Shakira: “Non vado in pensione grazie a Piqué”

Negli ultimi anni Shakira era un po’ sparita dal panorama musicale, ma dopo due figli è tornata con il nuovo disco “El Dorado”. A “Vanity Fair” la cantante ha spiegato il perché di questo silenzio: “Mi è venuto il terrore del palcoscenico, volevo mollare tutto”. A rimetterla in piedi il compagno Gerard Piqué e la consapevolezza che “oggi fare la madre è il mio vero lavoro, la musica è diventata il mio hobby”.

Shakira-fur-hose-blonde-bracelet“In passato sfornare una canzone dietro l’altra era un dovere, ma l’idea di rinchiudermi in un bunker per chissà quanto tempo mi terrorizzava. Ho visto la luce in fondo al tunnel nel momento in cui mi sono detta che non avrei fatto un album intero” ha raccontato “La musica è diventata il mio hobby e per questo riesco a farla in modo rilassato. Non avrei mai pensato di dire una cosa del genere, io che lavoro da quando avevo 14 anni”.
In un momento di crisi aveva pensato anche di abbandonare tutto, ma grazie al compagno (il calciatore Gerard Piqué) è tornata a cantare: “Mi ha detto chiaro e tondo che non mi avrebbe permesso di andare in pensione. Aveva ragione, ero solo spaventata, anzi terrorizzata”.
A darle sostegno anche il padre William, che l’ha incoraggiata fin da bambina: “Fui cacciata dal coro della scuola perché l’insegnante diceva che sembravo una capra. Fu mio padre a dirmi di continuare a cantare. ‘La tua voce è bellissima, un giorno se ne accorgeranno tutti!’. Mi ha insegnato tanto sul valore della perseveranza, la caparbietà a volte ti fa arrivare più lontano del talento”.

Candice Swanepoel è tornata (a 8 mesi dal parto): video hot in lingerie

E’ ufficiale, Candice Swanepoel è tornata a mettere le ali per un noto brand di lingerie. A otto mesi dalla nascita del suo bambino Anaca, la modella ventottenne ha posato con un body in pizzo al cardiopalmo. Delle curve materne non c’è la minima traccia…. solo tanta carica erotica per la modella sudafricana.

C_2_articolo_3074394_upiImageppNon ha mai abbandonato i social anche nella sua nuova veste di madre, ma per un po’ è stata lontana dai set fotografici di biancheria intima. Ora è tornata con tutta la sua sensualità e una silhouette impeccabile che non meritava più di restare intrappolata nei suoi vestiti. La Swanepoel appena coperta da un body semitrasparente conquista con le sue linee sexy e un lato B da paura. Complimenti a mamma Candice!

Bimba nasce con una grave deformazione e la madre si rifiuta di allattarla: “È un alieno”

Abbandona la sua bambina perchè la ritiene un alieno. Priyanka Kumari, mamma indiana di 25 anni, si è rifiutata di allattare sua figlia dopo averla vista appena nata. La donna l’ha definita una maledizione e ha quindi allontanato la piccola.

bambino-rifiutato_05203653

La bimba, che non ha ancora un nome, secondo quanto riporta il Mirror ha un’enorme escrescenza sulla testa e ha gli occhi sporgenti. Secondo il dottore la piccola sarebbe affetta da una malformazione congenita dovuta alla denutrizione della mamma che ha causato un’assottigliamento della pelle e una deformazione del cranio. Purtroppo si tratta di una malattia piuttosto grave che porta alla morte, la possibilità di sopravvivenza è infatti quella di una su un milione. Molti nel villaggio da cui viene la piccola hanno pensato potesse trattarsi della rincarnazione di una divinità, altri invece dicono sia maledetta. «Continuo a maledirmi per il mio rifiuto iniziale», ha detto la mamma che ora prega per la sopravvivenza di sua figlia, «Ho pregato tanto per avere un figlio sano. Ora sono preoccupata per il suo fututo».

Angelina Jolie, la madre biologica lancia lʼappello: “Fammi parlare con Zahara”

Nel turbolento divorzio tra Brad Pitt e Angelina Jolie, si inserisce anche la madre biologica della figlia Zahara (12 anni). L’etiope Mentewab Dawit Lebiso nel 2005 fu vittima di uno stupro e la diede in adozione, quando aveva solo sei mesi. Ora però vorrebbe riallacciare i rapporti con lei e dalle pagine del Daily Mail ha lanciato un appello alla Jolie: “Fammi parlare con mia figlia, voglio che sappia che sono viva e che mi manca”.

55190d54e4b039e4537d9da6_55190d5be4b039e4537da81c_p854x570

Alla madre naturale – che ha 31 anni e vive in un remoto villaggio etiope – piacerebbe poterla incontrare un giorno, anche se assicura di non voler avanzare alcuna pretesa. “Non la voglio indietro, voglio solo poterle parlare. Angelina per lei è stata una madre molto più di me. E’ con lei da quando è una bambina, ma questo non vuol dire che non mi manchi” ha dichiarato. “Penso a lei ogni giorno e desidero sentire le sua voce, vedere il suo viso. Mi piacerebbe avere contatti regolari con lei, festeggiare il compleanno e ogni altro giorno speciale”.
“So che la sua vita è con Angelina, le ha dato la vita che io non avrei mai potuto darle – ha continuato – Sta diventando una bellissima donna e sono fiera di lei. Prima di morire, però, vorrei che incontrasse me e la famiglia che ha qui in Etiopia”.

Strage a Istanbul, Rita aveva predetto la sua morte: “Seguirò la mamma”

Rita Chami è una delle vittime dell’attentato di Capodanno a Istanbul. Libanese, è morta nel night club insieme al fidanzato. La sorella racconta le sue ultime drammatiche parole, che suonano adesso come profetiche. “Speriamo che ci divertiremo, la peggiore delle ipotesi è che morirò in uno scoppio e seguirò mamma”, avrebbe detto la Chami prima di partire per la Turchia.

rita-chami_04103941

Alcuni media avevano parlato anche di un post, di cui però ora non ci sono più tracce. Chami aveva perso la madre, malata di crancro, da pochi mesi ed è morta tra le braccia del suo fidanzato Elias Wardini nell’assalto alla discoteca Reina. L’uomo, pur avendo la possibilità di fuggire, sarebbe tornato indietro dalla sua fidanzata facendole scudo con il suo corpo.

Suona nella chiesa deserta e la madre la filma di nascosto. Poi accade l’incredibile

Quando si è seduta al pianoforte non sapeva cosa stava per succedere. Nel giorno di Santo Stefano nella cattedrale deserta non volava una mosca e lei ha cominciato a suonare e cantare l’ultima canzone che aveva scritto, “In the beginning”, una melodia malinconica che ha riempito di note e calore l’enorme spazio vuoto intorno a lei. Una performance ammaliante, un incantesimo dedicato solo alla madre che era alle sue spalle con i due nipoti, e alla quale aveva chiesto solo una cosa: «Non riprendermi mentre canto».

2173851_schermata_2017-01-04_alle_12_02_10

Non immaginava che la mamma non avrebbe rispettato il suo desiderio, che avrebbe realizzato un video di 3 minuti e 36 secondi e che lo avrebbe postato su Facebook. Soprattutto non poteva immaginare che quel filmato avrebbe affascinato migliaia di persone, diventando virale sul web e regalandole forse una nuova vita, quando ormai non ci sperava più: 24 ore dopo la pubblicazione era stato visto già 28mila volte. Shukrananda Gant, 29enne cantautrice di Lincoln che ora vive e lavora come vocal coach a Witney, in Inghilterra, troncò sul nascere la sua carriera dieci anni fa, quando disse no a una casa discografica che voleva lanciarla. «Ero una cantante promettente – racconta – e mi fu offerto un contratto in cui mi si prometteva di tutto: ma quando ho letto attentamente le clausole, mi sono accorta che in cambio avrei dovuto vendermi l’anima e rinunciare a tutti i diritti sui miei lavori. Non ho firmato, e da quel giorno mi sono dedicata all’insegnamento, aiutando gli altri a diventare cantanti professionisti, senza comunque smettere di scrivere le mie canzoni». Dieci anni in cui Shukrananda ha tenuto per sé i suoi lavori, chiudendoli in uno scrigno, convinta che per lei non ci sarebbe stata mai più un’occasione per regalarli al grande pubblico. Sua madre le ha donato un nuovo inizio, in sintonia con la sua ultima canzone. «Ogni volta che vado a trovare la mia famiglia a Lincoln – continua Shukrananda – mi intrufolo nella cattedrale, mi siedo al pianoforte e canto le mie canzoni. Nessuno mi ha mai fermato e io resto lì per ore: l’acustica è sorprendente. Quando stavolta sono andata con mia madre, le ho raccomandato di non riprendermi, ma lei lo ha fatto comunque. In questo momento le sono enormemente grata per non avermi ascoltato: il risultato che ho avuto da quando è stata pubblicata la clip sui social è stato così travolgente da aumentare la fiducia in me stessa. La risposta della gente mi ha detto che è questo che devo fare, e che la mia musica non devo tenerla per me, ma farla uscire e condividerla con gli altri. Io aiuto i miei studenti a realizzarsi, ora è arrivato il momento di fare qualcosa per me stessa e riavviare la mia carriera di cantante». Karen Courtney, la madre di Shukrananda, è una produttrice teatrale e scrittrice di 51 anni. «Ho ripetuto per anni a mia figlia che aveva una bellissima voce e che era un peccato non esibirsi e rinunciare alla sua carriera – racconta – Adesso, dopo tutto quello che è successo, forse mi crederà. Quando siamo entrate nella cattedrale mi ha detto “Mamma, ascolta la mia nuova canzone, si chiama In the beginning, ma per favore non riprendermi”. Ma io non ce l’ho fatta e l’ho filmata di nascosto, sono così orgogliosa di lei che volevo far conoscere agli altri la bellezza della sua voce: ma non mi sarei mai aspettata un successo simile. La amo tantissimo e sono felice per lei».

Diventa madre a 12 anni, il papà ne ha quasi 14: il parto in una clinica privata

A soli 12 anni una ragazzina è diventata madre di un bimbo che pesava alla nascita quasi tre chilogrammi.

iStock_cartaceo

Il parto, con taglio cesareo, è avvenuto alcuni giorni fa in una clinica privata della città e del fatto dà notizia oggi il giornale on line Quotidiano Italiano (edizione di Bari), il quale aggiunge che la neomamma frequenta la scuoa, così come il padre del bambino, che non ha ancora compiuto 14 anni.  Sulla vicenda non sono stati resi noti particolari per tutelare la privacy del neonato e dei genitori minorenni. Del fatto è stata comunque informata la procura della republica del tribunale per i minorenni.

Ricky Martin: “Ho chiesto la mano in ginocchio al mio fidanzato, ci sposiamo”

Stanno insieme da solo un anno, ma è con Jwan Yosef che Ricky Martin vuole passare il resto della sua vita. Il cantante ha infatti annunciato in tv, nel talk show di Ellen DeGeneres, di volersi sposare. E di aver chiesto la mano del fidanzato. La star, che nel 2010 ha annunciato al mondo di essere omosessuale, ha già due figli, Valentino e Mateo, di 8 anni, nati da una madre surrogata.

C_2_fotogallery_3006585_6_image

Dopo una lunghissima storia con il compagno Carlos Gonzales, Ricky – che il 24 dicembre festeggerà 45 anni – ha ufficializzato il nuovo fidanzamento ad aprile 2016, con un red carpet. Adesso arriva la notizia delle nozze, con il fidanzato più giovane di 12 anni.
In tv Martin ha confessato di aver fatto la proposta in modo tradizionale: “Ero molto nervoso, mi sono messo in ginocchio e ho tirato fuori non la famosa scatolina ma un piccolo sacchetto di velluto”.
Il cantante portoricano non ha pronunciato subito il famoso: “Vuoi sposarmi?”. “Ho detto, ‘Ti ho preso una cosa, voglio passare la mia vita con te’. E lui mi guardava come a chiedermi ‘Qual è la domanda?’. Allora gliel’ho detto: ‘Mi vuoi sposare?’. E’ stato bellissimo, ha risposto sì”, ha raccontato.

“Mia madre mi ha portato all’obesità e ad un passo dalla morte, pesavo 290 kg”

«Mia madre era così ossessionata dall’anoressia da portarmi a un passo dalla morte per via dell’obesità». Questo il racconto di una donna di 48 anni, Debbie Reason, di Warrington, in Inghilterra, riportato da Metro.co.uk.

2066612_titoloo.jpg.pagespeed.ce.qcsHnTu1ng

La donna racconta di un’infanzia ed un’adolescenza molto difficili: sua mamma, obesa, era ossessionata dal cibo e dalla paura di perdere peso. Per questo motivo la donna spinse la figlia a consumare pasti ipercalorici per tutto il giorno, portandola presto sulla strada dell’obesità. Né Debbie, né suo padre Michael, erano in grado di opporsi, nonostante anche le più semplici attività quotidiane stessero diventando imprese impossibili a causa del fisico. Una volta diventata adulta, Debbie arrivò a pesare oltre 290 kg. Ed è dopo i trent’anni che la donna decise di reagire e prendere una decisione. L’aveva promesso, d’altronde, a suo padre, che prima di morire per un male incurabile le aveva chiesto di sottoporsi a interventi chirurgici e liposuzione, ma facendolo a insaputa della madre.  Gli eventi, poi, precipitarono: la madre di Debbie, ormai provata dall’obesità, fu ricoverata d’urgenza a causa di varie complicazioni. A questo punto, Debbie decise di farsi operare per evitare di fare la fine della mamma, che morì in ospedale e nelle ultime ore le confessò: «Quando avevi trent’anni, i medici si offrirono di operarti, ma io rifiutai. Avevo paura di perderti, mi dispiace». Oggi Debbie, tra diete e operazioni, ha perso oltre 200 kg. Ora sta cercando di raccogliere le 60 mila sterline necessarie per un nuovo intervento che elimini la pelle in eccesso, l’ultimo brutto ricordo di un’obesità imposta e di una morte sfiorata: «Non rimprovero mia madre, ma la sua morte per me è stata la mia salvezza».

Maradona incontra il figlio dopo trent’anni di battaglie e silenzi. Il racconto della madre.

“Io penso sia stata una cosa assolutamente spontanea. Il padre lo ha chiamato e gli ha detto che lo voleva abbracciare. Ancora se ci penso, mi emoziono. Una cosa bellissima”.
Cristiana Sinagra, la madre di Diego Armando junior, commenta a Domenica Live, l’incontro dopo 30 anni di battaglia, tra Diego Armando Maradona e il figlio.

marad3

“Diego jr. era in Argentina e lui lo ha chiamato sul telefonino. Mio figlio ha detto che ha apprezzato tantissimo il fatto che il padre abbia trovato il coraggio di chiamarlo e dirgli: io ti voglio abbracciare, stasera stai con me”.
Un incontro felice, tanto che padre e figlio continuano a stare insieme, in viaggio.
Felice la madre di Diego Armando jr, che parla dell’importanza di quell’incontro per suo figlio:
“Ha ritrovato il Diego che io ho conosciuto, il Diego affettuoso, il Diego premuroso, il vero Diego, non quello di cui si parla. Ci sono state note negative ma io penso che fondamentalmente Diego sia una persona di grande cuore. Io ci ho sempre creduto perché ricordo Diego e sono molto felice per tutti e due”.
Dopo quell’incontro, Diego jr ha chiamato la madre. Cosa le ha detto?, domanda Barbara D’Urso.
“Ancora non ci credo – ricorda Cristiana Sinagra – è stata un’emozione grandissima”.
E poi aggiunge: “Stanno vivendo delle emozioni grandissime. Un figlio e un padre non possono stare separati”.