Justine Mattera dà scandalo su Instagram: “Le mutande non si mettono…”

Una Justine Mattera più scandalosa che mai su Instagram, dove l’ex moglie di Paolo Limiti è sempre attiva e seguitissima. Se le foto sexy sono all’ordine del giorno, ce n’è una in cui la showgirl statunitense ha superato se stessa.

3217373_2036_justine_mattera_instagram«Chi ha detto che gli indumenti ciclistici non sono sexy?», scrive la Mattera sul social, in un post promozionale per la trasmissione di cui sarà protagonista, ‘In viaggio con Justine’, in onda su Bike Channel (canale 214 di Sky). Nella foto la sexy showgirl non indossa nulla e lascia scoperte le sue parti intime, mandando in visibilio i follower: «Si sa, non si mettono le mutande sotto le divise ciclistiche».

Turiste nude per strada a Magaluf, l’estate sull’isola più trasgressiva delle Baleari

Una delle donne inquadrate, parlando perfettamente in lingua inglese, grida: “Oh mio Dio” con accento scozzese, mentre si allontana coprendosi il lato b con le mani, dopo aver capito di essere stata scoperta. Le donne scappano perché un gruppo di uomini le ha scoperte. Il filmato sembra essere girato vicino a un bar ben noto di Punta Ballena a Magaluf, Isola Baleari.

41610828

Un giornale locale riporta che il video è stato girato ieri mattina. Un portavoce del Consiglio di Calvia ha invece dichiarato che la polizia sta indagando, ma non ha ancora identificato le donne. Sesso orale in piazza San Domenico a Napoli: il video finisce su WhatsApp La trasgressione a Magaluf è un problema cronico. Lo scorso fine settimana un gruppo di circa 20 inglesi è stato multato dopo aver attraversato le strade del resort Palmanova, completamente nudi, tra bambini e gente che si dedicava allo jogging. “Il municipio di Calvia non permetterà questo tipo di comportamento e si congratula con la polizia locale per la velocità con cui ha agito”, ha dichiarato il portavoce. Gli incidenti sono stati uno schiaffo in faccia per il consiglio locale, che sta cercando di migliorare l’immagine di Magaluf e di allontanarla dagli scandali degli ultimi anni. I cittadini hanno anche promosso una petizione per porre fine al fenomeno, lanciata sul sito Change.org.