“Insulti a sfondo sessuale”: l’attrice di Game of Thrones blocca una nazione intera su Instagram

Stanca di «minacce e messaggi aggressivi di natura sessuale». Così l’attrice tedesca di origini turche Sibel Kekilli, interprete in passato anche della serie tv Game of Thrones (interpretava il ruolo di Shae, la prostituta amante del “folletto” Tyrion Lannister interpretato dal bravissimo Peter Dinklage), ha spiegato il blocco del suo account Instagram agli utenti turchi.

99068-sibel-kekilli-diziyi--b--rak--yor-turkhaber-gazetesiL’attrice, che già in passato aveva denunciato di aver ricevuto minacce sui social network, è molto conosciuta in Turchia e il caso sta suscitando polemiche sul web. Negli anni scorsi, Kekilli – con un passato nel mondo del porno – era già stata duramente attaccata in Turchia per il ruolo da protagonista nel film ‘La sposa turca’ di Fatih Akin, vincitore dell’Orso d’Oro al festival di Berlino.

Asia Nuccetelli choc: “Sono mesi che ricevo minacce di morte…”

ROMA – Asia Nuccetelli, dopo la partecipazione al Grande Fratello Vip, è diventata una vera e propria web star. Seguitissima sui social, la figlia di Antonella Mosetti, spesso è stata ospite anche in tv. Ma con la popolarità, arrivano le critiche, che in alcuni casi sfociano in qualcosa di più grave…

Asia-Nuccetelli“Sono mesi che ricevo minacce di morte…”. È lo sfogo choc che Asia affida a un lungo post su Instagram. E continua: “Oggi voglio parlarvi di una cosa molto importante. Sono mesi e mesi che ricevo stalking, minacce di morte (provenienti solo e unicamente da persone di sesso femminile) e tanto altro ancora. È vero che esporsi significa accettare le critiche e altro, ma queste non sono critiche questa è rabbia repressa, invidia e odio. Sentimenti che nella mia vita mai ho provato, guardando sempre e solo il mio giardino e fregandomene dei giardini altrui. Pagine che si chiudo dietro a un nome finto per denigrare o insultare tutte le belle donne esposte o me in questo caso, pagine che racimolano i loro like per lo più provenienti da frustrate in cerca di una consolazione per il loro basso livello di autostima”.
Infine, la figlia di Antonella Mosetti si rivolge direttamente a coloro che la minacciano: “Io mi sento mille volte meglio di ognuna di queste donnicciole da bar… Se io domani mattina mi sveglio e voglio farmi un cavallo in mezzo alla fronte, voi muti dovete stare. Ti do fastidio? Non seguirmi, bloccami. Ma le minacce di morte tornano indietro con gli interessi, sia quelle mie che alle persone a me care. Lo stalking che mi state facendo vi ritorna indietro con tanta grazia. Aspettatevi il conto, chi sbaglia paga”.

La “top gun” afgana chiede asilo agli Usa: “Rischio la vita”. Kabul nega, ma è giallo

La prima top gun afghana chiede asilo negli Stati Uniti dopo le ripetute minacce ricevute. Ma l’Afghanistan si oppone e intima agli Usa di respingere la sua domanda perché la donna, accusa, dice il falso. Il capitano Niloofar Rahmani è salita agli onori delle cronache nel 2013, quando diventò la prima donna pilota dell’aeronautica afgana. Un traguardo al quale ha dedicato la sua vita. «Ho sempre voluto essere un pilota.

21-4051211_27175345

Era il sogno di mio padre», disse Rahmani, spiegando che riuscire nell’impresa significava anche dimostrare al mondo che «in Afghanistan le donne possono fare le stesse cose degli uomini».
Rahmani è stata portata come esempio negli Stati Uniti dell’avanzamento della condizione femminile in Afghanistan: nel 2015 il Dipartimento di Stato l’ha onorata con il premio ‘Woman of Courage’, e la First Lady Michelle Obama ne ha tessuto le lodi. L’iniziale successo in carriera, però, si è scontrato subito con le critiche crescenti delle forze armate afgane. Da qui le minacce a Rahmani e alla sua famiglia, costretta a trasferirsi più volte negli ultimi anni. Una situazione divenuta intollerabile per il capitano, tanto da spingerla a chiedere asilo negli Stati Uniti. «Se torna in Afghanistan, sente di essere in pericolo di vita», ha affermato il suo legale, Kimberly Motley, sottolineando che Rahmani nell’ultimo anno si è esercitata in base militari americane nel sud degli Stati Uniti. Definendola un «raggio di luce per le donne, gli immigrati e i musulmani nel mondo», Motley ha spiegato alla Cnn i timori della ragazza dopo l’ostracismo mostrato dalle forze armate del suo Paese e le critiche ricevute da esponenti del governo afgano. Ma la sua richiesta d’asilo infiamma la polemica. Il portavoce del ministro delle Difesa afghano, generale Mohammad Radmanish, ritiene che la ragazza stia «mentendo sulle minacce solo per ottenere l’asilo. Chiediamo agli amici americani e al governo di respingere la sua richiesta di asilo e di rimandarla a casa: la verità è che la sua vita non è a rischio». Le critiche arrivano anche dai suoi colleghi afgani. «Dice di essere stata molestata sul posto di lavoro ma non è vero perché tutti i piloti e lo staff sono istruiti e con un’elevata formazione», ha assicurato il colonnello Ayan Khan, pilota di elicotteri dell’aeronautica. «Come possono molestare una delle loro colleghe?»

Charlie Sheen, intercettazione choc: “Pago anche 20 mila dollari per uccidere la mia ex”

Intercettazione shock. Charlie Sheen, ex star della fortunata serie tv Due Uomini e Mezzo, è accusato di avere tentato di assoldare un killer per uccidere l’ex fidanzata Scottine Ross. L’attore, già alla ribalta delle cronache per aver ammesso in diretta tv – lo scorso 17 novembre – di aver contratto il virus dell’HIV circa quattro anni fa, è stato intercettato al telefono con il presunto sicario.

1413549658_charlie-sheen-bret-rossi-article

«Questa stronza deve essere sepolta – sarebbe il contenuto dell’audio incriminato – Sono disposto a pagare anche ventimila dollari pur di uccidere la Ross».
Per questa intercettazione, stando a quanto riportato da Variety, il Dipartimento di Polizia di Los Angeles ha aperto un’inchiesta penale contro la star, anche se il portavoce delle forze dell’ordine losangeline non ha ancora confermato la natura esatta delle indagini e i nomi delle persone coinvolte. Dopo la rottura tra Sheen e la Ross, avvenuta nel 2014, la donna aveva già accusato l’ex compagno di aver abusato di lei sia mentalmente sia fisicamente, oltre ad averle nascosto il fatto di essere affetto da tempo del virus dell’HIV. Non è finita qui, perchè in un altro file audio la star ammetterebbe di aver mentito a un’altra partner sessuale circa la sua sieropositività. «Perchè non mi hai detto che eri infetto?», chiederebbe una donna non identificata nel nastro in questione. «Perchè non sono affari tuoi», la risposta di Sheen.
Non è la prima volta che l’attore si ritrova nei guai con la giustizia. Già nel 2009 Charlie Sheen era stato arrestato con l’accusa di abusi domestici dopo le minacce di morte rivolte all’allora moglie Brooke Mueller, con la quale avrebbe poi divorziato ufficialmente il 2 maggio 2011.