Ragazza gira nuda in centro a Bologna: “Non avevo voglia di vestirmi”, il video boom sui social

“Non avevo voglia di vestirmi”. In giro per il centro di Bologna completamente nuda, eccetto che una borsa di tela bianca.
Protagonista dell’impresa una giovane donna, ritratta sorridente nelle foto e nei video che diversi passanti hanno realizzato nelle ultime ore con i cellulari, subito pronti a condividerle sui social.

DFwQG-sV0AEBG1F“Non avevo voglia di vestirmi”, la risposta alla domanda se avesse perso una scommessa oppure gli abiti.
La ragazza è stata vista attraversare la strada davanti alla stazione, ma anche nelle zone Mascarella e San Donato. Non è chiaro se si sia trattato di uno scherzo, un gioco o di un’attività promozionale.

Trova portafoglio con 33mila euro e lo restituisce. Il proprietario lo ringrazia in lacrime

Ha trovato un borsello con 33mila euro in contanti e l’ha consegnato ai carabinieri che, a loro volta, lo hanno restituito al legittimo proprietario, in lacrime quando ha rivisto il denaro, parte dei risparmi accumulati in una vita. È accaduto ieri, primo maggio, ma la notizia è stata diffusa oggi.

image (10)

Tutto è iniziato la mattina di ieri quando un settantenne agricoltore di Castellucchio (Mantova) si è fermato al distributore di un centro commerciale di Curtatone, distante pochi chilometri, per far benzina. Una volta ripartito, si è accorto di non avere più il borsello con il denaro che gli sarebbe servito per alcuni pagamenti. Disperato, si è rivolto ai carabinieri di Castellucchio per presentare denuncia di smarrimento di quelli che ha detto essere frutto della sua lunga vita lavorativa e messi da parte per eventuali necessità. I militari si sono recati al distributore e, visionando le telecamere dell’impianto di sorveglianza, hanno visto un altro uomo mentre raccoglieva il borsello e poi saliva sulla sua auto. Rintracciato grazie alla targa della vettura, i carabinieri gli hanno telefonato trovandolo già in caserma dai loro colleghi di Curtatone, mentre stava restituendo i soldi. L’uomo è un impiegato di 50 anni di Curtatone; poco dopo ha incontrato l’agricoltore che, in lacrime, lo ha ringraziato per la sua onestà e ricompensato con alcune centinaia di euro.

Papà preso a calci e pugni in pieno centro mentre ha la bimba di 3 anni in braccio

Lo hanno buttato a terra e preso a calci e pugni. La vittima, un padre con la bimba di tre anni in braccio.
È successo sabato scorso, all’incirca alle 11 di sera davanti al Bingo di piazza Barche a Mestre.

via-mai-calci-e-pugni-nel-traffico-videoin-centro-in-scena-lennesima-r_28bc3b24-786a-11e6-a223-c33ac77bc2fa_998_397_big_story_detail

La storia comincia prima, quando la famiglia, padre, madre e bimba escono a mangiare una pizza per festeggiare il compleanno dell’uomo. Dopo una tranquilla serata trascorsa in centro città, i tre escono e fanno due passi prima di prendere l’auto e rientrare a casa. Passano davanti al Bingo di via Guglielmo Pepe 2, e decidono di entrare per giocare un po’ e tentare la fortuna. Quando escono dalla sala gioco incrociano un gruppo di persone di colore che sanno uscendo dal bar: passando, uno di loro palpa il sedere alla donna. Il marito chiede cosa stessero facendo, e questi per tutta risposta gli dicono di farsi i c… suoi e lo prendono a calci e pugni incuranti che in braccio avesse la figlioletta di tre anni.

Film hard nel maxi schermo del centro commerciale

I residenti di una città cinese sono rimasti scioccati ieri quando hanno visto video porno trasmesso su un maxischermo pubblico, per più di cinque minuti. Il video è partito poiché un lavoratore ha lasciato il computer in autoplay, secondo il Quotidiano del Popolo.

2168294_cinapornomaxischermo

L’incidente è avvenuto su una strada trafficata a Ningbo, una delle principali città, quasi otto milioni di abitanti, nella parte orientale della Cina, provincia di Zhejiang. Il contenuto esplicito è stato mostrato su un grande schermo al di fuori di un centro commerciale.
La polizia locale ha detto che il video era stato salvato nel personal computer di un lavoratore di gestione, che stava testando lo schermo. L’operaio poi è andato via lasciando il computer incustodito. Sui social media cinesi i video ripresi dai passanti sono diventati presto virali. Dei ragazzini, infatti, hanno filamto quanto stava accadendo e mentre ridevano hanno postato sui social le immagini che scorrevano sul maxiscehrmo. Una guardia di sicurezza ha detto a un giornalista del Qianjiang Evening News: ‘Il contenuto del video è stato davvero … Sono troppo timido per parlarne …’ Il caso è stato segnalato alla polizia locale immediatamente. Il lavoratore è stato portato alla polizia locale per le indagini. Il centro commerciale ha anche rilasciato delle scuse per la trasmissione video di cattivo gusto sullo stesso grande schermo.

Uomo nudo in pieno centro sulla via dello shopping, la foto su Fb

Nudo alla meta, o meglio, nudo in pieno centro. È successo nel primo pomeriggio di oggi a Genova, in via Venti Settembre, dove un giovane, in evidente stato di alterazione, passeggiava completamente nudo nella via dello shopping.

15672960_1864014360478155_7838303127351345779_n

La foto è stata scattata da un passente e pubblicata sulla pagina Facebook “Cresciuti e disagiati”: il giovane, racconta il Secolo XIX, sarebbe stato fermato da alcuni agenti in borghese e accompagnato in ospedale.

Roma, casa di appuntamenti in un centro estetico a Termini: arrestata

C’era una casa di appuntamenti in un centro estetico di Roma Termini. La titolare era stata già condannata per sfruttamento della prostituzione ed aveva chiesto di poter usufruire di un regime alternativo alla detenzione. Il Tribunale di Sorveglianza, per potersi pronunciare ha delegato la Polizia di Stato ad effettuare i relativi accertamenti. La proposta avanzata dalla cittadina cinese prevedeva la possibilità di lavorare presso un centro estetico situato nella zona della Stazione Termini.

24971

Svolgendo una accurata attività investigativa durata oltre due mesi, gli agenti del commissariato Viminale, diretto dalla dr.ssa Giovanna Petrocca, hanno appurato come, dietro l’insegna di un normale centro estetico si celasse in realtà una vera e propria attività di prostituzione, gestita dalla stessa 45enne cinese avvalendosi di una sua connazionale. Ieri è scattato il blitz. Nel corso dell’intervento il locale, peraltro con gravi carenze igieniche, è stato sottoposto a sequestro penale con l’apposizione dei sigilli. Sequestrata anche una cospicua somma di denaro, presumibile frutto delle prestazioni sessuali nonché un cellulare utilizzato per fissare gli appuntamenti con i clienti, il cui numero era pubblicizzato su diversi siti internet a sfondo sessuale. I poliziotti, pertanto, hanno proceduto all’arresto della cittadina cinese presente all’interno del locale, mentre la connazionale ed un italiano, suoi complici, sono stati denunciati per lo stesso reato. Condotta in Tribunale per essere giudicata con rito direttissimo, l’arrestata è stata condannata alla pena di 4 anni e 4 mesi di reclusione.

Centro estetico con undici stanze ma i massaggi erano a luci rosse

Blitz dei carabinieri che hanno posto i sigilli a un centro massaggi gestito da due cinesi a Porto d’Ascoli. Il centro, di undici stanze, secondo quanto è emerso dalle indagini dei carabinieri era a tutti gli effetti  una casa di appuntamento. Una cinese di 28 anni è stata arrestata con l’accusa di sfruttamento della prostituzione.

image (41)

Il centro, che si trova in via Gabrielli, lungo la Statale, è stato posto sotto sequestro. I carabinieri, dopo settimane di indagini basate anche sugli annunci – spesso espliciti – effettuati su siti internet e sui giornali di annunci sia locali che nazionali, hanno effettuato un blitz all’interno dei locali dove hanno trovato la 28enne, considerata la titolare dell’attività e una 36enne, che secondo i militari svolgeva il ruolo di prostituta insieme alla “matrona”. Il centro, che la donna aveva in affitto, risulta intestato a una società cinese.