‘Mr. Bean’ Rowan Atkinson papà a 62 anni: la sua compagna ne ha 29 meno di lui

Un lieto evento per Rowan Atkinson, l’attore britannico celebre in tutto il mondo per la serie di ‘Mr. Bean’, che spopolò negli anni ’90: a 62 anni, si prepara a diventare papà per la terza volta.

3362517_1655_rowan_atkinson_padre_62_anniEntro Natale, infatti, dovrebbe nascere il primo figlio che Atkinson avrà dalla sua attuale compagna, la collega Louise Ford, che ha 29 anni meno di lui. Lo comunica l’entourage dei due attori, riportato da Metro.co.uk.
Rowan e Louise si sono conosciuti nel 2012, quando recitarono insieme in una commedia teatrale. L’attore, due anni dopo, aveva avviato le procedure del divorzio dalla moglie, Sunetra Sastry, da cui aveva avuto due figli: Ben, che oggi ha 23 anni, e Lily, che ne ha 21. Ed è sempre nel 2014 che Atkinson iniziò la relazione con l’attuale compagna, che ha 33 anni ed è nota soprattutto per aver interpretato Kate Middleton nella serie tv ‘I Windsor’.

Allison Mack, la Chloe di Smallville, è a capo di una setta segreta a sfondo sessuale

Allison Mack, la Chloe di Smallville, sarebbe a capo di una setta segreta a sfondo sessuale. È l’accusa choc nei confronti dell’attrice che interpretava l’amica del giovanissimo Clark Kent nella serie tv che è andato in onda per 10 anni dal 2001 al 2011.
Viso angelico, classica ragazza della porta accanto, avrebbe reclutato donne per farle diventare delle schiave sessuali.

Allison_Mack_d1614880c97c173fddd763969521db77L’incredibile storia è stata riportata dai media britannici e la vedrebbero come uno dei membri più importanti del culto Dos, acronimo di “dominus obsequious sororium”, ovvero “padrone delle donne schiave”.
La storia è emersa dalle testimonianze di alcune di queste donne vittime della setta che, pentite, hanno rilasciato alla celebre testata la loro dichiarazione. Il Sun ha infine lanciato l’accusa pesante nei confronti della Mack sostenendo come lei fosse stata incaricata dal fondatore della setta Keitg Raniere di reclutare circa 25 ragazze per farne loro delle schiave del sesso.
Le vittime riceverebbero addirittura un marchio a fuoco sulla pelle con le iniziali del fondatore, costrette al digiuno, all’obbedienza nei confronti del loro padrone, a sottoporsi a prove di dolore e a consegnare foto e filmati personali in pose hot. E la bionda attrice di Smallville sarebbe passata da vittima a carnefica di tali oscenità e atrocità.

Penelope Cruz tutta nuda per “Esquire”

Fascino senza tempo per Penelope Cruz, che a 43 anni ha conquistato la copertina di “Esquire UK” con uno scatto senza veli da mozzare il fiato. L’attrice spagnola si è lasciata immortalare da Mert Alas e Marcus Piggott, regalando scorci ‘calienti’ che esaltano il suo fascino mediterraneo. Di nuovo mora quindi, dopo aver vestito i panni della bionda Donatella Versace per la nuova stagione di “American Crime Story”.

C_2_articolo_3100588_upiFoto1FDopo tanto cinema la Cruz ha recentemente scelto di tornare a recitare in una serie tv, per la prima volta da quand’era adolescente. E per il gran rientro ha scelto proprio di interpretare un’icona del made in Italy: Donatella Versace. La prossima stagione di “American Horror Story” (in onda negli Usa nel 2018) ruota infatti intorno al tragico omicidio di Gianni Versace, avvenuto a Miami nel 1997.
Per calarsi nel personaggio ha dovuto recitare in inglese, sua seconda lingua, ma con accento italiano. “L’avevo già fatto per il musical ‘Nine’ (al fianco di Sophia Loren ndr.) e ho già interpretato in passato una donna italiana. Nel film di Sergio Castellitto ‘Non ti muovere’ recitavo in italiano quindi ho familiarità con la lingua. Parlo italiano, ma è comunque una grande sfida”.

“Insulti a sfondo sessuale”: l’attrice di Game of Thrones blocca una nazione intera su Instagram

Stanca di «minacce e messaggi aggressivi di natura sessuale». Così l’attrice tedesca di origini turche Sibel Kekilli, interprete in passato anche della serie tv Game of Thrones (interpretava il ruolo di Shae, la prostituta amante del “folletto” Tyrion Lannister interpretato dal bravissimo Peter Dinklage), ha spiegato il blocco del suo account Instagram agli utenti turchi.

99068-sibel-kekilli-diziyi--b--rak--yor-turkhaber-gazetesiL’attrice, che già in passato aveva denunciato di aver ricevuto minacce sui social network, è molto conosciuta in Turchia e il caso sta suscitando polemiche sul web. Negli anni scorsi, Kekilli – con un passato nel mondo del porno – era già stata duramente attaccata in Turchia per il ruolo da protagonista nel film ‘La sposa turca’ di Fatih Akin, vincitore dell’Orso d’Oro al festival di Berlino.

Anna Safroncick, baci col fidanzato Tommaso Cicchinelli: “Ex della Mosetti e della Buccino”

MILANO – Un nuovo amore per Anna Safroncick, protagoniste della serie tv “Le tre rose di Eva”.
L’attrice è stata sorpresa da “Novella2000” mentre si bacia nel parcheggio di un ristorante col nuovo fidanzato, Tommaso Cicchinelli.

3211771_1749_anna_safroncick_tommaso_cicchinelliTommaso, di professione deejay, è noto alle cronache gossip per via di love story passate con Anconella Mosetti, ex reclusa nell’ultima edizione del Grande Fratello Vip e Donatella Buccino, sorella di Cristina.

Ariana Grande compie 24 anni: sui social i fan si scatenano con gli auguri

I suoi fan la festeggiano sui social con un hashtag dedicato, #HappyBirthdayArianaGrande e milioni di auguri: “Buon Compleanno Regina”, “Auguri Bellissima” e così via….”. Ma lei, Ariana Grande, che oggi compie 24 anni, preferisce tenere un basso profilo nel giorno del suo compleanno a poco più di un mese dall’attentato alla Manchester Arena, che ha colpito proprio i suoi fan.

C_2_fotogallery_3080162_19_imageNata il 26 giugno 1993 a Boca Raton, in Florida ha iniziato la sua carriera prestissimo, prima nei teatri di Brodway, poi in televisione dove è diventata famosa fra i giovani per due serie tv: “Victorious” nel 2010 e “Sam & Cat” nel 2013. Nel frattempo però la giovane Ariana è stata letteralmente “fulminata” dalla musica. Tre gli album pubblicati negli ultimi 3 anni: nel 2013 “Yours Truly” che ha guadagnato subito la vetta della Billboard Chart; nel 2014 “My everything” con 4,5 milioni di copie vendute in tutto il mondo e infine “Dangerous Woman” del 2016, aperto dalla canzone omonima. Incredibile la sua ascesa in pochissimi anni, con tre American Music Awards vinti e quattro nomination ai Grammy, e poi oltre 100 milioni di follower su Instagram e un tale seguito tra le giovanissime (la sua coda di cavallo, “ponytail” ispira ragazzine di tutto il mondo) che ha portato il Time ad inserirla tra le 100 persone più influenti del pianeta nel 2016.
Scioccante e drammatica per lei l’esperienza appena vissuta con l’attentato alla Manchester Arena. Ariana si è fatta promotrice del concerto “One love Manchester”, andato in scena il 4 giugno sul prato dell’Old Trafford, in ricordo delle vittime e a cui hanno partecipato tantissimi artisti da Justin Bieber ai Coldplay. Inoltre lei e il suo staff si sono fatti tatuare sull’avambraccio la “worker bee”, l’ape operaia simbolo di Manchester.

British Soap Awards, red carpet sexy e osè per premiare le sitcom più viste

C_2_fotogallery_3012582_upiFoto1FScollature mozzafiato, spacchi vertiginosi e trasparenze da capogiro. Ai Britisch Soap Awards 2017, massimo riconoscimento britannico per le sitcom e le serie tv, che si sono tenuti sabato sera, le bellezze sul red carpet erano davvero tantissime. EastEnders, Corrie e Emmerdale i telefilm che hanno portato a casa più statuette, ma i flash sono stati tutti puntati sugli outfit super sexy delle attrici…

Twin Peaks, la vera storia del delitto mai risolto che ha ispirato la serie tv

Un delitto mai risolto e troppo facilmente dimenticato, fino a quando Mark Frost, negli anni ’80, non decise di collaborare a un nuovo progetto insieme a David Lynch. A volte basta il successo di una serie tv per far ricordare a un intero popolo un crimine senza ragioni né colpevoli e gettato troppo in fretta nell’oblio, forse anche per imbarazzo. Forse non tutti sanno che la saga di Twin Peaks, recentemente tornata dopo 25 anni con una nuova stagione, è ispirata ad un omicidio realmente accaduto più di un secolo fa. A spiegare la vicenda, con un’attenta ricostruzione, è il Washington Post. Era il 7 luglio 1908 quando la ventenne Hazel Irene Drew, bionda e con occhi azzurri, stava passeggiando e raccogliendo more lungo la Taborton Road, nei pressi di Sand Lake, nello stato di New York. Gli ultimi a vederla viva furono Frank Smith, un giovane contadino con cui si frequentava e Rudolph Gundrum, un venditore ambulante di carbone col vizio del bere.

22920_967_544_31122754La zona, oggi come allora, era immersa nella natura incontaminata, tra vere e proprie foreste e torrenti molto ambiti da cacciatori, pescatori e campeggiatori.
Il corpo di Hazel Irene Drew fu rinvenuto sulle rive di uno stagno, quattro giorni dopo. Il corpo era così gonfio e rovinato dall’acqua che la ragazza fu riconosciuta solo grazie ai vestiti. A ucciderla era stato un colpo alla testa, effettuato con un oggetto contundente sconosciuto. L’omicidio era evidente ma di non facile soluzione, considerando la tecnologia disponibile all’epoca per la scienza forense. Le indagini si concentrarono sulle possibili relazioni passionali avute da Hazel, anche se i familiari e gli amici, almeno inizialmente, negarono queste ipotesi. La loro tesi fu smentita dal ritrovamento di lettere che Hazel scambiava con uomini anche molto più grandi di lei, in cui confessava desideri e proponeva incontri clandestini. Poco dopo fu scoperto anche che la mattina dell’omicidio Hazel si era licenziata dal lavoro senza dare una precisa ragione al suo capo. In quei giorni frenetici, ogni giorno comparivano nuovi sospettati. Frank Smith fu il principale di questi, perché si era invaghito della ragazza e perché in un interrogatorio si era contraddetto, ma non l’unico. William Taylor, lo zio di Smith, era un dentista sposato ma aveva corteggiato Hazel e finì nel mirino degli inquirenti così come un macchinista di treni e un milionario di Albany, Henry Kramroth, proprietario di una struttura alberghiera e un locale dove, si diceva, accadevano strani raduni con orge segrete. Ai fan di Twin Peaks tutto questo risulterà probabilmente molto familiare. Alcuni residenti avevano anche affermato di aver sentito delle urla provenire dalla struttura di proprietà di Kramroth la notte dell’omicidio. Ad ogni modo, non furono solo impedimenti tecnici ma anche un volontario lassismo a pregiudicare in maniera decisiva le indagini: all’epoca, l’omicidio di una donna, specialmente di classe sociale bassa come era Hazel, era considerato quasi irrilevante e specialmente nei piccoli centri regnava l’omertà. Questo portò in breve tempo a chiudere le indagini per mancanza di prove e a coprire una brutta storia per non gettare veleno all’interno di una comunità.
Torniamo a Mark Frost, co-autore di Twin Peaks. La sua nonna materna, Betty Calhoun, che viveva a Taborton, gli aveva raccontato durante le vacanze estive dell’infanzia diverse storie della tradizione locale. Tra queste, anche quella dell’omicidio misterioso di Hazel, condita da nuovi elementi come spiriti e fantasmi; una sorta di monito per i bambini della zona affinché non si avventurassero a giocare nel bosco di notte. Forse anche grazie alla fantasia di nonna Betty, Mark Frost divenne poi uno scrittore, sceneggiatore e autore televisivo di successo. Fu però grazie a Twin Peaks che Frost ottenne, insieme a David Lynch, una fama planetaria. Tutto nacque durante un incontro in una caffetteria di Los Angeles tra Frost e Lynch: i due si scambiarono racconti, compreso quello di Hazel. Gli elementi descritti, come il delitto mai risolto e gli intrecci tra i sospettati, provenienti da ogni estrazione sociale e culturale, piacquero molto a Lynch. Non è difficile, d’altronde, rivedere in Frank Smith il personaggio di Bobby Briggs o in Harry Kramroth quello di Benjamin Horne. Sand Lake, come Twin Peaks, si trova in una zona incontaminata e trae la propria ricchezza dalle risorse naturali, grazie alla presenza di industrie del legno. Le vaste foreste sono costituite da olmi, querce e aceri e si sviluppano in mezzo alle montagne in un luogo dove il clima generalmente è molto grigio. Crescere in quel paesino, per Mark Frost, fu fonte di grande ispirazione. Tra le tante storie che la nonna gli raccontava non mancavano storie esoteriche e soprannaturali. Un medico, ad esempio, curava animali malati ma pretendeva di farlo da solo, e si vociferava che lo facesse con la magia nera. Un’altra leggenda parla di donne che corrono seminude sulla montagna che domina Taborton. Una storia decisamente vera, invece, è quella che accadde poco dopo l’omicidio di Hazel: due uomini del posto, ubriachi, scambiarono un vitello disperato dopo essere rimasto intrappolato nel fango per il fantasma della ragazza. L’assassino di Laura Palmer fu rivelato a metà della seconda stagione di Twin Peaks; quello di Hazel Drew, invece, non è mai stato risolto. La scienza forense era ancora agli albori e la società non vedeva di buon occhio le vittime femminili. Non aiutò molto neanche il comportamento della zia di Hazel, Minnie Taylor, che fu l’ultima parente a vederla viva. La donna si rifiutava di collaborare con la polizia e invitava i conoscenti della nipote a fare altrettanto. Solo l’ennesimo dei tantissimi elementi sospetti e misteri che circondano il delitto di Sand Lake.

Louis Linton, un’altra bionda (super sexy) alla Casa Bianca: l’attrice ha sedotto Donald Trump

Non bastava la First Lady a far impazzire i fotografi. A entrare in scena c’è stata prima Ivanka, figlia di Donald. E ora Louis Linton, compagna del nuovo segretario al tesoro.

louise-linton-1-600x450

Una nuova splendida donna bionda rischia di rubare la scena alla First Lady. Dopo la figlia di Donald, la bellissima Ivanka, si affaccia infatti alla Casa Bianca Louise Linton. Ex attrice, ha già sedotto il presidente Donald Trump.
Si tratta della compagna del nuovo segretario al Tesoro Steven Mnuchin, che ha prestato giuramento il 13 febbraio. Trentacinque anni, scozzese, è un’attrice di lungo corso, anche se non a Hollywood non ha sfondato. Ha recitato nella serie tv Csi e in Cabin Fever. E con Robert Redford in “Leoni per agnelli”.
Presto apparirà con immagini, si mormora, hot nel film “Intruder”. Ma anni fa fu già protagonista di foto in abiti succinti per il maschile Maxim.
IL MARITO – Mnuchin ha invece 54 anni, altro ricchissimo nel team di Trump: 400 milioni di dollari il suo patrimonio. Ex banchiere, per 17 anni alla Goldman Sachs, produttore, Trump lo esalta per il risanamento di Indymac Bank, presa a 1,6 miliardi e rivenduta per 3,4.

Eros sul piccolo schermo: la top 10 delle scene di nudo 2016

Come ogni anno il sito Mr Skin ha stilato la propria classifica dei 10 migliori nudi dell’anno, tra serie tv e cinema. E la televisione domina: otto scene su dieci sono infatti tratte produzioni televisive. E le protagonista sono spesso stelle di prima grandezza come Olivia Wilde in “Vinyl”, Malin Akerman in “Easy” o la vampira di “Twilight” Ashley Green che si è spogliata per la prima volta in “Rogue”.

c_2_fotogallery_3007693_24_image

Non possono mancare ovviamente classici come “Il trono di spade”, una delle serie “più nude” di sempre, ma anche kolossal come “Westworld”. Il cinema per quest’anno recita il ruolo della comparsa, anche se di un certo peso. Come il nudo integrale di Vail Bloom in “Too Late” o la torrida scena di sesso tra Adrien Brody e Yvonne Strahovski in “Manhattan Night”. C’è spazio anche per una controfigura: è Michelle Derstine che in “The Bronze” presta il proprio corpo a Melissa Raunch per una scena di sesso… ginnico.