Totti e Ilary, fuga d’amore a Capri per il compleanno della show girl. Ecco la festa privé

Solo 24 ore a Capri per festeggiare il compleanno della sua Ilary. Quasi una fuga d’amore per l’ex capitano della Roma Francesco Totti con la moglie Ilary Blasy che ieri ha scelto l’isola azzurra per la festa di compleanno di sua moglie, la showgirl del piccolo schermo, conduttrice del programma “Le Iene”, che ha compiuto a Capri i suoi primi 37 anni. Totti e Ilary che sono habituè dell’isola, si sono tuffati nei piaceri del relax offerti dal buen retiro del Grand Hotel Quisisana, dividendosi tra solarium , piscine e massaggi nella Spa Beauty-Farm. All’imbrunire un’altra tappa obbligata è stato il Lido del Faro su ad Anacapri per godere la vista unica del tramonto da quella punta estrema, con una foto ricordo insieme a Nello e Renata, proprietari dello stabilimento incastonato sulle rocce.

3698362_0950_ilary_blasi_compleannoDa Anacapri la coppia Totti-Blasi si è diretta verso la Limonaia di Paolino a Palazzo a mare, per una cenetta intima, proprio nella zona famosa per i ruderi imperiali dell’età augustea. Per spegnere le candeline però è stata scelta la Taverna Anema e Core di Guido e Gianluigi Lembo, il tempio dell’amore e del jet set che frequenta l’isola. In onore di Ilary e Totti il locale è stato riservato a pochi intimi e a mezzanotte in punto Gianluigi Lembo ha intonato l’Happy Birthday di rito, dedicando alcuni pezzi alla coppia vip, per i quali è stata preparata ad hoc una torta con i tipici bengala utilizzati dal locale, accompagnata da una bottiglia di Champagne personalizzata con le immagini di Ilary e Totti racchiuse in un cuore rosso. Questa mattina l’ex capitano della Roma, prima di lasciare l’Hotel insieme ad Ilary per rientrare a Roma, ed assistere alla partita di oggi, ha incontrato i soci Junior del Capri Roma Club, accompagnati dal presidente Maurizio Russo e da Annalisa Porta del consiglio direttivo che nel parlare col campione gli hanno lasciato in dono la sciarpa del club e ad Ilary un fascio di rose giallorosse. Prima di lasciare l’Hotel e salutare i tanti fan accorsi per un autografo al volo, anche sulla maglia che ha vestito per tanti anni, Totti ha ringraziato lo staff del Quisisana per l’accoglienza ricevuta e nel salutare Antonio Desiderio, il capo concierge chiavi d’oro, dopo lo scatto per la foto ricordo, ha promesso che ritornerà a giugno. La coppia ha lasciato l’hotel a bordo del carrellino dei bagagli del Quisisana per dribblare la folla di turisti e vacanzieri e raggiungere il taxi che li ha portati nuovamente all’eliporto di Damecuta.

Nadia Toffa in tv col turbante a “Le Iene”. il primo servizio è con Terence Hill

Nadia Toffa rinuncia alla parrucca usata dopo essersi sottoposta alla chemioterapia e indossa per la prima volta, in un servizio per Le Iene, un panno utilizzato a mo’ di turbante. La popolare ‘iena’ ha scelto questo outfit per un servizio in cui ha intervistato Terence Hill, l’uomo che lei stessa ha definito “il mio primo, grande amore cinematografico”.

640x360_C_2_video_835645_videoThumbnailNadia Toffa era già apparsa col foulard intorno alla testa, in una foto scattata insieme alla mamma. Questa volta, però, ha deciso di comparire così anche in un servizio in cui si è fatta raccontare tanti aneddoti da un attore dalla carriera longeva come Terence Hill, 79 anni. «L’unica volta che ho fatto a botte avevo sei anni e mi ero ribellato a un altro bambino che mi chiamava ‘tedescaccio’, poi ho sempre fatto finta con le scazzottate insieme a Bud Spencer» – ha raccontato l’attore – «Ho iniziato giovanissimo, avevo dodici anni e mia madre mi fece recitare nel primo film di Dino Risi, non ce la passavamo bene e poteva essere utile per la famiglia. Studiavo lettere e filosofia, poi ho deciso di lasciare per dedicarmi a tempo pieno alla recitazione, in quel tempo ero impegnato con Il Gattopardo».

Dopo alcuni divertenti aneddoti sulla carriera («Sul set sono svenuto dopo aver fumato un sigaro, ma sono anche finito in ospedale quando avevamo finito le panche finte e fui colpito alla testa con una vera»), Terence Hill ha spiegato: «Sergio Leone il più grande, Brigitte Bardot l’attrice capace di farmi girare la testa anche se non l’ho mai conosciuta. Il film a cui sono più affezionato è Lo chiamavano Trinità, il più riuscito di tutti, irripetibile». Dopo aver parlato delle scazzottate con Bud Spencer, Terence ha spiegato: «Non abbiamo eredi, eravamo un’accoppiata perfetta. Siamo stati sempre molto amici, non abbiamo mai litigato. L’ultima volta che ci eravamo visti abbiamo mangiato spaghetti, non fagioli. Non ci siamo mai detti “ti voglio bene”, non era una cosa da uomini così rappresentativi del Far West (ride, ndr)». Dopo aver fatto vedere una vecchia intervista de Le Iene a Bud Spencer, Nadia Toffa ha concluso il suo servizio mangiando fagioli con Terence Hill. Un pasto ovviamente apprezzato: «Bravi, avete messo il peperoncino e non la pancetta. Al ristorante non li trovate…».

Sara Tommasi a Le Iene: «Ero bipolare, pensavo di morire». La showgirl parla dopo 4 anni di incubo

La malattia, la sofferenza, quel film hard di cui ha parlato tutta Italia con alcune persone che hanno sfruttato la sua fragilità. Sara Tommasi, dopo tanto tempo, è tornata a parlare e lo ha fatto con Le Iene, che l’hanno intervistata nella puntata andata in onda mercoledì. «Pensavo di non venirne più fuori, di morire. Questa malattia non ti dà più energie, è come se fossi un automa, una marionetta», ha detto Sara.

sara_tommasi_ricoverata_facebook_645
«Ora che ho riacquistato la salute sto meglio. Mi sono ricordata chi ero – continua Sara, laureata alla Bocconi, modella, showgirl per anni in televisione – Avevo bisogno di aiuto, ero un morto che camminava. Il disturbo di cui ho sofferto, il bipolarismo, ti toglie energie, non sei più capace a fare niente, a prendere un taxi, non ti ricordi chi sei, non sai dove andare».

Tante persone hanno sfruttato quei momenti di debolezza per portarla ad eccessi di cui ora è pentita. «Quelle cose non mi appartengono – dice – Non ero assolutamente io. Non parlavo bene, non mi ricordavo le frasi. Non ce l’ho con nessuno, do colpa soprattutto a me stessa». Un periodo lungo 4 anni. «Sono stata in ospedale per cinque mesi, quando sono uscita mi sentivo invalida – conclude – i farmaci per fortuna mi hanno permesso di uscirne».

Ciò che ha fatto in quegli anni le porta anche episodi antipatici: alcune persone, quando la trovano per strada, la apostrofano in maniera poco simpatica. «Mi capita che magari sono in giro e viene qualche idiota a dirmi “andiamo…. Io mi vergogno di ciò che ho fatto, queste cose mi portano a chiudermi in casa e a non uscire. Per fortuna ho la mia famiglia,  da loro mi sento amata».

Femminicidio, la storia di Lidia: “Non ci protegge nessuno, io sono già morta”

«Lui potrebbe uscire già domani, io sono già morta e lo so benissimo. Sto solo cercando di costruire un futuro per le mie due bambine». Sono dichiarazioni forti e piene di disperazione, quelle di Lidia, una donna vittima di violenze da parte dell’uomo che più volte aveva giurato di amarla e proteggerla. A raccoglierle è Giovanna Nina Palmieri per Le Iene, che ha incontrato anche un’altra donna, ricoverata in ospedale in gravi condizioni dopo essere stata aggredita dal compagno.

le_iene_giovanna_nina_palmieri_femminicidio_lidia_25235042La ragazza in ospedale, con le poche forze che ha, racconta riferendosi a chi l’ha ridotta in quello stato: «Sono terrorizzata, chi mi proteggerà quando lui sarà libero?». Lo stesso dramma vissuto da Lidia nel 2012: la donna ha raccontato di essersi innamorata in fretta di Isidoro, un uomo attento e divertente, che però dopo alcuni mesi ha rivelato la sua natura violenta. Le prime aggressioni, a calci e pugni, vengono sempre perdonate e Lidia rinuncia a denunciarlo: «La prima volta lo feci convinta, la seconda volta mi provocò lividi e la frattura di tre costole, si offrì di accompagnarmi al pronto soccorso e non le fece. Decisi allora di farmi accompagnare da mio padre, mentre lui era uscito di casa, ma dissi che ero caduta dalle scale perché mi vergognavo e temevo che mio padre, per vendicarmi, potesse cacciarsi in qualche guaio».
In seguito a quella vicenda, Isidoro chiese di nuovo scusa a Lidia, convincendola ad andare con lui a Patti per chiedere perdono davanti al santuario della Madonna di Tindari. «Fu una giornata bellissima, la trascorremmo al mare e poi tornammo a casa, dormendo abbracciati. Ad un certo punto, all’1.45, lui mi dice: “Scusa amore, devo andare in bagno”» – racconta Lidia – «Poco dopo, mentre ero in dormiveglia, sentii un colpo fortissimo alla testa: credevo fosse un terremoto che avesse fatto cadere l’armadio, invece mi aveva colpito con una grossa padella. Poi mi aggredì alla schiena con delle forbici, da allora ho gli incubi e ogni giorno, all’1.45, sono sveglia per accertarmi che tutto sia a posto».
Soprattutto ora che Lidia ha ritrovato l’amore e costruito una famiglia, ma intanto il suo aggressore, condannato a nove anni per tentato omicidio e sequestro di persona, tra sconti di pena potrebbe uscire già dalla prossima settimana. Lei è certa che verrà a cercarlo, ancora più rancoroso dopo il carcere, ed è più sicura di morire che di sopravvivere: «Nessuno ci protegge, so benissimo che potrei essere uccisa. Per i centri antiviolenza occorre chiedere appuntamento, è qualcosa che non possiamo permetterci per la situazione mia e di tante altre donne».

Ilary Blasi mamma a tempo pieno, passeggiata con Cristian, Chanel e Isabel a Roma

Dopo la fine della conduzione del Grande fratello Vip per Ilary Blasi rimane in tv l’impegno settimanale con “Le Iene”.

3601863_1656_ilary_blasi_con_i_figliNel tempo libero la bella conduttrice si occupa della famiglia nel suo ruolo di mamma ed è stata fotografata a Roma da “Vero” mentre cammina con i figli, nati dal suo matrimonio con Francesco Totti.
Ilary infatti è stata sorpresa mentre spinge la piccola Isabel (2 anni) sul passeggino, accompagnata dai fratelli maggiori Cristian,12 e Chanel, 10.

Michelle Hunziker risponde alle accuse di Selvaggia Lucarelli: l’intervista a Le Iene

Michelle Hunziker risponde alle accuse di Selvaggia Lucarelli a Le Iene. La conduttrice dopo Sanremo va a Le Iene per svelare che Doppia Difesa… Ecco cosa racconta a Le Iene e la risposta di Selvaggia Lucarelli.

1516975802745.jpg--selvaggia_lucarelli_contro_michelle_hunziker_a_proposito_delle_donazioni_a_doppia_difesaSelvaggia Lucarelli attacca, Michelle Hunziker risponde. Intervistata nel corso dell’ultima puntata de Le Iene andata in onda domenica 11 febbraio, la conduttrice, reduce dal successo di Festival di Sanremo, ha replicato alle dure accuse lanciate nelle scorse settimane contro Doppia Difesa.
La Lucarelli aveva scritto un articolo su Il Fatto Quotidiano in cui avanzava dubbi sull’associazione a difesa delle donne vittime di violenza fondata dalla Hunziker insieme all’avvocato Giulia Bongiorno.

In particolare la graffiante Selvaggia aveva parlato di mancata trasparenza dei bilanci e di centralini che squillavano a vuoto.
“Non abbiamo fatto vedere i bilanci perché non ci ha dato il tempo – racconta la Hunziker – Ci ha chiamato e dopo quindici minuti è stata richiamata dicendole che avrebbe potuto parlare con le socie fondatrice per avere tutti i dati di cui aveva bisogno. Lei il giorno dopo ha scritto che non aveva avuto i bilanci. Ma poi – ha precisato Michelle – i bilanci sono pubblici”.

Non si è fatta attendere la replica della Lucarelli, che con un post su Twitter ha insistito: “Michelle, blablabla. Mostra il bilancio 2017. Non l’ESTRATTO però. Il bilancio. E magari i tabulati telefonici delle chiamate in entrata e uscita di Doppia Difesa. Ah, al momento Non mi sono arrivate querele. Neppure diffide.”

Inoltre, a chi le ha fatto notare che “il bilancio si approva entro il 30 aprile 2018. È normale se le hanno fornito un estratto. Se gli azionisti non lo hanno ancora approvato perché dovrebbero darlo a lei?”, Selvaggia ha risposto ribadendo che il bilancio mostrato dall’associazione è del 2016, allegando un articolo del The Social Post, che aveva approfondito la questione.

La storia, a quanto pare, è destinata a continuare. Michelle si occuperà pure di Doppia Difesa ma quello sferrato da Selvaggia Lucarelli ha tutta l’aria di un doppio attacco…

La moglie di Fausto Brizzi cerca di voltare pagina e reagisce così

Alcune settimane fa le dichiarazioni rilasciate al programma “Le Iene” hanno fatto scoppiare uno scandalo che ha travolto Fausto Brizzi e tutta la sua famiglia.

3454470_2007_brizzi_zanellaIl regista è stato accusato di molestie da 12 donne e la moglie, Claudia Zanella, ha cercanto di mantenere il riserbo pur chiarendo di credere al suo uomo. In questi giorni su Instagram ha però cercato di voltare pagina.
L’attrice ritrova così il sorriso mostrandosi sui social con due amici in un momento di relax. Ritrovare la serenità dopo la bufera che ha rovinato il marito, con cui ha una bambina, non è facile, ma con il tempo e la vicinanza delle persone care tenta di guardare avanti.

Siffredi massacra Cicciolina: «Puzzava di latte di capra». La risposta al vetriolo della attrice

Perché Cicciolina prova tanto astio nei confronti di Rocco Siffredi? Nelle ultime ore è nato un vero e proprio scontro tra i due pornodivi. A La Zanzara, infatti, Ilona Staller ne ha dette di cotte e di crude sul collega perché non ha proprio mandato giù l’affermazione fatta da Siffredi a Le Iene sul suo conto. Cosa è accaduto fra i due? Ecco l’ultimo insulto lanciato al attore.

1490129277306.jpg--cicciolina__ilona_stallerA scatenare lo scontro sono state, infatti, le parole dette da Rocco Siffredi a Le Iene. Il pornodivo, ai microfoni del programma di inchiesta di Italia 1 ha detto riferendosi a Cicciolina:

“Era fantastica ma utilizzava il latte di capra per restare giovane e io quell’odore non lo sopportavo, puzzava di latte. Lascia perdere”.

Un’affermazione alla quale, probabilmente, Siffredi non ha dato alcun peso, a differenza della collega che ha scatenato un putiferio. In risposta, infatti, Cicciolina contro Rocco Siffredi ne ha dette di cotte e di crude in un’intervista a La Zanzara su Radio 24:

“E’ uno str…”, ha esordito. “Dice che io puzzavo? Ma secondo voi è normale uno che fa una dichiarazione del genere? Pensate come puzzava lui, parecchio. Ma quando mai ho fatto il bagno nel latte di capra? Per farsi pubblicità inventa di tutto. Io ero molto giovane e molto bella, non dovevo diventare ancora più giovane…”, ha dichiarato Ilona Staller.

Cicciolina contro Rocco Siffredi: “C’è di meglio!”
Cicciolina ha poi proseguito dicendo che il vero divo dell’hard non è affatto Rocco Siffredi:

“Com’era sul set? Ne ho visti di meglio. Lui considerato un mito? Ma da chi? Superdotato e resistente? Ma quando mai, John Holmes per me è il mito. In assoluto. Era un attore come tanti altri con cui ho lavorato. La sua fortuna dipende dal fatto che è un abile commerciante”.

Infine, Cicciolina non ha risparmiato neanche Barbara D’Urso, sottolineando di essere stata bandita dai reality:

“Non ci vado più, ha stroncato la carriera di mio figlio quando siamo andati da lei. Mi sembra che dopo la D’Urso con l’Isola non abbiamo più fatto niente”.

Bordoll, sesso con le bambole: “Le Iene” nella casa d’appuntamenti. “Mia moglie mi aspetta fuori”

A Dortmund, in Germania, è stata aperta una casa di appuntamenti inediti. Il nome Bordoll lascia subito intendere che il bordello è popolato da bambole. La iena Cizco entra per curiosare e scoprire un mondo di clienti che preferiscono le donne in silicone a quelle vere.

3322647_1759_collage_2017_10_24_3_ (1)La titolare mostra le camere in cui vengono usate delle bambole a grandezza naturale: riprodotte in maniera piuttosto fedele rispetto a una donna; vengono usate da uomini che temono di comunicare le proprie fantasie sessuali alla partner.
Spesso i clienti sono accompagnati dalle mogli, che non hanno problemi a divivere il proprio compagno con delle bambole prive di emozioni. L’inviato prova ad avere un rapporto sessuale con una bambola che sceglie appositamente, pronto a constatare la consistenza del materiale, ma non riesce. Inquietante, infine, la stanza con una bambola le cui fattezze ricordano una bambina.

Ilary Blasi, settimana in Redemption

Inarrestabile Ilary Blasi: le sue trasmissioni decollano negli ascolti e catalizzano l’attenzione sui social network. Televisivamente parlando, l’inizio della settimana è all’insegna della Capitana: lunedi fa la mattatrice con Alfonso Signorini al Grande Fratello Vip, martedi sera sgambetta sul palco de Le Iene a fianco di Teo Mammuccari. Ad accompagnarla nei suoi show, dei look mai scontati, originali e seduttivi.

C_2_box_47612_upiFoto1FIlary Blasi non indossa top brand: ad Armani e Versace preferisce la versatilità dei piccoli marchi. L’ultima settimana ha scelto Redemption, marchio italiano che oltre a disegnare delle belle collezioni ha la particolarità di devolvere in beneficenza la metà degli utili: una scelta innovativa e corraggiosa, cui ci piace dare visibilità.
Lunedi sera, durante la decima puntata del GF Vip Ilary Blasi ha indossato un abito nero monospalla, con profondo spacco dallo stesso lato e stivali cuissard Le Silla. Stesso marchio per le décolleté rosse che completavano il gritoso look de Le Iene. I pantaloni scarlatti Redemption dai bottoni gioiello spiccavano grazie alla tshirt bianca. Instancabile e ironica, Ilary Blasi ha dimostrato ancora una volta di avere una marcia in più.