Ratajkowski posa senza veli contro Trump: e lo scatto fa impazzire i fan

Emily Ratajkowski, modella, posta un nuovo scatto in topless su Instagram e si scaglia contro l’amministrazione Trump: «Il mio corpo, la mia scelta», dice.

IMG_20171008_205241_08205919.jpg.pagespeed.ce._HOj5_567XLo fa per la decisione presa dal nuovo presidente americano in merito al controllo delle nascite: i datori di lavoro potranno decidere di non fornire la copertura assicurativa alle donne necessaria per avere libero accesso ai contraccettivi di emergenza, se mossi da «motivi religiosi» o «morali».
Era stato Obama a voler eliminare invece i costi a carico delle donne. «Il diritto di una donna al controllo delle nascite non deve essere basato sul reddito. Il controllo delle nascite fa parte dell’assistenza sanitaria, che è un diritto», scrive la modella 26enne.

“Non sono un trofeo”: Cara Delevingne posa nuda in difesa degli animali

Cara Delevingne torna sotto i riflettori, nonostante avesse annunciato al mondo di volersi ritirare dal mondo della moda. Lo fa grazie ad Hedi Slimane, che qualche mese fa l’aveva voluta per l’ultima campagna pubblicitaria di Saint Laurent, e si spoglia per una campagna in difesa degli animali.

1777571_cara-delevingne1

Vestita solo di immagini di animali in via d’estinzione, impressi sulla pelle come fossero tatuaggi, la modella e attrice inglese presta il volto (e il corpo) alla campagna pubblicitaria di ‘I’m not a Trophy’, l’organizzazione che lotta contro il bracconaggio e l’esposizione dei trofei di caccia di specie in via d’estinzione come zebre, leoni, elefanti e gorilla. Promossa e realizzata dal fotografo francese Arno Elias, la campagna fa luce sulla situazione di emergenza nella quale versano questi animali. “Cara è la personificazione ideale di ‘I’m not a Trophy’ – afferma il Elias – E’ una donna che vive secondo le proprie regole. Il suo entusiasmo e la sua vivacità hanno contribuito ampliamente a mettere in evidenza la nostra organizzazione che protegge la fauna selvaggia”. Anche lo slogan della campagna, del resto, parla chiaro, snocciolando dati allarmanti: “Negli ultimi quarant’anni la terra – si legge sul sito – ha perso la metà della sua fauna selvaggia. Nel 1940 i leoni erano 450.000, nel 2010 se ne contavano appena 20.000″.
“Sono davvero orgogliosa di essere ambasciatrice di ‘I’m not a Trophy’ – ha scritto Delevingne su Instagram – per creare una maggiore consapevolezza negli atti vandalici della caccia e del bracconaggio.