Gabriel Garko, gaffe a Ballando con le stelle: «Ballerina brutta e cicciona». Scuse sui social

Ha creato un gran polverone la gaffe di Gabriel Garko a Ballando con le Stelle nella puntata del 14 aprile.
L’amatissimo attore è stato invitato da Milly Carlucci come ballerino per una notte e si è esibito in un sensuale tango apprezzato dal pubblico in studio e a casa, ma dopo la performance ad alto tasso erotico si è reso protagonista di una figuraccia in piena regola tanto da essere costretto a scusarsi via social.

gabriel garko gaffe ballando_16110243

Ecco cos’è successo in diretta su Rai 1.
“I miei genitori volevano farmi fare danza da piccolo. Ho anche iniziato, poi mi hanno dato una ballerina brutta e cicciona e quindi ho smesso”.
La gaffe di Gabriel Garko a Ballando con le Stelle ha fatto storcere il naso a molti e se l’intento era quello di strappare una risata al pubblico, beh diciamo che non ci è riuscito in pieno. Poco dopo, infatti, inondato di critiche e insulti pesanti sui suoi canali social, l’attore ha fatto dietrofront chiedendo scusa.

“Scusatemi tutti per la frase sulla cicciona… – ha esordito Garko – voleva solo essere una battuta su un pensiero che avevo avuto quando avevo 6 anni… non e’ un pensiero che ho oggi… ammetto di essermi espresso male… ”

C’è da dire che anche Selvaggia Lucarelli è particolarmente sensibile all’argomento e quando si è esibita la 16enne Aurora Nobile per Ballando con te, la giudice è intervenuta a difesa della giovane campionessa italiana lanciando una frecciatina anche ad Amici e Alessandra Celentano:

“In altri programmi dicono che le ballerine devono essere magre, lei, con quella carne, era bellissima” ha riflettuto la giornalista.

Tsqv: Belen ad ogni ballo un fuoriprogramma

Se nella puntata precedente, ballando con Martin Castrogiovanni, Belen Rodriguez aveva rotto il vestito sotto l’ascella, stavolta è stato il top Hanita che le ha teso un tranello. E sempre a causa di un ballo, precisamente una sfida di tango tra i due argentini.
A conclusione della focosa performance, con tanto di casqué, il reggiseno a fascia che doveva proteggere il décolleté, sotto la maglia trasparente a rete dorata, è scivolato verso il basso, lasciandole un seno scoperto.

C_2_box_46639_upiFoto1F“La tetta? Nooo!”: un attimo di panico sul volto della showgirl, che è subito corsa ai ripari tirando su la fascia e correndo fuori dietro le quinte per sistemarsi, mentre il rugbista sdrammatizzava con qualche battuta sulla sua pessima interpretazione.
Peccato che la scena fosse già stata filmata e fotografata ampiamente, così, da poter diventare virale durante il fine settimana. “Voglio vederti ballare, ballare…”: la frase della canzone di Zucchero sembra appropriata per la trasmissione dato che ad ogni puntata, ballo dopo ballo, Belen Rodriguez regala lo show nello show. Involontariamente, speriamo.

Giorgio Albertazzi, quando a 91 anni scese in pista a Ballando con le Stelle

«Io non ho mai ballato. Ma gli handicap servono a migliorarsi. In questo caso per me c’è anche l’età: ho 91 anni inutile negarlo ma ho impiegato tanto a diventare quello che sono». Spiegava così la sua nuova avventura in un programma televisivo il maestro Giorgio Albertazzi, una vita in scena tra teatro, cinema e tv.

"Ballando con le Stelle 2014" - Prima serata

Nel 2014 sorprese tutti partecipando alla decima edizione di “Ballando con le stelle” su Rai 1, diventando il concorrente più anziano di tutte le edizioni internazionali del programma, superando l’attrice Cloris Leachman che nel 2008, all’età di 82 anni, aveva partecipato all’edizione americana.

0aaVUC6

E anche lì appena salì sul palco con il suo panama bianco ed il suo charme, incantò il pubblico. Famose la sua rumba e il suo tango con la maestra, la ballerina Elena Coniglio che divertirono ed emozionarono. La sua avventura da ballerino tuttavia durò poco. Alla terza puntata Albertazzi abbandonò lo show per impegni di lavoro. L’artista tornò sul palcoscenico del Quirino per interpretare il Mercante di Venezia  lasciando in lacrime la sua insegnante di ballo. Per consolare “la bambina”, come la chiamava, citò alcuni versi di Garcia Lorca.