Halle Berry e la svolta sexy a cinquant’anni

A vedere Halle Berry così non possiamo che avere la conferma sul fatto che più passano gli anni e più le star si scoprono audaci. Halle è sempre stata stupenda e consapevole del suo fascino, tanto che ha iniziato la sua carriera proprio come reginetta di bellezza, ma ora che ha da poco compiuto 50 anni le cose si sono fatte decisamente più sexy.

C_2_box_31817_upiFoto1F

A vedere Halle Berry così non possiamo che avere la conferma sul fatto che più passano gli anni e più le star si scoprono audaci. Halle è sempre stata stupenda e consapevole del suo fascino, tanto che ha iniziato la sua carriera proprio come reginetta di bellezza, ma ora che ha da poco compiuto 50 anni le cose si sono fatte decisamente più sexy.
Il tutto è iniziato qualche mese fa, quando Halle Berry ha pubblicato due scatti di lei in intimo decisamente maliziosi, per lanciare la collaborazione col brand di lingerie Scandale. Poi ecco susseguirsi una serie di red carpet che l’hanno vista sempre più svestita. E’ il nero il colore di elezione di Halle, tra pizzi, trasparenze e pelle scoperta.
Che sia un minidress ricoperto di perline, una tuta trasparente con tanto di lungo strascico (entrambi Atelier Versace) o un completo pantaloni con spacchi (di Ports 1961), Halle Berry sa benissimo come catturare l’attenzione. Una svolta selvaggia, enfatizzata anche dai capelli al naturale e da un trucco minimal, che sta facendo impazzire i fan.

Fidget, ecco la nuova mania dei teenager che invade case e scuole

41242321Negli Stati Uniti è diventata la moda del momento, e già si trova praticamente ovunque, dalle case alle scuole. Tanto che alcuni insegnanti hanno pensato di bandirlo dalle aule, perché pericolosa fonte di distrazione. L’ultima mania si chiama “fidget spinner”: si tratta di una sorta di piccola trottola antistress, composta da un cuscinetto a sfera al centro che si tiene con due dita e tre eliche che, una volta colpite, girano vorticosamente. Ce n’è anche una versione a forma di cubo.
Un passatempo molto semplice e anche economico (su Amazon si trova in tante diverse forme e colorazioni, dai 2 agli 8 euro), che sta per diventare un gadget irrinunciabile, soprattutto per i più giovani. In effetti, il fidget nasce come strumento antistress per i ragazzi affetti da disturbi dell’attenzione o ansia, in quanto può aiutare a concentrarsi. Ma allo stesso modopuò distrarre chi invece non ne avrebbe bisogno, ragione per cui la trottola rappresenta effettivamente un pericolo per il rendimento scolastico.

Megan Fox, testimonial perfetta del suo brand

La carriera d’attrice è un po’ spenta, nella vita privata ha avuto qualche intoppo amoroso (si è presa e mollata più volte con Brian Austin Green, padre dei suoi tre bambini) ma Megan Fox ha trovato il modo per tornare sulla cresta dell’onda. Come? Spogliandosi.

C_2_box_31276_upiFoto1F

La star è di recente diventata co-proprietaria del brand di lingerie Frederick’s of Hollywood e, oltre ad avere potere decisionale e una serie di doveri imprenditoriali, ha deciso anche di posare come protagonista nella nuova campagna primavera-estate.
Gli scatti sono a dir poco bollenti, con una Megan Fox che ammicca alla telecamera in un tripudio di pizzo, colori accesi e lattice. Del resto è lei stessa ad ammettere che uno dei primi acquisti fatti a 17 anni, quando si è trasferita a Los Angeles, è stato l’intimo di Frederick’s of Hollywood. “Gli altri marchi erano troppo casti. Io, cresciuta in una famiglia molto religiosa, avevo voglia di capi davvero scandalosi”, ha detto Megan Fox. Ora che è lei ad avere piena voce in capitolo sulle collezioni può finalmente dare libero sfogo al suo lato più provocante.

Met Gala 2017, da Rihanna a Katy Perry: ecco gli abiti più stravaganti sul red carpet

Pizzi, tripudi floreali, trasparenze audaci. E ancora piume, drappeggi, pepli, spacchi vertiginosi. Che il red carpet del Met Gala 2017 sarebbe stato poco convenzionale c’era da aspettarselo. E così è stato sin dall’arrivo della co-madrina di questa edizione, Katy Perry, che – con uno scenografico abito rosso custom made by John Galliano e firmato Maison Margiela – ha inaugurato la serata più glamourous di questo 2017. Lo stile “diavolessa” ha colpito nel segno.

2413797_0835_metgala2

Ma la vera regina, almeno secondo il web, è stata Rihanna che con un mini abito, effetto enorme mazzo di fiori, ha reso omaggio a Rei Kawakuba, la stilista giapponese alla quale quest’anno era dedicata la serata del Met Gala 2007, indossando un abito firmato Comme des Garçons, della collezione invernale 2016. Quest’anno – infatti – il Costume Institute Gala con la mostra “Rei Kawakubo / Comme des Garçons : Art of the In-Between” celebra non solo una delle stiliste più influenti degli ultimi 40 anni (così la definisce il curatore Andrew Bolton), ma anche la più avanguardista. Con «Art of the In-Between», Kawakubo diventerà la seconda stilista vivente, dopo Yves Saint Laurent nel 1983, a cui il museo sulla Quinta Strada ha mai dedicato una retrospettiva. E il red carpet non poteva non essere all’altezza. E allora ecco sfilare sul red carpet look stravaganti e decisamente fuori dall’ordinario: dalla tuta di pizzo effetto seconda pelle della top Bella Hadid all’abito sirena ricoperto di piume di Blake Lively. Il gala è stato tenuto a battesimo, oltre che dalla direttrice di Vogue Anna Wintour, da Katy Perry, Tom Brady, Gisèle Bundchen, e Pharrell Williams. A ricevere i 600 vip che hanno pagato 25 mila dollari a ingresso (l’anno scorso gli incassi sono stati di 13.5 milioni) anche la Kawakubo, scortata dall’ex ambasciatrice di Barack Obama in Giappone, Caroline Kennedy.
Godetevi questa fotogallery di misè da perdere la testa.

Kate Moss ingrassata e gonfia sul red carpet

Cos’è successo a Kate Moss? Qualcuno ce lo dica, o almeno qualcuno lo dica al web che se lo sta chiedendo a gran voce dopo la diffusione delle foto dell’ultimo Amfar Gala.

2411769_kate4

L’esile musa di Calvin Klein e altri very famous couturiers, la sposa hippie stracopiata da chiunque abbia detto “sì” dopo di lei, l’eterna ragazzina che ancora sorride in maxidress e Adidas Gazelle negli scatti d’antan (furbescamente ripresi per la promozione del nuovo modello dell’iconica sneaker) ha ormai una certa età, va bene: ma è apparsa veramente troppo cambiata sul red carpet brasiliano del popolare evento di beneficenza.
Ingrassata, gonfia in viso (ritocchino ci cova?), e soprattutto dimentica delle regole basilari della moda, secondo le quali un vestito di velluto tutto fa tranne che snellirti. L’ultima comparsata recente dell’icona Kate era stata nel corto Red Nose Day Actually, seguito del popolare film Love Actually, insieme a Mark che dopo 10 anni tornava alla porta di Juliet portandosi dietro la moglie top model (Kate, per l’appunto). E già lì, di fronte a una Keira Knightley ancora giovane e bella come il sole, avevamo pensato che al povero Mark non fosse poi andata troppo bene.

Fashion Week: party e sfilate, ecco chi c’era

C’è chi ama correre da una sfilata all’altra, chi fatica ad organizzarsi e a ritagliarsi il tempo per vestire il ruolo di guest star nei parterre, chi seleziona gli eventi a cui partecipare, ma tutte alla fine non riescono a rinunciare alla Milano Fashion Week.
Alessia Reato e Aida Yespica erano allo stiloso party Falconeri, Federica Fontana ed Eliana Miglio ineditamente sexy alla sfilata di Kristina TI, Barbara Snellenburg in total black per Frankie Morello.

C_2_box_25608_upiFoto1F

Simona Ventura in splendida forma ha presenziato all’evento del suo “coach” di Selfie, Mariano Di Vaio.
“Vivetta è molto divertente, simpatica, ti mette di buon umore – racconta Natasha Stefanenko, che confessa di adorare lo stile casual ricercato, le piace essere comoda ma stilosa – Stasera arriva mia figlia Sasha, andrò a un evento con lei: è alta 1.80 e calza il 41… aiuto”. Pronta ad avviare la figlia nel mondo della moda, Natasha aggiunge severa: “Le consiglio di essere se stessa e studiare, il resto arriva”.
“Quest’anno ho deciso di tagliare un po’: prima andavo a tutte le sfilate, ora seleziono di più” confida Elena Barolo che guarda i capi in passerella sognando una collezione tutta sua: “Mi piace molto disegnare – da bambina anziché studiare greco e latino disegnavo la moda – il mio vestito da sposa me lo disegnerò al 50%”.
Anche Tina Kunakey nel parterre di Giorgio Armani. Melissa Satta è andata a vedere Diesel.
Katia Noventa e Costanza Caracciolo erano al cocktail anni 70 di Sara Giunti, Cecilia Capriotti è andata dall’amica Ludmilla Radchenko, Belen Rodriguez, come di consueto, era da Moschino e Fausto Puglisi.
La corsa tra i parterre milanese per Justine Mattera è un’avventura: “Difficile per me organizzare i bambini e tutto quanto, sembro frivola qua, ma partecipare è diventato un lavoro serio per molte persone…”.
Giulia Salemi, prezzemolina tra sfilate ed eventi quasi quanto Roberta Ruiu, ha sfoggiato borse griffatissime, regalandosi per la Fashion Week, un nuovo hairlook con ciocche di capelli grigi.
“Amo questo tipo di atmosfera, schizzare da una parte all’altra togliere le scarpe in macchina” racconta Clizia Incorvaia mentre si spoglia prima di guardare la sfilata di Luisa Beccaria. Vuole mostrare l’abito sexy e leggerissimo, non le importa del freddo e posa sorridente e felice come una bambina: “Sono curiosa di vedere cosa la moda ci propone, le novità… Sono un’eclettica, mi piace giocare e penso che le donne debbano osare”.

La top model mangia ricci sul lungomare di Bari: il nuovo spot di D&G

La supermodella olandese Rianne ten Haken che mangia golosamente ricci sul lungomare di Bari e che sfila, assieme a due donne del posto, per le strade del Borgo antico tra i telai sui quali sono stese ad asciugare le orecchiette. Sono immagini e foto della nuova campagna pubblicitaria di Dolce e Gabbana postate su Instagram dallo stilista Stefano Gabbana.

Un fermo immagine tratto da un video postato sulla pagina Facebook di Stefano Gabbana mostra la top model olandese Rianne ten Haken mentre assaggia un riccio di mare sul lungomare di Bari. 16 febbraio 2017. ANSA/ FERMO IMMAGINE INSTAGRAM STEFANO GABBANA +++ NO SALES - EDITORIAL USE ONLY +++

L’ultimo filmato caricato oggi ritrae la modella che mangia un riccio a ‘N-dèrr’a la lanze’, il mercato del pesce sul lungomare di Bari con sullo sfondo il teatro Margherita. Uno dei video che ha finora ricevuto più visualizzazioni è però quello di una venditrice di orecchiette che, in dialetto barese, offre una sedia alla modella costretta a camminare sulle ‘chianchè della città vecchia su tacchi vertiginosi. Molte visualizzazioni anche per il video (con titolo in inglese) di un’anziana che parla in dialetto strettissimo e con il commento dello stilista che dice: ‘Io ADORO queste persone’.

Un’infanzia in calzoncini per George

Kate Middleton è stata premiata come fotografa, per gli scatti fatti ai figli. Le foto del principe – con giubbotto e gambe scoperte per il primo giorno di scuola, con calzettoni alti mentre mostra la sorellina neonata, vestita di lana – ripropongono la questione pantaloni. George non ha scelta: almeno fino all’età di 8 anni il principe di Cambridge sarà costretto ad indossare i calzoni corti.

george_inghilterra_pantaloni_corti

Poco importa se le guanciotte sono arrossate dalle rigide temperature, se le gambine sono infreddolite o se mamma Kate e papà William sono al calduccio in giacche e cappotti. In qualsiasi occasione, George compare sempre nei suoi calzoncini.
Anche per l’ultima apparizione pubblica, la messa di Natale a Englefield, il piccolo di casa Windsor ha sfoggiato la sua divisa d’ordinanza: sotto il cappotto doppiopetto ecco spuntare le braghette. Pepa and Company, Mayoral e Doña Carmen sembrano essere i brand preferiti della royal family.
Il motivo non è da attribuire a strani vezzi modaioli di mamma Kate Middleton bensì alla rigida etichetta inglese.
Secondo l’esperto William Hanson infatti “è un’usanza tipicamente inglese. I pantaloni lunghi sono per i ragazzi più grandi e gli adulti, mentre i pantaloni corti sono una silenziosa affermazione delle etichette sociali in Inghilterra. Sebbene i tempi stiano (lentamente) cambiando, un paio di pantaloni lunghi su un bambino è considerato ‘borghese’, quasi provinciale. E nessun nobile con un minimo di amor proprio vorrebbe essere assimilato a chi vive in periferia, men che meno la Duchessa di Cambridge”.
Zio Harry e papà William hanno passato l’infanzia in calzoncini corti così come centinaia di bambini nobili in giro per il Regno Unito prima e dopo di loro. Anche se oggi si tende a vestire i bambini britannici con un abbigliamento più funzionale e soprattutto caldo, per i reali d’Inghilterra il dress code non si cambia. In fondo bisogna far capire al popolo che George avrà anche le braghe corte ma il portafoglio è bello pieno.

La guerra del Belfie: chi è la regina di Instagram?

Il belfie, o backside selfie, è diventato oramai una moda diffusa sui social e molto gradita dai followers. In molti si chiedono chi sia la regina di questa particolare disciplina, che deve essere scelta tra numerose webstar con milioni di fan.

2125328_belfiereginainstagram

Le due candidate più accreditate per il ruolo sono Sommer ray, qui impegnata nel “classico” video nataliL’account di Sommer Ray è pieno di foto del suo notevole lato b, con tanto di cura dell’illuminazione e, presumibilmente, capelli e trucco di squadra. La 20enne modella e esperta di fitness ha dedicato infatti al proprio florido sedere il suo account Instagram. Il tempo che Katya Elise Henry non spende a tenere in forma i suoi glutei, lo passa a farsi belfie e pubblicarli su Instagram. Ma c’è anche un’altra stella del belfie tra le candidate, si tratta della webstar Abigial Ratchford: zio:e la rivale Katia Elise Henry.

Stesso look, età diversa: sfida tra generazioni

Le star (così come tutte le altre) vorrebbero un magico elisir di giovinezza. Purtroppo la pozione magica non esiste ancora e per ora non resta che buttarsi su palestra, cremine e qualche ritocchino. Questi rimedi sembrano funzionare perché i red carpet sono pieni di star sempre bellissime e pronte a mostrare le forme, ancora perfette. Così spavalde da non avere alcuna paura a vestirsi come le colleghe ben più giovani, in una gara di look tra generazioni.

vestite-uguali-vecchie-giovani

Punta sul nudo Anna Dello Russo, che non ha certo vergogna a spogliarsi e copia l’outfit Roberto Cavalli di Chiara Ferragni.
Provocatoria e sopra le righe Amanda Lear sfila con lo stesso abito-trench Jean Paul Gaultier for OVS di Bianca Balti ma, a differenza della top, la musa di Dalì sotto non indossa gli shorts.
Sfida regale tra Rania di Giordania e Lossie Moss, fotografate con un abito Balmain di colore diverso. Ma qui non c’è gara, la regina vince a mani basse.
Impossibile non notare il total yellow Stella McCartney sfoggiato da Kylie Minogue e Taylor Schilling, sorridenti e impeccabili entrambe.
Chiudiamo con due bombe sexy italiane, Manuela Arcuri e Alessia Macari, nere e pizzate. Chi sta meglio? Scopri tutte le star con lo stesso outfit ma un’età diversa.