“Instagram mi ha salvato la vita”: la storia di una 20enne guarita dall’anoressia

È viva per miracolo Emelle Lewis, una studentessa di psicologia di Huddersfield, Gran Bretagna, così ossessionata dal suo peso corporeo da finire nell’incubo dell’anoressia e arrivare a 31 kg.

23561568_1940380606215712_2651191262175827213_nEmelle aveva solo 15 anni ha iniziato a dimagrire perché si sentiva “grassa e brutta”. Ha eliminato drasticamente le calorie e ha frequentato ossessivamente la palestra. Ha rischiato di morire per poi cercare una rinascita grazie alle storie di ragazze come lei su Instagram. Sul loro esempio ha provato a raccontarsi e a cercare di guarire.
“Tutto è iniziato al liceo – ha raccontato Emelle al Daily Mail – Mi sentivo troppo grassa. Le mie amiche erano fidanzate. Io, invece, non riuscivo a trovare un ragazzo”. Da quel momento è caduta nella trappola: si nutriva di gallette di riso, insalata e cereali. Si rifiutava di farsi curare e pensava che il resto del mondo le volesse rovinare la vita.
Era così magra che doveva indossare i suoi vestiti da bambina, ma era convinta di dover bruciare costantemente le calorie e di non poter stare mai seduta: “Quando ero malata, non pensavo di essere io il problema. Credevo di poter condurre una vita normalissima, nonostante la mia magrezza”. Poi è arrivata la svolta: “Mi ricordo che, un giorno, ero coricata e pensavo che sarei morta da un momento all’altro. Mi sono detta: ‘Non ti sei ancora realizzata. È veramente questa la fine che vuoi fare?’ No, non era quella… È stato molto difficile, ma da quel momento qualcosa nella mia testa è cambiato”.
Ora Emelle sta meglio e ha deciso di raccontare la sua storia per sensibilizzare l’opinione pubblica e persuadere altre ragazze come lei: “Adesso sto bene con me stessa. Mi piace il mio corpo. Anche se per un po’ di tempo ho dovuto ignorare la mia mente. Sono una persona più forte di prima e vedo il mondo con occhi diversi. La vita è troppo breve, non sprecatela”.

Charlize Theron: “La mia giovinezza è stata turbolenta a causa delle droghe”

Charlize Theron ha confessato di aver avuto un passato “turbolento” a causa delle droghe. L’attrice, ora dedita a una vita tranquilla, ha spiegato che intorno ai vent’anni, appena si svegliava, fumava “subito marijuana. Ad un certo punto non sono più riuscita a farlo: un giorno mi sono seduta sul divano e non riuscivo più a muovermi”. La 41enne ha poi aggiunto: “Ho provato la cocaina e anche l’ecstasy. Non molta, ma l’ho presa”.

Charlize-Theron_o_su_horizontal_fixedAl programma radiofonico dell’americano Howard Stern, Theron ha spiegato di non aver più alcun rapporto con la droga: “Non posso più fumare erba perché divento immediatamente poco interessante, mi spengo e non voglio più parlare, non ho più nulla da dire”. Solo “all’età di trent’anni ho capito che ne avevo avuto abbastanza: quando ne avevo venti, invece, pensavo che qualora avessi avuto dei figli mi sarei persa molte cose della vita. Ora, alla sera, vado a dormire alle nove meno un quarto e mi sveglio alle sei e mezza”, ha concluso.
Theron e i suoi ruoli “movimentati”L’attrice, che vive insieme ai figli Jackson e August, prende dunque le distanze dalla sua giovinezza movimentata, ma non rinuncia sul set a ruoli tutt’altro che semplici. Per “Tully” – film in uscita nel 2018 in cui ha interpretato una madre (Marlo) con tre figli – la 41enne è “caduta in una forte depressione” perché dopo aver aumentato il proprio peso per recitare in quel ruolo, ha fatto molta fatica a dimagrire. “Ho temuto veramente per la mia salute. La mancanza di zuccheri mi ha fatto veramente star male. Ricordo di aver chiamato il dottore e di avergli detto che stavo morendo”, ha detto a Variety.

“Sei troppo grassa”, l’agenzia la licenzia. “Alcune modelle morivano di fame”

Il mondo della moda finisce molto spesso sotto accusa poichè le modelle sono ‘costrette’ a mantenere una linea quasi eccessiva, riducendo il loro peso in maniera drasti e riflettendo questa abitudine distorta sui consumatori.  Délleny Mourão, una modella brasiliana di 20 anni che, dopo l’ennesima umiliazione subìta, ha deciso di dire basta e di uscire allo scoperto e di raccontare alcuni importanti retroscena della situazione lavorativa alla quale era sottomessa.

14656434_1628979184067284_6562691611522591415_n

“Ho visto molte donne dimagrire così tanto per questo lavoro che alla fine hanno messo in pericolo la propria salute – ha ammesso Délleny, originaria di Fortaleza (Brasile) -. Alcune modelle mangiavano poche manciate di cibo al giorno, morivano di fame”.  Da Fortaleza si era trasferita a San Paolo, dove ha lavorato alla San Paolo Fashion Week e ad altri eventi legati alla moda molto importanti nel Sud America: “Vivevo in una casa piccolissima insieme ad altre 22 modelle, la situazione era terribile”.
Ma, nonostante i suoi sforzi per rimanere nel ‘circuito’ della moda, il suo manager e la sua agenzia hanno deciso di cacciarla per colpa della sua linea: “Mi hanno detto che ero troppo grassa per continuare a lavorare con loro. Ma meglio così: quel lavoro può portare a problemi di salute molto seri. Essere magrissimi non vuol dire essere belli”.

Laura Pausini confessa: “Il mio uomo ideale deve avere la faccia da buono e essere un maiale a letto”

L’uomo ideale per Laura Pausini è come il suo fidanzato: “Stamattina s’è svegliato, l’ho guardato e mi sono detta: wow, ho davvero paura che qualcuno me lo guardi”, così ha confessato a “Grazia” la cantante. “In genere – dice Pausini – mi piacciono mori, coi capelli non cortissimi, e la faccia non perfetta. Tra i famosi mi piace Mark Ruffalo. Per me gli uomini devono avere la faccia da buoni, però devono essere dei gran maiali.

Laura_Pausini_1

È la verità: purtroppo se sono nata in Romagna non è colpa mia! L’uomo mi piace col pelo, se si depila non posso accettarlo. E non sono mai stata con un uomo molto magro, non riuscirei a stare nel letto”.  Durante la gravidanza è ingrassata 30 chili ma, racconta a ‘Grazia’, “a Paolo piacevo lo stesso. Lui è l’unico uomo con cui sono stata, che passando da 59 a 80 chili, non mi ha mai detto neanche una volta ‘dovresti dimagrire’. E quindi è un uomo da sposare”. E a tal proposito aggiunge: “Me l’ha chiesto tre anni fa, e dopo poche settimane ho scoperto di essere incinta. Così ci siamo detti: ‘aspettiamo che Paola sia un po’ più grande, per far sì che se lo ricordi non solo dalle fotografie’. Siamo insieme da 11 anni, e aspettare ancora un po’ non cambia niente”.

Perde 92 kg ma rimuove la pelle in eccesso con la chirurgia: l’incredibile trasformazione

Simone Anderson, una ragazza di 25 anni, pesava quasi 170 Kg fino a quando un giorno ha deciso di cambiare stile di vita e di dimagrire. In poco tempo ha perso 92 kg, ma con qualche piccola conseguenza a cui ha dovuto rimediare con la chirurgia estetica.Un paio di anni fa si è sottoposta a un bypass gastrico per perdere peso; subito dopo l’intervento la pelle in eccesso era così tanta che non riusciva ad accettare il suo corpo, così nel 2015 è finita nuovamente sotto i ferri per nove ore con lo scopo di rimuoverla.

1750970_simone-anderson

Sul suo profilo Instagram ha deciso di condividere il risultato e l’incredibile trasformazione del suo corpo. La giovane racconta: “Ho completamente rivoluzionato il mio stile di vita con la dieta e l’esercizio fisico. Trentatré settimane dopo l’addominoplastica sono fiera di mostrare quello che ho ottenuto… La maggior parte della mia pelle è stata rimossa ad eccezione delle cosce”.
Ora la sua vita è cambiata e si diverte a fare selfie che la fanno sentire bella. Continua a fare dello sport per migliorare il tono muscolare e a darne dimostrazione ai suoi fan che da quando è iniziata la dieta sono aumentati notevolmente. Ora Simone ha 136mila followers e condivide consigli e regimi alimentari.