Isola, Mercedesz si confessa: “Da piccola piangevo per il lavoro di mia madre”

Mercedesz Henger è senza dubbio uno dei naufraghi più forti di questa edizione dell’Isola dei Famosi ma nasconde un grande segreto : “A causa del lavoro dei miei genitori sono stata esclusa, emarginata, piangevo tutti i giorni”. Durante un confessionale la figlia della ex pornostar Eva Henger rivela tutta la sua fragilità e racconta il periodo difficile che ha passato per via del lavoro dei genitori “Il lavoro che facevano i miei genitori – racconta – è parte di chi sono e non cambierei nessuna parte di loro per nulla al mondo.

mercedesz-henger

Detto questo io non augurerei a tutti di crescere come sono cresciuta io. Sono stata giudicata anche pesantemente, sono stata esclusa, sono stata emarginata. C’è stato un periodo in cui arrivavo a casa tutti i giorni piangendo, pregando mia madre di farmi cambiare scuola. E mia madre mi ha detto una cosa giustissima: anche se io ti facessi cambiare scuola puoi scappare ma la gente non cambia. Ed è stato così che ho imparato ad affrontare le persone e le mie paura”. Una confessione a cuore aperto quella della piccola Henger che ha commosso tutti in studio, e in modo particolare la mamma Eva Henger, ed ha fatto luce sul carattere della ragazza che a volte la fa apparire fredda, ma che non è altro che una corazza costruita nel tempo per proteggersi dagli atti di bullismo subiti.

Vladimir Luxuria: “Vi racconto perchè non ho fatto l’operazione ai genitali”

Nel corso di un’interessante intervista al settimanale ‘Grazia’, Vladimir Luxuria si è confessata e ha rivelato alcuni retroscena legati alla sua sessualità, compreso un periodo abbastanza pesante della sua vita nel 2009.  ”Io ho sempre vissuto in equilibrio – ha raccontato su Grazia -. Poi, nel 2009, c’è stato un periodo in cui ho avvertito un malessere, e l’ho attribuito al fatto che, nonostante avessi già fatto qualche intervento chirurgico per il cambiamento di sesso, non avessi avuto il coraggio di arrivare fino in fondo.

vladimir-luxuria-6-623592

Allora ho deciso di cambiare anche i genitali, seguendo la lunghissima procedura prevista dalla legge italiana. Nel 2011 avevo trovato la struttura per operarmi, l’ospedale Federico II di Napoli”.  Ma poi, nel momento fatidico, è arrivata le decisione inaspettata: “A pochi giorni dall’intervento ci ho ripensato. Ho avuto paura, visto che è un’operazione molto dolorosa. Ma la verità è che non ero convinta. Lo avrei fatto per piacere più agli altri che a me. Oggi sono contenta della mia doppia identità. La fragilità. Passo sempre per battagliera. In realtà c’è una parte di me con la quale combatto da sempre. Basta un’offesa sui social che la ferita si fa sentire in profondità”, ha concluso.