Sharon Stone e le sue gambe: il video del provino per “Basic Instinct” fa impazzire il web

‘Basic Instinct’, il film diretto da Paul Verhoeven del 1992 ha consacrato Sharon Stone un sex symbol. Famosissima la scena in cui accavalla le gambe svelando l’assenza di biancheria intima.

Catherine-Tramell-Sharon-Stone-SexyNei panni di Catherine Tramell, scrittrice e psicologa sospettata di aver commesso alcuni delitti, protagonista nel film di una torbida e infuocata relazione con Michael Douglas, Sharon diventa tra le più celebri attrici di Hollywood.
Ora, a 25 anni di distanza, ha pubblicato sul suo profilo Instagram il video con alcune immagini del provino in cui scherza con il regista Verhoeven.

“Elisa ha una borsa della coop e scarpe da 90 euro”, il post della psicologa diventa virale

Elisa in treno, con cappellino rosso e felpa fiorata, legge un libro con aria assorta. Il post, diventato virale, è stato condiviso da Ilaria Cadorin, psicologa, che ha fatto il viaggio di fronte alla cantante e non ha resistito alla tentazione di scattare una foto e condividerla sul proprio profilo Facebook. «Elisa – scrive la Cadorin – Era vestita in maniera semplicissima e ha mostrato un atteggiamento di un’umiltà spettacolare, tanto da aiutare una mamma a scendere le scale con un passeggino. Non c’erano guardie del corpo o persone con lei.Era sola e con una borsa della coop, non Hermes, Louis Vuitton o Chanel.

1725946_elisaok

Penso a tutte quelle donne che, pur non potendo, ostentano una ricchezza che non hanno, né materialmente né tanto meno umanamente». La dottoressa analizza Elisa fino alla punta delle scarpe. Letteralmente, visto che il post si conclude con: «Elisa indossava delle scarpe che saranno costate 90 euro. C’e gente in giro che ai piedi ha bisogno di indossare centinaia o migliaia di euro… con l’illusione forse che possa passare magicamente un po’ di valore». Il post è stato condiviso più di ottomila volte e ha raggiunto 72mila “Mi piace”. Ma sono stati tanti, comunque, i commenti negativi, che sottolineano come non sia giusto giudicare una persona da quello che indossa o ciò che compra. «Mai giudicare una persona da quello che indossa che sia abbigliamento firmato oppure no. Anzi, chi sono io per giudicare?», scrive un’utente. E la dottoressa, che con questo post si è sicuramente fatta almeno un po’ di pubblicità, non manca di replicare. «La mia riflessione è sul bisogno di apparire, che non ha mostrato un personaggio del calibro di Elisa ma che possiamo vedere in alcune signorotte dei nostri paesini che per un paio di scarpe “di lusso” arrivano ad indebitarsi. Il tutto per cosa? Lascio la domanda aperta».