Allison Mack, la Chloe di Smallville, è a capo di una setta segreta a sfondo sessuale

Allison Mack, la Chloe di Smallville, sarebbe a capo di una setta segreta a sfondo sessuale. È l’accusa choc nei confronti dell’attrice che interpretava l’amica del giovanissimo Clark Kent nella serie tv che è andato in onda per 10 anni dal 2001 al 2011.
Viso angelico, classica ragazza della porta accanto, avrebbe reclutato donne per farle diventare delle schiave sessuali.

Allison_Mack_d1614880c97c173fddd763969521db77L’incredibile storia è stata riportata dai media britannici e la vedrebbero come uno dei membri più importanti del culto Dos, acronimo di “dominus obsequious sororium”, ovvero “padrone delle donne schiave”.
La storia è emersa dalle testimonianze di alcune di queste donne vittime della setta che, pentite, hanno rilasciato alla celebre testata la loro dichiarazione. Il Sun ha infine lanciato l’accusa pesante nei confronti della Mack sostenendo come lei fosse stata incaricata dal fondatore della setta Keitg Raniere di reclutare circa 25 ragazze per farne loro delle schiave del sesso.
Le vittime riceverebbero addirittura un marchio a fuoco sulla pelle con le iniziali del fondatore, costrette al digiuno, all’obbedienza nei confronti del loro padrone, a sottoporsi a prove di dolore e a consegnare foto e filmati personali in pose hot. E la bionda attrice di Smallville sarebbe passata da vittima a carnefica di tali oscenità e atrocità.

L’esorcista dei vip: “Tre donne dello spettacolo italiano possedute da Satana”

L’esorcista Don Antonio Mattatelli è intervenuto questa mattina ai microfoni di ECG, il programma condotto da Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio su Radio Cusano Campus. l’emittente dell’Università degli Studi Niccolò Cusano.

3311998_1309_matatelliL’esorcista ha parlato dei recenti scandali sessuali che hanno sconvolto il mondo di Hollywood e non solo: «C’è Satana in queste cose. C’è Satana in tutto questo meccanismo perverso di una società sessualizzata. Una società che ricatta le persone perché arrivino al successo. Le ricatta sessualmente. Persone che magari hanno una dipendenza sessuale, come si può avere la dipendenza da gioco. In quello che è accaduto, Satana è nel produttore che chiede ma anche nella donna che accetta di dare. In entrambe le situazioni c’è il peccato. C’è una dissacrazione dell’io, si viola il sacrario della coscienza. Satana non è soltanto nel produttore che chiede sesso per concedere una parte, ma anche nella donna che accetta quel baratto. Non bisogna cedere per il successo ai comandamenti di Dio. In questo caso non vale il male minore. Le persone che fanno queste cose pensano di essere furbe, ma in realtà sono schiave delle proprie passioni».
Don Antonio ha poi svelato di aver esorcizzato alcuni vip: «Ho fatto esorcismi a una ragazza dello spettacolo particolarmente posseduta. Ho avuto a che fare con diverse persone dello spettacolo. Anche una persona molto conosciuta e insospettabile che si è convertita, famosa prima e ora sparita. Anche quella persona aveva questi problemi legati ai baratti sessuali, problemi da cui è stata liberata. Ci sono tre donne dello spettacolo che hanno avuto a che fare con me. Hanno avuto problemi di possessione. Una è stata liberata, una è ancora in cura, un’altra è stata trasferita ad un altro sacerdote. Tre persone di cui una famosissima che hanno avuto questi problemi di possessione proprio in seguito a questi contatti con questo mondo dello spettacolo in cui Satana sicuramente è presente, con la ricerca del successo ad ogni costo, una sessualità vissuta in modo libertino e spregiudicato, una vita appiattita sul materialismo, soldi e cocaina».

Modella messa all’asta sul web, Chloe confessa: “Ho avuto paura per la mia vita”

Rapita e venduta sul web, questo è stato l’incubo di una modella 20enne. «Ho subito un’esperienza terribile. Ho temuto per la mia vita minuto per minuto. Sono infinitamente grata alla polizia italiana e a quella britannica per avermi salvato. Hanno lavorato giorno e notte per trovarmi».

2604845_2047_14317562_10207207177965000_6225072517335271220_n

Lo ha detto in un’intervista rilasciata al Tg1 Chloe Ayling, la modella inglese di 20 anni attratta con un’offerta di un servizio fotografico a Milano e poi sequestrata da un uomo polacco che avrebbe voluto metterla in vendita nel deep web, l’area oscura e illegale della rete. «Sono appena arrivata a casa dopo quattro settimane» ha detto la ragazza, raggiunta dal Tg1 a sud di Londra. «Mi devo riprendere, non posso dire altro finché non sarò interrogata qui in patria».
Chloe Ayling ha inoltre riferito di star bene e che quello del mese scorso era il suo primo viaggio in Italia. La modella vive con la madre in un quartiere popolare a sud di Londra. Dagli interrogatori, come rivela sempre il Tg1, emergono anche altri dettagli. Chloe ha raccontato che il suo aguzzino, il 30enne polacco Lukasz Pawel Herba, le avrebbe detto di aver guadagnato 15 milioni di dollari in cinque anni. E che tutte le ragazze vendute come schiave sessuali dall’organizzazione ‘Black death group’ sul deep web sarebbero destinate ai Paesi arabi. Ne vengono vendute all’asta almeno tre alla settimana, secondo il racconto di Herba riferito agli inquirenti dalla modella, e chi le acquista può poi regalarle o darle in pasto alle tigri.

51enne trovato in casa con 12 schiave del sesso: sei di loro donate dai genitori dopo un prestito

Tiene 12 giovani come schiave per anni dopo che gli erano state regalate dai loro genitori. Lee Kaplan, di 51 anni, trovato con 12 donne nella sua casa in Pennsylvania, ridotte a schiave sessuali. Sei di loro erano state donate da un anno dalla coppia amish Daniel e Savilla Stoltzfus, gliele aveva lasciate come ricompensa dopo aver ricevuto da lui un aiuto finanziario.

stupro-ragazze-regalate_07155014 (1)Le ragazze sono state cedute in cambio di denaro e l’uomo le ha trattate per anni come sue schiave sessuali. Le più grandi sono anche rimaste incinta e alcune di loro hanno avuto dei bambini dal loro aguzzino. Quando le autorità hanno scoperto le ragazze recluse hanno tutte confessato di aver subito violenze e abusi e di essere state tutte minacciate nel caso in cui avessero raccontato a qualcuno della condizione in cui vivevano. Secondo quanto riporta il Mirror alle giovani non era permesso nemmeno uscire, potevano solo limitarsi ad andare in giardino, ed è stato questo ad insospettire i vicini che hanno notato un numero maggiore di ragazze nella casa di Kaplan. L’uomo è stato arrestato ed è ora in attesa di processo.