Tsqv: lo strano lato B della “sposa” Belen

Il lato B di Belen Rodriguez è stato il vero vincitore della finale di Tu si que vales: puntata vinta da Salah the Entertainer, ma ad attirare l’attenzione e ad infiammare i social network è stata ancora una volta la showgirl argentina. Qualche gaffe nella conduzione e un lato b lievitato hanno attratto l’attenzione del pubblico.

C_2_box_49723_upiFoto1FPer questa finale Belen Rodriguez ha optato per due vestiti del brand Olvi’s dall’aspetto nuziale e seducente: entrambi bianchi, a sirena e ricchi di pizzo. Il primo intrigante grazie alle trasparenze, il secondo dotato di maliziosi tagli sui fianchi, tanto che il coconduttore Martin Castrogiovanni non ha potuto fare a meno di notare il cambio d’abito. La Rodriguez ha dichiarato che il suo talento era riuscire a cambiarsi in un minuto, precisando a proposito dei vestiti: “Mica li pago io!”.
Spiazzata da questa frase, Maria De Filippi è intervenuta cercando di far capire a Belen che non era una bella uscita, tanto che la showgirl ha cercato di mettere immediatamente una toppa dicendo “Giuro che me lo hanno prestato” e facendo pure peggio.
Scivolone a parte, come detto il vero protagonista della serata è stato il posteriore di Belen Rodriguez che ha dato da parlare agli utenti della rete. Molti infatti hanno notato un rigonfiamento eccessivo tanto da ipotizzare che ci fosse stato lo zampino di un chirurgo.
Sarà stato il vestito fasciante o il risultato di allenamenti più intensi?
Belen Rodriguez ha voluto replicare personalmente a tutti i commenti negativi sul suo profilo Instagram: “Io cerco di essere una brava persona, le critiche ci sono sempre e tutti tendono a metterle in evidenza. Ma io ricevo davvero tanti abbracci virtuali dai miei fan che mi bastano e avanzano per una vita intera”.

Asia Argento stuprata da Weinstein, Vladimir Luxuria: «Avresti dovuto dire no». E in Rete scoppia la bufera

Botta e risposta al vetriolo su Twitter fra Asia Argento e Vladimir Luxuria. Tutto nasce dalla denuncia pubblica della figlia del maestro dell’horror, Dario Argento, che ha raccontato al New Yorker delle molestie ricevute dal produttore americano Harvey Weinstein, che a partire dal 1997 (quando Asia aveva 21 anni) l’avrebbe costretta ad avere rapporti sessuali. «Non ho detto nulla finora perchè avevo paura che potesse distruggermi come ha fatto con molte altre persone.

3295484_3295347_1605_argento_luxuria_1Che potesse rovinare la mia carriera», ha spiegato la Argento, che si è unita al coro di denunce piovute da varie attrici di Hollywood, fra cui Angelina Jolie e Gwyneth Paltrow, contro Weinstein.
Uno sfogo a cui sono seguite molte manifestazioni di solidarietà. Qualcuno però si è dissociato dal coro: è il caso di Vladimir Luxuria, che ha risposto ad Asia Argento via Twitter. «#AsiaArgento avrebbe dovuto dire NO a #Weinstein come hanno fatto altre attrici, le donne devono denunciare lo diceva lei a Amore Criminale!», ha scritto l’ex parlamentare sul social network. Poco dopo è arrivata la risposta dell’attrice: «Non posso credere che scrivi una cosa del genere. Evidentemente non sei mai stata violentata, non hai mai provato terrore e vergogna».
«Cara Asia sai quanto ti stimo ma non sono d’accordo – ha risposto Luxuria – anche io ho ricevuto proposte non forzate ma ho detto NO, un semplice NO». «Dici bene: le tue erano proposte NON forzate. Che delusione Vladimir», è stato il commento, amaro, di Asia Argento.
Ma Luxuria ha continuato: «Ci hai fatto un film con uno che ti ha violentata? No cara non ci credo nn ne avevi bisogno hai talento per poter rifiutare».
«Il film, girato un anno e mezzo dopo la violenza sessuale denunciava il trauma che ho vissuto nei minimi dettagli», spiega l’attrice, riferendosi al film “Scarlet Diva”, del 2000, di cui lei stessa era regista e che racconta proprio della violenza sessuale da lei subita.
«Io non avrei mai accettato di farmi produrre dal mio aguzzino», è stata la risposta lapidaria di Luxuria, che ha aggiunto: «Chi accetta di fare sesso in cambio di un favore da maggiorenne non è stupro ma altro…»

Lorella Boccia a Formentera: gli scatti bollenti della ballerina di Amici

Lorella Boccia, ballerina professionista di Amici, si gode le vacanze a Formentera e regala ai fan scatti social
L’estate di Lorella Boccia è più social che mai, merito anche della location perfetta per scatti ‘da copertina’. La ballerina professionista di Amici si trova infatti a Formentera e sta regalando ai fan immagini dall’isola, che la ritraggono ovviamente intenta a godersi le spiagge e il mare.

15_20170802101406Lorella Boccia ha iniziato la sua carriera televisiva proprio ad Amici, partecipando al talent come concorrente. L’esperienza è stata per Lorella particolarmente proficua considerando che è stata addirittura notata oltreoceano e che è stata chiamata a partecipare come attrice nella produzione cinematografica internazionale Step Up. Successivamente è poi tornata in Italia nel ruolo di co-conduttrice di Colorado su Italia1, a fianco di Paolo Ruffini, e ha poi debuttato da professionista sempre ad Amici su Canale5, tornando in un certo senso all’ovile, stavolta in un ruolo però che indubbiamente ne premia il talento.
Ballerina, attrice e conduttrice, quella di Lorella Boccia sembra una carriera in continua ascesa con l’ambizione nel diventare sempre di più una showgirl completa per il piccolo schermo. Spente le luci del talent, Lorella si è trasferita per una vacanza nel territorio spagnolo dove a suon di scatti ha conquistato gli occhi dei passanti e dei social network.

Schick verso la Juve, i tifosi attendono anche la sorella Krystina allo Stadium

La trattativa sembrava quasi conclusa, ma poi c’è stato un rallentamento. Ad ogni modo, nei prossimi giorni il trasferimento di Patrick Schick dalla Sampdoria alla Juventus dovrebbe essere finalmente ufficializzato: si parla di cifre intorno ai 25 milioni di euro per il giocatore e talento ceco dell’anno, esploso a sorpresa in serie A grazie ad una prima stagione decisamente incoraggiante.

2509584_1254_schick_juve_sampdoria_sorella_krystina2Massimiliano Allegri, quindi, potrà contare anche sul talento classe ’96 per l’attacco nella prossima stagione. C’è però un motivo extracalcistico che potrebbe far accorrere ancora più tifosi allo Juventus Stadium.
Schick, infatti, ha una sorella di due anni più grande, Krystina, che lo segue e lo supporta a distanza.
La ragazza, infatti, è una top model e lavora a Los Angeles, ma quando può raggiunge il fratello in Italia. Si prevedono grandi affollamenti per la sua partita d’esordio a Torino.

Brad Pitt eroe, la bambina sta per essere schiacciata dai fan, lui corre a salvarla

Brad Pitt è un attore dal cuore grande, oltre che dal grande talento. Lo ha dimostrato una volta di più a las Palmas, Canarie, dove si trova per le riprese del suo ultimo film.

89511292aefa9b8115fc40480eff2644_169_xl

Arrivato sull’isola per girare “Allied”, l’attore è stato accolto da un’orda di fan. Tra questi, una bambina piccola e in difficoltà, che rischiava di essere schiacciata dalla folla se non fosse stato per l’attento intervento di Brad Pitt.Con l’aiuto di un bodyguard, ha sollevato la piccola e consegnata tra le braccia della madre.

Anna Tatangelo, la rivelazione su Facebook : “Tutto è iniziato grazie a te”

Un post lungo e molto commovente scritto sul suo profilo Facebook: Anna Tatangelo ha scelto il social network più popolare del web per condividere con i suoi fan le parole dolcissime rivolte a suo padre. “Pensando alla mia vita – scrive la cantante -, la prima cosa che mi viene in mente è il fatto che tu abbia dato inizio a tutto.

tatangelo4

Devo dirti grazie – prosegue rivolgendosi a suo padre – perché sei stato il mio primo fan, il primo a vedere del talento in me, il primo ad iscrivermi a tutti i concorsi possibili ed immaginabili, il primo a trasmettermi l’amore per la musica in una piccola saletta d’incisione, arrangiata a karaoke, fatta apposta per me, nella quale mi chiudevo e passavo le mie giornate a raccontarmi attraverso canzoni di altri”. “Che dire di Gigi… Pochi sanno che il mio incontro con lui è avvenuto per merito/colpa tua. Fissato con la macchina fotografica, pretendevi dopo il mio primo festival che per ricordo chiedessi agli artisti di fare una foto con loro. Tra i tanti capitó anche lui e da lì nacque prima il nostro rapporto lavorativo con “Un nuovo bacio”, poi qualche anno dopo è diventato non solo il mio compagno +, ma anche il padre di mio figlio Andrea… Il primo nipotino ed il primo a chiamarti ‘nonno’… Non sono molto brava ad esternarti quello che ho dentro, ma volevo che dopo anni sapessi quello che penso… Tutto ciò per dirti semplicemente GRAZIE DI TUTTO”, ha concluso la Tatangelo.

Harrison Ford: “Mia figlia è malata. È devastante, ci dissero che era solo emicrania”

Temerario e affascinante sul grande schermo, tenero papà nella vita privata. Harrison Ford sarà per tutti l’eroico Indiana Jones, ma non può nulla contro la malattia della figlia. Georgia, nata dalla seconda moglie Melissa Mathison, ha 26 anni e soffre di epilessia.L’attore è stato ospite di una serata di gala organizzata da “Find a Cure for Epilepsy and Seizures (FACES)” e in un’ntervista al New York Daily News Confidential ha raccontato il suo piccolo dramma.

Premiere Of Relativity Media's "Paranoia" - Red Carpet

“È venuta con me per ringraziare il FACES. Ammiro molte cose di lei, la sua perseveranza, il suo talento, la sua forza. Lei è il mio eroe, la amo. Quando una persona cara soffre di questa malattia, può essere devastante. Sai che l’epilessia influenzerà la sua vita, il suo futuro, le sue opportunità e vuoi disperatamente trovare un modo per darle sollievo. Vuoi trovare il mezzo che le permetta di vivere una vita tranquilla DIAGNOSI SBAGLIATA L’attore racconta quando la malattia si è manifestata per la prima volta: “In principio le diagnosticarono un’emicrania”. Georgia era ancora una bambina e si era fermata a dormire a casa di un’amica. “Pochi anni più tardi ha avuto un altro violento attacco. Si trovava su una spiaggia a Malibu. Per fortuna un regista di Hollywood la trovò. Così mi sono detto ‘Sono a Los Angeles, abbiamo alcuni dei migliori dottori del mondo, devono pur sapere cosa c’è che non va in lei’, ma nessuno diagnosticò l’epilessia”. Solo durante l’università un medico è riuscito a capire cosa avesse e a darle la possibilità di ricevere le cure necessarie. Harrison Ford ha concluso il suo discorso ringraziando il dottor Orinn Davinsky.