Vittorio Cecchi Gori dopo Valeria Marini, ecco il suo dramma: cosa fa e come vive oggi

Vittorio Cecchi Gori dopo Valeria Marini: ecco il suo dramma. Cosa fa e come vive oggi Dopo una carriera nel cinema e un amore profondo con Valeria Marini, Vittorio Cecchi Gori torna a comparire in video.

01 (2)A Storie Italiane di Eleonora Daniele, l’ex magnate del cinema racconta il suo dramma e la situazione che sta vivendo. ‘Sono solo e certe volte penso…’, queste le parole del produttore cinematografico italiano che svela quello che fa e come vive oggi.
Vittorio era uno dei produttori più ricchi e famosi d’Italia, ma oggi giorno non se la passa più così bene, a tanti anni di distanza dai fasti del cinema grazie a film come Il Postino e La Vita è Bella.
Legatissimo a Valeria Marini in alcuni degli anni più bui della sua vita, l’imprenditore si riferisce così alla sua ex partner: “Nei momenti difficili che capitano, la compagna della tua vita diventa quella che ti può sostenere e far resistere a tutte le avversità, Valeria in questo è stata meravigliosa”.
Oggi, purtroppo, Cecchi Gori è rimasto completamente da solo: “è il mio cagnolino Oscar a prendersi cura di me. Veramente, purtroppo sono rimasto solo. La solitudine mette paura e un uomo solo si trova davanti ad un momento difficile nella vita. E quando quest’anno mi sono trovato così, dopo tanti anni, sto sentendo un po’ di tristezza e avrei voglia di stare con una persona con cui trovarsi bene”.
La solitudine lo ha colto all’improvviso, ma gli resta la lucidità e la grande forza di una vita vissuta al massimo: “Bisogna cercare di mantenersi sereni e avere interessi. Il cinema è la mia vita, su cui ruota tutto. Vivo di ricordi e di cose belle”.
La Daniele lo ha invitato a partecipare alla trasmissione ogni sabato per raccontare un pezzo di storia del cinema dal suo punto di vista. Vittorio Cecchi Gori sarà così uno dei prossimi ospiti fissi di Storie Italiane: “Ho mezzo secolo di storia del cinema da raccontare, grazie per l’invito credo che sarà interessante”.
Questo ritorno in tivù potrà davvero essere una possibile rinascita per lui?

La figlia 12enne tenta il suicidio a causa dei bulli, la foto postata dalla madre fa il giro del mondo

La figlia di 12 anni viene tormentata dai bulli e tenta il suicidio. La foto condivisa da una mamma commuove il web, dopo che la donna ha mostrato sua figlia sulla barella di un ospedale spiegando che il motivo per cui si trova lì è un tentativo di suicidio dovuto all’esasperante azione dei bulli nella sua scuola.

suicidio-bulli_04163544«Il bullismo deve fermarsi», scrive la donna che viene dall’Australia Occidentale, come riporta anche il Daily Mail. «La scorsa settimana abbiamo passato 5 ore in ospedale, con un supporto di medici e psichiatri, dopo che nostra figlia ha tentato il suicidio». La ragazza era vittima ormai da circa 7 mesi dei bulli, ragazzi che la prendevano di mira sui social e la umiliavano pubblicamente. La mamma era venuta a conoscenza di queste angherie ha provato a difendere la figlia, ma i ragazzi hanno offeso anche lei. Anche quando si è rivolta ai loro genitori non ha ottenuto alcun risultato, anzi, le stesse madri e padri hanno offeso a loro volta la donna.
Esasperata la donna si è rivolta alle autorità che non sono state in grado di aiutarla, fino a quando non ha sorpreso la figlia mentre tentava di farla finita, così è corsa in ospedale e ha raccontato la sua storia sui social chiedendo aiuto con un disperato appello contro il bullismo. Ora la figlia sta meglio, ma purtroppo la sua battaglia non è finita, così come non lo è quella di molte famiglie che vivono lo stesso dramma.

Selvaggia Lucarelli contro Andrea Preti: “Ha usato Amatrice per far parlare di sé”

MILANO – Una dura reprimenda di Selvaggia Lucarelli ad Andrea Preti, modello, ex isolano e attuale fidanzato di Claudia Gerini. Selvaggia infatti ha utilizzato il suo account Facebook per illustrare quanto accaduto fra Amatrcie, paracadutismo e raccolte fondi: “Il mio ambiente è pieno di mitomani, di gente che inventa vite che non, con tentativi patetici di farsi auto-promozione – ha scritto sul social – Ci sono cose però che superano il limite della decenza. Per esempio usare la beneficenza. Per esempio usare AMATRICE e il dramma di un paese per farsi fighi e avere due articoletti di giornale. (il sindaco la sapeva questa storia, per dire?)

Selvaggia-Lucarelli-Andrea-preti-instagramParliamo di Andrea Preti, uno che nella vita ha fatto un po’ tutto per poi finire all’isola dei famosi non si sa come.
Da qualche tempo il tizio posta sulle sue pagine instagram e fb foto di paracadutismo. Riprende sulla sua pagina articoli di Novella 2000 in cui lui viene descritto come istruttore non solo di paracadutismo ma uno che si lancia con la tuta alare da 4000 metri. Dice che è perfino pilota di Cessna. Ne possiede addirittura uno a Roma, non si sa parcheggiato dove, se in giardino o nelle strisce gialle davanti casa.
Quindi annuncia dalla sua pagina fb che lui a settembre organizzerà “una giornata a scopo benefico per raccolta fondi per Amatrice e paesi limitrofi che hanno perso tutto… una giornata di lanci…base e para’ delta e parapendio scrivetemi sto organizzando! No chiacchieroni! E’ una cosa seria. Consegnerò personalmente i soldi al sindaco di Amatrice in una cerimonia pubblica” .
Si lancerà con la sua fidanzata Claudia Gerini, dice. Alla faccia, direte voi. Che figo ‘st’Andrea Preti, direte voi. Peccato che il mondo del paracadutismo sia molto molto molto piccolo. E che alcuni noti paracadutisti, nel vedere le sue foto e leggere i suoi annunci, si siano parecchio sorpresi perché nessuno, questo Andrea Preti, lo aveva mai sentito nominare. Mai visto lanciarsi, mai avvistato su un aereo.
Morale: scavo un po’ e viene fuori che molte delle foto di paracadutismo postate da Preti sui suoi social sono state scippate dalla pagina di Ratmir, un jumper russo morto con la sua tuta alare in montagna nel 2016.
Viene fuori che non esiste mezza foto in cui si veda Preti lanciarsi o in aria.
Gli chiedono chiarimenti e lui comincia a cancellare alcune foto, post e i commenti di chi si è insospettito.
A quel punto cosa fa per arginare la faccenda?
Va in un centro di paracadutismo, si infila una tuta, sale su un aereo con altri paracadutisti dichiarando alla telecamera “Ready to fly!” con l’aria dell’uomo che non deve chiedere mai. Posta il video sul suo instagram. Novella 2000 lo riprende. Peccato che: a) nel video si vedono gli altri lanciarsi. GLI ALTRI. Tutti tranne lui. b) posti una foto di lui in tuta ma i paracadutisti esperti (per esempio Carlo Dipi Dipietro e Omar Pinato) gli facciano notare che ha un paracadute da allievo e con quello manco si può lanciare. Ha gli occhiali sopra al caschetto, e se ti lanci così volano via. Infine, gli spiegano che i casciali sulle cosce sono malamente annodati e non fissati.
I paracadutisti esperti, inoltre, riconoscono il centro in cui è andato, che è a Nettuno. Chiamano Nettuno. Da lì confermano che Preti è andato dicendo che voleva farsi un giro in aereo per fare EVENTUALMENTE un volo in tandem a settembre.
Insomma, Andrea Preti non è un istruttore di un cazzo di niente.
Se lo è, mostri LA LICENZA ENAC e il libretto di lanci. Se vuole mostrarci anche il brevetto di volo (pilota di Cessna no?) e il suo aereo gli crediamo ancora di più.
E infine, ci racconti cosa vuole fare ad AMATRICE, a quale titolo e perché inventa tutte queste cazzate facendosi pubblicità sulla pelle di gente che ha già avuto abbastanza sciacalli intorno.
Attendo risposte. Tanto dice che è pure esperto di arrampicata. Ecco, vediamo come se la cava con quella sugli specchi. (Qui il video buffonata in cui NON si lancia ma si dice che lo faccia: http://www.novella2000.it/news/andrea-preti-amatrice/).

Il dramma di Eleonora Abbagnato: “Mamma ha la leucemia, volevo lasciare lo spettacolo”

MILANO – “Mi fa paura la malattia. Spero sempre che non arrivi, o arrivi il più tardi possibile”. Eleonora Abbagnato parla a “Vanity Fair” della paura e del dramma di famiglia che sta vivendo: “Mia mamma, per esempio – ha raccontato a “Vanity fair” – si sta curando da una leucemia in forma cronica.

eleonora-abbagnato_650x435Ce la stiamo cavando, ma quando ce l’hanno detto dentro quel dolore volevo lasciare lo spettacolo, mi strideva. Poi sono corsa da lei. L’ho guardata negli occhi. E mi ha ridato ogni forza (…) E’ una donna forte: vive giù, la vedo poco. Sempre stata molto lontana, eppure vicina”. Ora vive a Roma assieme al marito, l’ex calciatore oggi dirigente Federico Balzaretti: “Il nostro matrimonio è stato una festa. Ci siamo divertiti come dei pazzi. E vorremmo sposarci 10 volte ancora per celebrare quel momento giusto, perfetto, in cui ci siamo incontrati”.

“La bellezza mi impedisce di avere un uomo e delle amiche”, giovane mamma racconta il suo dramma

“Troppo bella per riuscire a trovare un fidanzato”. Questo è il ‘dramma’ di Cherelle Neille, 26, di Manchester, che sostiene che il suo bel viso e il corpo scolpito sono in realtà un problema per riuscire a trovare l’anima gemella, visto che tutti i ragazzi sono solo interessati al suo aspetto esteriore.

donna-bella_11172129

La maggior parte degli uomini approccia a lei con pregiudizi, sostenendo che non abbia personalià. Cherelle è una mamma single e aspirante attrice che da tempo è alla ricerca di un uomo che possa essere il suo compagno di vita: «il mio aspetto fisico», afferma la donna al Sun, «trasmette agli uomini un’idea sbagliata di me e crea molti pregiudizi». I ragazzi che ha frequentato recentemente si sono solo preoccupati di mostrarla agli amici, come se fosse un trofeo: «Quando parlo non mi ascoltano, vogliono solo guardarmi, portarmi a letto ed esibirmi», ha ribadito amareggiata. La situazione non è migliore con le donne, cosa che le rende difficile anche farsi delle amiche: «Le ragazze sono gelose, mi escludono e tutte mi vedono come una potenziale rivale, qualcuna che potrebbe sottrarle dalle attenzioni del loro uomo».

Trump, bufera su Ivanka: al ballo con l’abito costosissimo. Ma lo specchio tradisce un particolare

Bufera di polemiche sui social network dopo la foto glamour postata su Twitter e Instagram da Ivanka Trump, la figlia prediletta del presidente americano, che la ritrae ad un ballo con il marito Jared Kushner, stretto consigliere del padre, vestita in un elegantissimo e costosissimo abito da sera mentre infuria la tempesta sul bando all’ingresso di rifugiati in America.

2225918_ivanka

L’istantanea, accusano molti internauti, testimonia la distanza abissale tra palazzo dorato in cui vive la coppia e la realtà: in altre parole, una provocazione di fronte alle crisi umanitarie e al dramma dei rifugiati, in particolare dopo l’ordine esecutivo di Trump che ha scatenato proteste in tutto il mondo, America compresa.
Una foto che «offende», secondo il parere di molti, che hanno addirittura paragonato Ivanka alla regina di Francia Maria Antonietta quando, agli albori della Rivoluzione francese, si dice pronunciò la fatidica frase «se hanno fame, mangino brioche», rivolgendosi al popolo affamato. Tra gli altri commenti infuocati apparsi in rete anche quelli sul vestito argento di Ivanka, associato alle coperte argentate che vengono date ai profughi, fino alla posizione della mano del marito sul corpo della moglie, visibile nello specchio.

Tenta il suicidio dal ponte, passante l’abbraccia per un’ora e la salva

Ha tenuto le braccia intorno a lei per più di un’ora, per non farla gettare dal ponte dell’autostrada. Alla fine la vita di una ragazza di appena 24 anni, è stata messa in salvo da una donna, Vicky Dash (32 anni) che, accorgendosi del dramma che stava per compiersi, ha deciso di intervenire. Vicky stava andando a fare shopping con i suoi due bimbi, quando ha visto che, sul ciglio della strada, c’era una ragazza dai capelli rossi che stava per gettarsi da un ponte nei pressi di Barham, Inghilterra.

00_15131555“Mi sono avvicinata: le ho chiesto quanti anni avesse e cosa stesse facendo, ma lei si avvicinava sempre di più al bordo”, ha raccontato Vicky. “Quando ho capito cosa stava succedendo, mi sono avvicinata a lei e l’ho abbracciata: le dicevo che non ne valeva la pena, ma lei non voleva saperne. Aveva deciso di farla finita”, ha continuato Vicky.
Un passante, accorgendosi della scena ha immediatamente allertato la polizia, mentre Vicky cercava di tranquillizzare la ragazza che voleva farla finita. Dopo più di un’ora, in cui ha tenuto stretta tra le braccia la donna, Vicky è riuscita a convincerla a non uccidersi: tutto si è concluso per il meglio. La fortuna di trovare la persona giusta, nel momento giusto.

Gigi Hadid, il dramma: “Sto male, faccio i conti ogni giorno con la mia malattia”

« Ho la tiroide di Hashimoto, un disturbo della tiroide. Ormai sono due anni che devo fare i conti con questa malattia e per questo cerco di allenarmi in maniera giusta in modo da non perdere troppo peso e avere tutti i muscoli al posto giusto». Questa è stata la dichiarazione choc di Gigi Hadid: la fidanzata di Zayn Malik, ex cantante degli One Direction, e sorella della nota modella Bella.

gigi-hadid-4-673333
Ad  Elle America ha confessato: «Il mio metabolismo è cambiato in modo assurdo nell’ultimo anno». La tiroide di Hashimoto  è un problema del sistema immunitario che attacca cellule e organi del suo stesso organismo. Questo disturbo porta a rallentare le funzioni della tiroide e del metabolismo e può manifestarsi in diversi modi: dalla fragilità di capelli, alla perdita di peli, dall’irregolarità nelle mestruazioni a stati di ansia e depressione.

Il dramma di Bella Hadid, come la mamma: “Volevo piangere, ma non c’era nulla da fare”

Bella Hadid è una modella bellissima, ma soffre di una malattia che lei stessa definisce la patologia “invisibile”. Bella è affetta dalla sindrome di Lyme, un male che è stato diagnosticato anche alla mamma, Yolanda Foster, nel 2012 e provoca spossatezza.

1810809_bella-hadid

Sul suo profilo Instagram la modella, che è stata morsa da una zecca, ha scritto una lettera alla mamma lodandone il coraggio perché ha messo in atto una vera e propria battaglia di sensibilizzazione per aiutare tutte le persone che soffrono di questa malattia e ha scritto un libro sulla sua vita dal titolo ‘Believe me’.
“Sono così orgogliosa di mia mamma oggi e sempre. Questo libro segna un momento davvero importante per te. Ti ho vista, a letto, lottare negli ultimi 5 anni della nostra vita, e dicevo: ‘Come può una cosa del genere capitare a un angelo come te?’. Volevo piangere ma non c’era nulla che avrei potuto fare per aiutarti”.