“Mamma sei grassa”, la risposta alla figlia su Instagram diventa virale

La mamma ha qualche chilo di troppo e la figlia glielo fa notare, ma la risposta è davvero epica. Allison Kimmey è una donna della Florida e, nonostante le sue forme generose, è riuscita ad accettarsi per come è e ha provato di far capire la stessa cosa alla figlia.

cfae92da-dea6-4d5e-bce5-aabaf1456bfbDurante una giornata in piscina la donna si è avvicinata per invitarla ad uscire fuori dall’acqua ma la bimba non solo si è rifiutata ma l’ha guardata con uno sguardo cattivo gridandole “sei grassa”. La donna ha confessato, come riporta Metro, che i chili di troppo non sono più andati via dopo la seconda gravidanza, così ha deciso di spiegare il suo punto di vista alla piccola: «Nessuno è grasso. Non è qualcosa che si può essere. Io ho il grasso. Tutti ne abbiamo. Protegge i nostri muscoli, le nostre ossa e aiuta il nostro corpo, fornendoci energia. Tu hai del grasso? Tutte le persone ne hanno, alcune pochissimo altre molto di più ma questo non significa che le prime siano migliori delle seconde». Allison si è accettata per come è e da anni cerca di far capire a tutti che la bellezza non si misura con una taglia e che è basilare imparare a volersi bene. La lunga storia è stata raccontata sul suo profilo Instagram dove ha avuto oltre 30 mila like ed è stata condivisa tante volte fino a fare letteralmente il giro del mondo.

”Sei troppo grassa”, pioggia di insulti sul web. E Miss Canada risponde così

Iris Mittenaere, Miss Francia, ha vinto Miss Universo, ma Siera Bearchell, Miss Canada, ha portato a casa la palma per il messaggio positivo della competizione.
Durante un’intervista Miss Canada nel backstage ha dichiarato: “Per i nemici dico, siamo sicure di quello che siamo, perché siamo donne … siamo sicure con noi stesse e ci amiamo e questo è ciò che è importante”.

img_5107

La Bearchell infatti era stata criticata sui social perché troppo grassa. “Bisogna concentrarsi su ciò che ci piace di noi stesse, sulle cose che ci rendono fiduciose”. La presentatrice Ashley Graham ha elogiato durante lo show la Bearchell, esclamando quanto sia raro vedere una concorrente della sua taglia sul palco di Miss Universo. “A dire il vero, ho ristretto la mia assunzione di cibo intensamente nei concorsi precedenti ed ero infelice”, ha scritto Miss Canada su Instagram “Il mio corpo non è naturalmente magro e va bene così. Sono in buona salute. Io sono in forma. Sono fiducioso. Io sono me stessa. Orgogliosa del mio corpo”.

“Sei troppo grassa”, l’agenzia la licenzia. “Alcune modelle morivano di fame”

Il mondo della moda finisce molto spesso sotto accusa poichè le modelle sono ‘costrette’ a mantenere una linea quasi eccessiva, riducendo il loro peso in maniera drasti e riflettendo questa abitudine distorta sui consumatori.  Délleny Mourão, una modella brasiliana di 20 anni che, dopo l’ennesima umiliazione subìta, ha deciso di dire basta e di uscire allo scoperto e di raccontare alcuni importanti retroscena della situazione lavorativa alla quale era sottomessa.

14656434_1628979184067284_6562691611522591415_n

“Ho visto molte donne dimagrire così tanto per questo lavoro che alla fine hanno messo in pericolo la propria salute – ha ammesso Délleny, originaria di Fortaleza (Brasile) -. Alcune modelle mangiavano poche manciate di cibo al giorno, morivano di fame”.  Da Fortaleza si era trasferita a San Paolo, dove ha lavorato alla San Paolo Fashion Week e ad altri eventi legati alla moda molto importanti nel Sud America: “Vivevo in una casa piccolissima insieme ad altre 22 modelle, la situazione era terribile”.
Ma, nonostante i suoi sforzi per rimanere nel ‘circuito’ della moda, il suo manager e la sua agenzia hanno deciso di cacciarla per colpa della sua linea: “Mi hanno detto che ero troppo grassa per continuare a lavorare con loro. Ma meglio così: quel lavoro può portare a problemi di salute molto seri. Essere magrissimi non vuol dire essere belli”.

La modella grassa in bikini censurata, poi Facebook si scusa: “Era un errore”

La censura della foto della modella in carne Tess Holliday su Facebook ha suscitato sdegno sul web. Il social network è finito al centro delle polemiche per aver giudicato l’immagine in bikini di Tess non rispettosa degli standard richiesti.

1753370_modella-grassa

Scopo della foto era quello di promuovere l’evento “Femminismo e grasso” del talk show australiano “Cherchez la femme”.Il social aveva respinto la richiesta di sponsorizzare quel messaggio pubblicitario perché “raffigura un corpo indesiderabile”.
Le linee guida sulla salute vietano di pubblicizzare immagini di grasso in eccesso, ma quella foto sarebbe dovuta essere solo la copertina dell’evento. “Al suo posto, consigliamo l’immagine di un’attività, come correre o andare in bicicletta”, questo si legge nel messaggio. Dopo che si è scatenata la polemica sono arrivate le scuse del social: “Il nostro team analizza milioni di immagini pubblicitarie ogni settimana e in alcuni casi proibiamo ingiustamente delle pubblicità. Questa immagine non viola le nostre linee guida, ci scusiamo per l’errore”.

La modella curvy insultata su Instagram: “Vacca grassa”: lei risponde così agli haters

Vi ricordate di Iskra Lawrence, modella curvy inglese capace di affermarsi professionalmente e sconfiggere i pregiudizi degli ambienti più ‘fashion’? La sua carriera procede a gonfie vele. Non mancano, però, tante critiche e commenti negativi sugli account social, ma si tratta di sporadici episodi a cui Iskra non presta la minima attenzione.

1654483_iskral1 (1)

C’è stato però un ‘hater’ piuttosto fastidioso, probabilmente un troll, che una settimana fa aveva commentato a raffica le foto di Iskra con una serie di insulti inaccettabili. A raccontarli è la stessa Iskra che ha ideato una foto e un video di risposta: «Vacca grassa, sei la norma solo perché ogni fottuta persona su questo pianeta sta diventando obesa. Modelle di taglia grande? Fatemi il piacere, smettetela di mangiare al McDonald’s, il sistema sanitario nazionale è al collasso per colpa di gente come questa che non fa altro che mangiare patatine».

“Troppo grassa per fare carriera”, la modella curvy prende la sua rivincita su Instagram

«Troppo grassa per fare la modella», così le era stato detto, oggi, Iskra Lawrence, si prende la sua rivincita e lo fa con un messaggio su Instagram.  La modella, testimonial per il marchio di lingerie e costumi Aerie, linea per giovanissime di American Eagle, era stata considerata, agli esordi della sua carriera, troppo in carne dalle agenzie di moda che le avevano detto che non avrebbe mai potuto fare carriera in questo campo.

1545117_2715628_764954073639204_5886818266304035296_n

Oggi, famosa, bella e prorompente scrive sui social a tutti coloro che avevano provato a scoraggiarla: «Vi sbagliavate, sono fiera di me stessa, sana e felice, perché ora so di valere più di una taglia». Un messaggio molto importante, soprattutto in un settore dove spesso magrezza significa malattia.

1545117_2654424_764285957039349_7615990417013744340_n

Aerie ha avviato da tempo la campagna #AerieReal che usa solo foto non rtoccate. Una ribellione alla dittatura della magrezza dettata soprattutto dal fatto che si rivolge a ragazze di età compresa tra i 15 e i 21 anni.  Iskra, che ha più di un milione di fan su Instagram, ha dal canto suo ringraziato l’azienda per la fiducia e si è detta onorata di poter continuare a portare avanti il suo obiettivo.

“Sei grassa”. Frida, l’angelo di Victoria’s Secret, criticata sul web: lei si vendica così

Frida Gustavsson, sexy modella svedese 22enne, è uno degli angeli di Victoria’s Secret. La top model, seguitissima dai fan, è stata insultata sui social da alcuni detrattori che l’hanno definita “troppo grassa”. E Frida si vendica così.

11046637_823050197743201_368374758868437154_n

La top model – un metro e 80 di altezza per una taglia 40 – dà una lezione a coloro che la criticano per la sue forme con un post esemplare su Instagram. Sul social Frida scrive: “Per essere onesti, sono molto felice e mi sento bene nel mio corpo per la prima volta da anni. Non mi vedo grassa. Commenti del genere rivolti alle donne in generale sono molto problematici. Dovremmo tentare di essere più aperti e di sostenerci a vicenda, piuttosto che sminuirci”.  In breve il post è diventato virale.