Pesce zombie perde la testa e continua a nuotare per giorni, le immagini choc

Viene decapitato da un altro pesce ma continua ancora a nuotare a distanza di giorni. Un pesce rosso è stato ripreso mentre nuota dopo 3 giorni dal suo “incidente” senza la testa.
A riprendere la scena è il proprietario dell’acquario che mostra l’animale, divenuto inspiegabilmente verde, muoversi in acqua senza la testa.

3324748_1605_pesce_decapitatoIl proprietario ha spiegato che qualche giorno prima, un altro pesce dell’acquario lo aveva aggredito staccandogli la testa, ma il pesciolino rosso, come uno zombie, non è morto ma ha contiuato a notare senza il capo. Il video, che viene dal Taiwan, nella sua versione integrale mostra la testa del pesce nel filtro.
Le immagini, che hanno fatto il giro del mondo, hanno sconvolto molti utenti che hanno ipotizzato diverse soluzioni, come riporta anche il Daily Mail: chi ha parlato di un riflesso incondizionato dovuto a fasce nervose, chi di una mutilazione non fatale e chi ha anche parlato di pesce zombie.

Tara perde oltre 60 kg in 18 mesi, ora è irriconoscibile. Ecco come ha fatto

«Prima ero dipendente dal cibo, ora la mia unica dipendenza è quella per l’attività fisica. Ogni progresso graduale mi ha dato la forza per cambiare aspetto e stile di vita». Tara Kavanagh, 35enne mamma di Rapid City, nel South Dakota, fino a un anno e mezzo fa pesava oltre 135 kg, ma c’è stato un evento che l’ha portata a prendere coscienza di dover fare qualcosa per cambiare la propria situazione e oggi, dopo aver perso più di 60 kg, è del tutto irriconoscibile.

mamma-obesa-perde-peso-irriconoscibile_21110455La donna, infatti, non faceva altro che stare in casa e mangiare cibo poco sano, soprattutto prodotti di fast food. La morte di un amico, che come lei era affetto da obesità, ha fatto scattare qualcosa in Tara: «Ho capito che la vita è breve e va vissuta come merita, non potevo continuare così e rischiare di morire. Così ho iniziato a scoprire il cibo salutare e ho iniziato a fare attività fisica con un tapis roulant all’interno della mia casa».
Il processo di trasformazione, tuttavia, è stato lento e graduale, e per nulla facile: «All’inizio camminavo lentamente, ma quando ho visto i primi, piccoli progressi, ho iniziato ad allenarmi sempre più duramente, abbandonando il cibo spazzatura. Combattere l’obesità non è stato facile: in quest’ultimo anno ho letteralmente distrutto tre diversi macchinari ma sono fiera di quello che ho fatto e spero di essere un esempio per molti».
«Sono sempre stata sovrappeso, al liceo arrivai ad accettare la cosa come se fosse normale, anche perché nella mia famiglia quasi tutti erano al limite dell’obesità» – spiega ancora la donna, riportata dal Mirror – «Ora, però, ho capito che non voglio abbandonare la strada verso la salute e la felicità. Mi sembra incredibile poter fare, adesso, tante cose che prima non avrei potuto permettermi: dallo sci nautico all’aerobica, passando per l’escursionismo con la mia famiglia. Non voglio certo fermarmi qui, ho capito quanto sia davvero importante la salute e il benessere fisico».

Mia Cellini perde 75 chili, l’ex GF: “Ecco come ho fatto”

“Sono tutti interventi necessari dopo aver perso così tanto peso. Me li ha passati l’Asl. Io ero obesa già dall’asilo, è genetica, siamo tutti un po’ cicciotelli in famiglia”.

gf-mia-cellini-75-chili-quarta-operazione

A parlare l’ex gieffina e Youtuber Mia Cellini che ha perso oltre 75 chili, arrivandone a pesare 60 e spiega i motivi per cui ha dovuto subire alcuni interventi chirurgici come l’addomino plastica, la riduzione del seno e l’eliminazione della pelle in eccesso.
Perdere tanto peso per lei non è stato facile: “Per perdere tanti chili ti deve scattare un clic nella testa. Solo così ce la puoi fare. Io avevo una forte motivazione: la perdita di mio padre nel 2010 e la necessità di voler stare meglio, in salute. Ci ho impiegato un anno e mezzo. Non bisogna essere a tutti i costi magre per essere seducenti. Io adesso mi sento bene così e se riprendo due o tre chili per me non è un problema”.

Bobo Vieri perde a footvolley, la reazione non è delle più sportive

Bobo Vieri a perdere proprio non ci sta. “Grande soddisfazione vincere contro il bomber di tutti i tempi!!!”.

vieri_656_ori_crop_MASTER__0x0

Ma lui, il bomber, Bobo Vieri , non l’ha presa bene e ha calciato via la palla dopo aver perso la prima partita a footvolleycontro il fiorentino Matteo Mazzoni e l’amico Daniele Abbattista, facendosi poi strada tra i curiosi fermi a bordo campo sulla spiaggia di Formentera.Siamo alla Tanga Beach, sulla famosissima isola delle Baleari, dove ogni giorno l’ex calciatore della Nazionale ha sfidato e battuto (almeno finora) sfidanti di ogni età e nazionalità. Ma stavolta ha trovato pane per i suoi denti, finendo per essere sconfitto. Impresa che ha naturalmente fatto il giro dei social network.  E “dal Tanga Stadium è tutto… Matte batte il bomber Vieri 18-9” scrive su Facebook uno dei due vincitori, accompagnando il post con l’hashtag ‘Che fatica la vita da bomber’.

Ha un’offerta di lavoro favolosa, ma la perde quando il capo scopre un selfie imbarazzante

Un lavoro con cui poteva realizzarsi e un’offerta imperdibile da quasi 50mila euro, ma Samantha Chirichella, una 26enne di Long Island (New York), è stata discriminata ancora prima di iniziare a lavorare come investigatrice privata in un studio legale. Il capo ha trovato sul suo profilo Instagram un selfie imbarazzante e ha rinunciato ad assumerla.

390-breast-0502 (1)

Samantha si è fotografata a seno scoperto mentre si facava baciare da un’altra donna. Il datore di lavoro aveva deciso di controllare la sua vita e la sua professionalità, ma il selfie lesbo è stato troppo da tollerare, nonostante fosse stato scattato tre anni prima.Nella foto si vede la donna distesa su un fianco e nuda con un’altra donna a testa in giù. Si baciano i rispettivi capezzoli. Samantha si è rivolta alla Corte Suprema di Manhattan sostenendo che quell’immagine è arte, non porno. La foto è stata anche esposta nella galleria d’arte della sua amica. La polemica è scoppiata perché il capo l’avrebbe discriminata per il suo orientamento sessuale.