Scollature a Sanremo: vince la “V”

Su Michelle Hunziker e sulle quattro donne in gara si è concentrata gran parte dell’attesa per quanto riguarda il look. Loro, consapevoli, hanno fatto del loro meglio: nella gara di seduzione sul palco dell’Ariston, non sono mancare le scollature degne di nota.

C_2_box_54196_upiFoto1FQUARTA SERATA
E’ Michelle Hunziker a stupire letteralmente coi suoi abiti: esordio in nero e virata sui fiori (che più Sanremo di così non si può).
Sul fronte scollature vediamo l’intrigante micro “V” del Moschino trasformista: top e pantaloni che fanno da base per tre look che non passano certo inosservati. Poi c’è il fiorellone principesco. Stile Sissi, dice lei… un po’ kitsch, aggiungiamo noi.

TERZA SERATA
La scollatura che finora ha fatto più notizia è certamente quella di Noemi, esagerata nell’ampiezza oltre che nella profondità.
La terza serata ha poi visto protagoniste le spalle: quelle della Hunziker, soprattutto con l’ultimo Trussardi rosa, quelle di Virginia Raffaele, accarezzate da Claudio Baglioni.

SECONDA SERATA
La Vanoni regala il bis del davanzale, declinato in nero: ma un piccolo particolare sfugge, il reggiseno color carne.
Per il resto, Michelle la fa la da padrone, grazie ad Alberta Ferretti: sensualità, colore, stile ed eleganza. Più di così? Ah giusto, c’è quel dettaglio del vestito già usato dalla nuova moglie di Eros… peccato! (LEGGI Michelle come Marica, brutta coincidenza)

PRIMA SERATA
La prima scollatura di Michelle Hunziker, profondissima, a “V”, strepitosa, subito bissata dalla stessa forma dell’abito di Annalisa, ha fatto temere il tris per la Vanoni. Per fortuna, Ornella ha puntato su una scollatura ampia ma non esagerata, sfoggiata con stile. La Hunziker non delude nemmeno con gli altri abiti, spaziando dalla spallina sottile alle spalle nude dell’ultimo bellissimo Armani. Sceglie il taglio a cuore Nina Zilli con dettaglio monospalla e Sabrina Impacciatore, dolce e delicata con abito rosso.

Kim Kardashian come Bo Derek? Interviene lʼattrice di ʼ10ʼ: “Non ho lanciato io le treccine…”

Lunghe treccine bionde in stile afro, scollature procaci e curve hot in mostra. In alcuni scatti di qualche giorno fa Kim Kardashian si mostrava così, paragonando la sua nuova acconciatura a quella di Bo Derek. “Bo West”, aveva scritto la reality star, scatenando i social e la stessa iconica attrice di “10”, sulla vera origine di quell’hairstyle. Adesso la sexy signora West rincara la dose. Rieccola, in bikini sulla spiaggia in perfetto stile “afro-Derek”. Più sexy che mai.

kim-kardashian-bo-derek“Ehi! Ehi! E’ solo un’acconciatura che ho indossato nel film ’10′”, scrive Bo Derek su Facebook: “Kim Kardashian West lo chiama Bo Derek perché ha copiato il mio particolare schema di trecce. Io l’ho copiato dalla corista Ann-Margret nel suo show di Las Vegas. E tutti abbiamo copiato la regina Nofretari. Spero che sua Altezza Reale ne sia lusingata….”, aggiunge l’attrice.

Anche i social si sono “scaldati” sull’attribuzione dell’hairstyle, sfoggiato da Kim, alla bella Bo Derek di “10”, film di Blake Edwards del 1979, dove l’attrice sfoggia effettivamente questa acconciatura: “Appropriazione culturale scorretta”, la definiscono in molti. Kim non sembra raccogliere le polemiche, provocare, sfoggiando le sue prosperose forme e perché no anche qualche look particolare è il suo obiettivo principale. Scopo raggiunto, anche stavolta.

Sanremo, dalla Hunziker a Nina Zilli tutti i look delle prime serate

Scollature vertiginose, vestiti firmatissimi e look da urlo vari. Sanremo è anche moda: ogni sera è attesa spasmodica per i cambi d’abito della co-conduttrice Michelle Hunziker e delle – poche – donne in gara. Armani Privé, Alberta Ferretti e, si dice, ci sarà anche il marchio del marito Trussardi, perchè le cose, almeno un po’, si fanno in famiglia.

scollature-sanremo-maxw-1280Dal total black della prima serata, con una sfilza di elegantissimi abiti dark interrotti solo dal modello scintillante in chiusura al color block della seconda: dall’abito viola di “Barbie” al quello in stile Charleston sulle note – scatenate – di Despacito, Michelle non ne ha sbagliata una, anche perchè, bisogna pur dirlo, non c’è nulla che non le calzi come un guanto. slider-sanremo-michelleApplauditissime Ornella Vanoni, che ha alternato bianco e nero in grande stile (d’altra parte una signora resta una signora) e Nina Zilli, che era partita sull’estroso con un abitino bianco mono manica molto Marilyn e poi è tornata sul classico con un look in stile sorelle Fontana: bello, per carità, ma da Nina ci aspettiamo un sapore un po’ più contemporaneo.

Le altre, diciamolo, non brillano: né Annalisa, che la prima sera “toppa” l’outfit tentando di stemperarlo con lo stivaletto e poi si presenta in veste bizzarra cavallerizza, né Noemi con la classica tuta nera senza infamia né lode. Da tenere d’occhio la “nuova proposta” Alice Caioli, che è salita sul palco con una creazione in pizzo di uno stilista di Milazzo: una nota di freschezza in un festival che altrimenti potrebbe risultare anche troppo impostato. Speriamo che il meglio debba ancora venire.

Sotto la gonna della Clerici e i vestiti rubati di Orietta: il revival di Ciacci, aspettando Sanremo

Per entrare in clima Sanremo, chi meglio di Giovanni Ciacci, costumista per ben nove volte del Festival della canzone italiana? Dato che i dietro le quinte dell’Ariston non hanno segreti per lui, abbiamo voluto interpellarlo sulle questioni di look delle star: ci ha risposto con la sua solita ironia sorniona e un po’ cattivella…

C_2_box_53989_upiFoto1FCiacci, che Sanremo sarà questo del 2018?
Sicuramente Baglioni ci darà grosse sorprese a livello mediatico, per via del duetto con un personaggio molto famoso.
Io ho amato molto i Sanremo di Carlo Conti. Questa volta sto a guardare, apetto: la cosa che non mi convince è che ci siano solo quattro donne, perché sanremo dev’essere metà donne, metà uomini!

Quante volte hai lavorato a Sanremo?
Io ho firmato 9 Sanremo: due con Antonella Clerici (2005 e 2010), uno con Fabio Fazio, uno con Orietta Berti (1999). Poi ho seguito Loredana Bertè… Un Sanremo da “vera diva”? Quello con Valeria Marini (1997): mi sono molto divertito con Valeria…

Raccontaci qualche aneddoto
L’esperienza più divertente è stata quando mi hanno rubato in treno i vestiti di Orietta Berti. Lei faceva il Dopofestival. Io dormivo in wagon-lit con Don Lurio: ci hanno narcotizzato e hanno portato via i vestiti di Orietta. E lei ha fatto tutto il festival con le spille dietro!

Incidenti dietro le quinte?
Vi ricordate il famoso vestito rosa della Clerici? Io ero sotto per allargare la gonna. Mentre si apriva il sipario, io sono sgattaiolato fugacemente da dietro. Antonella ancora oggi me lo ricorda!
Quell’abito rosa, stile “Via col vento” di Antonella Clerici, nessuno lo voleva, nemmeno lei: sono stato io a impormi. Pensa che lo stilista non voleva realizzarlo perché lo trovava eccessivo e troppo colorato. Quell’abito oggi è storia della Tv.

Cosa ci dobbiamo aspettare dai look di Sanremo?
Mi aspetto tanto da i look degli uomini! Spero di non vedere la solita parata nero-blu, blu- nero, nero-blu, blu- nero: perché se nò sarà una noia mortaleeeee…

Quando un outfit può definirsi azzeccato?
I look devono strabiliarmi, colpirmi. Non dev’essere un vestito fine a se stesso: ogni abito deve avere un’idea. A Sanremo vincono le idee, non i vestiti e le canzoni.

Come sarà Michelle Hunziker?
Spero che porti il glamour sul palco di Sanremo. La Hunziker non è proprio tra le donne meglio vestite d’Italia quindi non so cosa potermi aspettare…

Favino?
Lo preferisco in mutande.

I look del mese: cos’hanno indossato le star?

E’ difficile restare costantemente aggiornati su tutte le proposte fashion delle star. Dai red carpet allo street style, ogni giorno veniamo invasi da immagini di vestiti e accessori delle celebrity. Sorridenti sul tappeto rosso, ammiccanti nei selfie e inconsapevoli (forse) negli scatti rubati, le stelle spaziano dagli outfit più eleganti alle proposte più improbabili.

C_2_box_53591_upiFoto1FE’ un mese ricco di eventi quello di Gennaio: finite le feste le star tornano a calcare il tappeto rosso tra eventi ed awards. In un sensuale abito di pizzo Halle Berry, provoca con vistose trasparenze mentre Miley Cyrus è (stranamente) principesca in rosso. Heidi Klum, Beyoncé e Bella Hadid stuzzicano mostrando le gambe. Catherine Zeta Jones in tuta, ma attenta ai dettagli con Malone Souliers. Katie Holmes e Kendall Jenner scelgono un sensuale total black per sfilare sul red carpet.
Cosa non ci piace? L’abito strutturato di Gwineth Paltrow, il total look Versace di Katy Perry e nemmeno il piumaggio che Lady Gaga ha sfoggiato a Milano.
Cosa ci ha colpito? L’eleganza di Melissa Satta, il total white raffinato di Alessandra Mastronardi, l’outfit trendy di Sveva Alviti.
Cosa ci ha fatto sorridere? Il futuro papà Fedez, sportivo, tenero e autoironico con la giacca jeans firmata.
Nella gallery il meglio e il peggio fashion di gennaio: siete d’accordo col nostro giudizio?

I look del mese: cos’hanno indossato le star?

E’ difficile restare costantemente aggiornati su tutte le proposte fashion delle star. Dai red carpet allo street style, ogni giorno veniamo invasi da immagini di vestiti e accessori delle celebrity. Sorridenti sul tappeto rosso, ammiccanti nei selfie e inconsapevoli (forse) negli scatti rubati, le stelle spaziano dagli outfit più eleganti alle proposte più improbabili.

C_2_box_53591_upiFoto1FE’ un mese ricco di eventi quello di Gennaio: finite le feste le star tornano a calcare il tappeto rosso tra eventi ed awards. In un sensuale abito di pizzo Halle Berry, provoca con vistose trasparenze mentre Miley Cyrus è (stranamente) principesca in rosso. Heidi Klum, Beyoncé e Bella Hadid stuzzicano mostrando le gambe. Catherine Zeta Jones in tuta, ma attenta ai dettagli con Malone Souliers. Katie Holmes e Kendall Jenner scelgono un sensuale total black per sfilare sul red carpet.
Cosa non ci piace? L’abito strutturato di Gwineth Paltrow, il total look Versace di Katy Perry e nemmeno il piumaggio che Lady Gaga ha sfoggiato a Milano.
Cosa ci ha colpito? L’eleganza di Melissa Satta, il total white raffinato di Alessandra Mastronardi, l’outfit trendy di Sveva Alviti.
Cosa ci ha fatto sorridere? Il futuro papà Fedez, sportivo, tenero e autoironico con la giacca jeans firmata.
Nella gallery il meglio e il peggio fashion di gennaio: siete d’accordo col nostro giudizio?

Flavio Briatore papà single, nuovo look dopo l’addio a Elisabetta Gregoraci

Dopo l’addio a Elisabetta Gregoraci, per Flavio Briatore è iniziata la vita da papà single.
L’imprenditore infatti, molto attivo sui social, ha postato diverse immagini che lo vedono assieme a Nathan Falco, ma ha anche pensato di cambiare look.

3514636_1418_flavio_briatore_nuovo_lookFlavio infatti ha deciso di accorciare i capelli ed ha postato dal suo account Instagram un’immagine che lo vede sotto le forbici di un noto parrucchiere. Intanto la conduttrice di “Made in sud” è stata sorpresa per le strade della Capitale assieme a Francesco Bettuzzi, imprenditore emiliano della “Pure Herbal”, di cui è testimonial…

Meghan Markle, principessa in cappottino

Meghan Markle, che passione! Non soltanto gli inglesi sono letteralmente pazzi di lei: i fan di tutto il mondo vogliono sapere tutto sul suo look. Il paradosso è che il nome dei brand che la Markle indossa è considerato più interessante dell’evento cui presenzia. Caposaldo del suo look è il cappotto.

C_2_box_53196_upiFoto1FFin dall’annuncio del fidanzamento col principe Harry, Meghan Markle ha sempre sfoggiato cappotti differenti per colore, foggia, tessuto e marchio, ma sempre coerenti con lo stile “Markle coat”: monocromatici, sotto al ginocchio e preferibilmente con chiusura a portafoglio.
Ha fatto la storia il primo, bianco, Line con cintura annodata. Ha spopolato il Sentaler con le maniche a strisce. Subito sold-out quello nero, con cintura in raso, di Stella McCartney.
Curioso anche notare come i brand “graziati” dalla sua scelta abbiano subito messo la Markle in primo piano nei loro siti web. Insomma, quest’anno pare non ci sia niente di più chic del cappottino. Mentre le fashioniste di tutto il mondo si chiedono che colore sfoggerà alla prossima uscita, cliccate in questa gallery per scoprire i marchi preferiti da Meghan Markle: quale le dona di più?

La Marcuzzi rinuncia al low-cost e prende 9

Dopo la finta pelliccia che non aveva convinto i fan, Alessia Marcuzzi non rispetta i patti e per la prima puntata dell’Isola dei Famosi rinuncia al low-cost che aveva prannunciato: il risultato è straordinario.

C_2_box_52919_upiFoto1FIl primo outfit è stato tutt’altro che economico ma perfetto per l’occasione: Alessia Marcuzzi ha indossato uno smoking vintage di YSL Rive Gauche, con maniche rimboccate e una fusciacca creata dalla sua stylist, per sottolineare il punto vita. Il tocco di classe ai piedi: le bellissime décolleté a punta Casadei, color fragola. Scarpe che lei ama e che ha riutilizzato in più di un’occasione, quasi come un portafortuna.

Ed è andata benissimo, infatti, con questa prima mise semplice e sofisticata, elegante ma sobria. Approvazione unanime sui social e spesa comunque contenuta perché i capi erano già di sua proprietà.
Il programma necessita di qualche aggiustamento nel ritmo e nella lunghezza ma Alessia Marcuzzi si becca un bel 9 nel look.

Kendall mostra il fisico a Roberto Bolle

Kendall Jenner e Roberto Bolle sono testimonial di Tod’s. Le immagini di loro due in riva al mare, sorridenti e complici come una coppia, hanno già fatto il giro del mondo, per cui non ha destato scalpore la loro presenza a Milano, durante la settimana della moda maschile, presso lo store del marchio. Quello che non ci si aspettava era il nude look di Kendall Jenner. Nemmeno Bolle ne era a conoscenza.

C_2_box_52636_upiFoto1FCasual (ma con gli accessori di lusso Tod’s), Kendall Jenner ha scelto per l’occasione pantaloni bianchi a vita alta indossati sopra un body marrone a collo alto. Nulla di vistoso, solo che il tessuto trasparente ha dettato le priorità. Il topless della supertop (e non gli accessori Tod’s), che è solita non indossare reggiseno, è stato il protagonista della presentazione.

La borsa della nuova collezione? Le scarpe in pelle? In pochi le hanno notate, catalizzati da altri dettagli. Impossibile non notare il seno in trasparenza sotto la maglia, così come la mano di Roberto Bolle pericolosamente e inconsapevolmente vicina al décolleté.