La regina Elisabetta finisce nei Panama Papers: milioni di sterline alle isole Cayman. Nella lista anche Bono, Madonna, Rania di Giordania e Soros

ROMA – Ci sono anche milioni di sterline di profitti generati da proprietà private della regina Elisabetta fra gli investimenti offshore di ricchi e potenti svelati dalle nuove carte dei Panama Papers. La regina risulta aver investito ingenti somme nel paradiso fiscale della Cayman attraverso il Ducato di Lancaster. La rivelazione è riportata con evidenza dal Guardian. Imbarazzo pure per Lord Ashcroft, businessman ed ex dirigente del Partito Conservatore britannico, che avrebbe a sua volta nascosto una fortuna pari a 450 milioni su conti offshore.3347815_1928_regina_elisabettaI dettagli arrivano da un nuovo leak dei Panama Papers, ottenuto da alcuni server provider di 19 paradisi fiscali: da qui il nome di Paradise Papers.
Bono, Madonna, Rania di Giordania, il finanziere George Soros, un ministro di Donald Trump sono alcuni dei personaggi famosi che compaiono nella nuova lista ‘nerà dei paradisi off-shore. Oltre 13,4 milioni di documenti riservati ottenuti dal tedesco Suddeutsche Zeitung che li ha condivisi con l’International Consortium of Investigative Journalists e i suoi partner tra i quali il Guardian, la Bbc, il New York Times e l’Espresso pubblica in esclusiva per l’Italia insieme con Report, la trasmissione d’inchiesta di Raitre.
Il segretario al Commercio di Donald Trump, Wilbur Ross, coinvolto nella nuova inchiesta sui paradisi off-shore svelata dai Panama Papers gestisce affari che hanno legami con il genero del presidente russo Vladimir Putin. Si tratta in particolare di una società di navigazione nella quale Ross ha interessi e con la quale ha effettuato una serie di investimenti offshore, secondo le nuove rivelazioni.

Asia Argento: “A 16 anni un regista e attore italiano mi mostrò i genitali”

Mentre Harvey Weinstein è sempre più solo Asia Argento, rispondendo su twitter alla catena di solidarietà rilancia: “#quellavoltache un regista/attore italiano tirò fuori il suo pene quando avevo 16 anni nella sue roulotte mentre parlavamo del personaggio”. Lei non fa il nome, anche se in un altro post spiega che »questo è il momento di parlare non di minimizzare«. Asia poi sempre intervenendo su twitter, dove raccoglie migliaia di messaggi di solidarietà, racconta un terzo caso di violenza quando aveva 26 anni e “un grosso regista statunitense (con il complesso di Napoleone) mi dette la droga dello stupro e mi violentò mentre ero incosciente”.

3303842_2023_asiaIntanto Weinstein dopo essere stato licenziato in tronco, ripudiato dalla moglie e dal fratello, cacciato dal club degli Oscar, ora anche Emmanuel Macron ha ordinato di ritirargli la Legion d’Onore, la più prestigiosa decorazione di Francia. Intanto si allunga di ora in ora la lista delle donne che lo accusano di molestie o violenze sessuali, così come quella di chi lo attacca con sdegno. »È la fine di un’era terribile, ha commentato Mia Farrow, che si è detta orgogliosa della decisione dell’Academy di sospendere a vita Weinstein: «Harvey è fuori. Ora ce ne sono altri». Parole che fanno tremare ancor di più Hollywood, dove oramai si respira un’aria da vera e propria caccia alle streghe, per scovare veri o presunti molestatori o solo chi tra manager e star sapeva ed ha coperto o solamente taciuto. Più sfumate le parole dell’ex compagno della Farrow, Woody Allen, che si è detto «rattristato» per Weinstein, lui che in passato ha dovuto difendersi da accuse pesantissime di molestie verso la figlia minorenne adottiva.
Allen spiega di non aver mai saputo nulla delle vicende emerse negli ultimi giorni: «Ho sentito in passato alcune voci sui comportamenti di Weinstein, ma non queste storie orribili che stanno venendo fuori adesso». Intanto lo scandalo si allarga oltre i confini di Hollywood. Salgono infatti a a quattro i presunti episodi di abusi sessuali contestati a Weinstein nel Regno Unito, con Scotland Yard che sta indagando su altri tre episodi. E a tirare in ballo Donald Trump nella vicenda Weinstein è la più acerrima nemica del tycoon, Hillary Clinton: «Abbiamo appena eletto alla presidenza una persona che ha ammesso molestie sessuali…», ha affremato in una intervista televisiva, rispondendo a chi gli chiedeva se non fosse sorpresa dalle accuse che hanno travolto il produttore da lei ben conosciuto, avendo finanziato la campagna elettorale della ex first lady. La replica da una delle giornaliste più popolari dell’emittente conservatrice Fox News, Tomi Lahren: «Hillary è un ipocrita, è ancora sposata con Bill».

Il principe Harry e Meghan Markle mano nella mano a Toronto

Casual chic e sorridenti. Così si sono presentati al loro debutto ufficiale da fidanzati a un evento pubblico il principe Harry e Meghan Markle. Agli Invictus Games (giochi paralimpici dedicati ai militari) di Toronto sono usciti allo scoperto: finalmente mano nella mano, felici e innamorati. Ora manca solo l’anello di fidanzamento al dito…

C_2_articolo_3097007_upiImageppQualche ora prima alla cerimonia inaugurale il principe era seduto a pochi metri di distanza dalla fidanzata. Lui accanto alla moglie di Donald Trump, Melania, e lei accanto all’amico che li ha fatti conoscere. Si lanciavano sguardi dolci e sorrisi, ma tra loro c’erano ben 18 posti di distanza. Poi però i giochi sono entrati nel vivo e la coppia ha accontentato le aspettative dei fotografi e, a una partita di tennis, si è presentata insieme, mano nella mano. Jeans per entrambi, ballerine color cuoio e borsa in tinta abbinata per la Markle, polo scura per Harry. Entrambi con gli occhiali da sole, ma con le mani ben strette l’uno all’altra. Si sono seduti vicini, si sono sussurrati parole all’orecchio, scambiati sguardi d’intesa e grandi sorrisi. E’ il debutto ufficiale tanto atteso della coppia. Dopo le presentazioni reali, le nozze di Pippa e la partecipazione a un evento pubblico insieme, Harry e Meghan devono solo ufficializzare il loro fidanzamento. Ora gli occhi sono puntati sull’anulare della Markle…

Miss America, la reginetta critica Donald Trump

Le sue ambizioni politiche non le ha nascoste nemmeno con la corona in testa. Cara Mund, neoeletta Miss America, 23 anni, laureata alla Brown University, sogna di diventare governatrice e a Donald Trump dice che ha sbagliato a ritirare gli Stati Uniti dall’accordo di Parigi sul clima.

Miss-America-2018-644060La Mund, già Miss North Dakota, si è aggiudicata il titolo di reginetta d’America sfidando 51 contendenti e ha criticato il presidente degli Stati Uniti in un’intervista durante il concorso. L’uscita degli Usa da Cop21 “è una cattiva decisione, ci sono le prove che il cambiamento climatico esiste e noi dobbiamo stare a quel tavolo”, ha spiegato. “Nella sanità, nelle questioni che riguardano la riproduzione, sono soprattutto gli uomini a prendere le decisioni, serve invece anche una prospettiva femminile”, ha spiegato la neo Miss America.

Salma Hayek rivela: “Donald Trump ci ha provato con me mentre ero fidanzata”

In una intervista al Daily Show, Salma Hayek ha raccontato di essere stata corteggiata da Donald Trump. L’attrice messicana ha ricordato che era a una festa con il fidanzato e i due sono stati avvicinati dal tycoon, “un gentiluomo, simpatico e carino”. Donald fece amicizia col fidanzato e dopo essersi fatto dare i loro numeri di telefono, iniziò a chiamare la diva di “Frida”, dicendole: “Lui non va bene per te, non è abbastanza importante, esci con me invece”.

1497282866475.jpg--salma_hayek_racconta___quando_trump_mi_chiese_di_uscire_L’attrice non ha ha precisato chi fosse il fidanzato di allora, ma ha assicurato al conduttore Trevor Noah che non si trattasse dell’attuale marito Francois-Henri Pinault. Secondo il racconto, Trump parlò a lungo con la coppia e visto che faceva freddo appoggiò il suo cappotto sulle spalle della star di Hollywood. E a fine serata li invitò anche al suo casinò di Atlantic City.
Salma Hayek, nata in Messico, ha spesso criticato l’attuale presidente Usa, in particolare per le sue politiche sull’immigrazione.

Louis Linton, un’altra bionda (super sexy) alla Casa Bianca: l’attrice ha sedotto Donald Trump

Non bastava la First Lady a far impazzire i fotografi. A entrare in scena c’è stata prima Ivanka, figlia di Donald. E ora Louis Linton, compagna del nuovo segretario al tesoro.

louise-linton-1-600x450

Una nuova splendida donna bionda rischia di rubare la scena alla First Lady. Dopo la figlia di Donald, la bellissima Ivanka, si affaccia infatti alla Casa Bianca Louise Linton. Ex attrice, ha già sedotto il presidente Donald Trump.
Si tratta della compagna del nuovo segretario al Tesoro Steven Mnuchin, che ha prestato giuramento il 13 febbraio. Trentacinque anni, scozzese, è un’attrice di lungo corso, anche se non a Hollywood non ha sfondato. Ha recitato nella serie tv Csi e in Cabin Fever. E con Robert Redford in “Leoni per agnelli”.
Presto apparirà con immagini, si mormora, hot nel film “Intruder”. Ma anni fa fu già protagonista di foto in abiti succinti per il maschile Maxim.
IL MARITO – Mnuchin ha invece 54 anni, altro ricchissimo nel team di Trump: 400 milioni di dollari il suo patrimonio. Ex banchiere, per 17 anni alla Goldman Sachs, produttore, Trump lo esalta per il risanamento di Indymac Bank, presa a 1,6 miliardi e rivenduta per 3,4.

Melania Trump nuda abbracciata ad un’altra donna: ecco le foto hot

Era appena arrivata a New York, Melania Trump, quando posò per un servizio fotografico destinato a una rivista maschile. Scatti senza veli, che il settimanale ‘Chi’ pubblica ora nel nuovo numero in edicola.

2244526_melania_trump_chi_3
Le immagini furono scattate nel 1995 dal fotografo Jarl Ale de Basseville e pubblicate per la prima volta in Francia nel 1996. Ben prima che la first lady sposasse Donald Trump.
Nelle fotografie, l’ex modella posa completamente nuda ed è ritratta abbracciata alla top model svedese Emma Eriksson, in pose molto sensuali. Dopo essere rimasti chiusi nell’archivio del fotografo per 21 anni, ora ‘Chi’ ha riportato alla luce questi scatti.
Per il servizio fotografico, scrive il settimanale diretto da Alfonso Signorini, la futura moglie del presidente degli Stati Uniti, che era agli esordi, non percepì neppure un dollaro.

Melania come Jackie: nuove first lady crescono

L’aveva annunciato: «Sarò una first lady tradizionale come Jackie Kennedy». E di Jackie intanto la bella Melania ha cominciato a copiare il look, presentandosi al giuramento ufficiale del marito Donald Trump con un vestitino di seta carta da zucchero, coperto da una bolerino dello stesso colore e lunghi guanti di ordinanza, che ci ha fatto tornare indietro di 50 anni.

FIBUBSUT-kFqE-UeRGYlxdPz4iCdd-1024x576@LaStampa.it

La futura First Lady è interamente vestita Ralph Lauren, lo stilista che ha curato l’immagine di Hillary Clinton nel corso della campagna elettorale.
Il look scelto da Melania, capelli raccolti, solo un paio di solitari come gioielli, (persino l’andatura era castigata), ricorda molto Jackie quando John F. Kennedy prestò giuramento in ufficio. Chissà se come lei – anche se al momento i pronostici sono scettici – riuscirà ad essere così amata. Di certo oggi è stata un’icona di stile ed eleganza.

Lory Del Santo ritorna con “The Lady 3”: il primo episodio lʼ11 gennaio

Nonostante abbia perso l’occasione di diventare la nuova first lady americana, dopo il due di picche rifilato a Donald Trump, Lory Del Santo non si perde d’animo e annuncia l’uscita sul web della terza serie di “The Lady”. La prima puntata sarà caricata su YouTube l’11 gennaio 2017, intanto il trailer è già online.

c_2_articolo_3048275_upiimagepp

Come nelle precedenti edizioni The Lady 3 promette curve sexy, aitanti bellimbusti tutti muscoli e scene piccanti.
La protagonista è ancora Patricia Gloria Contreras, ex concorrente dell’undicesima edizione de L’Isola dei Famosi. La Del Santo ha scelto però anche un volto noto della tv, Mariano Catanzaro, ex corteggiatore di Valentina Dallari, nel programma di Maria De Filippi, Uomini e Donne.
La web-serie più hot della Rete di cui Lory è sia regista sia produttrice, oltre che fotografa, costumista e truccatrice è già un cult per gli estimatori del genere e la terza stagione si preannuncia ricca di sorprese.

Paris Hilton: “Ho votato Donald Trump”

I vip americani escono allo scoperto e spifferano le loro scelte dentro l’urna durante le recenti elezioni americane. Paris Hilton ha votato per Donald Trump.

paris-hilton-modella

L’ereditiera ne ha parlato durante il programma tv australiano ‘The Project affermando: “Mia madre mi ha sempre detto di non parlare di politica o di soldi. Lo conosco fin da quando ero piccola, quindi sì, l’ho votato”.
In un panorama di star in cui tanti avevano fatto professione di fede nei confronti di Hillary Clinton, oltre a Paris Hilton anche Kanye West, rapper e marito di Kim Kardashian, ha detto sul palco del suo concerto a San Josè: “Io non ho votato, ma se lo avessi fatto, avrei dato la mia preferenza a Trump”.