Vacanze separate per Aurora Ramazzotti e il fidanzato Goffredo

Aurora Ramazzotti è volata al caldo tra spiagge bianche e deserto, il fidanzato Goffredo Cerza si diletta sui monti con fuoripista impegnativi al Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise. Sui social scatti hot per la figlia di Michelle Hunziker in costume, mentre Goffredo mostra i “segni” di qualche piccolo incidente di percorso.

C_2_articolo_3131916_upiImageppNon è la prima volta che la coppia si separa in occasione delle feste comandate. Subito dopo Natale Aurora era volata con la madre alle Maldive per una vacanza paradisiaca in famiglia, Goffredo invece era rimasto ad attenderla in Italia. Donna di mare, questa volta la Ramazzotti al caldo potrebbe esserci andata con il padre Eros e Marica Pellegrinelli, anche lei in sexy bikini sui social. Curve conturbanti in primo piano per augurare buona Pasqua ai follower e corse sulle dune nel deserto in sella al quad… con un cinguettio su Instagram: “I live to feel free” (Vivo per sentirmi libera).

Libero sui monti è anche il fidanzato Goffredo. Super sportivo e temerario. Con gli sci ai piedi fa lo slalom sulle vette tra gli alberi portando a casa qualche bel graffio, ma tanta soddisfazione. Quando rientreranno a Milano avranno molto da raccontarsi.

Michelle Hunziker, Celeste Trussardi compie 3 anni, le foto della festa con mamma e la sorella Aurora

Celeste Trussardi compie 3 anni e mamma Michelle Hunziker e papà Tomaso le organizzano una festa a tema “Biancaneve e i sette nani”, in compagnia di alcune amichette e delle sorelle maggiori Sole e Aurora Ramazzotti.

michelle_hunziker_aurora_sole_celeste_645Come riporta il sito Vanity Faire, la piccola di casa Trussardi avrebbe ricoperto il ruolo della principessa Disney. Tra gli invitati, anche le nonne Ineke e Maria Luisa.
Gli auguri social di mamma Michelle erano arrivati presto su Instagram: “Pensate che regalo incredibile mi ha fatto, scegliendo questa data importante (8 marzo, ndr) per venire al mondo”. E in poco tempo il post aveva fatto boom di like.
Tra poco Celeste potrebbe non essere più la piccola di casa. Michelle a Verissimo avrebbe confessato di avere in cantiere un altro bambino. Staremo a vedere.

Look da neve: dalla pelliccia al tanga

Marzo è arrivato, la primavera invece appare ancora molto lontana in Italia. La neve sta colpendo le principali città italiane: ottimo spunto per foto e selfie. I vip non perdono occasione per ricordare l’inusuale ma piacevole evento. E tra cappotti e cappelli, c’è anche chi va fuori… nudo.

C_2_box_56342_upiFoto1FNeve sullo sfondo e tra i capelli, il set fotografico naturale è un richiamo irresistibile. Filippa Lagerback fa una scelta trendy puntando sul caldo cappotto H&M. Ma non è l’unica a coprirsi per bene. Il capo d’abbigliamento favorito dalle celebs nostrane è la pelliccia: ci auguriamo che siano finte quelle di Michelle Hunziker, Federica Fontana, Pamela Camassa e Veronica Angeloni. Diletta Leotta e Elena D’Amario scelgono invece un classico dell’inverno: il parka con cappuccio di pelo.
Cappello di lana come Natasha Stefanenko, Benedetta Parodi e Diana Del Bufalo o colbacco, come Clizia Incorvaia? Daniela Santanchè è la più chic, col cappello animalier. A Roma c’è chi ne è sprovvisto: Flavio Montrucchio deve usare un berretto da baseball.
Tra capi invernali e caldi, non poteva mancare la provocazione di Naike Rivelli: la figlia di Ornella Muti ha postato su Instagram un suo selfie dove si mostra in slip e tacchi alti sotto la neve.

Michelle Hunziker rivela a Verissimo: “Io e Tomaso abbiamo aperto il cantiere per il nostro prossimo figlio”

Michelle Hunziker, ospite a “Verissimo” sabato 24 febbraio, parla del suo progetto di diventare ancora mamma e confida: “Io e Tomaso abbiamo aperto il cantiere per il nostro prossimo figlio. Il desiderio di diventare ancora mamma c’è e c’è anche quello di diventare tra un po’ pure nonna. Io all’età di Aurora (21 anni ) ero già mamma”. Invece a livello lavorativo parla di “Scommettiamo”, suo nuovo programma tv per Canale 5: “Tra poco inizieremo con le prime riunioni”.

C_2_articolo_3125049_upiImageppAltro ospite del salotto di Silvia Toffanin è Rudy Zerbi, che racconta di come abbia scoperto a 30 anni che il suo vero padre fosse Davide Mengacci: “Ho imparato che i figli sono di chi li cresce. Per questo mio papà è Giorgio”. Durante l’intervista racconta: “E’ stato un colpo pazzesco scoprire vedendo la tv, una Vigilia di Natale con mia madre che Davide Mengacci era mio padre. Mia mamma- prosegue – aveva appena scoperto di avere un brutto male e non voleva lasciarmi senza che io sapessi un pezzetto della mia vita e del perché io avessi questa passione per l’arte”.

Alla domanda se abbia perdonato Davide per la sua assenza: “Ho imparato nella vita che è sempre sbagliato giudicare, prima è più importante capire. Ho cercato di razionalizzare questo perdono, ma ho passato momenti di grande rabbia. Avrei voluto tanto crescere e condividere delle cose con lui. Comunque ora abbiamo recuperato il tempo perduto”.

Rudy ha vissuto fino ad ora un’esistenza fatta di grandi successi, ma anche di momenti difficili e complicati. Tra questi, racconta: “Io devo ringraziare Maria De Filippi, lei mi ha veramente salvato la vita. Ero in un momento di grande difficoltà perché avevo chiuso il mio contratto con una casa discografica e avevo già tre figli. Con la sua proposta mi ha dato la possibilità di poter continuare a vivere grazie alla mia passione per la musica e a mantenere la mia famiglia”.

Michelle Hunziker: “Paura per Aurora, volevano buttarle lʼacido in faccia”

“A marzo, un anno fa, è arrivata una e-mail con un ricatto, un tentativo di estorsione dove mi è stato detto che se non avessi pagato una cifra entro una data avrebbero acidificato Aurora… l’acido in faccia… volevano che pagassi in bitcoin…”. Michelle Hunziker racconta a Maurizio Costanzo il dramma che ha vissuto nel nuovo appuntamento con “L’Intervista” giovedì 22 febbraio in seconda serata su Canale 5.

C_2_articolo_3124746_upiImageppReduce dallo straordinario successo al “Festival di Sanremo”, la showgirl si confessa al giornalista. E sono come sempre i video evocativi a scandire le tappe importanti di una carriera di una ragazza svizzera che ha realizzato il suo sogno: fare spettacolo. Una vita da favola, due grandi amori, tre bellissime figlie e la realizzazione nel suo lavoro e una infanzia non sempre serena.
A cominciare dal rapporto con il padre: facile. “Ho capito quasi subito che beveva perché lui si trasformava e gli prendeva male, si arrabbiava, spaccava le cose in casa però io da bambina sono sempre riuscita, fino a una certa età, a scindere le cose cioè io volevo vedere solo la parte bella di mio papà e facevo finta che non esistesse il resto…”. Michelle parla anche dei progetti futuri, per Mediaset dovrebbe condurre “Scommettiamo che?”: “Ci incontreremo la prossima settimana per vedere tutte le cose e sarebbe bello…” Sanremo lo rifarebbe? “Sì! Se lo dico qua magari succede…”.

Michelle Hunziker risponde alle accuse di Selvaggia Lucarelli: l’intervista a Le Iene

Michelle Hunziker risponde alle accuse di Selvaggia Lucarelli a Le Iene. La conduttrice dopo Sanremo va a Le Iene per svelare che Doppia Difesa… Ecco cosa racconta a Le Iene e la risposta di Selvaggia Lucarelli.

1516975802745.jpg--selvaggia_lucarelli_contro_michelle_hunziker_a_proposito_delle_donazioni_a_doppia_difesaSelvaggia Lucarelli attacca, Michelle Hunziker risponde. Intervistata nel corso dell’ultima puntata de Le Iene andata in onda domenica 11 febbraio, la conduttrice, reduce dal successo di Festival di Sanremo, ha replicato alle dure accuse lanciate nelle scorse settimane contro Doppia Difesa.
La Lucarelli aveva scritto un articolo su Il Fatto Quotidiano in cui avanzava dubbi sull’associazione a difesa delle donne vittime di violenza fondata dalla Hunziker insieme all’avvocato Giulia Bongiorno.

In particolare la graffiante Selvaggia aveva parlato di mancata trasparenza dei bilanci e di centralini che squillavano a vuoto.
“Non abbiamo fatto vedere i bilanci perché non ci ha dato il tempo – racconta la Hunziker – Ci ha chiamato e dopo quindici minuti è stata richiamata dicendole che avrebbe potuto parlare con le socie fondatrice per avere tutti i dati di cui aveva bisogno. Lei il giorno dopo ha scritto che non aveva avuto i bilanci. Ma poi – ha precisato Michelle – i bilanci sono pubblici”.

Non si è fatta attendere la replica della Lucarelli, che con un post su Twitter ha insistito: “Michelle, blablabla. Mostra il bilancio 2017. Non l’ESTRATTO però. Il bilancio. E magari i tabulati telefonici delle chiamate in entrata e uscita di Doppia Difesa. Ah, al momento Non mi sono arrivate querele. Neppure diffide.”

Inoltre, a chi le ha fatto notare che “il bilancio si approva entro il 30 aprile 2018. È normale se le hanno fornito un estratto. Se gli azionisti non lo hanno ancora approvato perché dovrebbero darlo a lei?”, Selvaggia ha risposto ribadendo che il bilancio mostrato dall’associazione è del 2016, allegando un articolo del The Social Post, che aveva approfondito la questione.

La storia, a quanto pare, è destinata a continuare. Michelle si occuperà pure di Doppia Difesa ma quello sferrato da Selvaggia Lucarelli ha tutta l’aria di un doppio attacco…

Scollature a Sanremo: vince la “V”

Su Michelle Hunziker e sulle quattro donne in gara si è concentrata gran parte dell’attesa per quanto riguarda il look. Loro, consapevoli, hanno fatto del loro meglio: nella gara di seduzione sul palco dell’Ariston, non sono mancare le scollature degne di nota.

C_2_box_54196_upiFoto1FQUARTA SERATA
E’ Michelle Hunziker a stupire letteralmente coi suoi abiti: esordio in nero e virata sui fiori (che più Sanremo di così non si può).
Sul fronte scollature vediamo l’intrigante micro “V” del Moschino trasformista: top e pantaloni che fanno da base per tre look che non passano certo inosservati. Poi c’è il fiorellone principesco. Stile Sissi, dice lei… un po’ kitsch, aggiungiamo noi.

TERZA SERATA
La scollatura che finora ha fatto più notizia è certamente quella di Noemi, esagerata nell’ampiezza oltre che nella profondità.
La terza serata ha poi visto protagoniste le spalle: quelle della Hunziker, soprattutto con l’ultimo Trussardi rosa, quelle di Virginia Raffaele, accarezzate da Claudio Baglioni.

SECONDA SERATA
La Vanoni regala il bis del davanzale, declinato in nero: ma un piccolo particolare sfugge, il reggiseno color carne.
Per il resto, Michelle la fa la da padrone, grazie ad Alberta Ferretti: sensualità, colore, stile ed eleganza. Più di così? Ah giusto, c’è quel dettaglio del vestito già usato dalla nuova moglie di Eros… peccato! (LEGGI Michelle come Marica, brutta coincidenza)

PRIMA SERATA
La prima scollatura di Michelle Hunziker, profondissima, a “V”, strepitosa, subito bissata dalla stessa forma dell’abito di Annalisa, ha fatto temere il tris per la Vanoni. Per fortuna, Ornella ha puntato su una scollatura ampia ma non esagerata, sfoggiata con stile. La Hunziker non delude nemmeno con gli altri abiti, spaziando dalla spallina sottile alle spalle nude dell’ultimo bellissimo Armani. Sceglie il taglio a cuore Nina Zilli con dettaglio monospalla e Sabrina Impacciatore, dolce e delicata con abito rosso.

Sanremo 2018, Ermal Meta e Fabrizio Moro in trionfo con “Non mi avete fatto niente”

Sono Ermal Meta e Fabrizio Moro, con “Non mi avete fatto niente”, i trionfatori della 68.ma edizione del Festival di Sanremo, la prima con direttore artistico Claudio Baglioni e condotta da Michelle Hunziker e Pier Francesco Favino. Al secondo posto si piazzano Lo Stato Sociale con “Una vita in vacanza” e al terzo Annalisa con “Il mondo prima di te”. Ron, con il brano “Almeno pensami”, di Lucio Dalla, ha vinto il premio della critica “Mia Martini”.

C_2_articolo_3122635_upiImageppAlla fine hanno vinto proprio loro. Favoriti dai bookmaker alla vigilia del Festival, in bilico per due giorni con il rischio di una squalifica per l’uso nel pezzo di parte di una canzone di un paio di anni fa, poi riabilitati per correre verso il trionfo finale. Quella di Ermal Meta e Fabrizio Moro non è solo una vittoria ma anche una rivincita che li ripaga per quella che hanno avvertito come una forte ingiustizia nei loro confronti. Resta il fatto che il buco nel regolamento del Festival resta forse l’unica macchia in un’edizione per molti versi da incorniciare.

IL RACCONTO DELLA FINALISSIMA – La serata si apre con Claudio Baglioni che introduce Ultimo, vincitore delle Nuove Proposte che esegue la sua “Il ballo delle incertezze” (anche se Baglioni lo presenta come “Il ballo delle apparenze”), con cui è stato incoronato venerdì davanti a Mirkoeilcane (premio della critica) e Mudimbi. Dopodiché entrano Michelle Hunziker e Pier Francesco Favino e viene presentata la giuria di esperti, il cui peso questa serà è del 20%, mentre il 30% dei voti arriverà dalla sala stampa e il 50% dal televoto.

Apre la gara dei big Luca Barbarossa con “Passame er sale”, seguito da Red Canzian con “Ognuno ha il suo percorso” e i The Kolors con “Frida (mai, mai, mai)”. Ed è già il momento del primo super ospite della serata, Laura Pausini, che arriva dopo aver dovuto rinunciare alla prima per una laringite. Laura apre con il suo ultimo singolo, “Non è detto”. Dopodiché, sorpresa! interviene via telefono Fiorello che aveva aperto la prima serata e chiude così il cerchio. Lo showman scherza sul prossimo conduttore del Festival che dovrà confrontarsi con i risultati eccezionali di questa edizione. “Pare abbiano contattato il Papa e Melania Trump” dice. Poi la Pausini e Baglioni duettano su “Avrai”. La cantante romagnola poi esegue un altro pezzo, “Come se non fosse stato mai amore”, durante il quale esce dal teatro Ariston per cantare con i suoi fan assiepati all’esterno. La gara prosegue quindi con Ornella Vanoni, con Bungaro e Pacifico, che interpreta “Bisogna imparare ad amarsi”, che, secondo molti, si gioca un posto sul podio.

Può quindi riprendere la gara con Elio e le storie tese e la loro “Arrivedorci”. Elio si presenta sul palco a sorpresa ancora con i Neri per caso, con cui hanno duettato anche venerdì, e con l’architetto Mangoni nei panni di SuperGiovane che corre per il teatro per quello che dovrebbe essere il passo d’addio del gruppo. Quindi tocca a Ron e alla toccante “Almeno pensami”, scritta da Lucio Dalla. Max Gazzè esegue la sua “La leggenda di Cristalda e Pizzomunno”, quindi tocca ad Annalisa, le cui quotazioni sono cresciute sera dopo sera, con “Il mondo prima di te”. Renzo Rubino porta sul palco i suoi nonni che ballano durante la sua “Custodire”. Tocca quindi ai Decibel con “Lettera dal Duca”.
Si procede spediti con la gara e con Lo Stato Sociale e la loro “Una vita in vacanza”. Anche stasera c’è Paddy Jones, la ballerina di 83 anni, che però questa volta inizia dalla platea, invitando la gente a ballare. Seguono due coppie: quella composta da Roby Facchinetti e Riccardo Fogli (“Il segreto del tempo”) e quella di Diodato con Roy Paci (“Adesso”), le cui quotazioni per un posto sul podio sono in fortissima ascesa. E poi c’è un grandissimo momento tra teatro e musica: Pier Francesco Favino si riprende i suoi panni di attore è recita un intenso monologo dal suo spettacolo “La notte poco prima delle foreste”, sulla solitudine e l’oppressione del potere, e poi entrano in Baglioni e Fiorella Mannoia, che duettano su “Mio fratello che guardi il mondo”, di Ivano Fossati. Momento emozionante e di altissimo livello.

Si riparte poi con la gara con Nina Zilli (“Senza appartenere”), Noemi (“Non smettere mai di cercarmi”) ed Ermal Meta con Fabrizio Moro (“Non mi avete fatto niente”), dati dai bookmaker favoriti numeri uno. Il diciottesimo campione in gara è Mario Biondi con “Rivederti”. Ci si avvicina alla fine delle esibizioni dei big con Le Vibrazioni (“Così sbagliato”). Favino e la Hunziker trovano anche il modo di ricordare la giornata della memoria per la tragedia delle foibe. Chiudono Enzo Avitabile e Peppe Servillo con “Il coraggio di ogni giorno”. Prima dell’annuncio della classifica dal ventesimo al quarto posto c’è tempo per una “Strada facendo” cantata da Baglioni insieme al trio Max Pezzali-Francesco Renga-Nek. In attesa dei risultati definitivi Baglioni, Edoardo Leo e Favino si esibiscono con il coro dei Discreti in “Mi va di cantare”, il brano cantato da Louis Armstrong al Sanremo 1968.

Ma ecco la classifica dal ventesimo al quarto posto: Elio e le storie tese all’ultimo posto, poi Mario Biondi, Facchinetti-Fogli, Nina Zilli, Decibel, Red Canzian, Noemi, Renzo Rubino, Enzo Avitabile e Peppe Servillo, Le Vibrazioni, Giovanni Caccamo, The Kolors, Diodato e Roy Paci, Luca Barbarossa, Max Gazzè, Ornella Vanoni con Pacifico e Bungaro e al quarto Ron. Così a giocarsi la vittoria saranno Lo Stato Sociale, Annalisa e Meta-Moro.

E’ il momento delle premiazioni. Il primo premio assegnato è quello della critica “Mia Martini” assegnato a Ron, mentre il premio della sala stampa “Lucio Dalla” va a Lo Stato Sociale. Il premio “Sergio Endrigo” per la migliore intepretazione va ad Ornella Vanoni. Il premio “Sergio Bardotti”, per il miglior testo assegnato dalla giuria degli esperti, viene assegnato a Mirkoeilcane. Il premio “Giancarlo Bigazzi” per la miglior composizione musicale, assegnato dall’orchestra, viene vinto invece da Max Gazzè. E infine la classifica finale del Festival: al terzo posto Annalisa, al secondo Lo Stato Sociale e, come previsto, vincono Ermal Meta e Fabrizio Moro.

Sanremo, dalla Hunziker a Nina Zilli tutti i look delle prime serate

Scollature vertiginose, vestiti firmatissimi e look da urlo vari. Sanremo è anche moda: ogni sera è attesa spasmodica per i cambi d’abito della co-conduttrice Michelle Hunziker e delle – poche – donne in gara. Armani Privé, Alberta Ferretti e, si dice, ci sarà anche il marchio del marito Trussardi, perchè le cose, almeno un po’, si fanno in famiglia.

scollature-sanremo-maxw-1280Dal total black della prima serata, con una sfilza di elegantissimi abiti dark interrotti solo dal modello scintillante in chiusura al color block della seconda: dall’abito viola di “Barbie” al quello in stile Charleston sulle note – scatenate – di Despacito, Michelle non ne ha sbagliata una, anche perchè, bisogna pur dirlo, non c’è nulla che non le calzi come un guanto. slider-sanremo-michelleApplauditissime Ornella Vanoni, che ha alternato bianco e nero in grande stile (d’altra parte una signora resta una signora) e Nina Zilli, che era partita sull’estroso con un abitino bianco mono manica molto Marilyn e poi è tornata sul classico con un look in stile sorelle Fontana: bello, per carità, ma da Nina ci aspettiamo un sapore un po’ più contemporaneo.

Le altre, diciamolo, non brillano: né Annalisa, che la prima sera “toppa” l’outfit tentando di stemperarlo con lo stivaletto e poi si presenta in veste bizzarra cavallerizza, né Noemi con la classica tuta nera senza infamia né lode. Da tenere d’occhio la “nuova proposta” Alice Caioli, che è salita sul palco con una creazione in pizzo di uno stilista di Milazzo: una nota di freschezza in un festival che altrimenti potrebbe risultare anche troppo impostato. Speriamo che il meglio debba ancora venire.

Sanremo e il balletto hot Hunziker-Favino. “Mia moglie mi ha detto: che sia l’ultima volta…”

Michelle Hunziker scherza sulla sua prova da ballerina acrobatica di ieri sera in coppia con il suo compagno di lavoro, che racconta «anche la mia signora mi ha svegliato dicendo: ‘che sia l’ultima volta’».

favino-hunziker-1-740x350.jpg.pagespeed.ce.J_epuSZpNa«Mio marito mi ha telefonato questa mattina e non mi ha neanche salutato, mi ha chiesto subito: ‘e quel ballo succinto con Favino?’», ha detto Michelle. «Io faccio finta di fare la ballerina. Alcuni passi li abbiamo un po’ inventati. Comunque ora ci candidiamo per Ballando con le selle», ha aggiunto la showgirl.