Ilary stava meglio bionda? In rete i paragoni

Grande Fratello Vip? Sui social network i capelli di Ilary Blasi tengono banco più degli screzi tra i concorrenti. Il cambiamento di look della conduttrice è diventato argomento di discussione. Tanti i detrattori, ma c’è anche chi lo ha apprezzato. Durerà anche dopo la fine del reality? Si accettano scommesse.

C_2_box_42931_upiFoto1FIl look sexy, top Diesel e pantaloni Dondup, tutto sommato è passato inosservato. Ilary Blasi ha scelto di nuovo il nero, come per la prima puntata, ma puntando su un mood decisamente più sportivo. La schiena nuda è un grande classico peccato sia rimasta coperta dai capelli. I pantaloni a zampa hanno destato qualche perplessità ma con i tacchi Le Silla l’effetto era comunque equilibrato. Comunque, il suo outfit è passato in secondo piano rispetto alla chioma.
“Finalmente s’è tolta quel giallo menopausa – Tutta la vita questo colore – Colore molto bello, ritorno ai vecchi tempi! – Quel giallo non mi piaceva proprio” scrivono i fan di Ilary Blasi che apprezzano la nuova tinta.
I commenti negativi, a dire la verità sono la maggioranza, i più esilaranti sono i paragoni con altri personaggi: “E’ stata dallo stesso parrucchiere di Paola Marella? – Ilary ha rubato i capelli a Flora delle Winx – Biondo dorato e il suo colore: così sembra Mara Venier! – Meglio bionda, sembra Laura Ravetto – Sembra la contro figura di Sharon Stone – I capelli color Goleador Coca Cola anche no Ilary“. Non mancano riferimenti a Loredana Lecciso o a Roberta Bruzzone.
Insomma, questo colore Wild Tiger, realizzato dal suo parrucchiere di fiducia Solidani Salon di Roma, nel bene o nel male, inizia a farsi conoscere.

Kekko dei Modà: “Cambio vita e divento regista”

A inizio estate i Modà avevano sconvolto i fan, annunciando che si sarebbero presi una pausa. Il frontman Kekko Silvestre ha infatti deciso di dare una svolta alla sua vita, buttandosi sul cinema e mettendosi di nuovo in gioco. “Sto iniziando da zero, anzi da sottozero, con il mio primo film” ha raccontato a Chi “Il mondo del cinema è una giungla a me sconosciuta, con personaggi che ti trattano come un cretino. Ma va bene così”.
“Questo per me è un periodo tosto.

C_2_articolo_3089409_upiImageppAvevo bisogno di staccare, di stare con la mia famiglia” ha ammesso Kekko, che si è concesso una pausa a Formentera con la compagna Laura, al suo fianco da vent’anni, e la figlia Gioia di 6 anni.
Il cantante sta infatti lavorando al copione del film “Cash”, tratto da una storia vera, da ben tre anni e conta di portarlo in sala a gennaio 2019. Intanto sta cercando i protagonisti, anche se non tutti i candidati lo trattano con il dovuto rispetto: “Sto mettendo in piedi il cast con attori di prim’ordine. Alcuni sono davvero umili, persone che non ti guardano dall’alto in basso solo perché vieni dalla musica. Altri? No comment”.
Nonostante le difficoltà, però, Kekko va dritto per la sua strada senza lasciarsi abbattere da nessuno: “Non mollo. Vivo giorni di grande fragilità e sensibilità, ma questo scatena in me una forte… libidine! Sono pronto per questa nuova sfida!”.

Pubblicità occulta: Belen si mette in regola

Le lettere di “moral suasion” sono partite e alcune celebrities iniziano ad adeguarsi. L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato si sta occupando del fenomeno dell’influencer marketing nei social media, a tutela degli internauti. Le terme gratis, il vestito regalato, persino l’etichetta del vino sulla tavola, se omaggio del ristorante: tutto ciò che è sponsorizzato va esplicitato in maniera chiara pure sui social network.

C_2_box_38213_upiFoto1VL’Antitrust ha chiarito che la pubblicità deve essere chiaramente riconoscibile come tale, anche sui profili social dei personaggi famosi. Ogni volta che un blogger-influencer gode di un vantaggio (siano essi prodotti regalati, servizi omaggio o contratti pubblicitari) pubblicando un prodotto o un marchio, ciò deve essere chiaramente specificato ai follower-consumatori, tramite l’uso di diciture apposite, sotto forma di hashtag.
Affinché l’intento commerciale di una comunicazione sia chiaro al consumatore e non percepito come consiglio personale e disinteressato del proprio beniamino, andranno usati #sponsorizzazione, #spot, #pubblicità, #inserzioneapagamento, #advertising, #prodottofornitoda.
L’Autorità Antitrust, con la collaborazione del Nucleo speciale Antitrust della Guardia di Finanza, ha inviato delle lettere ad alcuni influencer invitandoli ad adeguarsi al codice di comportamento contro la pubblicità occulta. Lettere che hanno subito dato i propri frutti: le prime a mettersi in regola sono stata Belen Rodriguez e Melissa Satta.
L’argentina ha subito inserito “#advertising” a fianco ad una foto in cui compare con una maglietta McDonalds; stesso hashtag usato dalla Satta di fianco al marchio Boy London e nel post successivo con un bikini EffeK. Tutto tace sui profili social di Chiara Ferragni, che dell’influencer marketing ha fatto una professione, mentre il fidanzato Fedez ha usato un timido #ad: sarà l’abbreviazione di advertising?

Rita Ora si fa (nuda) in tre per Natale

Il calendario dell’avvento si fa ogni anno più sexy. Altro che bambini impazienti di aprire le caselline per trovare cioccolatini e piccoli doni, da qualche stagione a questa parte l’attesa è solo per il Love Advent Calendar, l’appuntamento virtuale pensato dal magazine inglese che svela, giorno dopo giorno, le protagoniste svestite del suo calendario natalizio.
Rita Ora è ormai una presenza fissa ma nel 2016 si è davvero superata… anzi si è fatta in tre.

Rita-Ora-Love-Magazine-Advent-Calendar

Nella clip, diretta da Sean Frank, la popstar balla sulle note della cover di Boogie Woogie Bugle Boy, hit anni quaranta delle Andrews Sisters. Vestita con i tradizionali costumi bavaresi, Rita Ora interpreta tre personaggi, The Divine Miss R, Margerita e Conchita. La caratteristica comune? Sono tutte super sexy. E anche molto svestite.
Alla fine Rita Ora decide anche di abbassare completamente i suoi lederhosen con le stelle alpine e svela un topless bombastico, camuffato solo da due adesivi a cuoricino. E il motivo del cuore ritorna anche sugli slip, che recitano la scritta “I Love EU”. Ma, con così tanta pelle in bella vista, in pochi si saranno concentrati sul credo europeista di Rita Ora.

Scandalo pedofilia nel calcio inglese, coinvolta anche l’ex star del City: “Tanti casi insabbiati”

Il calcio inglese è scosso da un gravissimo caso di pedofilia serale: lo scandalo si sta via via allargando e potrebbe coinvolgere anche diversi personaggi illustri, tra vittime e aguzzini.

Paul Stewart abuse claims

Sarebbero centinaia, infatti, i casi di pedofilia che per decenni sarebbero stati ignorati o addirittura insabbiati. Una prima denuncia raccolta dal Guardian, di Andy Woodward, ex giocatore di una squadra minore, è stata seguita da diverse altre.  L’ultima di Paul Stewart, 52 anni, già nazionale inglese e presenze con le maglie di Blackpool, Tottenham, Manchester City, Liverpool e Sunderland: anche lui vittima da ragazzino di un maniaco negli spogliatoi, come ha raccontato al Mirror e alla Bbc.
Il sospetto, sostiene Stewart raccontando la sua terribile esperienza, è che le vittime di pedofilia siano negli anni «centinaia» di calciatori in erba, fra grandi club e footbal di periferia. Una linea telefonica appena istituita ha ricevuto 50 chiamate in poche ore. E i media inglesi chiedono una commissione d’inchiesta.

Amal Clooney, 40.000€ di vestiti in 15 giorni

Donna di carattere, professionista affermata e dal grandissimo potete mediatico.
Amal Clooney è diventata negli ultimi anni uno dei personaggi più inseguiti dai paparazzi, da quando ha sposato George Clooney poi è considerata una vera potenza. Tanto cercata e chiacchierata, Amal non poteva non finire nell’occhio del ciclone.

george-amal-clooney-holding-hands-nyc-september-2016-2

L’avvocato per i diritti umani è impegnata al momento sul caso dell’ex schiava dell’Isis Nadia Murad e sta portando il suo caso all’attenzione di tutti, tanto da aver intrapreso in quindici giorni un vero e proprio tour de force tra incontri all’Onu e happening in giro per il mondo.
Durante i vari appuntamenti Amal Clooney, grande appassionata di moda, ha sfoggiato un guardaroba da regina, con prezzi da capogiro. Capi così costosi da far storcere il naso ai benpensanti, che l’accusano di esibire un look troppo sopra le righe nella sua lotta al fianco dei più deboli.

rs_560x415-150408085949-1024-amal-clooney-fashion.ls.4815

Posto che coi suoi soldi, duramente e giustamente guadagnati, Amal Clooney può farci quello che vuole, se volete sapere quanto ha speso per gli outfit delle ultime due settimane, leggete tutti i dettagli (in euro) e sfogliate la gallery.

12 settembre
Dove: incontro con Nadia Murad a Stoccarda
Il look: tailleur Sonia Rykiel (1.240 e 905), borsa Dolce&Gabbana (1.365), scarpe Aquazurra (540), occhiali Salvatore Ferragamo (220)
Totale: 4.270€

16 settembre
Dove: discorso all’Onu a New York
Il look: abito Gucci (1.500), borsa Dolce&Gabbana (1.445), décolleté Giambattista Valli (885), occhiali Gucci (360)
Totale: 4.190€

Settembre 17
Dove: intervista alla NBC
Il look: maglione e pantaloni Altuzarra (455 e 1.050), scarpe Giambattista Valli (920)
Totale: 3.930€

19 settembre:
Dove: incontro col primo ministro canadese Justin Trudeau alle Nazioni Unite
Look: tailleur Max Mara (800)
Totale: 800€

20 settembre
Dove: discussione all’Onu insieme a George Clooney
Il look: abito Alexander McQueen (2.065), décolleté Prada (485), borsa Michael Kors (1.235), occhiali Heidi London (190)
Totale: 3.975€

20 settembre
Dove: incontro all’Onu sul genocidio degli Yazidi
Il look: abito Pierre Cardin vintage (comprato a un’asta per 1.380), borsa e scarpe Dolce&Gabbana (1.365 e 1.065)
Totale: 5.190€

21 settembre
Dove: conferenza stampa con Nadia Murad
Il look: abito Gucci (1.690), décolleté Giambattista Valli (885), borsa Dolce&Gabbana (1370), occhiali Gucci (290)
Totale: 4.235€

22 settembre
Dove: in giro per filantropia a New York
Il look: abito e borsa Proenza Schouler (685 e 1.540), décolleté Paul Andrew (510), occhiali Elizabeth & James (220)
Totale: 2.955€

25 settembre
Dove: briefing alle Nazioni Unite
Il look: abito e borsa Michael Kors (3.100 795), décolleté Dolce&Gabbana (1.065), occhiali Dolce&Gabbana (190)
Totale: 5.150€

TOTALE: 39.655€

Vittorio Sgarbi: “Vi presento Alba, la mia figlia segreta”

O lo si odia o lo si ama. Si potrebbe dire questo di Vittorio Sgarbi, uno dei personaggi pubblici italiani più controversi. Grandissimo successo sui social, grazie alle sue taglienti battute, senza peli sulla linga. Nel corso di un’interessante intervista al settimanale Chi, il critico d’arte più famoso d’Italia ha confessato qualcosa che nessuno in verità si aspettava: avrebbe una figlia, tenuta nascosta per molti anni. “Ho avuto culo con i figli: sono venuti benissimo – ha ammesso Vittorio Sgarbi a Chi -. Grazie alle loro madri che sono state brave.

s_20145542

Alba, la mia ultima figlia non poteva essere migliore: è brava, elegante, seria e si sposerà soltanto in chiesa, preferibilmente presto. E poi è albanese, il popolo che preferisco. Ho sempre difeso gli albanesi dalla cattiva stampa, per questo ho pure una figlia albanese”.  Alba ha 17 anni ed è nata dalla relazione tra Sgarbi e una cantante lirica albanese, Kozeta: “Anche se Alba ha vissuto in Albania l’ho sempre seguita, anche se a distanza – ha continuato Vittorio Sgarbi -. E visto che è venuta bene, direi che è stata un’opportunità positiva. Poteva non essere così. Non ho mai svolto la funzione di educatore, non ho mai voluto una famiglia né dei figli. Ho una concezione nichilista della vita, ma il destino può decidere al posto tuo e così può accadere di diventare padre. A questo punto, pur volendo assumermi la responsabilità della paternità, contrariamente a quanto è successo con Evelina, la figlia più piccola che ho riconosciuto subito, con Alba abbiamo dovuto aspettare perché sua madre aveva un marito. Ora Alba porta il mio nome. Non mi diverto a fare il padre, però sono contento che i ragazzi siano venuti così bene. Alba è studentessa di elettronica a Tirana ed è molto religiosa. Sono anaffetttivo, ma mi piace avere gente intorno, per questo sto cercando una casa più grande. Penso di farne altri di figli”, ha concluso.

Bianca, la figlia di ‘Gazza’ Gascoigne apre il suo strip club: “Pagano 15.000 euro per una notte”

Lei è Bianca Gascoigne ed è la figlia del famoso calciatore della Lazio, Paul ‘Gazza’ Gascoigne. La ragazza ha aperto il suo strip club a Londra già da qualche tempo e i suoi affari vanno a gonfie vele, tanto che ha deciso di lanciare un nuovo spot per promuovere il locale.

1652282_3

”Gli affari vanno benissimo – ha dichiarato Bianca Gascoigne -. Per vedere lo spettacolo di una delle nostre ballerine si spende circa 400 euro.Ma lo scorso mese è venuto a trovarci un attore molto famoso che ci ha lasciato la bellezza di 15.000 euro. Spesso il locale è frequentato anche da calciatori e altri personaggi noti del mondo dello spettacolo. Potrei scrivere un libro sui personaggi famosi che abbiamo avuto”. Nelle sue nuove foto appare insieme alle ballerine che lavorano nel suo locale.