Nicole Kidman, volto di cera al Toronto Film Festival: a 51 anni non cʼè lʼombra di una ruga

Al TIFF (Toronto International Film Festival) per presentare il suo nuovo film “Destroyer”, thriller in cui interpreta una detective della polizia di Los Angeles, Nicole Kidman sfila sul red carpet elegantissima, come sempre, in un tailleur bianco e una pelle impeccabile, che sembra di porcellana.

C_2_fotogallery_3091034_3_imageTutt’altra Kidman quella nella pellicola, dove l’attrice è irriconoscibile. Il suo segreto? Il botox un po’ di anni fa, trattamento di cui si era poi pentita, ma soprattutto una vita sana senza fumo, alcol e con tanto esercizio fisico e un’alimentazione corretta.

Vip al sole, quando il lato B… infiamma

In riva al mare, a bordo piscina, al tramonto o con una luce accecante, le nostre vip in vacanza non resistono allo scatto di spalle regalando sexy retrospettive. Alice Sabatini, all’Isola d’Elba, svela un lato B perfetto con uno slip sgambatissimo. Stesso spettacolo per Karina Cascella, Sarah Nile e Pamela Prati.

C_2_articolo_3145970_upiImageppComplici il metabolismo, dure sessioni di ginnastica e un’alimentazione corretta, le star dello showbiz dono pronte ad affrontare l’estate… di spalle. Dopo tanto lavoro e qualche rinuncia è arrivato il momento di mostrare alla luce del sole i risultati con scatti social al limite della censura. Costume hot color carne per l’ex gieffina Sarah Nile che prende il sole in barca al largo di Ischia in compagnia di un’amica. Con un filo di costume la “selvaggia” Giulia Calcaterra evidenzia un sedere tonico prima di tuffarsi nell’oceano. In acque più tranquille ma con uno spettacolo altrettanto meritevole Melissa Satta a Ibiza e Costanza Caracciolo in Liguria mostrano le loro curve conturbanti. “Culacchiotti al vento oggi”, cinguetta con ironia Karina Cascella mentre si rinfresca a bordo piscina evidenziando le sue natiche perfette. Meravigliosa come sempre Pamela Prati al tramonto in riva al mare. Non perdere le sexy vip al sole.

Lorella Cuccarini a sostegno dei bimbi epilettici

Ben 800 progetti realizzati dal 1994 ad oggi, a favore di oltre 60 associazioni no profit di tutto il territorio nazionale e sempre con un’attenzione particolare ai più piccoli. E proprio ai bambini, quelli affetti da epilessia, è dedicata l’edizione 2017 di Trenta Ore per la Vita, la maratona di raccolta fondi – attraverso il numero solidale 45546, attivo da oggi al 17 ottobre – ideata e portata avanti da Lorella Cuccarini.

Lorella-Cuccarini-43Perché proprio l’epilessia?
«Perché è una patologia che si conosce poco, eppure sono 30.000 i nuovi malati ogni anno, di cui il 60% sono bambini e il 40% farmacoresistenti: numeri importanti che non corrispondono ad una risposta da parte delle istituzioni. Noi siamo un’associazione atipica, amiamo dar voce a chi di solito voce non riesce ad averla».
Quali saranno i progetti di quest’anno?
«Saranno due: uno a favore della FIE-Federazione Italiana Epilessie, che mira a trovare una terapia “su misura” per alcuni tipi di epilessia attraverso la mappatura del DNA di 150 bambini e dei loro genitori; l’altro invece punta alla diagnosi precoce, dotando il Bambin Gesù di Roma di nuovi macchinari all’avanguardia per il monitoraggio a lungo termine».
Come sarà strutturata la campagna?
«Da oggi fino all’8 ottobre sarà ospitata sulle reti Rai, la settimana prossima su La7 e anche in alcuni programmi di Tv2000. In alcune trasmissioni andrò io, in altre saranno i conduttori a portare avanti la sensibilizzazione. Racconteremo alcune storie, come quella di un papà che, quando si accorto che con un certo tipo di alimentazione poteva migliorare le condizioni del figlio, si è reinventato cuoco creando ricette per rendergli appetibili alcuni cibi».
Spicca l’assenza delle reti Mediaset.
«Trenta Ore per la Vita è nato in Mediaset ma ad un certo punto evidentemente hanno pensato che non ci fosse più spazio per questo evento. Peccato, perché non ci dovrebbero essere bandiere su questi temi».
A parte la maratona benefica, quando la rivedremo in tv?
«Per ora sono molto impegnata a teatro, dal 18 ottobre al 12 dicembre con la commedia Non mi hai più detto ti amo con Gimpiero Ingrassia, da metà novembre alla fine di febbraio anche con il musical La regina di ghiaccio e da marzo di nuovo con la commedia. Sarebbe impossibile fare altro».

Ha la pancia gonfia, diventa vegana per depurarsi: dopo mesi fa una scoperta choc

Nota la pancia un po’ gonfia e decide di cambiare alimentazione. Dopo aver lavorato a lungo nei fast food sceglie di diventare vegana in modo da avere una pancia più piatta, ma fa una scoperta che le cambia la vita.
Bei Braithwaite-Cotto ha iniziato a notare che la sua pancia si gonfiava e credeva che dipendesse dalla sua alimentazione, il suo ventre era arrivato a sembrare quello di una donna incinta, così ha abolito latticini e carne nella convinzione di perdere peso.

cancro-pancia_31154415Vedendo dopo due anni che non migliorava la sua condizione e iniziando a provare forti dolori addominali, la donna si è rivolta a un medico che le ha diagnosticato un cancro intestinale. Secondo quanto riporta il Sun, la ragazza originaria dell’Essex, ha subito la rimozione di gran parte del suo intestino ed è stata sottoposta alla chemioterapia, ma finalmente da pochi mesi ha avuto la conferma che il cancro è completamente sparito. «È stato uno choc scoprire il cancro», ha raccontato Bei, «Ho sempre mangiato in modo sano, avuto una vita attiva. Non potevo crederci». La donna però non si è arresa, ha continuato a lottare contro la malattia fino a vincere. Oggi Bei ha voluto raccontare la sua esperienza per allertare tutti a non sottovalutare anche i più semplici fastidi come il gonfiore e qualche chilo di più: «Se i sintomi sono persistenti e se qualcosa cambia improvvisamente nelle tue abitudini intestinali è sempre bene rivolgersi a un medico».

Massimo Lopez dopo l’infarto: “Mi ha salvato una mano santa”

Sto meglio, sto facendo una convalescenza molto tranquilla, a metà maggio tornerò sul palco e venerdì sarò da Carlo Conti con Tullio Solenghi a “I migliori anni”. La mia vita è semplice in questo momento: orari, alimentazione, passeggiate e niente stress, questa è la mia cura».

1490629793048.JPG--dopo_l_infarto_massimo_lopez_sta_meglio_e_posta_un_video_su_facebookCosì, sul numero di “Chi” in edicola mercoledì 26 aprile, Massimo Lopez parla un mese dopo l’infarto che lo ha colpito sul palco, mentre partecipava ad una rassegna jazz a Trani. Ricoverato d’urgenza ad Andria, è stato sottoposto ad un intervento di angioplastica. “In casa mia c’è una certa famigliarità con le patologie cardiache. Così, quando ho cominciato a sentirmi male sul palco, ad avere un dolore al torace, a sudare, ho capito perfettamente cosa stesse accadendo: ho chiesto scusa al pubblico e poi, dietro le quinte, ho chiesto un’ambulanza. Dopo dieci minuti ero già nelle mani dei medici, curato in un’eccellenza della cardiologia quale è l’ospedale Bonomo di Andria”
L’attore confessa: “Mentre ero in ambulanza pensavo alla mia famiglia e alle persone più vicine. Con molta tranquillità, mi sono detto: “Qui o va bene o va male, ma speriamo che non finisca male perché ci sarebbe tanto dolore”. “Credo proprio che mi abbia salvato una mano santa perché quella sera avrei dovuto essere da un’altra parte, in un posto meno comodo per raggiungere l’ospedale”. Ora la sua vita è cambiata: «All’inizio ero preoccupato e mi dicevo: “Devo cambiare qualcosa”. Poi subentra la saggezza e pensi: “Certe cose possono capitare”. È come un volo in aereo in cui ti stacchi da terra e vedi il mondo da un’altra prospettiva, ma quando atterri rivedi la vita di tutti i giorni. Ora, però, devo ricordarmi di mantenere un punto di vista distaccato, di pensare a me e, soprattutto, alle cose fondamentali, quelle che appartengono alla sfera del cuore. È come se avessi tradito il cuore e l’anima con la vita che faccio e tornare a questi valori significa apprezzare certe cose e relativizzare tutto il resto: la carriera, il lavoro, i rapporti buoni con le persone, il successo che è importante, ma non è la cosa più importante della vita». «C’è qualcuno nel mio cuore, ed è importante che ci sia. Ma il mio cuore è spazioso, visto che ora contiene anche un pezzo di Puglia, vale a dire lo stent che mi è stato impiantato». Quando Lopez è stato male stava imitando alcuni politici. «Ero arrivato a Berlusconi ma non è stata una censura (ride, ndr). In carriera io, Anna e Tullio (il Trio, ndr) siamo stati ripresi sono una volta quando imitammo l’ayatollah Khomeini, ma per il resto i politici si sono divertiti con i nostri sketch”.

Ha 50 anni e il suo fisico è mozzafiato: le foto sono diventate virali

A guardare le foto sembrerebbe molto più giovane ma la sua carta d’identità parla chiaro: Ye Wen ha 50 anni. La donna cinese è diventata una vera e propria celebrità sul web grazie proprio alle sue forme: il suo fisico ha fatto spalancare gli occhi di centinaia di migliaia di utenti in tutto il mondo.

1826687_1

Uomini e donne vogliono sapere il segreto del suo elisir di giovinezza. sportiva: ore e ore in palestra, alimentazione corretta e lunghe nuotate. Ad avere il tempo, penserete voi. Ebbene, sembra proprio che Ye Wen di tempo per la cura del proprio corpo ne abbia un abbondanza, tanto che dimostra di aver almeno 25 anni in meno. Ye Wen è anche la mamma di una bimba: le sue immagini stanno facendo il giro del web. La 50enne ha spiegato ai media cinesi di aver iniziato un’intensa attività sportiva all’età di 30 anni per mantenersi in forma.  Da quel giorno tutto è cambiato e non è riuscita più a farne a meno: si allena tutti i giorni nella piscina comunale del suo paese e in palesra. Ha ammesso di voler indossare il bikini fino ad 80 anni. Con un fisico così non c’è da avere paura: quando avrà 80 anni, molto probabilmente, il suo aspetto sarà simile a quello di una donna di mezza età.

Giulia Calcaterra, meditazione in tanga

Giulia Calcaterra, una splendida sirena in Costa Azzurra, riemerge dalle acque mostrando un panorama al cardiopalmo. Il dettaglio del micro slip che si perde tra le natiche perfette incanta: le sue curve hot che paiono disegnate con il compasso non lasciano indifferenti.

C_2_fotogallery_3001881_13_image (1)

Prova costume ampiamente superata per la bella Calcaterra che, tra sessioni di ginnastica e attenzione all’alimentazione, sa come prendersi cura del suo corpo.

C_2_fotogallery_3001881_1_image

In trasferta a Cap d’Ail, sfoggia il frutto di tanto lavoro mentre a bordo piscina regala un primo piano del suo lato B. Solo nella sua stanza d’albergo svela l’altra “faccia”. Ventre scolpito e gambe longilinee sono un altrettanto spettacolo.