Bella Thorne, lʼex stellina Disney completamente nuda e senza ritocchi Photoshop

Sfoggia, completamente nuda, le sue curve sexy sulla cover di GQ Mexico e commenta così: “Non ho voluto nessun ritocco. Non sono perfetta, sono un essere umano e sono reale!”. Lei è Bella Thorne, “scuderia” Disney, di cui è stata una giovanissima promessa in “Big Love” e “A Tutto Ritmo”.

C_2_fotogallery_3082955_11_imageAdesso, la cantante e attrice, che compirà 20 anni l’8 ottobre, sembra avere un solo scopo: non passare inosservata… senza ritocchi di Photoshop.
Nel lungo post, che accompagna uno degli scatti di GQ condivisi da Bella su Instagram, l’attrice scrive: “Ho chiesto specificatamente di non essere ritoccata” e aggiunge: “Confesso di avere molte insicurezze in moltissime cose. E’ naturale ed è umano. Guardando questa foto penserete, che bella… Ma sappiate che ogni volta che guardate nello specchio non vedete ciò che gli altri vedono. Le insicurezze sono normali. Quando viene fatto un servizio fotografico ad una persona pubblica su un giornale, un piccolo ritocco è normale…”.
Lei però ha chiesto specificatamente di non modificare gli scatti e di mostrare i segni dell’acne, i denti non bianchissimi, o qualche grinza sulla fronte: “Così la gente penserà che io non sono perfetta, anche se i personaggi famosi dovrebbero esserlo. Ma f…o a tutto, io non sono perfetta, sono un essere umano e sono reale!”.

Al Bano: “Prima della scomparsa di Ylenia ebbi segni premonitori”

Una vicenda dolorosa, che mai sarà superata da Al Bano Carrisi. La scomparsa di sua figlia Ylenia, avuta con Romina Power è una ferita che mai sarà rimarginata. Nel corso di un’intervista sulla rivista Mistero Magazine, il cantante ha rilasciato delle importanti dichiarazioni e si è lasciato andare al racconto dei giorni che precedettero la misteriosa scomparsa di Ylenia: “Mi ricordo cinque maledetti gatti neri e mi scuso con tutti gli animalisti, alla fine dell’anno 1993 – ha raccontato Al Bano -. Spuntarono tutti insieme di fronte a casa mia, davanti al bosco…

albano-romina-ylenia

Ed è una cosa che non dimenticherò mai. Sempre in quei giorni, una pigna cadde sul presepe di casa, che prese fuoco e andò distrutto.Reagii contro Dio, ma capii subito che stavo commettendo un gravissimo errore, perché mi allontanavo da una certezza per affrontarne altre – ha aggiunto -. Non entro nei particolari, ed è giusto che sia così, ma dopo un po’ mi ritrovai a pensare: ‘Se a Dio hanno ammazzato un figlio, tu chi ti credi di essere per non poter provare su questa Terra una cosa del genere?’. A quel punto ricominciai a collegarmi con Dio e il mio spirito migliorò, sentivo meno acidità e cattiveria dentro. Così ho riscoperto la cristianità”.  L’incontro con Papa Giovanni Paolo II è sicuramente un’occasione che gli ha cambiato la vita: “Ho cantato sette volte per lui e ogni volta che ci incontravamo mi faceva venire i brividi. Non dimenticherò mai il primo incontro, nella sua cappella privata in Vaticano. Eravamo in ventidue persone, c’erano mia madre, mio fratello, Romina, le due bambine. Quell’incontro mi segnò, perché in lui vedevi il divino: nei suoi occhi percepivi la bontà assoluta, ma anche la capacità di leggerti l’anima fin nel profondo”, ha concluso.