‘Mr. Bean’ Rowan Atkinson papà a 62 anni: la sua compagna ne ha 29 meno di lui

Un lieto evento per Rowan Atkinson, l’attore britannico celebre in tutto il mondo per la serie di ‘Mr. Bean’, che spopolò negli anni ’90: a 62 anni, si prepara a diventare papà per la terza volta.

3362517_1655_rowan_atkinson_padre_62_anniEntro Natale, infatti, dovrebbe nascere il primo figlio che Atkinson avrà dalla sua attuale compagna, la collega Louise Ford, che ha 29 anni meno di lui. Lo comunica l’entourage dei due attori, riportato da Metro.co.uk.
Rowan e Louise si sono conosciuti nel 2012, quando recitarono insieme in una commedia teatrale. L’attore, due anni dopo, aveva avviato le procedure del divorzio dalla moglie, Sunetra Sastry, da cui aveva avuto due figli: Ben, che oggi ha 23 anni, e Lily, che ne ha 21. Ed è sempre nel 2014 che Atkinson iniziò la relazione con l’attuale compagna, che ha 33 anni ed è nota soprattutto per aver interpretato Kate Middleton nella serie tv ‘I Windsor’.

Carolina Crescentini, tintarella di luna prima di tornare sul set: “Amo fare il bagno di notte”

“Faccio ciò che più mi rilassa e amo di più. Ad esempio, fare il bagno di notte: è una delle cose che preferisco in assoluto, perché mi regala un’indescrivibile sensazione di libertà”. Così Carolina Crescentini, in un’intervista al settimanale Vero, racconta le sue vacanze estive, in attesa dell’imminente ritorno sul set. L’attrice è infatti in procinto di girare “L’Isola che non c’è”, il nuovo film di Gabriele Muccino.

Carolina-Crescentini-2Carolina Crescentini è anche fresca vincitrice del Premio Eilat Diamonds come miglior attrice di cinema e fiction del 2017, a testimonianza degli apprezzamenti che la critica le ha sempre rivolto. Il grande schermo, difatti, è ormai la sua casa, e ama costantemente ritornarci per interpretare nuovi personaggi con l’emozione che la contraddistingue. “Ho preso parte a Last Diva di Francesco Patierno, un documentario sulla vita di Valentina Cortese […]. Dopodiché, ho altri progetti che spero vadano in porto”, confessa al settimanale.
Non va dimenticata anche la sua partecipazione alla commedia “Sconnessi”, film diretto da Christian Marazziti, con Antonia Liskova, Ricky Memphis e Fabrizio Bentivoglio, che tratta “il tema della dipendenza da Internet e dai social […]. Noi attori ci siamo divertiti a interpretarla, per questo ci sono buone possibilità che anche il pubblico si diverta”.
Nell’intervista c’è spazio anche per dettagli più privati della vita di Carolina Crescentini, che quando è lontano dal set – o dal suo fidanzato Dave Mellish, musicista californiano – si rifugia nella sua casa a Trastevere, nella Capitale. “Mi piace girare per i mercatini di Roma e trascorrere la maggior parte del tempo libero con i miei amici”, spiega. E, in conclusione, rivolge un consiglio alle ragazze: “Restate voi stesse, in ogni situazione, e accettate anche i vostri difetti”.

Ben Stiller: “Ho avuto un cancro. Due anni di lotta, ma sono guarito”

“Ho avuto il cancro alla prostata”. Dalla diagnosi alla guarigione, Ben Stiller racconta come ha affrontato la malattia che gli è stata diagnosticata due anni fa. “Ho avuto il cancro un paio d’anni fa -scrive dai propri social- e volevo parlarne”. “Mi è stato diagnosticato venerdì 13 giugno 2014”, ricorda la 50enne star della commedia americana.

Ben-Stiller-wallpaper-1

“Subito dopo aver ricevuto la notizia, mentre cercavo di assimilare le parole che rimbalzavano nella mia mente (probabilità di sopravvivenza-vivenza-vivenza-enza… Incontinenza-nenza-enza-enza…), mi sono messo al computer e ho cercato su Google ‘Uomini che hanno avuto il cancro alla prostata’. Non sapevo cosa fare e avevo bisogno di verificare che non fosse la fine del mondo”.
“Fino a due settimane prima -racconta- non avevo nemmeno un urologo… Il 17 settembre dello stesso anno mi sono sottoposto ad un test che ha evidenziato la guarigione dal tumore. Quei 3 mesi sono stati come un viaggio sulle montagne russe che circa 180.000 uomini, in America, affrontano ogni anno”. La lunga riflessione dell’attore è l’occasione per evidenziare l’importanza della diagnosi precoce: “Sono stato fortunato, incredibilmente fortunato, perché il mio tumore è stato individuato sufficientemente presto per essere curatoe perché il mio medico mi ha prescritto un test che non era tenuto a indicare. Fare il test del PSA mi ha salvato la vita, nel verso senso della parola. Ecco perché ora sto scrivendo”.

Fabrizio Corona si dà al cinema e cerca attori per il suo film di Natale

Fabrizio Corona continua a sorprendere.
Dopo la linea di abbigliamento e la promozione del nuovo libro “La Strada Cattina”, Corona si dà al cinema.
Sulla sua pagina Facebook ha pubblicato un annuncio di lavoro in piena regola in cui cerca attori per il suo prossimo film di Natale.Tantissime le candidature dei fan ma al momento tutti i dettagli sono top secret.

Fabrizio Corona si è costituito a LisbonaQuello che invece sappiamo è che Corona reciterà nella commedia “JOBS ACT! Italian Business”  insieme a volti noti del grande schermo come Umberto Smaila, Maurizio Mattioli e Valeria Marini. In via di definizione la partecipazione straordinaria dell’ex pugile Mike Tyson. Una pellicola sul mondo del lavoro e sulla corsa a diventare imprenditori di sé stessi ai giorni d’oggi, che si pone l’obiettivo di trattare argomenti e temi sociali scottanti e d’attualità, in modo comico e il più possibile leggero.