Enrico Brignano attacca Asia Argento e lei lo minaccia: “Buzzicone, se te vedo t’acciacco”

Botta e risposta mediatico tra Asia Argento ed Enrico Brignano. L’attrice ha replicato in modo duro alle parole del comico durante un’intervista in cui doveva promuovere il suo ultimo film “Poveri ma ricchissimi”, diretto da Fausto Brizzi, il regista accusato di molestie sessuali. Il caso è scoppiato dopo che Asia Argento ha denunciato Harvey Weinstein. Brignano ha sottolineato che nonostante le molestie hanno fatto quattro film insieme.

asia-argento-brignano-caciara“Asia Argento ha detto che, 20 anni fa, lui ha fatto quello che ha fatto. Ma poi sappiamo che per cinque anni gli era stata amica e che, attraverso di lui, ha fatto 4 film”, spiega. E Asia Argento ha replicato su Twitter: “A Enrico Brignano, te lo scrivo in romano: sei un gaggio, disgraito e pure buzzicone. Se te vedo t’acciacco… Visto che Enrico Brignano conosce la mia filmografia meglio di me, può nominare i 4 film che avrei fatto con Weinstein dopo avermi stuprata?”.
L’attacco poi si è rivolto direttamente al Corriere della Sera, dove è stata pubblicata l’intervista: “E si vergogni pure il Corriere, questo secondo voi è giornalismo? Bastava fare un giro su google prima di pubblicare castronerie”.

Gina Lollobrigida a Porta a Porta: «Ho subito due violenze sessuali»

Molestie? «Anche io le ho subite, anzi di più, e non ho denunciato». Ospite di Porta a Porta Gina Lollobrigida trova il coraggio di unirsi al coro di denunce, anche se non fa i nomi di chi le ha usato violenza. «La prima volta avevo 19 anni, andavo ancora a scuola – racconta a Bruno Vespa – della seconda meglio non parlare…».

3354518_2110_gl (1)La rivelazione choc per l’attrice oggi novantenne arriva con la richiesta di commentare il profluvio di denunce seguite in tutto il mondo allo scoppiare dello scandalo Weinstein: «Un commento su quello che sta accadendo? Credo che avrebbero dovuto denunciare per tempo ma non hanno avuto il coraggio», risponde in prima battuta la Lollo. Che poi a sorpresa aggiunge: «Ma neanch’io l’ho avuto…».
Vespa le chiede allora quante persone avrebbe potuto denunciare. «Due – risponde lei – e avrebbero perso entrambe il lavoro. Uno straniero e uno italiano». Sono stati dei molestatori pesanti? «Quando la molestia non è molestia ma è di più..non la puoi eliminare, rimane dentro e condiziona il tuo carattere, le tue azioni sono sempre soggette a questo ricordo», risponde ancora l’attrice.
«La prima volta ero innocente non conoscevo l’amore, non conoscevo niente. Quindi era grave. E la persona era molto conosciuta. Avevo 19 anni, andavo ancora a scuola. Della seconda è meglio non parlare.. non li ho denunciati per non rivelare una cosa mia.. ma erano due cose abbastanza gravi. La seconda volta ero già sposata cominciavo a fare il cinema».

Usa, Weinstein licenziato dalla sua società: il produttore cinematografico travolto dallo scandalo delle molestie sessuali

Il produttore cinematografico Harvey Weinstein, coinvolto in uno scandalo di molestie sessuali, è stato licenziato con effetto immediato dalla società che ha co-fondato, la ‘The Weinstein Co.’, in seguito a nuove informazioni emerse circa la sua condotta. Lo ha annunciato il board della società, lo riferiscono diversi media Usa.

9030032-3x2-700x467«Alla luce di nuove informazioni circa la condotta di Harvey Weinstein che sono emerse negli ultimi giorni, i direttori di The Weinstein Company – Robert Weinstein, Lance Maerov, Richard Koenigsberg e Tarak Ben Ammar – hanno determinato, e hanno informato Harvey Weinstein, che il suo impiego con The Weinstein Company è concluso, con effetto immediato», è la nota diffusa dal board della società.
Weinstein è stato travolto dallo scandalo dopo rivelazioni del New York Times su accuse di molestie sessuali nel corso di tre decenni. Lo scorso venerdì Weinstein aveva annunciato un periodo di ‘aspettativa’ a tempo indefinito, mentre un terzo dei membri del board si erano dimessi.

“Il mio amico ha abusato di me nel sonno”: il racconto di una ragazza di 20 anni

Una ragazza di 20 anni ha scritto alla nota rubrica del Sun ‘Dear Deidre’ per confessare un dubbio e chiedere consiglio. “Penso di aver subito abusi sessuali dal mio migliore amico mentre dormivo”, scrive la ragazza.

nsa-mc0144382.600Come racconta al tabloid una mattina si è svegliata e ha notato vestiti e biancheria intima pasticciati: “Lui ha 22 anni e tempo fa voleva intraprendere una relazione, mentre io non provavo gli stessi sentimenti. Mi sono però sempre fidata di lui e sono rimasta a dormire a casa sua spesso, anche nello stesso letto. Ho chiesto spiegazioni, ma si è arrabbiato”. La ragazza aggiunge anche di aver paura che lui abbia scattato delle fotografie alle sue parti intime.