Studentessa mette all’asta la sua verginità: “A 20 anni voglio essere indipendente”

Vuole comprarsi un appartamento, mantenersi agli studi e viaggiare molto, per questo ha deciso di mettere in vendita la sua verginità. Kiara, questo il nome scelto dalla studentessa australiana appena 20enne, si è registrata sul sito Cinderella Escorts lanciando un’asta.
Secondo il fondatore della pagina web, che ha già registrato 5 casi di vedite importanti di verginità on line in passato, ci sarebbero già tre proposte interessanti per Kiara: due politici australiani e un famoso cantante.

3635007_1321_studentessa_vende_verginita (1)La ragazza si è trasferita da Perth a Sydney per gli studi: «Vendere la mia verginità mi offrirebbe delle opportunità che altrimenti non avrei».
La ragazza sostiene che la sua sia una forma di emancipazione e aggiunge: «La verginità è qualcosa di importante perché la società ci dice che è così». Nessun valore quindi in tal senso o preve d’amore, Kiara preferisce farlo per soldi e per guadagnare la sua indipendenza. Come riporta anche il Daily Mail, il sito Cinderella Escorts sembra si stia specializzando in questo tipo di trattative. Gli amministratori prendono un 20% del profitto ma garantiscono serietà e sicurezza e, viste le cifre, il guadagno è comunque reciproco: in passato le prime volte di alcune ragazze sono state vendute per milioni di dollari.

Raffaella Fico alle Maldive, scatti che lasciano il segno

Sono passati dieci anni dalla notizia che rimbalzava su tutti i giornali secondo la quale la bellissima Raffaela Fico metteva all’asta la sua verginità. Dopo di allora è stata la fidanzata di Mario Balotelli e ha avuto una bambina, Pia. Ora è la compagna del procuratore calcistico Alessandro Moggi e racconta che quella fu solo una boutade per far parlare di sé. In questi giorni è in vacanza alle Maldive e a far parlare è il suo profilo social.

C_2_articolo_3122855_upiImageppAl calar della notte scattano romantiche foto di coppia, avvinghiati sulla sabbia. La Fico e Moggi sono fuggiti in un resort di lusso nel paradiso maldiviano. Durante la giornata girano video da postare su Instagram stories di spiaggia incontaminate, acque cristalline, pesci e natura. Non ci sono le curve mozzafiato che i follower aspettano con ansia, ma solo una intrigante schiena nuda (con il segno del costume) fotografata da Alessandro. Solo quando il sole se ne va, la coppia regala cartoline poetiche. In attesa di un nuovo giorno e soprattutto dei bikini da sogno di Raffaella…

Nicole, verginità all’asta: “Uno scherzo, ora mi hanno offerto 1 milione per fare sesso”

Nicole ora non sa più come uscirne. «Ho capito quanto fossi dentro questa storia quando è arrivata l’offerta da un milione di euro e l’agenzia mi ha chiesto di consultare un economista per scegliere come essere pagata. Allora mi sono spaventata. Più passa il tempo e più sembra tutto vero».

nicole-18enne-modella-italiana-verginita-asta_16085718_17105055_21094115Così al Corriere della Sera la 18enne che ha messo all’asta la sua verginità chiedendo un milione di euro. «Mi dispiace molto, chiedo scusa a tutti, per primi a mio padre e a mia madre. È iniziata come una provocazione, volevo vedere se qualcuno era davvero disposto a spendere dei soldi per una cosa così».
La giovane modella racconta come è nata l’iniziativa. «Un’idea idiota. Avevo letto di alcune ragazze che lo avevano fatto e volevo vedere se qualcuno sarebbe stato disposto a pagare anche per me. Ho contattato diverse agenzie straniere, mi hanno chiesto il certificato del ginecologo e ho mandato quello della visita fatta a settembre. I più seri mi sono sembrati questi di “Elite Models Vip” e li ho autorizzati a pubblicare le mie foto».
Poi la bugia, dalla sorella agli studi. «Così è nata la storia che dovessi pagarmi gli studi a Cambridge, aiutare mia sorella e comprare casa ai miei genitori. Ma la verità è che sono figlia unica e non voglio nemmeno intraprendere studi economici».
«La seconda cosa stupida che ho fatto è stata, proporre io stessa l’intervista al Sun quando è arrivata l’offerta da un milione. A quel punto volevo uscirne, ma dall’agenzia mi hanno detto che avrei dovuto dichiarare di aver venduto la verginità, ne andava della loro credibilità. Così ho preso tempo. Però la notizia era già arrivata in Italia, a scuola mia lo sapevano tutti».
Poi il confronto con la famiglia. «Ne ho parlato prima con mamma, mi veniva più facile. Non ci poteva credere, non si era accorta di nulla, nemmeno della puntata di Porta a porta. Insieme lo abbiamo detto a mio padre, che non l’ha presa bene. Si sono vergognati molto, erano dispiaciuti di tutto, ma in particolare del fatto che nell’intervista al Sun io avessi detto che era una cosa a cui pensavo da quando avevo sedici anni. Non è vero, lo giuro. Non ho mai pensato di farlo sul serio, credevo di potermi fermare in qualunque momento, senza problemi. Ma adesso è diventato un incubo. L’agenzia continua a chiamarmi, mi chiede dove voglio che venga accreditato il bonifico, dicono che è arrivata un’offerta da un milione e sei».

Dalla famiglia alla scuola. «Non l’ho fatto per mettermi in mostra. Ora voglio solo che la smettano di dire che ho messo in vendita la mia verginità. L’ho ripetuto pure ai miei compagni di classe che mi hanno chiesto se era vero: no, non è vero, non ho mai pensato seriamente di farlo».

Madonna, allʼasta scatti inediti in cui balla… completamente nuda

Magrissima, i capelli corti e scuri e… completamente nuda. Ecco Madonna a 18 anni in una serie di scatti inediti in bianco e nero, che andranno all’asta su Gotta Have Rock And Roll a partire da mercoledì 22 novembre. Si tratta di oltre 100 foto mai viste scattate da Cecil Taylor nel 1977, quando la popstar, ora 59enne, era ancora una studentessa dell’Art Worlds Institute of Creative Arts ad Ann Arbor in Michigan.

C_2_articolo_3107710_upiImageppGotta Have Rock And Roll è un sito di aste online dedicato a personaggi del mondo del rock e della pop art, lanciato nel 2008. Negli scatti all’asta, battuti con prezzi che oscillano tra le 800 e le 1.200 sterline ciascuno, Madonna è stata immortalata durante una lezione di danza in studio, completamente senza veli. Insieme alle foto vengono venduti anche i negativi originali e i diritti d’autore.
A quel tempo, Madonna firmò un modulo di autorizzazione in cui dichiarava di essere maggiorenne con “Madonna Ciccone”: era il 19 maggio 1977. L’asta aveva precedentemente battuto le mutande della popstar e una lettera di Tupac.

Modella messa all’asta sul web, Chloe confessa: “Ho avuto paura per la mia vita”

Rapita e venduta sul web, questo è stato l’incubo di una modella 20enne. «Ho subito un’esperienza terribile. Ho temuto per la mia vita minuto per minuto. Sono infinitamente grata alla polizia italiana e a quella britannica per avermi salvato. Hanno lavorato giorno e notte per trovarmi».

2604845_2047_14317562_10207207177965000_6225072517335271220_n

Lo ha detto in un’intervista rilasciata al Tg1 Chloe Ayling, la modella inglese di 20 anni attratta con un’offerta di un servizio fotografico a Milano e poi sequestrata da un uomo polacco che avrebbe voluto metterla in vendita nel deep web, l’area oscura e illegale della rete. «Sono appena arrivata a casa dopo quattro settimane» ha detto la ragazza, raggiunta dal Tg1 a sud di Londra. «Mi devo riprendere, non posso dire altro finché non sarò interrogata qui in patria».
Chloe Ayling ha inoltre riferito di star bene e che quello del mese scorso era il suo primo viaggio in Italia. La modella vive con la madre in un quartiere popolare a sud di Londra. Dagli interrogatori, come rivela sempre il Tg1, emergono anche altri dettagli. Chloe ha raccontato che il suo aguzzino, il 30enne polacco Lukasz Pawel Herba, le avrebbe detto di aver guadagnato 15 milioni di dollari in cinque anni. E che tutte le ragazze vendute come schiave sessuali dall’organizzazione ‘Black death group’ sul deep web sarebbero destinate ai Paesi arabi. Ne vengono vendute all’asta almeno tre alla settimana, secondo il racconto di Herba riferito agli inquirenti dalla modella, e chi le acquista può poi regalarle o darle in pasto alle tigri.

Marilyn Monroe, all’asta gli abiti della star

A più di 50 anni dalla sua morte, il mito prosegue: Marilyn Monroe genera ancora profitto e gli strascichi della sua breve e intensa vita alimentano l’industria dello spettacolo.
La celebre casa d’aste Julien’s Auction mette in vendita cimeli appartenuti all’attrice e provenienti dalla collezione privata di David Gainsborough-Roberts, noto per aver messo insieme la raccolta più nutrita al mondo di memorabilia della diva. Non solo costumi di scena, ma anche abiti personali, gioielli e beni di proprietà dell’attrice, fotografie originali e manifesti di film.

I-look-piu-memorabili-di-Marilyn-Monroe_image_ini_620x465_downonly

Sembra strano vedere gli abiti flosci addosso a un manichino e ripensare alla prorompente femminilità della star. Eppure quei tessuti dalla foggia antiquata e i body di scena che paiono adatti ad un circo, così come le calze a rete (bucate) o i vistosi orecchini (che nel tempo hanno perso qualche perla) hanno fanno parte del guardaroba di Marilyn Monroe, contribuendo a creare il mito di questa fragile donna la cui fama continua a travalicare tempi e luoghi.
Il pezzo più prezioso è l’abito da cocktail nero con perline e lustrini indossato da Marilyn Monroe in “A qualcuno piace caldo“: il prezzo di base oscilla tra i 200mila e i 400mila dollari.
Due i costumi sfoggiati in coppia con Jane Russell in “Gli uomini preferiscono le bionde“: l’eclatante abito rosso luccicante con spacco laterale e il body con i fiori sulle coppe. Poi c’è l’elaborato vestito bianco indossato nella commedia del 1953 “Follie dell’anno“, progettato da uno degli stilisti preferiti della Monroe, Billy Travilla, i guanti con paillettes di “Quando la moglie è in vacanza” e gli orecchini di “Come sposare un milionario“.
Legendario anche il body di raso verde con paillettes nere e frange d’oro, che Marilyn indossava mentre cantava “That Old Black Magic” in “Fermata d’autobus“. Oppure la camicetta di pizzo nero su sfondo giallo, usata per la promozione del film.
Se siete fan sfegatati dell’attrice, non vi resta che prenotare un volo per Los Angeles: l’asta si terrà il 19 Novembre di quest’anno.
Se pensate di non potervelo permettere, guardate la nostra gallery.