Sirene in calendario, cʼè anche la cugina della Canalis

Un’altra Canalis si fa largo nel mondo dello showbiz. Davanti all’obiettivo del fotografo Enrico Ricciardi ha posato Livia Canalis, modella e cugina della ex velina Elisabetta che ora vive negli Usa con il marito Brian Perri. Martedì sera a Milano verrà presentato il calendario che vede protagoniste 25 modelle – tra cui la Canalis – fotografate da Ricciardi per il suo progetto “Lake Sirens”

C_2_articolo_3105663_upiImageppRicciardi realizza da oltre 20 anni calendari per importanti aziende ma è anche e soprattutto conosciuto per i suoi progetti benefici. Per il 2018 il fotografo ha deciso di rispolverare gli storici paesaggi notturni di laghi in bianco e nero, realizzati con la mitica Hasselblad 500 C/M e pellicola Ilford per poi digitalizzarli ed usarli come background per creazioni digitali unendole in postproduzione alle immagini di ben 25 splendide… sirene! Il calendario, pubblicato in tiratura limitata (mille copie), sosterrà l’associazione Freedom of Moving.

Chiara Ferragni mostra il lato b sui social, Fedez la bacchetta

Ancora una volta Chiara Ferragni fa parlare di sé, ma questa volta il primo a rimproverarla è proprio il suo fidanzato, Fedez. Proseguono le vacanze per i due che dopo Positano e Capri, sono arrivati in Sicilia, nella splendida Taormina.

2599510_1648_ferragni23Oltre ai paesaggi mozzafiato, la fashion blogger ha regalato ai suoi fan lo spettacolo del proprio lato B e di un topless mostrato dal retro. “Sicilia bedda (and being half sicilian makes me super proud)” è la didascalia che accompagna la foto in questione.
Tra i vari commenti- alcuni entusiastici altri di disapprovazione per un corpo giudicato troppo magro – spunta anche quello di Fedez. “Cosa c’entra questa didascalia con la foto del tuo culo?”, scrive il rapper, con tanto di faccina pensierosa. All’intervento di Fedez è seguita una pioggia di commenti di apprezzamento per la sua ironia. Sta di fatto che, nel giro di poche ore, la foto della Ferragni ha superato i 303mila like.