La nuora di Trump ricoverata: “Polvere bianca su una lettera per il marito”. Giallo negli Usa

Scatta l’allarme per una busta contenente polvere bianca consegnata all’indirizzo di Donald Trump Jr, il primogenito del presidente Donald Trump, a Manhattan. È stata la moglie di Donald Jr, Vanessa, a ricevere ed aprire la busta e a chiamare immediatamente il numero di emergenza 911 dopo aver accusato dei disturbi. Vanessa è stata ricoverata con altre due persone, una misura precauzionale si sottolinea, mentre la divisione Intelligence del dipartimento di Polizia di New York e il Secret Service, incaricato di proteggere presidente e famiglia, stanno indagando sull’accaduto.

3544286_2007_21.9905718La busta era indirizzata a Donald Jr ed è giunta in mattinata presso l’appartamento della coppia a Midtown. Dopo averla aperta, Vanessa Trump ha cominciato a tossire e ad avvertire conati di vomito. Successivamente la Polizia di New York ha affermato di aver analizzato la misteriosa polvere bianca riscontrando che non si tratta di una sostanza pericolosa. Mentre sulle condizioni della nuora del presidente ha fatto sapere che al momento non risultano danni fisici per la donna quarantenne.

Con l’intervento dei servizi di emergenza è comunque stata avviata una operazione di decontaminazione dell’appartamento, dove la coppia vive con o loro cinque figli. E che è anche sottoposto alla sorveglianza del Secret Service: in settembre infatti Donald Jr aveva rinunciato alla protezione prevista per i familiari del presidente, ma una settimana più tardi questa era stata reintrodotta per l’intera famiglia. Donald Jr e Vanessa sono sposati dal novembre 2005.

Prima del matrimonio Vanessa Trump ha lavorato come modella a New York oltre ad apparire in alcuni spot pubblicitari per la tv e in qualche film. Ha partecipato anche al concorso di Miss Usa e per un certo periodo ha gestito un’azienda produttrice di borsette. L’allerta per la possibile circolazione di polvere bianca dannosa recapitata per posta aveva raggiunto il suo picco negli Stati Uniti nel periodo post-11 settembre, dopo che buste con antrace erano state consegnate a membri del Congresso e giornalisti e avevano anche provocato la morte di cinque persone. Seguirono una serie di falsi allarmi. Nel marzo 2016 inoltre detective e agenti dell’Fbi erano stati attivati dopo che una lettera con minacce e contenente polvere bianca, poi risultata innocua, era stata recapitata presso l’appartamento a Manhattan di Eric Trump, un altro dei figli di Donald Trump. Inoltre, in due occasioni nello stesso anno, buste contenenti polvere bianca erano state recapitate alla Trump Tower, quartier generale della campagna per la elezione di Donald Trump.

Il web rosa sullo scoop estivo Allegri-Ambra: “Belen togliti, questi sono molto più trend”

Lo scoop dell’estate è certificato dal bollino giallo: la “travolgente passione”, l’iberbole è volutamente forzata, scoppiata tra una coppia inaspettata, quella composta dall’attrice Ambra Angiolini e dall’allenatore della Juventus Massimiliano Allegri.

massimiliano-allegri-e-ambra-angiolini1I due hanno trascorso un weekend di passione all’Argentario e le immagini pubblicate in esclusiva da Chi, il settimanale di Alfonso Signorini, non lasciano dubbi sulla natura del sentimento.
Nell’epoca del gossip
Nell’epoca del gossip che viaggia si social, tra una story su Instagram, un tweet e uno status su Facebook, è una rivista ad annunciarci un nuovo amore. Ma come mai la notizia è diventata virale? «Scusate ho appena scoperto che Ambra sta con Allegri. Devo metabolizzare la cosa. Cioè Mirta Merlino e Tardelli ok. mi piacciono pure. Ma Ambra e Allegri!?!?!» scrive Elisa. «Per me vince sempre Renga» replica Caterina, riprendendo un concetto caro a molte fan dell’ex Timoria. «Strano che Allegri preferisca Ambra a Mandzukic, eh?» dice Marilena. «Ma perché tanto stupore? Tra l’altro Allegri ha 49 anni (come l’ex Renga) ed è gradevole, Ambra ne ha 40, mica è la sua badante. Boh» scrive Silvia. L’ex Non è la Rai nell’immaginario di molti, è ancora la ragazzina che si faceva suggerire le battute via auricolare dal compianto Gianni Boncompagni. E infatti: «Love story Allegri – Ambra, c’è l’okay della società: nella finale Champions di Kiev, lei lo guiderà con l’auricolare» scrive Patrizia. La regina delle battute è: «Ambra di Non è la Rai e Allegri di Non è la Champions coppia dell’estate». «Belen fatte da parte che questa è una vera coppia da copertina. Mo’ o te metti con mago Merlino o zitta», il tweet di Mariangela. Del partito di Renga anche Arianna: «No Ambra, non puoi passare da quel figo di Renga ad Allegri». Resta il bollino giallo, e il certificato del gossip dell’estate. Un tempo gli allenatori erano dei tipi tutto campo e famiglia, anche se ci sono svariate leggende su molti di loro, tra tutti Helenio Herrera che pare avesse una pletora di amanti.
Quante storie
Ma gli sciupafemmine tra gli allenatori sono una schiera decisamente nutrita e non c’è bisogno di allungarsi troppo indietro nel tempo. E dopo Rudi Garcia, che a Roma trovò l’amore di Francesca Brienza, questo di Allegri e Ambra è uno scoop da panchina d’oro. Vedremo come andrà a finire. Le malelingue sono dietro l’angolo. Un po’ come i gufi. Più del successo, l’Italia non perdona soprattutto un’altra cosa: l’appeal con il gentil sesso.

La “top gun” afgana chiede asilo agli Usa: “Rischio la vita”. Kabul nega, ma è giallo

La prima top gun afghana chiede asilo negli Stati Uniti dopo le ripetute minacce ricevute. Ma l’Afghanistan si oppone e intima agli Usa di respingere la sua domanda perché la donna, accusa, dice il falso. Il capitano Niloofar Rahmani è salita agli onori delle cronache nel 2013, quando diventò la prima donna pilota dell’aeronautica afgana. Un traguardo al quale ha dedicato la sua vita. «Ho sempre voluto essere un pilota.

21-4051211_27175345

Era il sogno di mio padre», disse Rahmani, spiegando che riuscire nell’impresa significava anche dimostrare al mondo che «in Afghanistan le donne possono fare le stesse cose degli uomini».
Rahmani è stata portata come esempio negli Stati Uniti dell’avanzamento della condizione femminile in Afghanistan: nel 2015 il Dipartimento di Stato l’ha onorata con il premio ‘Woman of Courage’, e la First Lady Michelle Obama ne ha tessuto le lodi. L’iniziale successo in carriera, però, si è scontrato subito con le critiche crescenti delle forze armate afgane. Da qui le minacce a Rahmani e alla sua famiglia, costretta a trasferirsi più volte negli ultimi anni. Una situazione divenuta intollerabile per il capitano, tanto da spingerla a chiedere asilo negli Stati Uniti. «Se torna in Afghanistan, sente di essere in pericolo di vita», ha affermato il suo legale, Kimberly Motley, sottolineando che Rahmani nell’ultimo anno si è esercitata in base militari americane nel sud degli Stati Uniti. Definendola un «raggio di luce per le donne, gli immigrati e i musulmani nel mondo», Motley ha spiegato alla Cnn i timori della ragazza dopo l’ostracismo mostrato dalle forze armate del suo Paese e le critiche ricevute da esponenti del governo afgano. Ma la sua richiesta d’asilo infiamma la polemica. Il portavoce del ministro delle Difesa afghano, generale Mohammad Radmanish, ritiene che la ragazza stia «mentendo sulle minacce solo per ottenere l’asilo. Chiediamo agli amici americani e al governo di respingere la sua richiesta di asilo e di rimandarla a casa: la verità è che la sua vita non è a rischio». Le critiche arrivano anche dai suoi colleghi afgani. «Dice di essere stata molestata sul posto di lavoro ma non è vero perché tutti i piloti e lo staff sono istruiti e con un’elevata formazione», ha assicurato il colonnello Ayan Khan, pilota di elicotteri dell’aeronautica. «Come possono molestare una delle loro colleghe?»

Balotelli, è giallo: resta in panchina e fugge negli spogliatoi. “Gli scappava un bisognino”

Un episodio che non è sfuggito a chi ha seguito la finale di Coppa Italia tra Milan e Juventus: Mario Balotelli si scalda, pronto per entrare in campo per i supplementari, quando poi il tecnico Brocchi decide di far entrare Jose Mauri.

3119852_gallery

La reazione del numero 45 rossonero sembra furiosa, e lo si vede allontanarsi verso gli spogliatoi. Si è pensato subito all’ultima intemperanza di Supermario, ma poi sul sito ufficiale della squadra si sono affrettati a spiegare: “Balotelli è rientrato negli spogliatoi solo ed esclusivamente per espletare un suo bisogno fisiologico”.

Naomi Campbell in sedia a rotelle: il giallo in aeroporto: il giorno prima a una sfilata

Naomi Campbell è stata vista all’aeroporto di San Paolo in Brasile in sedia a rotelle, spinta da un assistente. Cosa sarà successe nelle ultime ore alla Venere nera? Soltanto 24 ore prima aveva sfilato con disinvoltura sulle sue gambe chilometriche sul red carpet del gala Amfar, con tanto di tacco.

naomi-campbell-in-sedia-a-rotelle-allaeroporto-di-san-paolo (1)

Lei come se nulla fosse ha sorriso ai presenti, ma non ha proferito parola. In passato episodi simili si erano già verificati: l’ultimo soltanto a fine marzo. In quel caso Naomi si trovava all’aeroporto di New York. Evidentemente la regina delle passerelle soffre ancora per un infortunio al piede che risale alla fine del 2015. Aveva insospettito e destato stupore il fatto che dopo la passerella del gala Amfar, Naomi se ne sia andata indossando un paio di comode scarpe da ginnastica sotto al vestito elegante, ma si sa che le star possono essere bizzarre. Invece Naomi probabilmente ora con i tacchi dovrà andarci cauta.

Megan Fox: in arrivo il terzo bebè, ma è giallo sul papà

Megan Fox mamma a sorpresa per la terza volta. La protagonista de “Teenage Mutant Ninja Turtles” ha sfoggiato il pancino sul red carpet del CinemaCon di Las Vegas ma la domanda che si pongono tutti adesso è: chi è il padre? L’attrice lo scorso agosto ha infatti ufficializzato il divorzio da Brian Austin Green per ‘differenze inconciliabili’.I due sono però rimasti in buoni rapporti e non è quindi escluso che ci vogliano riprovare.

C_2_fotogallery_3000500_3_image

L’attrice ha sfilato davanti ai fotografi a fianco del collega Will Arnett, indossando un vestitino attillato che sottolineava un pancino ormai evidente. Divorziata da qualche mese, le rotondità sono la prova che con l’ex marito Austin Green ci sia stato un riavvicinamento.
La coppia aveva deciso di separarsi nell’agosto del 2015 dopo una lungo fidanzamento, cinque anni di matrimonio e due figli: Noah (3 anni) e Bodhi (2 anni). Megan e Brian si erano lasciati in modo pacifico, continuando a trascorrere molto tempo insieme per amore dei figli. Ora, dopo mesi di riflessione, potrebbero aver deciso di riconciliarsi e festeggiare l’evento con un altro bebè.

Victoria Beckham posa per Vogue: il giallo della gamba staccata dal resto del corpo

Victoria Beckham ha realizzato un nuovo servizio fotografico che la vede protagonista per Vogue Cina. Un elegante bianco e nero e la solita classe, ma anche qualche perplessità suscitata dagli scatti pubblicati dalla signora Beckham sul suo profilo Instagram.

12719157_1011353932251172_9157805535768519028_o

In particolare, in una foto in cui l’ex Spice posa con una gamba al petto ricordando un fenicottero, qualcuno ha voluto vederci un uso troppo sconsiderato di Photoshop: la gamba destra, infatti, sembra staccata dal corpo.
Ma è anche possibile, e per molti più probabile, che la camicia bianca della Beckham stia coprendo parte della coscia,  mescolandosi allo sfondo grigio.

Amber Rayne, il giallo della pornostar trovata morta: accusò di stupro il collega James Deen

Il cinema a luci rosse piange Amber Rayne, pornostar 31enne balzata alle cronache dopo aver accusato nel 2015 il collega James Deen di stupro.

Amber-Rayne-morta-870x500

La donna è stata trovata morta, probabilmente stroncata da overdose, sabato notte nella sua villa di Sun Valley, a Los Angeles.La magistratura ha aperto un’inchiesta, ma dai primi rilievi sembra si sia trattato di un incidente. La Rayne era in casa con un amico ed è stato lui a chiamare i soccorsi. Amber ha iniziato la carriera a 21 anni e ha girato oltre 500 film girati. Nel 2015 accusò James Deen, uno dei pornodivi più famosi al mondo, di averla picchiata brutalmente sul set e violentata ripetutamente.