Morandi fa pipì all’Autogrill: fan posta la foto e lui si arrabbia

Gianni Morandi immortalato da una fan in bagno all’Autogrill che diffonde la foto. Il cantante prima si arrabbia poi ci ride sopra, scrivendo lui stesso sui social.

29101777_10157495335613438_1537502544262070272_n«Questa foto sta circolando sul web – ha scritto oggi Morandi postando la foto su Facebook -. Qualche giorno fa, nella toilette di un Autogrill, “Gianni!”, una voce mi chiama, mi giro e vedo una signora sui cinquant’anni, con un cellulare in mano. Dopo un attimo di sorpresa la mando a quel paese. Luisa, una fan un po’ invadente, ha postato questa foto su Facebook – continua il cantante – scatenando commenti di ogni tipo. All’inizio mi sono arrabbiato – conclude Morandi – ma poi mi sono fatto una bella risata! Ci sono cose più gravi nella vita».

Zarate, la moglie posta una foto sexy su Instagram e lui la insulta: “Svergognata, cancellala”

Insulti alla moglie su Instagram. Per questo motivo Mauro Zarate, 30enne attaccante argentino ex di Lazio, Inter e Fiorentina, è finito nel vortice delle polemiche dopo aver scritto alla consorte, che ha pubblicato su Instagram una foto sexy di lei in costume: “Svergognata cancella quella foto”.

Natalie-Weber-Mauro-Zarate-630x433 (1)Natalie Weber, modella, è sulla spiaggia di Palm Jumeirah a Dubai, dove si sta godendo il sole insieme ai due figli della coppia. I due si sono trasferiti negli emirati a causa del lavoro di Zarate, ma il calciatore non ha gradito il post della moglie che mostra le sue sinuose forme ai fan. “Idiota ma che fai… secondo me dovresti togliere quell’immagine con tutti quei commenti che genera…”, così ha poi concluso scatenando perà decine e decine di commenti.
Sono molti che hanno criticato i toni con i quali si è rivolto alla moglie e tanti hanno anche colto la palla al balzo per prenderlo in giro in merito alla sua gelosia. La modella non sembra essere stata infastidita e sui social continua a pubblicare foto di lei, con il marito e la famiglia tutti sorridenti.

Fa sesso con la professoressa e posta la foto su Snapchat, insegnante arrestata

L’alunno si riprende su Snapchat mentre fa sesso con la sua insegnante e la professoressa finisce nei guai. Sposata e con figli Samantha Ciotta, 32 anni, insegnante presso la Beaumont High School di Beaumont, in California, è stata arrestata per aver fatto sesso con un suo studente minorenne dopo che il ragazzo ha mostrato un’immagine di sé e della donna semi nudi sul social.

pjimage12Secondo quanto riporta il Daily Mail, a denunciare l’accaduto sarebbe stato un altro studente, dopo aver visto la foto su Snapchat. Come lui altri ragazzi hanno confermato quello che era comparso sui social, anche dopo le 24 ore dalla distruzione del file, l’insegnante è stata così sospesa dall’incarico e arrestata. Dalle indagini è emerso che quello tra la Ciotta e il suo studente era una vera e propria relazione che andava avanti dal 2015, pare anche che la professoressa volesse confessare la sua relazione al marito.
Il minore coinvolto nel rapporto, vive una situazione familiare molto delicata: la madre è morta e il padre è in prigione, così è stato affidato a una parente che però è stato indagato per abbandono di minore visto che sembra non si prendesse cura di lui da tempo. La donna dovrà sostenere un processo, intanto il marito ha chiesto e ottenuto divorzio e custodia dei loro due figli.

Posta una foto su Twitter senza velo, giovane musulmana rischia la fustigazione

Arrestata e imprigionata per aver condiviso su Twitter una foto senza hijab, il tradizionale velo islamico che nasconde completamente il corpo. È accaduto a una ragazza dell’Arabia Saudita, Malak Al Shehri, che ora rischia la fustigazione per essersi mostrata a tutti.

tweet-fustigazione-donna araba_12195106

L’immagine incriminata ritrae la giovane donna per le strade di Riyadh, la capitale dello stato, vestita con un abito colorato, lugo fino alle caviglie e un cappotto nero. Nonostante non sembri esserci nulla in mostra la foto ha destato scalpore e la donna è stata arrestata: si trova ora in custodia e rischia di essere frustata a sangue. A parlare delle sue condizioni, come riporta anche il Daily Mail è il colonnello Fawaz al-Maiman, portavoce della polizia di Riyadh che sottolinea che la colpa di quanto accaduto è solo della donna che ha fomentato «una sfida annunciata da lei stessa sui social media giorni prima». L’arresto è scattato dopo una segnalazione della polizia morale dopo l’accusa di aver violato il rigido dress code imposto alle donne. Ovviamente la storia si è diffusa molto in fretta e diventata in breve tempo virale. Il web però non ha accettato e non vuole accettare quanto accaduto a Malak ed è stata lanciata un’iniziativa per salvare la giovane donna dalla fustigazione, su Twitter è stato creato l’hashtag #FreeMalakAlshehri per cercare di attirare il più possibile l’attenzione sulla vicenda.  Non solo chi sostiene la sua causa però si è scatenato in rete, ci sono stati anche degli utenti che hanno appoggiato la decisione della giustizia saudita inneggiando addirittura alla pena di morte per la giovane donna.