Pesce zombie perde la testa e continua a nuotare per giorni, le immagini choc

Viene decapitato da un altro pesce ma continua ancora a nuotare a distanza di giorni. Un pesce rosso è stato ripreso mentre nuota dopo 3 giorni dal suo “incidente” senza la testa.
A riprendere la scena è il proprietario dell’acquario che mostra l’animale, divenuto inspiegabilmente verde, muoversi in acqua senza la testa.

3324748_1605_pesce_decapitatoIl proprietario ha spiegato che qualche giorno prima, un altro pesce dell’acquario lo aveva aggredito staccandogli la testa, ma il pesciolino rosso, come uno zombie, non è morto ma ha contiuato a notare senza il capo. Il video, che viene dal Taiwan, nella sua versione integrale mostra la testa del pesce nel filtro.
Le immagini, che hanno fatto il giro del mondo, hanno sconvolto molti utenti che hanno ipotizzato diverse soluzioni, come riporta anche il Daily Mail: chi ha parlato di un riflesso incondizionato dovuto a fasce nervose, chi di una mutilazione non fatale e chi ha anche parlato di pesce zombie.

Carlo Cracco, un inedito “sirenetto” al mare con la famiglia

E’ un Carlo Cracco inedito quello paparazzato da Diva e Donna al mare, in Sicilia, insieme alla compagna Rosa – di quasi 17 anni più giovane – e ai loro figli Pietro (5) e Cesare (3). Lo chef 51enne appare sereno e rilassato mentre, da bravo papà, insegna a nuotare ai bambini, e non rinuncia anche a una gita in barca per ammirare le bellezze del posto.

C_2_articolo_3083884_upiImageppCon il cappellino con la visiera al contrario, in stile teenager, il “re dei fornelli” mostra i propri addominali… un po’ rilassati. A giudicare però dai grandi sorrisi e dall’intesa con la sua Rosa, il cuoco più affascinante della televisione è in grande forma, soprattutto in vista del suo futuro professionale. Cracco, infatti, sarebbe pronto a traslocare il suo ristorante milanese in galleria Vittorio Emanuele.
Oltre a Cesare e Pietro, Carlo Cracco ha due figlie avute da un precedente matrimonio (Sveva, di 15 anni e Irene, di 11). Con Rosa, incontrata a uno showcooking nel 2009, l’intesa è stata immediata, un vero e proprio colpo di fulmine.

Incinta alla 39esima settimana, la campionessa si allena alla boxe thailandese e posta il video: polemiche su Fb

Non è una novità vedere sportive in gravidanza che si allenano o gareggiano, ma il video postato sul profilo Facebook della futura mamma australiana Caley Reece, alla 39sima settimana di gravidanza, è un inedito. Caley ha scritto come didascalia al video virale. “C’è così tanto che non posso fare……… ma questo non significa che devo rinunciare. Significa semplicemente che faccio quello che posso”.

13932899_1167568426598288_7370696773627512713_n

Per la sei volte campione del mondo di Muay Thai, la gravidanza non deve significare mancanza di mobilità. Rivolta ai commentatori che hanno espresso preoccupazione e il dubbio che lei stesse mettendo in pericolo il suo bambino, ha detto: “Non c’è più pericolo che correre a piedi o nuotare in una piscina. Io e mio marito abbiamo fatto questo per 40 anni, se sommati. Non bisogna smettere di fare ciò che ti piace. C’è sempre un modo per aggirare tutto”.
In una recente intervista, Reece ha dichiarato: “La gravidanza non è una malattia. Non è un motivo per smettere di vivere ma per iniziare a prendersi cura di sé. Si sta creando la vita, quindi è necessario essere in buone condizioni fisiche e mentali”.  Ma le critiche non sono mancate nei commenti “Potete immaginare un bambino dentro quella pancia ?? Ragazze, rispettare il vostro bambino vuol dire riposare e avere una gravidanza tranquilla “, un altro ha scritto, ancora più critco e duro: “Vai a casa a fare una torta”. Ma Caley sostiene di poter essere una mamma in super-forma, proprio facendo la sua solita vita in palestra.