Fedez e Chiara Ferragni, matrimonio a rischio: “Il motivo è un terzo incomodo…”

MILANO – “Fedez potrebbe far saltare le nozze con Chiara Ferragni”. La rivelazione choc arriva dal settimanale Novella 2000, che imputa la causa della presunta crisi alla gelosia del rapper. “Tra Fedez e la Ferragni ci sarebbero numerose liti dovute alla presenza di Riccardo Pozzoli (l’ex fidanzato di lei, ndr) nella vita di Chiara”.

2565466_1050_schermata_2017_07_16_alle_10.50.09 (1)Come riporta il sito ilGiornale, Pozzoli è il manager di Chiara Ferragni e Fedez sopporterebbe sempre meno le sue ingerenze nella vita della sexy influencer.
Conclude Novella 2000: “Federico si sarebbe addirittura sfogato con alcuni amici minacciando di mandare a monte le future nozze”. Staremo a vedere…

La “top gun” afgana chiede asilo agli Usa: “Rischio la vita”. Kabul nega, ma è giallo

La prima top gun afghana chiede asilo negli Stati Uniti dopo le ripetute minacce ricevute. Ma l’Afghanistan si oppone e intima agli Usa di respingere la sua domanda perché la donna, accusa, dice il falso. Il capitano Niloofar Rahmani è salita agli onori delle cronache nel 2013, quando diventò la prima donna pilota dell’aeronautica afgana. Un traguardo al quale ha dedicato la sua vita. «Ho sempre voluto essere un pilota.

21-4051211_27175345

Era il sogno di mio padre», disse Rahmani, spiegando che riuscire nell’impresa significava anche dimostrare al mondo che «in Afghanistan le donne possono fare le stesse cose degli uomini».
Rahmani è stata portata come esempio negli Stati Uniti dell’avanzamento della condizione femminile in Afghanistan: nel 2015 il Dipartimento di Stato l’ha onorata con il premio ‘Woman of Courage’, e la First Lady Michelle Obama ne ha tessuto le lodi. L’iniziale successo in carriera, però, si è scontrato subito con le critiche crescenti delle forze armate afgane. Da qui le minacce a Rahmani e alla sua famiglia, costretta a trasferirsi più volte negli ultimi anni. Una situazione divenuta intollerabile per il capitano, tanto da spingerla a chiedere asilo negli Stati Uniti. «Se torna in Afghanistan, sente di essere in pericolo di vita», ha affermato il suo legale, Kimberly Motley, sottolineando che Rahmani nell’ultimo anno si è esercitata in base militari americane nel sud degli Stati Uniti. Definendola un «raggio di luce per le donne, gli immigrati e i musulmani nel mondo», Motley ha spiegato alla Cnn i timori della ragazza dopo l’ostracismo mostrato dalle forze armate del suo Paese e le critiche ricevute da esponenti del governo afgano. Ma la sua richiesta d’asilo infiamma la polemica. Il portavoce del ministro delle Difesa afghano, generale Mohammad Radmanish, ritiene che la ragazza stia «mentendo sulle minacce solo per ottenere l’asilo. Chiediamo agli amici americani e al governo di respingere la sua richiesta di asilo e di rimandarla a casa: la verità è che la sua vita non è a rischio». Le critiche arrivano anche dai suoi colleghi afgani. «Dice di essere stata molestata sul posto di lavoro ma non è vero perché tutti i piloti e lo staff sono istruiti e con un’elevata formazione», ha assicurato il colonnello Ayan Khan, pilota di elicotteri dell’aeronautica. «Come possono molestare una delle loro colleghe?»