Ken umano choc a Domenica Live: “Ho tolto quattro costole per stringere il girovita”

Rodrigo Alves, il “Ken Umano”, torna a Domenica Live, dopo l’ultimo intervento: è stato il primo uomo a farsi togliere quattro costole. Obiettivo, stringere il girovita. «Ho tolto quattro costole, non fa male. Erano tre anni che volevo fare questo intervento chirurgico, ho parlato con molto dottori, ho fatto tanti esami e un dottore alla fine ha detto: ok quattro va bene. Per me, per te non lo so».

collage-4-758x426Per trasformare il proprio aspetto, Rodrigo si è sottoposto complessivamente a circa sessanta interventi, per un totale di oltre 500mila dollari di spesa.
«Ho finito con gli interventi. Questo è stato il mio ultimo intervento – assicura Alves – ho rifatto tutto, sono felice, sono una persona molto popolare, non voglio essere un esempio per questo, voglio esserlo per il lavoro, la determinazione. Io lavoro molto, ho fatto un film, ho sessanta programmi televisivi nel mondo. Io non voglio essere come un Ken umano. Io mi chiamo Rodrigo Alves».
In passato, Alves aveva parlato di episodi di bullismo subiti da bambino per motivare la sua ricerca di bellezza.

Valeria Golino e Alba Rohrwacher, bacio saffico sul red carpet nel segno della Sardegna

Con un delicato bacio saffico Valeria Golino e Alba Rohrwacher hanno catalizzato i flash dei fotografi sul red carpet della 68ma edizione del Festival di Berlino (15-25 febbraio). Le due attrici sono le protagoniste dell’unico film italiano in concorso, “Figlia mia”, opera seconda della regista Laura Bispuri, una sinfonia al femminile nel nome della Sardegna.

C_2_articolo_3124107_upiImageppE’ nella calda luce della terra sarda infatti che si svolge la storia raccontata dalla Bispuri per la seconda volta in concorso a Berlino dopo il suo film d’esordio “Vergine giurata” (nomination per l’Orso d’oro nel 2015). Realizzato tra Cabras, Riola Sardo, San Vero Milis e Oliena, nella parte occidentale dell’isola, “Figlia mia” ha debuttato in prima mondiale alla kermesse cinematografica il 18 febbraio. “Racconto ancora una volta le femminilità imperfette, personaggi femminile forti, ma che non hanno paura della loro complessità”, ha detto la regista romana.
La trama – Il film vede protagoniste due donne madri di una stessa bambina. Da una parte c’è Tina (Valeria Golino), madre amorevole, ansiosa e affidabile che vive solo per la sua piccola Vittoria (Sara Casu) di dieci anni e, dall’altra, Angelica (Alba Rohrwacher), madre naturale, alcolizzata, fragile, in preda di se stessa e della sua vita scombinata. Venuto meno il patto che le lega sin dalla nascita di Vittoria, le due donne si troveranno a contendersi l’amore di questa bambina. Tina, sposata con il silenzioso Umberto (Michele Carboni), lo farà perché quella creatura la sente sua, il suo naturale prolungamento, l’essere che ha cresciuto; Angelica, invece, perché potrebbe essere il suo riscatto, la sua cura. La piccola Vittoria dovrà così combattere con le sue due anime: quella libera e adulta, ma senza rete che vuole segua Angelica nelle sue folli e pericolose escursioni nelle grotte, e quella rassicurante di Tina la sola capace di poterle far vivere la normalità.

La scelta della Sardegna nasce proprio da qui, da questa doppia identità tutta femminile, che è anche peculiarità dell’isola: “Una terra che ha un paesaggio con un’identità fortissima, ma che allo stesso tempo è alla ricerca di una nuova identità, proprio come i miei personaggi”, spiega la Bispuri. E dice ancora la regista sulla sua mission creativa: “Non vorrei strumentalizzare troppo, ma il mio percorso al femminile è un piccolo atto politico. Mi sono stufata di vedere film con donne aspettano il marito in casa, vedere il mondo femminile così banalizzato”.
Del suo personaggio tuttavia Alba Rohrwacher ha detto: “Mi dicevo non lo posso fare questo personaggio, è troppo difficile. La spregiudicatezza di Angelica mi spaventava”. Mentre Valeria Golino ha aggiunto: “Il cinema può permettersi la spregiudicatezza che si vede nel film, come anche il fatto di andare al di là del bene e del male. Il mio personaggio è una donna che che si annulla eroticamente e si specchia solo nel suo prolungamento, la figlia Vittoria. Queste tre donne – conclude – alla fine in questo confronto sono destinate necessariamente ad evolversi”.

Amfar 2018, sul red carpet della solidarietà sfilata quasi a luci rosse…

C_2_fotogallery_3085833_upiFoto1F (1)Al Cipriani di New York, per il consueto Gala Vip dell’Amfar, organizzazione non governativa internazionale impegnata nella ricerca per la cura contro l’AIDS, top model, cantanti e attrici si sono messe in mostra: da Sienna Miller a Hailey Baldwin, la modella Elsa Hosk, e poi Heidi Klum, Sara Sampaio… I flash hanno immortalato scollature ardite e spacchi a luci rosse, come quello della cantante 23enne Halsey, che ha sfoggiato forse più del necessario…

Gira il mondo (quasi) gratis grazie a Tinder: “Ora punto alla Nuova Zelanda”

Dopo aver terminato gli studi, a 25 anni si è inventato un modo per girare l’Europa spendendo pochissimo. Anthony Botta, un ragazzo belga ma di origini italiane (è un grande tifoso del Napoli), ha infatti escogitato un metodo efficace per risparmiare sull’alloggio: farsi ospitare a casa da ragazze conosciute su Tinder. Il diretto interessato, che sta documentando i viaggi sul proprio account Instagram, ha raccontato com’è la vita da ‘tindersurfer’, come ama definirsi.

130139025-d4a6b9b4-4b24-4462-8e00-698c764787e7Come riporta Repubblica.it, Anthony ha utilizzato Tinder Plus, la funzione ‘premium’ e a pagamento che consente di interagire con ragazze provenienti anche da altre città o paesi. In questo modo, il 25enne ha avuto la possibilità di pianificare con cura i suoi viaggi e trovare un alloggio in vari paesi. Finora, in pochi mesi, Anthony ha visitato otto diversi paesi europei, incontrato circa tremila ragazze e si è fatto ospitare in casa 21 volte.
Come c’è riuscito? Con una buona dose di faccia tosta e grazie al bell’aspetto, ma non solo. Anthony lo spiega chiaramente: «La vera chiave è l’educazione, più che il fascino. Su 100 donne contattate, almeno la metà mi ha insultato; altre dicevano di vivere con i genitori o col fidanzato, ma una ragazza fidanzata cosa ci fa su Tinder? Comunque, per assicurarmi una vasta scelta ho ampliato la ricerca su una fascia d’età compresa tra i 22 e i 45 anni e i ‘match’ non mancano».
Senza farsi scoraggiare, Anthony ha continuato a contattare migliaia di ragazze in vari paesi e alla fine è riuscito a farsi ospitare durante i suoi viaggi. Ora il suo viaggio da ‘tindersurfer’ è pronto a spostarsi di continente: la prossima meta che il ragazzo si è prefissato è infatti la Nuova Zelanda.

Sharon Stone, baci e abbracci con un misterioso ragazzo

Sharon Stone fa continuamente parlare di sé. Compirà 60 anni il prossimo marzo ma sfoggia ancora grazia assoluta e sensualità.

C_2_fotogallery_3085311_upiFoto1FAnche se recentemente aveva dichiarato di non essere alla ricerca dell’amore, è stata fotografata con una nuova fiamma a New York. Alla premiére della serie HBO “Mosaic” si è presentata mano nella mano con un uomo più giovane di lei. Ma non solo: i due si sono fatti immortalare anche durante un appassionato bacio. Da capire ora chi sia il misterioso accompagnatore della star di “Basic Instinct”…

“La bellezza mi impedisce di avere un uomo e delle amiche”, giovane mamma racconta il suo dramma

“Troppo bella per riuscire a trovare un fidanzato”. Questo è il ‘dramma’ di Cherelle Neille, 26, di Manchester, che sostiene che il suo bel viso e il corpo scolpito sono in realtà un problema per riuscire a trovare l’anima gemella, visto che tutti i ragazzi sono solo interessati al suo aspetto esteriore.

donna-bella_11172129

La maggior parte degli uomini approccia a lei con pregiudizi, sostenendo che non abbia personalià. Cherelle è una mamma single e aspirante attrice che da tempo è alla ricerca di un uomo che possa essere il suo compagno di vita: «il mio aspetto fisico», afferma la donna al Sun, «trasmette agli uomini un’idea sbagliata di me e crea molti pregiudizi». I ragazzi che ha frequentato recentemente si sono solo preoccupati di mostrarla agli amici, come se fosse un trofeo: «Quando parlo non mi ascoltano, vogliono solo guardarmi, portarmi a letto ed esibirmi», ha ribadito amareggiata. La situazione non è migliore con le donne, cosa che le rende difficile anche farsi delle amiche: «Le ragazze sono gelose, mi escludono e tutte mi vedono come una potenziale rivale, qualcuna che potrebbe sottrarle dalle attenzioni del loro uomo».

Lisa Torrisi si trasferisce negli Usa: “L’Italia ci snobba, troppo bigotta”

“L’Italia è troppo bigotta e non valorizza il nostro settore”. Parola di Lisa Torrisi, icona del genere hard italiano, che ha scelto di trasferirsi in America in cerca di fortuna. Una sorta di fuga di cervelli in salsa hot.

lisa3 “Anche noi siamo in fuga alla ricerca di altro e altrove “, racconta. Lisa negli ultimi giorni è apparsa molto critica: “La tv italiana ci snobba oppure ci usa e i registi sembrano che abbiano la puzza sotto al naso per quanto riguarda la scelta di artiste del settore hard”.  La pornostar avrebbe già trovato la sua strada negli Usa: girerà per Vincent Brando un film comico-horror . “Ho avuto questa opportunità e devo dire che non me la faccio scappare e spero di incrementare con altro il mio lavoro negli Stati Uniti”.

Vedove allegre: senza più il marito si vive in piena salute e più a lungo

Vedove (o single) allegre, o quasi. Stando ad uno studio tutto veneto parrebbe proprio che il non essere più sposate contribuisca  a migliorare lo stato di salute e di umore. La ricerca, che non dovrebbe far molto piacere ai maschietti,  è stata condotta dall’Università di Padova in collaborazione con l’Istituto di Neuroscienze del Cnr ed è stata pubblicata sul Journal of Women’s Health.

1695147_calendar_girls_film_

I ricercatori, senza ombra di dubbio, hanno verificato che tra le 2mila signore over 65 reclutate nell’ambito di un progetto, quelle che erano rimaste sole correvano meno rischi di cadere in problemi cognitivi e di essere stressati.
Il motivo? Il non dover prendersi cura di un marito malato. Insomma, l'”effetto badante” che  alungo andare logora.
Autrice dello studio la ricercatrice padovana  Caterina Trevisan che  ha sottolineato che «Dal momento che le donne vivono più a lungo dei maschi possono anche soffrire di effetti da carico di lavoro, in quanto spesso si dedicano alla cura dei loro mariti nella vita adulta». In effetti per i maschi il risultato è decisamente opposto: il matrimonio a lungo andare ha un effetto benefico.

Emma Watson e il sesso: “Mi sono iscritta ad un sito per incontrare donne”

Abbonarsi ad un sito che offre alle donne suggerimenti e consigli per una maggiore consapevolezza sul piacere sessuale femminile. Vi sembra anomalo che una donna lo faccia? O che a farlo sia una ragazza di 25 anni?

Emma-Watson-nuda-le-foto-rubate-online.jpg

Per lei, che lo ha fatto, è stata invece una cosa del tutto normale.A rivelare di aver sottoscritto la registrazione a pagamento è Emma Watson: “E’ un abbonamento costoso ma ne vale la pena” ha detto ieri l’attrice, durante l’intervista che ha fatto a Londra all’icona statunitense del femminismo, Gloria Steinem. Secondo quanto riporta il ‘Telegraph’, per registrasi a ‘OMGYES.com’, piattaforma con video e articoli che presentano tecniche dedicate alla ricerca del piacere femminile, viene richiesto il pagamento una tantum di circa 50 euro (40 sterline). La 25enne, da sempre attenta ai temi dell’emancipazione delle donne, ha raccontato che è stato un suo amico a parlarle del sito: “Ci stavo pensando da tempo – ha detto Emma Watson – e alla fine l’ho fatto”.