Pamela Anderson a Cannes, i fan preoccupati: “Irriconoscibile”

pamela-giovane_21140623Pamela Anderson è ormai irriconoscibile. La bagnina più famosa della televisione è apparsa sul red carpet del settantesimo Festival del Cinema di Cannes e i fan hanno potuto notare come sia magrissima.

pamela_21134931

La star, 49 anni, ha sfilato in occasione della premiere del film “120 Beats Per Minute” con un abito Versace stile anni ‘80.

Paola Saulino hot su Instagram, il vestito scivola e mostra il seno

Diventata famosa per il suo tour del sesso, dopo aver promesso di fare sesso orale a tutti coloro che avrebbero votato “no” al referendum dello scorso 4 dicembre, Paola Saulino si è resa protagonista di un incidente hot che ha lasciato nuovamente i suoi fan senza fiato.

41212546

La Saulino, proprio nel lanciare uno degli appuntamenti del suo “Pompa Tour”, è rimasta mezza nuda sopo aver fatto scivolare la spallina del suo top. Il video, postato sul suo profilo Instagram, mostra la donna mentre saltella felice con una vistosa scollatura, le bretelle dell’abito sono troppo sottili e scivolano mostrando, per pochi secondi, il seno della nuova star del we. In pochi giorni il video è diventato virale.

Profanata a Parigi la tomba dellʼattrice Romy Schneider: fu la principessa Sissi

La tomba dell’attrice Romy Schneider, nota per avere interpretato la principessa Sissi, è stata profanata alla periferia sud di Parigi. La lapide è stata sollevata e spostata, ma non si pensa che la tomba sia stata saccheggiata. Romy Schneider, nata a Vienna e naturalizzata francese dopo avere svolto gran parte della sua carriera in Francia, fu trovata morta nella sua casa di Parigi nel 1982, a 43 anni.

C_2_articolo_3069425_upiImagepp

Fonti vicine alle indagini, citate dai media locali, riferiscono che i fatti risalgono probabilmente al fine settimana, quando è stato scoperto che la lapide non era sigillata e che era stata spostata dalla sua posizione iniziale. Dalle prime verifiche, tuttavia, è emerso che all’interno non mancava niente.
L’attrice diventò famosa molto giovane, grazie alla sua interpretazione di Sissi. Recitò poi in film come ‘Il processo’ di Orson Welles, ‘Il cardinale’ di Otto Preminger, ‘L’importante è amare’ di Andrzej Zulawski e ‘La piscina’ di Jacques Deray, dove fu al fianco di Alain Delon, con il quale ebbe una relazione sentimentale. Romy Schneider si sposò due volte: prima con il regista tedesco Harry Meyen, insieme al quale ebbe un figlio, David, morto in un incidente a luglio del 1981 quando aveva 14 anni; poi nel 1974 divorziò da Meyen e si sposò con Daniel Biasini, insieme al quale ebbe una figlia, Sarah.

Selvaggia e la lite con la Parietti: “Non mi saluta. Lo scorso anno mi mandava messaggini…”

“Non abbiamo nessun rapporto, anche perché Alba dietro le quinte non mi saluta nemmeno”. Selvaggia Lucarelli torna sul suo difficile rapporto con Alba Parietti all’interno di “Ballando con le stelle”: “E pensare che lo scorso anno mi aveva mandato dei messaggini durante la diretta di Ballando – ha confidato in un’intervista a “Novella2000” – scrivendomi “brava” per poi farmi i complimenti per il mio stile, perché a suo dire ero l’unica voce fuori dal coro. Ma quest’anno, che è lei a ballare, mi preferirebbe “nel coro”…”.

Schermata 2017-03-04 alle 19.39.11-2 (2)

E’ diventata famosa come giudice, come accaduto a Morgan, con cui in passato ha avuto una love story: “Diamo l’idea di essere stati invitati a una festa per fare i guastafeste. Sembriamo delle schegge impazzite e forse funzioniamo per questo.
Diciamo cose e abbiamo un atteggiamento che nessuno adotta perché preferisce essere prudente. […] Morgan ad Amici dà dei “bimbominkia” a quelli che hanno fatto la fortuna di Amici, io a Ballando dico ad Alba Parietti che non ha mai avuto un lavoro. C’è una sostanziale differenza tra me e Morgan: io non sputerei mai nel piatto dove mangio”.

Morto il Boss delle Cerimonie, don Antonio Polese stroncato da infarto

È morto il “Boss delle Cerimonie”, il titolare del ristorante La Sonrisa di Sant’Antonio Abate, nel napoletano. Don Antonio Polese è un volto molto noto anche fuori dai confini campani grazie alla famosa trasmissione TV su Real Time.

2114909_mortobosscerimoniepolese

Ricoverato ieri per scompensi cardiaci nella clinica Pineta Grande, sulla costa domiziana, il suo cuore non ha retto: aveva 80 anni. Tantissimi i fan a lutto.
Il primo ricovero di Polese risale allo scorso 30 ottobre. Già allora in tantissimi hanno preso a cuore la salute del boss, che appena possibile aveva rassicurato i suoi ammiratori anche con un video. Instancabile, don Antonio ha subito più ricoveri nell’ultimo mese, fino alla triste notizia confermata anche dai familiari.

Alicia Silverstone tutta nuda per la Peta

Senza veli per una buona causa. “Preferirei rimanere nuda che indossare della lana” è lo slogan che accompagna l’immagine di Alicia Silverstone, 40 anni appena compiuti e nuova testimonial per la campagna di sensibilizzazione della Peta, l’organizzazione animalista americana più famosa al mondo, mentre posa in un bosco tenendo in mano la maschera di una pecora.

C_2_articolo_3042747_upiImagepp

L’attrice si batte da anni per i diritti degli animali. Vegana convinta, nel 2004 è stata eletta dalla Peta “vegetariana più sexy”. E a distanza di anni ricopre il ruolo di testimonial in difesa degli ovini mettendosi completamente a nudo in uno scatto accompagnato da una didascalia: “Le pecore sono animali buoni e gentili che vengono spesso picchiati e mutilati per fare in modo che la loro venga lana possa essere utilizzata in sciarpe, maglioni ed altri capi d’abbigliamento”.
Tra le star che si sono spogliate per Peta anche Pink, Elisabetta Canalis, Eva Mendes, Khloe Kardashian, Natalie Imbruglia, Pamela Anderson, Tamara Ecclestone e Joss Stone.

Arisa barcolla e si butta tra le braccia di Manuel Agnelli

I tacchi altissimi e forse qualche bicchiere di troppo. Così Arisa barcolla per le vie del centro di Milano. Il settimanale “Novella2000” ha pizzicato la cantante in due momenti di una serata allegra: all’uscita di una famosa discoteca con due amici che la sorreggono e la portano fino all’auto. E tra le braccia di Manuel Agenelli.

C_2_articolo_3033690_upiImagepp

Una notte davvero brava…
La cantante ha infatti passato una serata di festa con Alvaro Soler, Fedez, e Manuel. Poi tutti sono stati invitati dal rapper nel suo nuovo super attico. E anche lì Arisa deve aver esagerato tanto che nella notte, sotto casa di Fedez, viene aiutata da Agnelli. In questi giorni la cantante in tv non ha fatto mistero di essere tornata single, con battute e ammiccamenti scherzosi anche nei confronti dei concorrenti. E si è già “buttata” tra le braccia di Manuel…

Naya Rivera shock: “Ho abortito durante gli anni di Glee”

Rivelazioni shock per Naya Rivera, famosa per il ruolo di Santana nella serie tv “Glee”. L’attrice 29enne nella sua autobiografia “Sorry Not Sorry” ha infatti confessato che proprio durante il periodo di maggior successo a livello lavorativo ha abortito, mentre negli anni dell’adolescenza ha dovuto combattere contro l’anoressia. “Ero molto spaventata, non ho avuto il coraggio di dirlo al padre” si legge nell’estratto pubblicato da People.

C_4_articolo_2034715__ImageGallery__imageGalleryItem_6_image

La Rivera scoprì di essere rimasta incinta del collega Ryan Dorsey alla fine del 2010, solo qualche settimana dopo aver interrotto la relazione per concentrarsi sulla sua carriera. Decise di non rivelare nulla a Dorsey (che ha poi sposato nel 2014 e con cui ha avuto un bambino nel 2015) e pose fine alla gravidanza durante le riprese di “Glee”: “Ero molto spaventata di dirlo a qualcuno. Non è un argomento di cui si parla, ma invece se ne dovrebbe discutere di più”.
Negli anni dell’adolescenza dovette invece lottare contro l’anoressia, che si insinuò quasi come un gioco. “Ero al secondo anno, all’inizio era una sorta di sfida. Evitavo il cibo a tutti i costi, se mia madre mi preparava il pranzo cercavo sempre una scusa per buttarlo” scrive nelle sue memorie “Ero molto giovane e credevo fosse la norma, non avevo modo di sapere che quello che stavo facendo era sbagliato. Mi fa tristezza sapere che ci sono ancora ragazze intrappolate in questa situazione a quindici anni di distanza”. Naya Rivera si è fatta amare dal pubblico di “Glee” soprattutto per la sua bellezza fresca e spontanea, ma adesso l’interprete di Santana sembra aver dato una mano a Madre Natura…

Sophie Marceau, vacanze in topless col fidanzato Cyril Ligna: “11 anni di differenza”

1915197_sophie_marceau_in_topless_ (1)Romantiche vacanze in Italia per Sophie Marceau. L’attrice, 49 anni, diventata famosa con il film “Il tempo delle mele”, è stata fotografata da “Chi” mentre prende il sole in topless su una barca al largo del mare di Capri. Ad accompagnarla lo chef Cyril Lignac, di 11 anni più giovane, con cui l’attrice è fidanzata da tempo, anche se solo recentemente hanno resa pubblica la loro relazione.

Rio, tutti pazzi per la baby rifugiata Yusra: “Ora tutti mi chiedono selfie”

Tutti pazzi per Yusra. Domani tornerà in vasca per la sua seconda e ultima gara alle Olimpiadi di Rio. Poi, a Giochi finiti, magari avvicinerà il suo mito Michael Phelps per chiedergli un selfie. E non è detto che non succeda il contrario, visto che la sua popolarità negli ultimi giorni è schizzata alle stelle.

CpMNXSTWgAEqeRU

La baby rifugiata siriana Yusra Mardini si gode ogni momento della sua favola olimpica.«Si leggono un sacco di storie su di me e in tanti mi fermano per fare una foto. Ho appena parlato con mia madre, mi ha detto: ‘figlia mia, stai diventando famosa. Sei ovunque, ti ricorderai di me?’ I miei amici sono orgogliosi di me, tutti mi mandano messaggi e mi taggano, non riesco nemmeno a seguire tutto», racconta la 18enne nata a Damasco, stella del team dei Rifugiati lanciato per la prima volta dal Cio ai Giochi brasiliani e accolto con una standing ovation dal pubblico del Maracanà alla cerimonia di apertura. La sua storia, del resto, è fuori dal comune. Scappata dalla guerra siriana, ha messo in salvo la sua vita e quella di altre venti persone spingendo a nuoto il barcone sul quale viaggiavano fino a Lesbo insieme a sua sorella Sarah, nuotatrice anche lei. «Ora tutti vogliono un selfie con me e questo è molto bello, perché ci aiuta a mandare il nostro messaggio al mondo e a mostrare a tutti che i rifugiati possono fare qualcosa», racconta alla vigilia della sua ultima gara a Rio nei 100 stile libero. I Giochi erano il suo sogno fin da bambina: «Non mi sono mai persa un’Olimpiade e quando ero piccola urlavo davanti alla tv il nome di Michael Phelps. Ma -aggiunge- non sarò mai grande e famosa come lui. E non ho intenzione di disturbare gli atleti famosi per chiedere loro un selfie. Anzi, forse un pò lo farò ma solo alla fine». La sua Olimpiade è comunque indimenticabile: «Tutti facevano il tifo per noi alla cerimonia di apertura, ero così orgogliosa e felice. Io non so ballare la samba, ma forse imparerò -è il suo modo di ringraziare il Brasile per l’accoglienza-. Quegli applausi mi hanno molto motivata. Siamo usciti subito prima della squadra brasiliana e Bach (il presidente del Cio, ndr) ci ha dato un caloroso benvenuto.Alla partenza della mia prima gara dei 100 farfalla tremavo, togliendo la tuta ero molto nervosa. Ma è stato bello (vincere la batteria, ndr), anche se non sono riuscita a migliorare il mio personale». Oggi, Yusra vive con la sua famiglia in Germania: «Non sto pensando se in futuro gareggerò per la Siria o per la Germania, sono entrambe la mia casa e adesso lo è anche il Cio. In pratica ho tre case». L’appuntamento con le Olimpiadi, è solo rimandato: «A Toyko 2020 i rifugiati devono vincere una medaglia. Io ce la metterò tutta».