Sara Tommasi a Le Iene: «Ero bipolare, pensavo di morire». La showgirl parla dopo 4 anni di incubo

La malattia, la sofferenza, quel film hard di cui ha parlato tutta Italia con alcune persone che hanno sfruttato la sua fragilità. Sara Tommasi, dopo tanto tempo, è tornata a parlare e lo ha fatto con Le Iene, che l’hanno intervistata nella puntata andata in onda mercoledì. «Pensavo di non venirne più fuori, di morire. Questa malattia non ti dà più energie, è come se fossi un automa, una marionetta», ha detto Sara.

sara_tommasi_ricoverata_facebook_645
«Ora che ho riacquistato la salute sto meglio. Mi sono ricordata chi ero – continua Sara, laureata alla Bocconi, modella, showgirl per anni in televisione – Avevo bisogno di aiuto, ero un morto che camminava. Il disturbo di cui ho sofferto, il bipolarismo, ti toglie energie, non sei più capace a fare niente, a prendere un taxi, non ti ricordi chi sei, non sai dove andare».

Tante persone hanno sfruttato quei momenti di debolezza per portarla ad eccessi di cui ora è pentita. «Quelle cose non mi appartengono – dice – Non ero assolutamente io. Non parlavo bene, non mi ricordavo le frasi. Non ce l’ho con nessuno, do colpa soprattutto a me stessa». Un periodo lungo 4 anni. «Sono stata in ospedale per cinque mesi, quando sono uscita mi sentivo invalida – conclude – i farmaci per fortuna mi hanno permesso di uscirne».

Ciò che ha fatto in quegli anni le porta anche episodi antipatici: alcune persone, quando la trovano per strada, la apostrofano in maniera poco simpatica. «Mi capita che magari sono in giro e viene qualche idiota a dirmi “andiamo…. Io mi vergogno di ciò che ho fatto, queste cose mi portano a chiudermi in casa e a non uscire. Per fortuna ho la mia famiglia,  da loro mi sento amata».

Belen e Iannone, ecco la prima confessione di coppia

Lui è adrenalinico e pazzo di lei, lei sa che lui c’è sempre sempre. La prima intervista doppia di Belen e Andrea Iannone arriva su Riders Magazine, proprio nei giorni in cui la coppia si sta godendo una vacanza indimenticabile a Dubai. “Ho capito che quando ti innamori di una persona devi accettare chi è e che ruolo ha” spiega Belen. “La mia moto è vita, la mia famiglia è vita e lei – indicando Belen – per me è una cosa veramente bella” aggiunge Iannone.

C_2_articolo_3116235_upiFoto1FRiders Magazine mostra in copertina Andrea Iannone (una foto in cui somiglia tantissimo a Fabrizio Corona), che per la prima volta racconta la sua storia in un’intima intervista di coppia. Belen prima di incontrare Iannone non sapeva niente di moto, ma adesso… “Andrea mi spiega, e siccome per le gare mi innervosisco tanto al punto che mi devo prendere una pillola per tranquillizzarmi, cerco di informarmi più che posso per sapere a cosa va incontro e capire come mai succedono determinate cose”. “Lui ha un equilibrio mentale strano. – spiega Belen – Se è troppo sereno non va bene, è un adrenalinico dipendente. Se non è sclerato per qualcosa rende di meno”.

Andrea sobbalza: “Io voglio vincere. Ho imparato a essere più paziente, più realista, però quella cosa là ce l’ho sempre. Voglio vincere, è l’unica cosa che conta”. E anche in amore vince. “Lui non ha mai mollato, mai. Quando è iniziata la nostra storia, vivevo un periodo complesso e lui ha avuto i c…oni di entrare nella mia vita e sapere quando esserci e quando aspettare. Più di una volta ho pensato che se ne sarebbe andato. Invece da quando mi ha conosciuta è sempre rimasto lì” spiega Belen.

Andrea: “Io la vedevo e stavo bene, basta che la vedevo che si faceva una risata io stavo bene”.

I due si sono conosciuti a una cena. Un’amica chiede a Belen chi è il tizio vicino a Jeremias e la Rodriguez: “E’ un pilota amico di mio fratello, ma non parla mai”. “Però la prima volta che l’ho vista e che c’ho parlato sono impazzito, mi ha colpito la sua fragilità, la sua umanità” dice Andrea. Era una sera del 2014 quando il pilota ha iniziato per gioco a mandare messaggini alla showgirl. “Io credevo fosse il solito ammiratore, ero sposata, l’ho ringraziato ma poi è finita lì – racconta Belen – Due, tre anni dopo, quando mio fratello gli ha dato il mio nuovo numero e io l’avevo già conosciuto di persona, col primo messaggio che mi ha mandato è riapparso anche quello che mi aveva scritto nel 2014. La cosa bella è che quel messaggio me lo ricordavo, io che non mi ricordo mai niente”. Andrea è pazzo di lei: “Io vedevo solo lei, capito? A Ibiza io mi svegliavo presto per allenarmi, perché sapevo che lei si alzava all’una, così quando avevo finito potevo già andare a trovarla. E se dovevo partire da qualche parte, facevo tutto in giornata. Perché lontano da lei ero preoccupato. Te lo giuro. E non per gelosia, è molto più gelosa lei di me”.

Isola, Mercedesz si confessa: “Da piccola piangevo per il lavoro di mia madre”

Mercedesz Henger è senza dubbio uno dei naufraghi più forti di questa edizione dell’Isola dei Famosi ma nasconde un grande segreto : “A causa del lavoro dei miei genitori sono stata esclusa, emarginata, piangevo tutti i giorni”. Durante un confessionale la figlia della ex pornostar Eva Henger rivela tutta la sua fragilità e racconta il periodo difficile che ha passato per via del lavoro dei genitori “Il lavoro che facevano i miei genitori – racconta – è parte di chi sono e non cambierei nessuna parte di loro per nulla al mondo.

mercedesz-henger

Detto questo io non augurerei a tutti di crescere come sono cresciuta io. Sono stata giudicata anche pesantemente, sono stata esclusa, sono stata emarginata. C’è stato un periodo in cui arrivavo a casa tutti i giorni piangendo, pregando mia madre di farmi cambiare scuola. E mia madre mi ha detto una cosa giustissima: anche se io ti facessi cambiare scuola puoi scappare ma la gente non cambia. Ed è stato così che ho imparato ad affrontare le persone e le mie paura”. Una confessione a cuore aperto quella della piccola Henger che ha commosso tutti in studio, e in modo particolare la mamma Eva Henger, ed ha fatto luce sul carattere della ragazza che a volte la fa apparire fredda, ma che non è altro che una corazza costruita nel tempo per proteggersi dagli atti di bullismo subiti.

Vladimir Luxuria: “Vi racconto perchè non ho fatto l’operazione ai genitali”

Nel corso di un’interessante intervista al settimanale ‘Grazia’, Vladimir Luxuria si è confessata e ha rivelato alcuni retroscena legati alla sua sessualità, compreso un periodo abbastanza pesante della sua vita nel 2009.  ”Io ho sempre vissuto in equilibrio – ha raccontato su Grazia -. Poi, nel 2009, c’è stato un periodo in cui ho avvertito un malessere, e l’ho attribuito al fatto che, nonostante avessi già fatto qualche intervento chirurgico per il cambiamento di sesso, non avessi avuto il coraggio di arrivare fino in fondo.

vladimir-luxuria-6-623592

Allora ho deciso di cambiare anche i genitali, seguendo la lunghissima procedura prevista dalla legge italiana. Nel 2011 avevo trovato la struttura per operarmi, l’ospedale Federico II di Napoli”.  Ma poi, nel momento fatidico, è arrivata le decisione inaspettata: “A pochi giorni dall’intervento ci ho ripensato. Ho avuto paura, visto che è un’operazione molto dolorosa. Ma la verità è che non ero convinta. Lo avrei fatto per piacere più agli altri che a me. Oggi sono contenta della mia doppia identità. La fragilità. Passo sempre per battagliera. In realtà c’è una parte di me con la quale combatto da sempre. Basta un’offesa sui social che la ferita si fa sentire in profondità”, ha concluso.