Tina Cipollari, nuovo flirt? Gemma accusa: “È un anno che ha una storia con Giorgio Manetti”

ROMA – Colpo di scena nel corso della puntata appena registrata di Uomini e Donne. Tina Cipollari sarebbe stata accusata di avere da un anno una storia con Giorgio Manetti, “star” del trono over.

aa3b4cec90b8b5c57fcf4d7df6b9445fCome riporta il sito ilGiornale, Gemma Galgani avrebbe accusato la vamp di Canale 5 di stare insieme al suo ex da un anno. E a sostegno della sua tesi, avrebbe detto di aver visto un servizio che immortalava Tina e Giorgio insieme a una serata di beneficenza a Firenze.
Immediata la replica dell’opinionista: “Nessuno può dare retta a una simile follia. Solo Gemma poteva dirlo. Io consiglio a Giorgio di non nominare più Gemma nelle interviste perché ogni piccolezza è un buon pretesto per lei per tornare a parlare di voi”.
Anche al conduttrice Maria De Filippi avrebbe redarguito Gemma: “Dì chiaramente di essere ancora innamorata di Giorgio e finiamola qui”. Chi dice la verità? Staremo a vedere.

Alena Seredova, primo bacio social con Alessandro Nasi

Una romantica Firenze by night è la scenografia perfetta per il primo bacio social di Alena Seredova e Alessandro Nasi. La coppia, in trasferta in Toscana con i figli della modella e di Gigi Buffon per un fine settimana di festeggiamenti, tra cui anche il compleanno di David Lee, appare innamoratissima: non a caso Alena cinguetta “#Florence in love”.

C_2_articolo_3104918_upiFoto1FE’ stato un lungo fine settimana per Alena che prima è volata con i genitori e i due figli a EuroDisney per festeggiare il compleanno in famiglia di David Lee che il 31 ottobre ha spento 8 candeline, poi sempre con i suoi bambini e Alessandro Nasi si è spostata a Firenze per celebrare ben tre compleanni in compagnia di amici. E proprio nel capoluogo toscano c’è scappato il primo bacio social…
Sempre molto schiva e riservata, Alena non ha mai pubblicato scatti di coppia nonostante Alessandro sia una presenza importante nella vita della modella ceca ormai da tempo. Ma lo scorso fine settimana c’è stata la svolta, social. La Seredova ha condiviso infatti un bacio di lei sulla guancia del compagno che la cinge a sé. Che abbia voluto suggellare il loro amore con questo scatto esplicito? Immediato il riscontro dei follower che augurano tanta felicità ai due innamorati.

Ragazza di 21 anni suda sangue dagli occhi e dalle mani: “Caso rarissimo”

Un caso rarissimo. L’espressione «sudare sangue» è abbastanza comune, ma purtroppo per qualcuno è più di un modo di dire. È il caso di una donna di 21 anni di Firenze affetta da ematidrosi, una condizione molto rara, anche se le prime descrizioni risalgono al terzo secolo prima di Cristo, che porta appunto a sudare sangue, soprattutto in caso di stress molto forti.

collage-2017-10-24_24193649La paziente fiorentina, la cui vicenda è descritta dai medici dell’Università di Firenze sul Canadian Medical Association Journal, è arrivata all’ospedale quando il sintomo si manifestava già da tre anni. «Non c’era nessuna causa scatenante visibile per il sanguinamento – scrivono Roberto Maglie e Marzia Caproni del dipartimento di Dermatologia -, che poteva avvenire mentre la donna dormiva o durante l’attività fisica. La paziente ha dichiarato che il fenomeno era più intenso durante i periodi di maggior stress, con episodi di durata da uno a cinque minuti».
La condizione, spiegano gli autori dell’articolo, ha portato la donna ad una condizione psicologica particolarmente fragile. «La paziente è diventata socialmente isolata a causa dell’imbarazzo provocato dal sanguinamento – scrivono -, e ha riportato sintomi compatibili con un depressione maggiore e un disturbo da panico». L’ematoidrosi è una condizione descritta raramente in letteratura, tanto che in alcuni libri di testo è definita come ancora non scientificamente provata. Fra le cause ipotizzate, tutte però ancora solo ipotesi, ci sono problemi di coagulazione o una rottura dei vasi sanguigni che fa finire il sangue nei dotti del sudore. In questo caso alla donna sono stati prescritti degli psicofarmaci per i problemi di ansia e depressione e il propanololo, un medicinale contro l’ipertensione, che ha alleviato il problema principale senza però eliminarlo. Al caso la rivista dedica anche un editoriale di Jacalyn Duffin, esperta di storia della medicina dell’università dell’Ontario.
«Gli scrittori medici spesso tendono a considerare la storia della passione di Cristo come la prima descrizione del fenomeno – scrive – ma l’ematoidrosi appare nella letteratura scientifica molto prima. Nel terzo secolo prima di Cristo due trattati di Aristotele contenevano passaggi su un sudore che assomigliava o era realmente sangue». In anni più recenti ci sono state diverse descrizioni di casi in letteratura, con la storica che ne ha censiti almeno 28 tra il 2004 e il 2017. Un caso, riguardante un uomo di 72 anni, è stato riportato nel 2009 dall’Indian Journal of Dermatology, che ne ha descritti altri due nel 2010 e nel 2013. Sempre nel 2013 il caso di una ragazza con questa condizione è stato invece descritto dalla rivista specializzata in ematologia Blood.

Firenze, ragazza massacrata e in fin di vita. L’sms choc all’amico: “Domani sarò morta”

«Domani sarò morta, tesoro» – si legge nei messaggi inviati dal telefono della giovane – «Addio». Il giovane, che aveva visto l’amica in discoteca quella notte, ha ricevuto il messaggio alle 5.40 ed è convinto che a mandarlo non sia stata la ragazza, ma qualcun altro.

C_2_articolo_3100998_upiImagepp_16121301Un sms choc, che faceva presagire solo scenari negativi, quello che un amico sostiene di aver ricevuto dalla ragazza di 17 anni ritrovata in fin di vita e in una pozza di sangue nel parco dell’Ambrogiana, a Firenze. A rivelarne il contenuto è Mattino Cinque. «Aveva litigato in modo molto acceso con i suoi amici, sono ragazzi esagitati e casinisti, dubito che sia andata al parco da sola», ha spiegato il giovane ai microfoni della trasmissione di Canale 5. Intanto, le condizioni della ragazza migliorano e già oggi potrebbe essere ascoltata in ospedale dalla polizia.

Weekend con i fiori dʼarancio: vanno a nozze Luca Toni, Pintus e Niccolò Canepa

Dopo vent’anni di fidanzamento e due figli, Leonardo e Bianca, Luca Toni e Marta Cecchetto sono convolati a nozze il 9 settembre. La coppia, bellissima, si è scambiata le promesse d’amore in terra toscana davanti ad amici, parenti… e ai loro cani. Stesso giorno per il comico Angelo Pintus che ha detto sì alla sua Michela Sturaro a Ferrara in una cerimonia raccolta. Fiori d’arancio anche per il pilota Niccolò Canepa e Barbara Fumagalli.

C_2_articolo_3093781_upiImageppOrtensie, rose e gladioli per un matrimonio romantico celebrato alle porte di Firenze. Così, dopo anni di fidanzamento, Luca Toni e Marta Cecchetto si sono giurati amore eterno in una cornice suggestiva. L’ex calciatore con un completo scuro e papillon sorride alla sua signora fasciata da un abito bianco in pizzo e tulle. Tra gli invitati anche Gianna Nannini che ha omaggiato gli sposi con una sua performance.
Giusto un anno fa, all’Arena di Verona, Angelo Pintus durante lo spettacolo aveva sorpreso tutti chiedendo la mano alla sua fidanzata Michela. E il 9 settembre la coppia è convolata a nozze. Un matrimonio celebrato per pochi intimi vicino Ferrara. Tra gli ospiti vip anche Beppe Quintale, caro amico di Pintus.
Nozze romantiche per il motociclista Niccolò Canepa e la sua bellissima compagna Barbara Fumagalli. La coppia si è sposata l’8 settembre in Liguria con una vista fronte mare da mozzare il fiato. Abito dalla scollatura vertiginosa per la modella che ha optato per un’acconciatura molto semplice. Gilet grigio perla e abito scuro per lo sposo. Spettacolo di luci all’imbrunire per un taglio della torta indimenticabile.

Stupro studentesse, spunta un video girato da una ragazza in discoteca. Immagini confuse e un grido: “Bastard”

FIRENZE – Un grido: “Bastard, bastard”. E poi immagini confuse, fotogrammi di una notte da dimenticare. La verità di quanto accaduto nell’androne del palazzo di Borgo Santi Apostoli, nel storico di Firenze, tra i due carabinieri e le studentesse americane potrebbe essere contenuta in un video realizzato da una delle due ragazze con il proprio telefonino. Un filmato di qualche secondo che, secondo quanto riporta ‘La Nazione’, sarebbe ora in mano agli inquirenti.3232774_1410_stupro_firenze_2

“Nonostante l’alcol, una delle due ragazze avrebbe trovato il coraggio di premere ‘rec’ e filmare, anche se solo per qualche secondo, il rapporto sessuale con il carabiniere che lei ha poi accusato di stupro – scrive il quotidiano toscano – Le immagini in questo momento potrebbero diventare un elemento importante del mosaico indiziario che servirà all’accusa per inchiodare i carabinieri alle loro eventuali responsabilità”.
Una delle due ragazze, la 21enne, ha detto a chi l’ha soccorsa di essere in grado di riconoscere il suo stupratore. “Appena dentro, nel palazzo, ci sono saltati addosso. Io non ho urlato perché ho avuto paura delle armi” ha detto la giovane. Intanto, sulla vicenda è in corso al Palazzo di Giustizia di Firenze un vertice in procura, coordinato dal procuratore capo Giuseppe Creazzo, e durante il quale dovrebbe essere valutata la possibilità di adottare misure cautelari nei confronti dei due carabinieri indagati per violenza sessuale. Sabato scorso l’Arma ha sospeso i due militari in via precauzione dal servizio.
Sempre sabato scorso uno dei due carabinieri, l’appuntato 40enne, si è recato in procura dove è stato interrogato, confermando l’avvenuto rapporto sessuale ma escludendo la violenza ed ha parlato un ‘rapporto consensuale’. Non è escluso che in giornata anche il secondo carabiniere possa presentarsi dai magistrati oppure che possa essere interrogato su richiesta del sostituto procuratore Ornella Galeotti.

Agnese Renzi in pizzo nero e trasparenze alla prima di “Inferno”

2015555_agnese-renzi3Un abito di pizzo nero e con trasperenze.Così Agnese Renzi, in compagnia del marito premier Matteo, si è presentata alla prima di “Inferno”, terzo capitolo della saga cinematografica diretto da Ron Howard e ispirato al bestseller di Dan Brown , che si è svolta sabato sera a Firenze. Saluti con il regista Ron Howard, con alcuni attori come Pierfrancesco Favino, Tom Hanks e con lo scrittore Dan Brown e l’allenatore del Leicester Claudio Ranieri.

Agnese vs Elisabetta: sfida al cioccolato

Singolare sfida di look a Firenze, nella splendida cornice di Palazzo Vecchio, durante la Celebrity Fight Night Italy: Agnese Landini ed Elisabetta Canalis hanno scelto la stessa tinta di abito. Il contesto è internazionale e l’evento è benefico. Gli occhi della stampa sono puntati sulle star presenti, tra cui la moglie del premier Renzi e la ex velina.

Elisabetta-Canalis-Celebrity-Fight-Night-Italy-sandali-Giuseppe-Zanotti-Design

Pizzo lamè color cioccolato per Agnese Landini Renzi, che si è affidata ancora una volta ad Ermanno Scervino, indossando una creazione elegante ma discreta, giocata su dettagli stretch e plissé. Borsa animalier e sandali dorati completavano il look vincente, adatto al suo ruolo di rappresentanza. Fin troppo perfetta.

EVENTO CELEBRITY FIGHT NIGHT

Ha puntato invece sul fisico e sul florido décolleté Elisabetta Canalis: peccato per l’abito scelto. Il marrone scuro la penalizza e la profonda scollatura, con volant e fiocchetto, appare piuttosto banale per questo evento. Eli completa il tutto con sandali argento Giuseppe Zanotti Design e borsa dorata. Un punto a suo favore? Elisabetta Canalis al fianco di Brian Perry è una moglie emozionata e serena, oltreché una mamma radiosa e bellissima.

Rocco censurato dall’Università di Firenze: vietato il suo accesso durante un dibattito

Rocco Siffredi censurato dall’ateneo di Firenze. Lo denunciano i membri dell’Azione Universitaria che aveva organizzato un dibattito sul tema delle case chiuse al quale avrebbe dovuto partecipare anche il re del porno.”Ci hanno detto che non autorizzavano l’uso dell’aula, senza fornire alcuna motivazione – ha detto Angela Sorice, la coordinatrice dell’associazione di Firenze – ci è sembrata una censura bella e buona”.

723343_0151025_109643_99-709042-000009

A vietare l’accesso di Rocco Siffredi sarebbero stati i presidenti sia della scuola di Economia che di quella di Giurisprudenza, contrari al suo intervento. “Non abbiamo certo invitato Siffredi quale ex pornodivo – prosegue Angela Sorice – ma in veste di imprenditore, conosce bene il tema, tanto che ne ha parlato in diverse trasmissioni”.