Tiziana Cantone, la mamma: “Femminicidio virtuale. ‘Stai facendo un video? Bravo’ ovunque, aberrante e vergognoso”

Sono passati quasi due anni e mezzo da quando la sua storia è finita, in maniera tragica, con un suicidio. Tiziana Cantone aveva 33 anni quando si è tolta la vita nel settembre del 2016, dopo mesi di inferno dovuti ad un video hard girato e messo sul web e che le aveva rovinato il nome e la reputazione.

462a31a4-f8c3-4a35-80e5-c321f75dc323La mamma di questa giovane e bella ragazza, uccisa dalla crudeltà di chi ha messo in giro quelle immagini togliendole la dignità, ha raccontato la storia a La Vita in Diretta. «Non mi sembra vero siano passati oltre due anni – dice – Continuo a combattere per mia figlia perché mi sento in dovere di far capire chi era davvero Tiziana Cantone, che è la vittima di quello che chiamo femminicidio virtuale e che sta prendendo sempre più piede nella nostra società».
«Tiziana sentiva molto la mancanza di suo padre, che non ha mai conosciuto e che non l’aveva mai cercata – continua – Lei soffriva doppiamente, perché sentiva il bisogno di quella protezione che solo un padre poteva darle, e io non ero in grado di farlo. Era una ragazza dolce e sensibile, ha sofferto tanto quando è morto mio padre, suo nonno, al quale era molto legato».

«Sergio, il suo compagno, a me non era mai piaciuto. La misi in guardia, le dissi che non mi piaceva, percepivo in lui qualcosa che non andava – dice ancora la mamma – quando quel video ha iniziato a girare su internet, non fu Tiziana a dirmelo ma lui. Mi disse di non preoccuparmi, di non prendere iniziative e di cancellarci da Facebook: affermò di aver individuato un responsabile».
Le indagini, racconta ancora, hanno poi accertato altro sull’uomo: «Era iscritto ad alcuni siti di scambisti, aveva amici di Forlì da cui si recava spesso insieme a mia figlia – conclude – Ciò che mi fa pensare è che spesso si dice che bisogna denunciare, non bisogna avere paura, ma mia figlia aveva presentato tre denunce. La Polizia Postale e gli inquirenti sono stati disponibili, ma l’attività investigativa è stata carente, anche perché i loro mezzi sono limitati: spesso questi siti sono registrati all’estero, bisogna fare delle rogatorie, e i tempi si allungano».
«Quello che è capitato a mia figlia non è cyberbullismo, ma un crimine. Questo della pornografia non consensuale è una violenza, una nuova forma di femminicidio: quella frase, “stai facendo un video? bravo”, è finita ovunque su internet, anche in alcune fiction, in televisione si sentiva di continuo, una cosa vergognosa, aberrante».

La star del web diventa una schiava: “Liberatemi da quelle foto oscene”

Eleonora, il nome è di fantasia, quando la sua vita era ancora un bocciolo ha raccolto un mare di like, adesso che è sbocciata a rivedersi in quelle pose oscene dal riquadro di un pc è la prima a odiare se stessa. Era adolescente quando ha scalato la classifica dei “mi piace” facendo piovere online selfie e foto fascinose e audaci, ora è una giovane donna e l’esercito di follower ipnotizzati dalla sua bellezza oggi sono una moltitudine pruriginosa che a colpi di clic cerca il suo profilo più osceno.

3406261_2150_smartphoneDa ragazzina sentiva come piacevoli carezze gli sguardi degli ammiratori delle sue grazie, adesso è maggiorenne e gli occhiacci che la scrutano languidi sono frustate alla dignità di donna. Eleonora era principessa dei social, è diventata una schiava della sua immagine. Gli screen sono le sbarre della cella che vuole spezzare per trovare finalmente se stessa al posto del suo avatar della rete.
La storia di Eleonora arriva dalla provincia di Ancona, è una delle tante. Purtroppo. C’è chi le tratta tutti i giorni, con sensibilità e professionalità. Luca Russo, è analista forense e presidente dell’associazione Ragazzi in rete. «Serve il controllo dei genitori, ogni volta quando succede ai loro figli cadono dalle nuvole». Attenzione ai cellulari, possono diventare mostri. «Ma li usano per studiare, dicono, però vengono utilizzati per tutt’altro».

Gigi D’Alessio e Anna Tatangelo sono tornati insieme? Lo strano messaggio Instagram

‘L’orgoglio si può mettere da parte …ma la dignità non si perde per nessuno’, questo è il messaggio pubblicato da Anna Tatangelo sul suo profilo Instagram. Sta accadendo qualcosa in queste ore tra ‘lady tata’ e Gigi D’Alessio? Ecco cosa si scopre.
Anche nella realtà, a volte, le storie finiscono con “e vissero felici e contenti”. Sembra essere così anche per Gigi D’Alessio e Anna Tatangelo che, stando a quando riportato nell’ultimo numero di Chi – in edicola oggi – sarebbero tornati insieme.

cd9a1ccdb315184eebf283a282c4d37cLo scorso 22 luglio, dopo diverse voci che parlavano di crisi, i due cantanti avevano dichiarato un periodo difficile e avevano chiesto discrezione e rispetto. Lady Tata aveva lasciato la casa di Roma dove viveva con Gigi e i due avevano trascorso un’estate lontani, divisi tra lavoro e il figlio Andrea, a cui, però, hanno sempre cercato di non far pesare questa separazione.
Ed ora, finalmente penseranno molti fan, è tornato il sereno tra i due. Secondo il settimanale diretto da Alfonso Signorini, la coppia si sarebbe riconciliata con un percorso graduale, prima di tutto per la felicità del figlio Andrea e poi anche perché il sentimento era ancora vivo. Alcuni amici vicini a D’Alessio e Tatangelo avrebbero inoltre rivelato a Chi che presto sarà pubblicato un comunicato per annunciare il riavvicinamento.
In questi mesi è stata in particolar modo Anna Tatangelo ad essere bombardata dal gossip e perseguitata dai paparazzi. Alla cantante di Sora sono stati attribuiti una serie di flirt, prima con Bobo Vieri, poi con il suo manager Jacopo, infine, qualche settimana fa, con il cantante Giovanni Caccamo. Flirt tutti smentiti dalla stessa lady Tata, anche a mezzo social: “Mi fate sapere anche quello della prossima settimana e quelle a seguire ??? La verità sul mio uomo??? Andrea e basta”, aveva scritto in risposta a tutti i falsi flirt, la Tatangelo attraverso il suo profilo Instagram.
Qualche ora fa, sempre su Instagram, la stessa Tatangelo ha invece postato una sua foto e la frase “L’orgoglio si può mettere da parte … ma la dignità non si perde per nessuno”. Sarà davvero tempo di riconciliazione con il suo Gigi?
Non resta che aspettare la diffusione del tanto atteso comunicato.

Adriana Volpe e il futuro in Rai, i fan la sostengono nella sua battaglia contro Magalli

Con un sorriso (amaro) Adriana Volpe va oltre le accuse di Giancarlo Magalli. La presentatrice televisiva ha recentemente risposto alle accuse del suo collega accusandolo di aver fatto nei suoi confronti una vera e propria violenza.

magalli-volpeLa Volpe sta affrontando col sorriso sulla bocca un periodo tumultuoso dal punto di vista professionale, ma come ha dimostrato nel corso di tanti anni di carriera, riesce a farlo sempre con il sorriso sulla bocca, con eleganza, tanto da essersi sempre conquistata l’affetto del pubblico. Nelle polemiche e battaglie, prima social, poi legali, con Magalli, la Volpe che ha sempre replicato con educazione alle accuse, spesso molto pesanti del co-conduttore.
Ultimo colpo è stato il mancato contratto per “Affari Tuoi” nel 2018: «Dopo 20 anni ho dovuto salutare il pubblico con l’incertezza del mio futuro lavorativo. Ho accettato la notizia della mia mancata riconferma confidando che mi possa venire offerto un ruolo di pari dignità professionale ed economico dell’azienda».
I rumors vogliono Adriana alla conduzione di Mezzogiorno in famiglia (su Rai1 il sabato e la domenica), ma per ora non si hanno certezze. Una però sembra esserci per la Volpe, moglie e mamma che ha sempre tenuto ad essere da esempio per la figlia, come lei stessa ha dichiarato più volte nell’ambito di questa polemica con Magalli, quello che se non dovesse essere tra i volti della nuova stagione mancherebbe a tanti fan che in questi mesi l’hanno sempre sostenuta.

Il baby miliardario russo si diverte ad umiliare le persone con i suoi soldi: ecco come

Si chiama Grigory Mamurin ed è il nipote di un miliardario russo: su Youtube è diventato una vera e propria star. I suoi video vengono visualizzati da migliaia di persone e, molto spesso, riescono a diventare virali soprattutto nella sua nazione. Ma come mai?  Ebbene, Grigory Mamurin si diverte e prendere in giro le persone, ad umiliarle, tutto ovviamente grazie ai soldi della sua famiglia. Infatti nei suoi video propone cose assurde a dei passanti per strada e offre loro molto denaro in cambio.

gregory-goldsheid-jpg--c7a131fa6456b39a-

Tutto per esaudire le sue voglie di dominio sulle altre persone, grazie al denaro. Inutile dire che la maggior parte delle persone fermate per strada accetta di fare qualsiasi cosa: nessuno riesce a rinunciare al potere dei Dio denaro e alle offerte molte generose del ragazzo (che paga sempre contanti alla mano).  Così avvenenti ragazze sconosciute decidono di togliersi il reggiseno in mezzo alla strada, oppure di straiarsi in perizoma sul cofano di un’auto. Qualcuno, addirittura, accetta di bere la sua urina. Le offerte sono molto generose: solitamente offre alle sue vittime non meno di 2.000 euro contanti. In molti, davanti al denaro perdono la loro dignità: voi cosa sareste disposti a fare per 2.000 euro?