Milionaria scomparsa, ritrovata dopo 6 mesi. Il mistero: “Faceva la senzatetto a Milano”

Un vero e proprio mistero, pieno di dubbi e con pochissime certezze, ha avvolto gli ultimi sei mesi di vita di una milionaria inglese scomparsa da casa e ritrovata a Milano, dove da qualche tempo viveva da clochard e dormiva in strada, su una grata adiacente ad un hotel di piazza Cesare Beccaria.

milionaria-scomparsa-ritrovata-milano-clochard_18121229A raccontare la storia di Ariane, cittadina britannica nata in Iran e supermanager in un’azienda di produzioni cinematrografiche, è il Corriere della Sera, che cerca di ricostruire un intricato percorso che parte dalla scomparsa della donna, 51 anni. Era il marzo di quest’anno quando Ariane sparì dal suo ultimo domicilio conosciuto, un residence di corso d’Italia, a Milano. Non è chiaro cosa sia avvenuto dopo né perché la famiglia si sia mossa tardi nel denunciare la scomparsa a Scotland Yard, che non si è attivata per il caso dal momento che i fatti erano avvenuti all’estero. Per questo motivo, in seguito, la famiglia di Ariane, ottimi studi, quattro lingue parlate e uno stipendio notevole, si è rivolta ad un’agenzia italiana di investigazioni private.
Non era la prima volta che Ariane veniva in Italia: qui ha amici e conoscenti provenienti dalla Milano ‘bene’. Incaricato del caso un ex poliziotto di origini albanesi, impegnato a Milano nelle volanti negli anni della lotta alla mafia e considerato esperto e carismatico da tutti i suoi colleghi: l’ex agente si è mosso partendo solo da una foto, ma ha dovuto impiegare diverso tempo per trovare la pista giusta. Chiedendo in giro, ha avuto le prime indicazioni da alcuni clochard, che riferivano di aver visto una donna da poco arrivata in città, che viveva da senzatetto e somigliava molto ad Ariane.
Dopo lunghe e infruttuose ricerche, qualcosa si è mosso quando un parrucchiere ha raccontato di aver avuto Ariane come cliente: «Era sporca e raccoglieva i capelli in una coda». A questo punto, battendo ogni angolo della città frequentato dai clochard, l’investigatore è riuscito a scovarla, sabato scorso, mentre dormiva in piazza Beccaria. Ieri a Milano è giunta la sorella, che l’ha riabbracciata commossa. Ma tanti, troppi misteri avvolgono gli ultimi sei mesi di Ariane. Che ha dichiarato: «Non so spiegare… Forse camminavo, sono stata aggredita e derubata, e caduta a terra ho picchiato la testa… Dopo non avevo più la borsa con soldi, cellulare, documenti. Sono innamorata di Milano… Residenti, passanti e volontari offrivano un aiuto ma non volevo… Regalavano cibo e rifiutavo… Frugavo nei cestini dell’immondizia, cercavo da mangiare, stavo fuori da ristoranti e hotel per rimediare qualcosa».

Sesso con la sorella, la lettera: “Stiamo insieme, ma è sbagliato”

Nell’ultima lettera indirizzata a “Deidre” della popolare rubrica del tabloid britannico “Sun” un ragazzo di 21 anni racconta di avere una relazione con la sorellastra.

sexo-y-pareja-2021266w620Complicata la situazione familiare: il giovane dice che il padre ha abbandonato sua madre quando aveva ancora un anno e che non lo ha mai conosciuto. Qualche anno dopo la madre ha avuto una bambina da un altro uomo per poi cambiare così tanti fidanzati da disgustarlo e provocare il suo allontanamento.
Un giorno è stato richiamato dalla madre per proteggere la sorella 16enne dalle molestie di uno dei suoi uomini. La complicità tra i due da allora è cresciuta. “Una sera ci siamo ubriacati, si rideva, si scherzava e ad un certo punto mia sorella ha cominciato a piangere dicendomi che odiava la sua vita. Io le ho dato una carezza per rassicurarla e lei mi ha baciato”.
Così hanno fatto sesso e iniziato una relazione stabile senza preoccupazioni fino a quando un amico non gli ha fatto notare che questa storia era sbagliata guardando una foto della ragazza nuda sul suo cellulare.
Sono passati 6 mesi da quella notte; la ragazza vuole lasciare la città e costruire una famiglia. Il ragazzo ha dei dubbi.

Questa foto sgranata compie 20 anni ma è già nella storia: ecco perché

Questa foto, decisamente sgranata, ha una risoluzione di 320×240 pixel, una dimensione pari ad appena 27 kb ed è in formato GIF. Non serve un esperto di tecnologia per capire che si tratta di un’immagine decisamente datata, e in effetti è stata scattata 20 anni fa. Dietro una semplice immagine di una neonata si nasconde però un vero e proprio spartiacque nella storia della tecnologia.

First_camera_phone_picture_19120107Si tratta, infatti, della prima foto digitale inviata attraverso un telefono cellulare. A scattarla è stato, l’11 giugno 1997, Philippe Kahn, imprenditore e informatico francese, in occasione della nascita della figlia Sophie. Da tempo l’uomo e sua moglie Sonia stavano studiando la possibilità di inviare immagini digitali attraverso dispositivi mobili come i telefoni cellulari, ma quel giorno il lieto evento indusse Kahn a ideare un sistema piuttosto ingegnoso per inviare a parenti e amici la foto della neonata. La foto di Sophie era stata scattata con una fotocamera digitale Casio QV-10: Kahn riuscì a collegare la fotocamera con il suo telefono cellulare, un Motorola StarTac, attraverso il sistema audio della sua automobile. Philippe e Sonia Khan erano riusciti a intravedere le potenzialità di un sistema capace di inviare foto digitali anche attraverso dispositivi mobili e, attraverso la loro compagnia LightSurf, inventarono Picture-Mail. Fu solo nel 2000, però, che il sistema richiamò l’attenzione di alcuni colossi dell’hi-tech giapponesi, come Sharp e J-Phone. Ad ogni modo, i primi cellulari con fotocamera sarebbero arrivati poco dopo, ma proprio sulla base dell’idea innovativa di Philippe Kahn. Nonostante l’uomo non abbia brevettato l’invenzione rivoluzionaria, resta il primo ad aver combinato un dispositivo di telefonia mobile con una fotocamera digitale. E dopo aver fondato altre compagnie come Fullpower Technologies e Starfish Software, ora non se la passa male…

“Il mio filmino hot messo in rete”. La video-denuncia spopola sul web

Conosciutissima, corteggiata ed ammirata nelle serate in discoteca com’è naturale per una ragazza immagine qual e è. Idem per le sue foto nei social che ricevono decine e decine di mi piace. Ma quel video intimo, che sarebbe stato girato con il fidanzato (oggi ex) trevigiano, quello non avrebbe dovuto vederlo nessuno.

13516594_1090595937685317_2980846511911170048_n

Invece, stando a quanto raccontato dalla stessa protagonista, sarebbe passato di cellulare in cellulare via WhatsApp. Così racconta Elisabetta Sterni, trentenne bresciana che lavora da tempo nella discoteca Story di Santa Giustina in Colle (Padova). Elisabetta ha spiegato le sue ragioni in un video di nemmeno due minuti, diffuso attraverso il suo profilo facebook. Ha contattato dei legali e la prossima settimana la vicenda dovrebbe interessare anche la magistratura essendo intenzione della ragazza presentare una denuncia.
Il suo videomessaggio è una sorta di io non ci sto ricordando la triste vicenda della ragazza napoletana trentunenne, Tiziana Cantone, che si è tolta la vita in seguito al peso psicologico causato da alcuni suoi video intimi diffusi dai telefonini a numerosi siti. «Se ho fatto riflettere una sola persona, ne è valsa la pena – sono le parole di Elisabetta Sterni nel video – Chi ha diffuso il filmato sarà punito, ma voglio far riflettere tutti coloro che hanno condiviso anche per una sola volta quelle immagini. Vergognatevi».

Filma la prof sotto la gonna e condivide il video in chat: studente nei guai

Uno studente delle superiori avrebbe rubato un’immagine intima alla sua professoressa, filmandola sotto la gonna. Non contento, la condivide con i compagni in chat: la voce si sparge e oggi la procura sta indagando per interferenze illecite nella vita privata. Con uno smartphone era riuscito a filmare le gambe e l’intimo della professoressa, senza che questa si accorgesse di nulla, orientando il cellulare sotto la gonna della donna.

cameron-diaz-prof-1024x576

Protagonista un ragazzo di un istituto superiore di Pordenone. Qualche giorno dopo, quando le immagini hanno cominciato a circolare sui cellulari degli studenti, la professoressa si è accorta di questo e ha denunciato tutto. Lo scrive Skuola.net.
Come racconta il “Messaggero Veneto” l’autore di questa ‘bravata’ è finito sotto inchiesta. Infatti sono già partite le indagini della Procura di Pordenone. La magistratura indaga per interferenze illecite nella vita privata, un reato che prevede una pena che varia dai sei mesi ai quattro anni di reclusione. L’immagine della professoressa non è finita sul web, ma “solo” sui cellulari dei compagni di classe: tuttavia a carico degli amici che hanno visto l’immagine della docente non è emerso alcun elemento.

Ballerina incinta uccisa durante una festa: aveva respinto il killer

Un filmato choc diffuso in rete mostra la morte di una ballerina incinta di due mesi durante i festeggiamenti di un matrimonio in India. La vittima è una ragazza di 25 anni, Kulvinder Kaur.  La ragazza stava ballando sul palco nel sud del Punjab e aveva rifiutato l’invito di un ospite ubriaco. L’uomo per tutta risposta le ha sparato con un fucile da caccia.

sparatoria-matrimonio-india-3-e1480940879468

La lunga canna dell’arma emerge improvvisamente tra la folla e parte un colpo che colpisce la ragazza alla testa. Il video è stato ripreso con un cellulare. Il marito della vittima ha raccontato alle forze dell’ordine che il killer era stato respinto e ha reagito assassinandola.Il caso ha alimentato il dibattito sulla detenzione delle armi in India. In alcune zone del Paese è consuetudine sparare ai matrimoni per buon auspicio.

Kim Kardashian, la prima foto sui social dopo la rapina a Parigi

Kim Kardashian torna sui social con nuovi scatti per tranquillizzare i fan dopo la disavventura di un mese fa a Parigi.

14937250_10157747564570613_3846811954322468065_n

In Vestaglia con gambe in mostra e cellulare in mano, appare rilassata, ma sempre glamour.
La 36enne è tornata attiva su Facebook e come sempre quando si tratta di lei, lo scatto è subito rimbalzato su tutti i siti. La didascalia recita “Tempi morti”.

Emily Ratajkowski, hackerato il cellulare: le immagini intime fanno il giro del web

Hackerato il cellulare della supermodella Emily Ratajkowski: la top e attrice americana (ma nata a Londra) è finita nel mirino degli hacker. Qualcuno è riuscito a prendere dal suo telefono tutte le foto personali, alcune sexy quanto innocenti, moltre altre più spinte.

2051021_emrata3

L’attrice di Gone Girl e testimonial di importanti case di abbigliamento si ritrova così al centro di un caso. Chi è stato? E’ solo un gioco di cattivo gusto o la vendetta di qualche ex? Un po’ come successo con Diletta Leotta, la giornalista di Sky Sport i cui scatti privati finirono sui telefoni poco più di un mese fa. In attesa che la polizia postale indaghi sull’accaduto, su Whatsapp girano come impazzite le foto intime di Emily.

Lucilla Agosti, selfie seduta sulla tazza del bagno

Un sorriso, di quelli contagiosi, un cellulare in mano e un bagno con uno specchio di fronte alla tazza. Mai una “seduta” è stata tanto social come quella di Lucilla Agosti: “Amici che mettono specchi nei posti più intimi… “voi mi provocate…e io ve magno”!!!!!”, cinguetta su Instagram.

C_2_fotogallery_3005490_1_image

Lucilla Agosti, presentatrice e speaker radiofonica ha fantasie e coraggio da vendere. Dal capello biondo e dallo sguardo angelico in realtà nasconde un fare da simpatica diavoletta. Madre di due figli e un fisico da modella racconta la sua vita frizzante a suon di immagini su Instagram, dal limone che “limona”, allo scatto da sirenetta in riva al mare, ai tuffi in piscina con i bimbi. E poi c’è la posa “coraggiosa”, quella che fa e che ha il coraggio di condividere. Chiusa in bagno a casa di amici scatta l’irresistibile selfie davanti allo specchio seduta sulla tazza… sorride e pubblica. Bella lei… e bello il bagno.

Lindsay Lohan non trova pace: botte in spiaggia dallʼex fidanzato

Lindsay Lohan non sembra trovare pace. Negli ultimi giorni ha smentito la gravidanza, fatto fronte al presunto tradimento del marito e ai problemi di salute della madre. Intanto arriva un servizio esclusivo di “Chi” con immagini di una furiosa lite con l’ormai ex fidanzato, poi buttato fuori casa. Le foto risalgono a luglio quando i due erano felicemente in vacanza a Mykonos.

C_2_articolo_3023935_upiFoto1F

Poi lei ha accusato Egor Tarabasov di averla tradita, malmentata e messa incinta. Negli scatti appare una Lohan inferocita, che scende dall’auto con il cellulare di Egor in mano. Lui le salta addosso e lei si divincola. Il motivo a quanto pare erano i messaggi compromettenti trovati da Lindsay sul cellulare.
La trentenne attrice avrebbe quindi scaricato il ventiduenne multimilionario russo dopo averlo accusato di averla tradita e in seguito alla presunta aggressione nel suo appartamento di Mosca. La Lohan si è già trasferita a Londra, sfogandosi su Instagram: “Cari amici. Sto bene. Al momento ho deciso di dedicarmi solamente a me stessa e ai miei amici. Mi dispiace per aver esposto in pubblico alcuni aspetti della mia vita privata. È stato solo un momento di paura e tristezza. Tutti noi sbagliamo. Purtroppo i miei sbagli sono sempre stati di dominio pubblico”.