Sulla Croisette la Venere si traveste da Dea

Non c’è niente da fare, Naomi Campbell è stata, è e sarà per sempre un mito. La sua bellezza è sconvolgente, il suo portamento è inarrivabile, la sua eleganza è leggendaria. A Cannes, l’ennesima dimostrazione.

C_2_box_62646_upiFoto1FCircolano voci su un suo possibile ritiro, ma questa donna, a 48 anni è ancora perfetta e inarrivabile. Il giorno dopo Fashion for Relief, di cui è stata l’organizzatrice oltre che l’indiscussa protagonista, Naomi Campbell si è concessa un red carpet.

Con un abito particolare di Poiret, composto da un peplo verde petrolio disposto asimmetricamente su un intrigante body ricamato, la Venere Nera si è guadagnata la scena.
Niente a proteggere il seno, Naomi Campbell ha lasciato fare al disegno di paillettes. E poi ha osato con gli accessori: bellissimi i sabot con tacco quadrato della stessa stilista dell’abito, un choker al collo richiama la cintura che trattiene il vestito, orecchini importanti con un tocco di verde, numerose collanine che si intravedono sotto la scollatura. Come se non bastasse, un enorme fiocco dorato sulla schiena.

Il risultato? Criticabile su chiunque altro, su di lei sembra equilibrato e raffinato. Naomi Campbell sulla Croisette ha dimostrato ancora una volta di essere incredibilmente perfetta come una Dea, anzi… una Venere.

Principesse a Venezia74: i migliori outfit

Film a parte, è di moda che si parla a Venezia. Tutte cercano di sfoggiare il meglio sul red carpet, moltissimi sono i flash e gli applausi, ma solo poche hanno diritto alla standing ovation.
L’abito dev’essere principesco, ma non sovrastare chi lo indossa. Premiata l’originalità, ma fondamentale l’equilibrio. La scollatura è importante ma attenzione all’eccesso. Gli spacchi servono ad esaltare il portamento, non a scadere nella volgarità. Ecco chi, a nostro avviso, ha centrato appieno l’obiettivo dell’eleganza, miscelando perfettamente abito, trucco, acconciatura e accessori.

C_2_box_41720_upiFoto1FJennifer Lawrence è semplicemente favolosa con l’abito Christian Dior dal corpetto romantico ma intrigante.
Matilda De Angelis in Philosophy di Lorenzo Serafini è la sposa rock che tutte noi almeno una volta abbiamo sognato di essere.
Frange scintillanti Valentino per il red carpet di Julianne Moore che in quanto ad eleganza non è seconda a nessuna.
Sguardo magnetico e schiena nuda: Micaela Ramazzotti fa il pieno di applausi con l’abito di paiettes nere Prada.
Entra di diritto nella classifica Amal Clooney con un abito lilla in chiffon di seta Atelier Versace.
Ad ogni uscita pubblica Marica Pellegrinelli incanta il pubblico: in Laguna ha indossato un Twinset in tinta con gli orecchini.
Il portamento di Rocio Munoz Morales riesce a rendere particolare anche il classico vestito di pizzo nero, seppur firmato Ermanno Scervino.
Strappa approvazione anche la bionda tra i pois: Kirsten Dunst in Rodarte.
Inarrivabile la classe di Jane Fonda: splendida con un abito Marchesa.
Possiede l’eleganza di un cigno Penelope Cruz in Atelier Versace.
Il vestito barocco sui toni del rosa di Valentino è difficile da indossare: non per Beatrice Borromeo che lo interpreta divinamente.
Cristiana Capotondi riesce ad apparire delicata anche se il seno sguscia fuori dall’abito Miu Miu: chapeau!