) ma si è rifiutata di tutelare alcune vittime di violenza sessuale nell’industria cinematografica… #DoppiaDifesa? Dissociazione totale”: scrive su Twitter l’attrice.
A chi, via Twitter, ha chiesto all’attrice di “spiegarci meglio o segnalarci qualcuno con cui approfondire”, Asia Argento ha risposto: “Sarebbe bello conoscere l’opinione delle altre attrici italiane, visto che fino ad oggi sono state mute riguardo la rivoluzione #metoo”.

“Datemi un giudizio sincero”, modella star di Instagram insultata su Reddit

I social network non sono tutti uguali, ma i troll sì. È quello che ha imparato una modella statunitense, tra le più apprezzate di Instagram.
Niece Waidhofer, di Houston, in Texas, da lungo tempo ammalia i follower con scatti decisamente sexy. Ha però deciso di partecipare all’ultima, folle moda social: il ‘Roast me’, che in questi giorni sta spopolando su Reddit.

1494587382785.jpg--

Gli utenti più coraggiosi possono scegliere di caricare un selfie con il foglio che ufficializza la ‘candidatura’ e sottoporsi ad un giudizio sincero da parte di altri. Ma dal momento che la gente, specialmente dietro lo schermo di un pc, sa essere spietata, non sempre i commenti sono positivi e c’è il rischio di pentirsi.
È quello che è accaduto anche alla bella Niece, che invece sperava in apprezzamenti, come accade su Instagram. Gli utenti di Reddit, però, hanno dimostrato di essere meno superficiali e decisamente più cattivi.
Lo riporta Unilad, dal momento che alla fine la modella ha rimosso tutti i contenuti e cancellato l’account di Reddit. «Sei superficiale, vanesia e rifatta. Dovresti cercarti un lavoro invece di cercare attenzioni e complimenti sui social, anche perché su Reddit difficilmente li troverai», scrive un utente. «Puoi servire giusto a qualche segaiolo, con quelle foto», commenta in modo volgare un altro.
E ancora: «Avrai impiegato due ore per truccarti e una per scattare il selfie perfetto da postare qui». C’è anche un sedicente ex fidanzato: «Volevi essere una grande attrice per non far vedere alla gente il tuo interiore. Sei solo un’arrampicatrice sociale, in cerca di ricchi da cui farsi mantenere. Per farlo non fai altro che richiamare l’attenzione sui social, ma l’unico che ti sarà fedele è il tuo cane da borsetta. Hai i capezzoli storti e quei tatuaggi delle pistole intorno alla vagina per indirizzare tutti quelli che ti porti a letto. Ma tanto morirai sola».
Commenti decisamente pesanti, che hanno indotto Niece a rimuovere l’account di Reddit. Su Instagram invece la ragazza lo ha annunciato senza dare troppe spiegazioni, ma incolpando i troll: «Siete bravissimi, ma il migliore è quello che dice di essere il mio ex senza neanche saper scrivere correttamente il mio nome».