Bea, l’ultimo appello del papà: “Vi prego, non chiamatela più bimba di pietra”

Nel giro di sei mesi ha visto andarsene prima la moglie, Stefania, e poi la figlia, la piccola Beatrice, di otto anni. Alessandro Naso sta passando delle ore terribili, ma ci tiene a lanciare un appello a tutta Italia: «Vi prego, non chiamatela più ‘la bimba di pietra’, perché non le faceva onore prima e non fa onore al suo ricordo adesso. Di pietra, lei, aveva solo la determinazione e la voglia di vivere».

bea3La piccola è morta per una malattia rarissima che ha indebolito non poco la maggior parte delle articolazioni ma, come ci tiene a precisare il papà al Corriere della Sera, non era completamente paralizzata ed era in grado di parlare: «Voleva aiutare gli altri bambini affetti da malattie rare, quando veniva a sapere di nuovi casi di cui si stava occupando l’associazione, diceva sempre di volerli guarire lei».
Papà Alessandro ha poi spiegato: «Era una bimba sveglia, pienamente conscia della sua malattia e per questo aveva paura di addormentarsi e morire nel sonno. Mi diceva: ‘Papà, stai qui con me, non voglio chiudere gli occhi, stai qui con me’». La piccola Bea andava benissimo a scuola e sognava di diventare anestesista: «Solo due settimane fa aveva preso un 9, era la prima della classe e spero che sabato tutti i suoi compagni di scuola vengano a salutarla per l’ultima volta». Ora, per Alessandro, c’è una sola missione di vita: «Voglio tenere alto il ricordo di Bea aiutando i bambini affetti da malattie gravi e rare attraverso l’associazione, spero che la vita me lo lasci fare».

Alice ha 18 anni e soffre di psoriasi: “Mi hanno sempre allontanata credendomi contagiosa”

Alice ha 18 anni e un passato turbolento a causa della sua malattia. A 11 anni ha iniziato a notare delle macchie sul suo corpo e dopo diverso tempo ha scoperto di avere la psoriasi.

alice-psoriasi_03175007Quello che le ha causato il maggior disagio non sono stati tanto i sintomi della malattia, ma i commenti della gente. Inizialmente non si capiva cosa potesse essere, il suo parrucchiere sembrava fosse tigna, nel corso degli anni le macchie aumentavano e diventavano sempre più visibili e la gente, credendo fossero contagiose, ha iniziato ad allontanare Alice.

Poi a 15 anni, come riporta il Daily Mail, è arrivata la diagnosi. La psoriasi una malattia infiammatoria cronica della pelle, non infettiva né contagiosa. Per anni Alice, originaria dell’Hampshire, non si è accettata e ha provato a nascondersi, ferita dai commenti delle persone, fino a quando non ha deciso di smettere di essere vittima del giudizio altrui. Oggi ha portato avanti un grande cambiamento e mostra il suo corpo senza paure: «Non voglio più nascondermi, voglio educare le persone mostrando loro che le malattie autoimmuni sono normali e che la mia pelle potrebbe sembrare diversa ma è del tutto normale».

Elena Santarelli, come sta il figlio? La showgirl parla della malattia del piccolo Giacomo

Elena Santarelli torna a parlare della malattia che ha colpito il figlio pur senza rivelare la diagnosi e lo fa su Instagram, rispondendo alle curiosità di tante mamme che la seguono e comprendono a pieno lo stato d’animo della showgirl di Latina. Ecco come sta Giacomo e come affronta il difficile momento insieme alla famiglia.
La moglie di Bernardo Corradi aveva rivelato qualche giorno fa di essersi accorta che Giacomo aveva qualcosa che non andava grazie al suo istinto materno; poi solo ieri ha fatto sapere che il bimbo di 8 anni, nonostante tutte le difficoltà del momento, appare calmo e sereno.

download (81)Elena Santarelli non ha perso la sua positività e cerca in tutti i modi di trasmetterla ai figli per non minare il loro buon umore.
“Mio figlio è più sereno ora di prima – ha fatto sapere la Santarelli a chi ha chiesto come sta Giacomo – Conosce la verità per quanto un bimbo possa sapere e capire, ha una mamma e un papà che ridono sempre e che sdrammatizzano tutto, che si amano e che lo amano, continua a vivere la normalità sapendo che c’è una battaglia in corso che vinceremo al cento per cento, insomma a casa nostra si respira felicità e positività come se nulla fosse”.
Sono piovuti complimenti su Instagram verso Elena e il modo in cui sta affrontando una sfida che possiamo immaginare davvero ardua e auspichiamo che l’amore e la serenità che si respirano in casa Corradi aiutino presto il piccolo Giacomo a vincere contro qualsiasi male stia combattendo.

Mamma ninfomane lascia soli i 4 figli per andare a fare sesso: “Oltre 100 partner…”

Ha rischiato la sua vita e ha messo in pericolo quella dei suoi figli a causa della sua dipendenza dal sesso.
Monique Price ha 25 anni e viene da St. Charles, Missouri, ha 4 figli e da anni le è stata siagnosticata la STD, una malattia che la spinge a fare sesso in modo compulsivo.
La donna ha raccontato al Daily Mail di aver avuto oltre 100 partner sessuali, che la malattia l’ha spesso spinta a lasciare i suoi figli soli in casa mentre dormivano per fare sesso, ad avere rapporti occasionali non protetti perché il desiderio di fare sesso vince su tutto.

18119363_1846813555642644_8310849790810724253_n_09190624Ha iniziato ad avere rapporti a 15 anni e da allora ha iniziato a sviluppare il disturbo, ora ha una relazione stabile, fa sesso con il suo compagno due volte a settimana e sta cercando di farsi curare.
Monique ammette di essersi comportata male nei confronti dei figli: «Ho fatto sesso non protetto con sconosciuti durante le mie gravidanze, la mia famiglia mi odiava per questo, ho fatto del male a molte persone, ma la dipendenza dal sesso è come la tossicodipendenza, diventa una malattia». Dopo il primo rapporto sessuale ha iniziato a desiderare sempre di più il sesso, il medico le aveva detto che erano gli ormoni della crescita, ma lei voleva spingersi sempre oltre. Ha iniziato a fare sesso con uomini molto più grandi di lei, orge e tutto è andato degenerando fino a diventare incontrollabile.
Oggi sta molto meglio, ha trovato l’amore della sua vita, si sta per sposare e segue un percorso di terapia che per la prima volta le ha permesso di controllare i suoi impulsi sessuali.

Vende Playstation e giochi per salvare il suo cane ma viene criticato: ecco cosa è successo

Era disposto a tutto pur di salvare la sua cagnolina, Brenda, e per aiutare la famiglia a pagare le spese di un’operazione veterinaria urgente, aveva pubblicato un annuncio in cui vendeva la sua Playstation 3 insieme a nove videogiochi per una cifra pari a circa 195 euro. Quello che questo ragazzo argentino, Gonzalo Barreiro, non poteva certo immaginare erano le reazioni del web al suo post su Twitter, che nel giro di pochi giorni ha superato i 30mila ‘Mi piace’ e i 77mila ‘retweet’.

3341355_1354_vende_playstation_pagare_cure_caneMolti, infatti, commossi dalla motivazione del ragazzo, gli avevano chiesto di fornire coordinate bancarie o dati di carte prepagate per poter fare delle donazioni per aiutare Brenda senza che fosse costretto a vendere la consolle e i videogame. Gonzalo, però, ha rifiutato le generose offerte di tanti utenti altruisti, sostenendo di voler solo vendere la consolle e fare la sua parte per salvare la vita al suo cane.
Non tutti, però, si sono fidati del suo post e alcuni lo hanno apertamente accusato di non voler specificare la malattia che ha colpito Brenda e sostengono che si tratti di una messinscena per racimolare qualche soldo da parte di utenti generosi. A questo punto, il ragazzo ha reagito così alle tante critiche: «Non mi abbasso a rispondere a chi mi dice che è tutto un ‘fake’ o una ‘truffa’. La vita della mia cagnolina vale più di una ‘Play’ di m…a».

Terapie sbagliate per 10 anni: la giovane sexy modella a 26 anni è già in menopausa

Per 10 anni i medici le hanno diagnosticato come sindrome dell’intestino irritabile quella che in realtà era endometriosi: il risultato è che ora a 26 anni sta soffrendo i sintomi della menopausa precoce per via delle terapie a cui deve sottoporsi. È quanto successo ad una modella inglese di 26 anni, come riporta il quotidiano inglese The Independent.

1508354646566.JPG-Carla Cressy, questo il suo nome, da quando aveva 14 anni lamentava dolori addominali, che però non sono mai stati inquadrati correttamente. L’endometriosi può essere trattata con alcuni farmaci, che riducono la quantità di ormoni estrogeni prodotti dal corpo, ma che nelle giovani donne possono causare sintomi simili a quelli della menopausa, come vampate, sudorazioni e momenti di nausea inspiegabile, proprio come sta succedendo alla giovane.

Date: June 15 2017 Location: Leigh-on-Sea, Essex, England. A stunning model once voted amongst the UKís most attractive women has been left a recluse in her own home after she was struck down by a crippling ìnightmare" illness. Carla Cressy, 25, made a name for herself when lads mags were in their heyday, regularly appearing in Nuts and Zoo magazine and even became the face of an energy drink company. Pictured: One of Carla's photos prior to her diagnosis. Words: Essex News and Pictures.

«È un incubo», commenta. La ragazza è stata costretta ad abbandonare la sua promettente carriera di modella per via della malattia. Si è sottoposta a tre interventi chirurgici per trattare l’endometriosi, che ora si sta diffondendo ad altri organi. «Mi ci sono voluti sei mesi per prepararmi all’intervento chirurgico successivo. Sono in menopausa forzata e ricevo iniezioni che fanno restringere i miei organi», racconta.
Pur essendo comune in Inghilterra, Cressy non aveva mai sentito parlare di questa malattia finchè non le è stata diagnosticata, al grado 4, il più avanzato. «Se mi fosse stata diagnosticata prima, la malattia sarebbe stata meno grave». Forte della sua esperienza, ora vuole sensibilizzare il pubblico sull’endometriosi, sperando di aiutare le giovani che ne soffrono a ricevere una diagnosi più tempestivamente. A tal fine ha avviato una petizione per chiedere una migliore informazione nelle scuole alle ragazze tra i 14 e 18 anni.

Il bacio galeotto tra Selena Gomez e Timothee Chalamet

Selena Gomez “beccata” in auto mentre bacia con passione un uomo, che non è il suo fidanzato. Niente scoop però, è solo per un film, diretto da un regista speciale. La giovane attrice americana è impegnata nelle riprese del nuovo progetto di Woody Allen.

5VrIo5oq8glOFXsYdJMsIl film non ha ancora un titolo, ma vede protagonista la Gomez insieme a un altro talento di Hollywood, il 22enne Timothee Chalamet. La storia d’amore con Timothee, comunque, è solo per le telecamere: il fidanzato della Gomez, il cantante The Weeknd, può stare tranquillo. Sul set Selena è molto attiva, sembra essersi completamente ripresa dal trapianto di rene subito in estate a causa di una malattia e annunciato solo pochi giorni fa.

Selena Gomez torna al lavoro dopo il trapianto di rene

Dopo il trapianto di rene, Selena Gomez esce allo scoperto. Solo poche ore fa la star ha dichiarato al mondo, con tanto di foto sui social, che a luglio ha subìto un intervento molto delicato a causa della sua malattia, il Lupus.

C_2_articolo_3094711_upiFoto1FAdesso arrivano i primi scatti, sul set del nuovo film di Woody Allen a New York. L’attrice appare in forma e sorridente. Il peggio è passato.
Oltre alla Gomez sul set ci saranno anche Jude Law, Timothée Chalamet ed Elle Fanning. Del nuovo film si sa poco, il titolo dovrebbe essere “Wonder Wheel” e la pellicola dovrebbe arrivare nelle sale a dicembre 2017.

Selena Gomez, ecco la foto in ospedale: “Ho subito un trapianto di rene per guarire dal Lupus”

I fan più fedeli avevano notato che qualcosa non andava e la risposta è arrivata sui social. Selena Gomez, che da mesi teneva un basso profilo, si è mostrata su Instagram dopo un trapianto di rene che l’aiuterà a combattere la malattia che l’affligge: il lupus.

selena-gomez-trapianto-rene-foto-660x350La 25enne, star dei teenager, scrive: «Ho scoperto di avere bisogno di un trapianto di rene a causa della mia malattia, il Lupus, e sono stata ricoverata per l’operazione…». Selena ha scritto un lungo post in cui ringrazia la sua famiglia, gli amici e coloro che le sono stati vicino, in modo particolare Francia Raisa, la sua migliore amica, colei che le ha donato l’organo di cui aveva bisogno e che è ritratta con lei nella foto sul letto di ospedale: «Mi ha fatto un dono sacrificandosi e donandomi il suo rene. Sono incredibilmente benedetta. Ti amo tanto sorella».
In altre foto mostra la cicatrice dell’intervento e il recupero che sta avendo. Selena ha avuto molti problemi fisici e psicologici legati alla sua malattia, al punto da essere costretta a interrompere un tour, la speranza è che questa operazione le dia di nuovo l’energia di cui ha bisogno.

“Sono un dinosauro”: adolescente ricoverata con una malattia rara

Sette settimane in ospedale per una ragazza di 18 anni, Lucy Evans, che ha scoperto di essere affetta da una malattia rara, un disturbo al cervello che le provoca terribili allucinazioni.

Lucy having treatment (Collect/PA Real Life)

La ragazza pensava di essere un dinosauro o una scimmia. Le terribili illusioni di un’adolescente si sono rivelate dovute a un raro disturbo del cervello. La situazione era così grave che la ragazza era convinta che i capelli fossero la coda e di dover andare a vivere in uno zoo.
Diventata paranoica, ha aggredito anche un uomo innocente accusandola di averla assalita sessualmente. I suoi repentini cambi di umore hanno ingannato i medici, i quali pensavano fosse bipolare. Quando la sua salute ha cominciato a peggiorare, la ragazza aveva conati di vomito fortissimi.
La madre Liza Jackson non si è arresa e ha chiesto più pareri. Come riporta Metro, un medico ospedaliero ha diagnosticato un’encefalite recettoriale anti-NMDA, una condizione incredibilmente rara che colpisce solo uno a due milioni di persone in tutto il mondo, in cui gli anticorpi del corpo attaccano il cervello.