Va al bar e dice alla titolare: “Non sono l’amante di tuo marito”. Ma tra le due finisce in rissa

Alle 13 di martedì i carabinieri della locale tenenza sono intervenuti in un noto bar per fermare una violenta rissa tra due donne, la titolare di 38 anni e la presunta amante di suo marito di 31. Quest’ultima alle 12.30 si era recata nel bar per mettere le cose in chiaro con la titolare, per spiegare che sono false le chiacchiere di una storia d’amore tra lei e il marito.

3506631_1403_lite_donne_vicenzaLa discussione è però degenerata e le due donne dalla parole sono passate alle urla e alle mani con graffi e tirate di capelli. In un crescendo violento la 31enne ha infranto una bottiglia in testa alla 38enne. Sono gli occhi degli sbalorditi clienti che hanno telefonato al 112. I militari del sottotenente Federico Seracini hanno diviso le due litiganti, successivamente trasportate dai sanitari del Suem all’ospedale di Vicenza per le medicazioni del caso. Nessuna delle due donne ha presentato denuncia.

L’Influencer Elle Darby chiede all’hotel alloggio gratis in cambio di visibilità, la risposta del titolare diventa virale

Un week end gratuito in albergo per lei e il fidanzato in cambio di storie e post sui social. Il duro lavoro dell’influencer. Così la youtuber 22enne inglese Elle Darby, ha fatto la sua proposta a Paul Stenson, il proprietario dell’hotel in questione (il White Moose Cafe), a Dublino, probabilmente convinta della risposta positiva, ma quello che è accaduto è stato ben diverso.

Elle-DarbyLa donna ha sostenuto di aver fatto altre volte questo tipo di lavoro e che gli alberghi con cui ha collaborato ne sono stati più che soddisfatti. Stenson però non era dello stesso parare e ha pubblicato la mail ricevuta dalla ragazza aggungendo: «Se ti lascio alloggiare gratis in cambio di visibilità chi pagherà lo stipendio alla signora che si occuperà di pulire la tua stanza? Ai camerieri che ti serviranno la colazione? Al personale che ti accoglierà alla reception?” e incalza: “Dovrei forse dire al mio staff che invece di essere pagato avrà visibilità nei tuoi video?».
Anche se il nome dell’influencer è stato cancellato, in breve tempo si è capito chi fosse, anche perché la stessa Elle ha replicato con un video in cui spiegava le cose come erano andate concludendo dicendo di non aver fatto nulla di male. Il titolare dell’hotel ha così deciso di tagliare la testa al toro, scrivendo un post sulla pagina della sua attività, in cui specifica che non è interessato a questo tipo di collaborazioni.

Bordoll, sesso con le bambole: “Le Iene” nella casa d’appuntamenti. “Mia moglie mi aspetta fuori”

A Dortmund, in Germania, è stata aperta una casa di appuntamenti inediti. Il nome Bordoll lascia subito intendere che il bordello è popolato da bambole. La iena Cizco entra per curiosare e scoprire un mondo di clienti che preferiscono le donne in silicone a quelle vere.

3322647_1759_collage_2017_10_24_3_ (1)La titolare mostra le camere in cui vengono usate delle bambole a grandezza naturale: riprodotte in maniera piuttosto fedele rispetto a una donna; vengono usate da uomini che temono di comunicare le proprie fantasie sessuali alla partner.
Spesso i clienti sono accompagnati dalle mogli, che non hanno problemi a divivere il proprio compagno con delle bambole prive di emozioni. L’inviato prova ad avere un rapporto sessuale con una bambola che sceglie appositamente, pronto a constatare la consistenza del materiale, ma non riesce. Inquietante, infine, la stanza con una bambola le cui fattezze ricordano una bambina.

Licenziata perché non indossa il reggiseno, la cameriera denuncia il suo titolare su Facebook

Mandata via dal posto di lavoro dopo essere stata molestata sessualmente. Sono queste le dure accuse che lancia Kate Hannah, 22 anni, cameriera in un pub accusata di essere poco professionale per non aver indossato il reggiseno.

41678376La ragazza ha scritto un post denuncia su Facebook in cui ha mostrato il modo in cui era vestita e ha raccontato quello che le era successo. Il fratello del suo titolare le avrebbe detto che era inopportuna perché non indossava la biancheria intima, affermando che non le era permesso di lavorare senza e facendo questo di fronte ad altri membri del personale e ad alcuni clienti così da metterla in profondo imbarazzo.
Secondo quanto riporta il Daily Mail, molte persone sembravano essere d’accordo con quello che stava dicendo il titolare che si sarebbe rivolto alla 22enne anche con termini offensivi. Anche su Facebook in molti hanno dato ragione ai datori di lavoro, sostenendo che il costume in un posto di lavoro è basilare. Il pub ha però precisato che nessuna dipendente è stata licenziata per questi motivi e alcuni legali, che si sono espressi a riguardo, hanno però affermato che, qualora fosse, ci sarebbero gli estremi per una denuncia.

“Cercasi cameriere ‘affettuose’ col titolare”: albergatore arrestato, abusi su 12 ragazze

Un contratto di lavoro negli alberghi ma le ragazze, di età compresa tra i 19 e i 25 anni, una volta assunte dovevano dimostrarsi «affettuose» con il loro datore. Per questo un albergatore di Siena, Alessandro Pescini, 53 anni, è stato arrestato per violenza sessuale continuata ai danni di 12 sue ex dipendenti.

1599415_cameriera_sexy

Il gip di Siena, secondo quanto anticipato oggi da La Nazione, ha condiviso l’ipotesi accusatoria della procura della Repubblica firmando il provvedimento restrittivo agli arresti domiciliari per l’albergatore originario di Pisa che, in passato, ha ricoperto anche incarichi nel settore turistico-alberghiero in provincia di Siena. A far scattare le indagini la denuncia in Procura di una delle ragazze a cui l’uomo avrebbe alzato la camicetta per toccarle il seno.  Nel fascicolo ci sono oggi 12 testimonianze diverse di toccamenti nelle parti intime ma anche di rapporti completi avvenuti perché, secondo l’accusa, l’uomo aveva approfittato della debolezza psicologica delle ragazze perlopiù di origine di russa. Le molestie sarebbero avvenute in un albergo del centro di Siena e in una struttura ricettiva poco fuori le mura.