Ferzan Ozpetek e la scena hot della Mezzogiorno: “Giovanna mi disse: “Non tagliare niente””

Napoli in versione mistery a cavallo tra realtà e immaginazione, riti magici e trasgressioni sociali, fastose case nobiliari, vicoli che nascondono tesori d’arte. Una donna con i suoi segreti, i suoi traumi, le sue ossessioni. E una realistica scena di sesso, di un’audacia mai vista al cinema, interpretata con convinzione e senza pudori da Giovanna Mezzogiorno e Alessandro Borghi: Ferzan Ozpetek torna a puntare sulle emozioni forti e fa centro con Napoli velata, il suo nuovo film film atteso in sala il 28 dicembre (con Warner Bros). Nel cast anche Anna Bonaiuto, Lina Sastri, Isabella Ferrari, Luisa Ranieri, Maria Pia Calzone, Peppe Barra.

3439848_3435881_1732_mezzoAll’insegna di colpi di scena e rivelazioni, Napoli velata prende le mosse dalla notte di eros sfrenato che la protagonista, medico legale, vive con un fascinoso sconosciuto incontrato ad una festa. I due decidono di rivedersi, ma gli eventi precipitano e la vita della donna prende una piega inaspettata, destinata a intrecciarsi con il suo passato. Ozpetek, 58 anni, racconta la sua sfida.

Come le è venuta l’idea?
«Da un incontro avvenuto a Istanbul, a cena dalla mia attrice e amica Serra Yilmaz. C’era un’affascinante anatomo-patologa che si congedò presto perché il mattino dopo, prestissimo, doveva praticare un’autopsia. Ho cominciato a pensare cosa sarebbe successo se sul tavolo settorio avesse trovato qualcuno che conosceva… Questa idea non mi ha lasciato più e il film ha preso corpo».

Di Napoli, una città fin troppo frequentata dal cinema, cosa ha voluto dire di nuovo?
«Ho cercato di esaltare la sua cultura, antica e magica, evitando come la peste gli stereotipi, il folclore, l’effetto cartolina. Ho filmato la Figliata, il rito in cui un uomo partorisce dietro un velo: e proprio il velo, steso su alcuni monumenti e dipinti di Napoli, è la chiave per capire la città. Ci sono cose che preferiamo non vedere con nitidezza».

E cos’è che lei non vuole vedere in questo momento?
«La battaglia che mio fratello sta combattendo contro il tumore. È un dolore enorme che tuttavia ha una sua funzione: alleggerisce la tensione per l’uscita del film. Tengo moltissimo al mio lavoro, ma la vita viene prima».

Cosa l’ha esaltata di più in questa sua nuova avventura?
«Stravolgere il look alle attrici: a Bonaiuto ho messo i capelli bianchi, a Sastri un caschetto biondo, a Ferrari una lunga chioma nera».

È stato difficile convincere Mezzogiorno e Borghi a girare la lunga scena erotica?
«Sul set ho raccomandato ai miei attori: sentitevi liberi, ma non voglio gesti banali. E loro, bravissimi, si sono messi in gioco completamente. Poi, rivedendo la sequenza al montaggio, ho avuto un momento di panico: temevo che Giovanna mi chiedesse di tagliare».

Lo ha fatto?
«No! Anzi, mi ha chiesto di lasciare la scena intatta dal momento che Borghi e lei si erano impegnati tantissimo».

A che tipo di spettatori punta?
«Il tono mistery del film potrebbe allargare ulteriormente il mio pubblico, che da me si aspetta storie di sentimenti. Ma non m’importa se al cinema andranno in tanti o in pochi. L’importante è sempre condividere le emozioni».
È cambiata la sua vita da quando si è unito civilmente con il suo compagno Simone?
«Non direi. Abbiamo messo la firma in municipio per tutelare una serie di diritti pratici, ma niente anelli, fiori o banchetti. Non abbiamo voluto scimmiottare il matrimonio tradizionale».

Cosa pensa dello scandalo delle molestie nel cinema?
«Io non ne ho mai sentito parlare, anche perché non frequento persone del mio ambiente né intellettuali. I miei amici fanno gli impiegati, i dentisti, i giornalai».

Nato a Istanbul, vive a Roma da 40 anni, è cittadino onorario di Lecce e ora si è innamorato di Napoli. Dove si sente a casa?
«A Roma, ma da vecchio voglio vivere a Lecce, che amo tanto, oppure a Napoli, una città di cui ho intercettato l’esplosione culturale. Ho girato il film nella casa del principe Caracciolo che ospitò le riprese di L’oro di Napoli e Viaggio in Italia. Sono stato fortunato».

Veridiana De Moraes avverte Aida Yespica: “Quando eri al Grande Fratello Vip Geppy ha fatto l’amore con me”

“lo e Geppy abbiamo un rapporto complicato. Per lui ho lasciato il compagno con cui stavo da sei anni e dal quale ho avuto tre figli. Siamo sempre stati innamoratissimi, ma a causa della sua gelosia ci siamo presi e lasciati più volte”.

3430294_1431_veridiana_de_moraes_contro_geppy_lamaLa storia fra Aida Yespica e Geppy Lama è finita, come ha fatto sapere la stessa showgirl, ma durante il GfVip, quando ancora erano fidanzati, lui avrebbe avuto un ritorno di fiamma con la sua ex, la corteggiatrice Veridiana De Moraes, ex corteggiatrice di Uomini e donne: “Prima ancora che lei baciasse Jeremias – ha raccontato a “Vero” – Geppy mi chiese di raggiungerlo, gli dissi di no e venne lui da me. Quella sera facemmo l’amore.
A lei non l’ha detto. Quando Aida è uscita dalla Casa gli ha chiesto se aveva fatto il bravo e lui ha risposto di sì. Solo due sere prima, invece, Geppy e io siamo stati insieme a casa mia”:
Lei assicura di non essere in cerca di pubblicità: “Tutta Napoli sa cosa c’è tra di noi. Tutti sanno quanto ci siamo amati. Ho decise di parlare perché mi sono sentita, presa in giro da un uomo che dorme con me e poi va in Tv da un’altra”.

La rinascita di Higuain: risboccia l’amore con Lara e porta con sé la cicogna

Un carattere decisamente forte quello di Gonzalo Higuain, l’uomo non si tira dietro a nessuna sfida, nel calcio come nella vita privata. Lo ha dimostrato tante volte sul campo, e ora si trova ad affrontare nuove situazioni anche in ambito personale. Nei mesi scorsi la preoccupazione per la salute della madre, ma per fortuna il peggio è stato superato e Nancy s’è ripresa alla grande. E ora una lieta notizia: a quanto pare, c’è stato un nuovo avvicinamento con Lara, la bella argentina con la passione per la pittura (proprio come mamma Nancy) che lo aveva accompagnato negli ultimi mesi a Napoli.

CoY1lXNXYAALmhwDopo il trasferimento del Pipita a Torino ci fu una lunga rottura, fino a quest’estate, quando pare sia sbocciato nuovamente l’amore portando anche i suoi frutti: un bimbo o una bimba che secondo la Gazzetta dello Sport potrebbe arrivare in primavera.
Una storia nata diversi anni fa: Lara era un’amica di famiglia, aveva partecipato ad alcune iniziative sociali in Argentina dove anche anche Nancy prestava il suo contributo, e da tempo si diletta nella pittura e in diverse forme d’arte. Con Gonzalo un’amicizia nata in età adolescenziale sbocciata in amore proprio negli ultimi mesi dell’esperienza napoletana del giocatore.
Non è facile però star dietro ad un grande campione con il suo carattere particolare: testardo, diffidente (conta solo sui familiari più stretti), difficilmente chiede scusa. E così si sono allontanati nell’estate 2016. Quasi un anno senza vedersi: lei tra Madrid e l’Argentina, lui a Torino. Fino a quest’estate, quando c’è stato l’avvicinamento. E pare sia stata chiamata in causa pure la cicogna questa volta, per sancire maggiormente la loro unione. D’altronde lui ha sembre sognato una famiglia numerosa e tanti bambini: al momento giusto, ovviamente. E se fino a qualche mese fa sarebbe stato ancora presto, ora evidentemente qualcosa è cambiato: il Pipita è pronto a diventare papà.

Dzemaili, fine dell’idillio con Erjona: l’ex del Napoli lascia la moglie e le nega il cognome

«L’avvocato Daniela Missaglia, in nome e per conto del signor Blerim Dzemaili, comunica che il proprio assistito ha avviato le pratiche per la separazione giudiziale dalla moglie, signora, Erjona Sulejmani, a fronte di una crisi perdurante».

lady_Dzemaili4Questo il comunicato diramato oggi per ordine dello stesso Dzemaili, una comunicazione con cui l’ex calciatore del Napoli chiude ufficialmente il rapporto con la ex compagna spesso sotto i riflettori dei social network.
L’ex Lady Dzemaili è fra le protagoniste del programma “Le Capitane”, programma Tv incentrato proprio sulle «wags», mogli e compagni dei calciatori. Ed è proprio questo che deve aver innervosito lo svizzero. «In questa delicata fase, il signor Blerim Dzemaili stigmatizza l’utilizzo, da parte della moglie, del cognome Dzemaili nell’ambito del suo lavoro di modella e presentatrice, precisando altresì che, laddove la stessa utilizzi vicende personali e private − che debbono rimanere tali – egli si riserva di agire a tutela dell’onorabilità e riservatezza propria e del figlio», ha scritto il suo avvocato.

Lady Mertens a luci rosse: «Ora con Dries tutto ok, amo fare l’amore nei bagni dei treni»

È tornata la serenità a casa Mertens, la storia fra Dries e Kat si è conclusa col lieto fine: via le voci di crisi, la lady azzurra ammette che insieme sono ancora più affiatati di prima. «Le difficoltà con Dries sono acqua passata, adesso va tutto a gonfie vele», ha confessato nel corso di una trasmissione Tv sul canale fiammingo Vier.

e1e8f8e7-f906-425f-a095-f850c14d3337Un’atmosfera particolare per un’intervista insolita: il presentatore ha chiacchierato con la moglie del campione belga in un letto, e il tema centrale del colloquio è stato proprio il suo rapporto col compagno.
Una ragazza intraprendente Kat, di sicuro non la solita mogliettina che aspetta a casa il marito. Sempre in giro per il mondo con le amiche del Belgio, ed anche a Napoli è spesso in loro compagnia lasciando Dries libero di uscire con i suoi amici e con i compagni di squadra. Questo da sempre. Un rapporto libero per due ragazzi che si conoscono da oltre quindici anni, cresciuti praticamente insieme. Ma nella particolare intervista non sono mancate rivelazioni scottanti sulla loro vita di coppia: «In pubblico mi comporto da signora, ma a letto sono eccentrica. Il sesso è importante e penso che quando sei sicura di te a livello sessuale le cose vanno meglio in generale». Ma non si ferma a questo. Svela anche alcune inusuali esperienze: «Mi piace farlo nei luoghi più insoliti, come i bagni dei treni: mi piacciono tanto».
E come nella bocca della verità, non si ammetto bugie. Così Lady Mertens ammette anche di essersi sottoposta a qualche ritocchino: «Ho fatto ricorso alla chirurgia estetica in passato: ho dovuto ridurre il seno, era troppo grande».

Naike Rivelli ha compiuto 43 anni ma sogna di festeggiare così…

Naike Rivelli è ormai nota al pubblico social per le sue provocazioni hot. Il dieci ottobre scorso la figlia di Ornella Muti ha compiuto 43 anni e ha scelto di festeggiare a Napoli.

3301641_1359_collage_2017_10_14_8_Su Instagram si è fatta gli auguri con un’immagine equivoca. Con il suo corpo emerge da una banana.
In un post ancora più recente invece mostra una piccola Gif di un corpo in tanga su un tappeto di marijuana. Nella didascalia la confessione di sognare l’erba.

Naike Rivelli nuda in balcone: “Napoli amore mio”, tra i tag anche il chirurgo plastico

«Napoli amore mio» scrive l’esuberante Naike Rivelli a commento del  post pubblicato poco fa sulla sua pagina Instagram e subito preso d’assalto dai suoi fan.

naike rivelli nuda napoli_05115959Ad estasiare la figlia di Ornella Muti, famosa per le sue provocazioni sexy sempre più virali, è il panorama mozzafiato che si ammira dal balcone di una casa a Mergellina che la ospita in queste ore e che si è trasformato per l’occasione nel palcoscenico di un balletto ironico e sensuale che vede la bella Naike saltellare modello fitness in completo intimo ghepardato.
C’è da scommettere, però, che almeno i maschietti saranno stati colpiti da qualche altro aspetto del post e soprattutto da quello, quasi contemporaneo, che la ritrae di spalle e nuda in posa da polena, coperta solo da una stellina aggiunta al computer.
Una foto artistica, nelle intenzioni della sua protagonista, che svela peraltro alcuni nomi degli amici napoletani di Naike puntualmente taggati e tra i quali spicca anche quello di un noto chirurgo plastico di Chiaia.

Naike Rivelli hot, allenamento in balcone a Napoli

3280329_1447_thumbnail_1140410Naike Riveli in trasferta a Napoli, ma non rinuncia a tenersi in forma…a modo suo. Anziché indossare tuta e scarpette, la figlia di Ornella Muti preferisce sfoggiare una lingerie sexy, e invece di una palestra approfitta del balcone vista mare sul golfo.

E’ nato Ettore, il figlio dell’olimpionica Elisa Di Francisca

JESI – E’ nato Ettore, il figlio di Elisa Di Francisca. Ettore è figlio di Elisa e Ivan Villa, produttore tv, ed è nato a Napoli. Elisa, due ori olimpici a Londra 2012 e argento ai Giochi di Rio lo scorso agosto, aveva annunciato la notizia della sua prossima maternità in una intervista. Il piccolo è venuto alla luce alle 11.37, pesa 3,430 kg, ed è lungo 52 centimetri. Secondo alcuni parenti della Di Francisca, al momento, «assomiglia tutto a papà».
«Aspetto un bimbo, ci voleva.

aaa-difranciscaEra quello che mancava alla mia vita. L’ho scoperto a fine novembre. Sono al quarto mese e la pancia un po’ si vede. La trovo bellissima. Sarà la mia impresa più grande». Un pensiero, quello della maternità, di cui Elisa aveva parlato già al ritorno dalle ultime Olimpiadi: «Mettere su famiglia è il sogno di ogni donna e pure per me, sarebbe bellissimo. I bambini sono il senso di tutto. Verrà quello che Dio vorrà». Ma anche prima di salire sulle pedane dei Giochi brasiliani l’idea di un figlio era stata vicina alla campionessa. «Nei momenti di maggiore tensione emotiva, per calmare l’ansia da fatica, immaginavo di cullare un bambino che urlava come il mio cervello. Lo accarezzavo. E lì stavo bene. E lui si calmava». Quanto alla scelta del nome, la fiorettista ha spiegato: « Ettore è un nome che piace a entrambi e mi piace porti il nome di un grande uomo. Adoro gli eroi, non solo quelli della mitologia greca. Voglio che mio figlio cresca con grandi valori». Dopo Rio, Elisa si è trasferita a Roma, dove abita con Ivan.

A Napoli lo strano caso dell’alieno che approccia le ragazze: ecco chi è

Strage di baci a Napoli e in provincia. È diventato un vero e proprio fenomeno. Addirittura c’è chi non cerca più il principe azzurro ma va a caccia di un alieno, almeno per un bacio portafortuna o un selfie. Per giorni donne incredule hanno accettato corteggiamenti, avances e aperitivi da parte di un Ufo.

2584834_FullSizeRender_5A cedere persino gli uomini approcciati nei luoghi più svariati che hanno accettato di lasciarsi baciare sulle labbra. Anche se alcune ragazze, per lo spavento, hanno reagito a schiaffi.
L’alieno non è un maniaco. Si chiama Alvin. Sarà nel cast del film “Era giovane e aveva gli occhi chiari” (in concorso anche al Social World Film Festival) del regista Giovanni Mazzitelli e prodotto dalla scuola e centro di produzione Cinemafiction di Napoli. Nel lungometraggio l’alieno interpreterà l’amico del protagonista: un marziano con problemi amorosi tradito dalla ragazza con un Venusiano. Ma come per gli umani, anche l’Ufo, se n’è subito fatto una ragione.