Si riconosce sullo sfondo di una foto della moglie scattata 11 anni prima di incontrarsi: “Eravamo destinati ad amarci”

Si erano incontrati anni prima, erano stati nello stesso posto nello stesso momento. E lui era finito perfino sullo sfondo della foto di lei. Poi 11 anni dopo, inconsapevoli di essersi già incrociati per caso, si conoscono e scoppia l’amore.

coppia_stessa_foto_cina_17112818Come riporta Channel NewsAsia, protagonisti dell’incredibile storia d’amore sono il signor Ye e la signora Xue. I due nel 2000 hanno visitato Fourth Square, in Cina. Entrambi hanno scattato la foto nello stesso momento, ma da angolazioni diverse. E Ye è finito sullo scatto della futura moglie.
Inconsapevoli del loro primo incontro, Ye e Xue si conoscono 11 anni dopo e si innamorano. Oggi hanno due figlie gemelle, ma l’incredibile scoperta è avvenuta solo un mese fa. Il signor Ye stava guardando un vecchio album di famiglia per stabilire a chi assomigliassero le figlie, quando si è imbattutto nella foto della moglie e si è riconosciuto sullo sfondo.
“Quando ho visto la foto – racconta Ye – sono stato colto di sorpresa e mi è venuta la pelle d’oca. Ho riconosciuto la mia postura. Abbiamo scattato la foto nello stesso istante, ma da angolature diverse”. E conclude: “Quando le bambine saranno più grandi ci torneremo e scatteremo una nuova foto”.

Fabio Fulco e le dure parole su Cristina Chiabotto: “La donna che avevo idealizzato, non è mai esistita”

Una separazione molto dolorosa ma senza rancori, almeno così sembrava inizialmente, invece le cose pare vadano diversamente tra Fabio Fulco e Cristina Chiabotto. Dopo 12 anni di relazione la coppia si era separata dopo che Cristina non si era detta pronta a creare una famiglia insieme: una decisione sofferta da parte di entrambe che però in tutte le interviste avevano parlato rispettivamente sempre con grande tenerezza dell’ex.

dopo-12-anni-e-finito-lamore-tra-fabio-fulco-e-cristina-chiabottoFabio Fulco però, intervistato da Oggi, ha pronunciato delle parole molto dure: «Non c’è davvero nulla o nessuno da ricordare. È una ferita profonda quella che ho, non si rimargina ancora. Sono scappato in Cina… me ne sono andato dall’altra parte del mondo, completamente solo, dove il telefono manco prendeva, con l’intento di metabolizzare». Poi aggiunge: «Era importante per me capire per cosa soffrivo. L’oggetto della mia sofferenza è esistito soprattutto nella mia immaginazione, era la proiezione di qualcuno che oggi so che non esiste… Quella donna che avevo idealizzato, non è mai esistita».
Alla fine l’attore lancia un dura frecciata alla ex: «Lei mi ha fatto male, ma adesso voglio provare a realizzare il mio progetto di vita: invecchiare al fianco della stessa persona, in una storia d’amore lunga e bella come quella dei miei genitori e dei miei nonni».

Cammina per 4 chilometri a -9 gradi per andare a scuola, la foto del bimbo di 10 anni con i capelli gelati fa il giro del mondo

Si presenta in classe con i capelli completamente ghiacciati e le mani spaccate dal freddo. Così un bimbo di 10 anni è stato immortalato dai suoi insegnanti della scuola di Shaotong, nella provincia dello Yunnan in Cina.

capelli-ghiaccio_11200921Il piccolo per arrivare a scuola, come riporta anche il Daily Mail, ha dovuto percorrere 4 chilometri a piedi alla temperatura di -9 gradi, motivo per cui i suoi capelli erano completamente ghiacciati e la pelle delle mani screpolata. Il bimbo è uno dei tanti “liushou”, i bambini “lasciati indietro”, che vive in una delle tante zone rurali della Cina.
Il bimbo vive in una capanna di fango con i suoi nonni visto che i genitori sono costretti a vivere in due città diverse per poter lavorare. Anche se le sue condizioni di vita sono dure il bambino non sembra essere scoraggiato: «Mi piace molto la scuola, possiamo avere pane con il latte a pranzo e si imparano un sacco di cose belle». Intanto però la sua foto e diventata virale e molti si sono attivati per fargli delle donazioni a lui e alla scuola che frequenta per rendere migliori le condizioni di tutti gli alunni.

Uomo sposato viaggia per mille chilometri per incontrare l’amante conosciuta online, poi accade l’incredibile

Il signor Liu è un uomo sposato e in Rete ha conosciuto la signora Duan, anche lei sposata, con la quale avrebbe iniziato a intrattenere un rapporto via chat. A quel punto Liu avrebbe deciso di raggiungere l’amante virtuale che viveva a oltre mille chilometri da casa sua. Ma una volta lì, sarebbe avvenuto l’incredibile.

3432078_1540_sesso_3Accade a Fuyuan, in Cina. Come riporta Metro.co.uk, il marito “aspirante fedifrago” vola dalla Cina centrale nella provincia sud-occidentale dello Yunnan per incontrarla. Ma al suo arrivo non si sarebbe presentata la donna, ma il marito “imbufalito” di Duan in compagnia di un gruppo di amici.
Il marito tradito avrebbe scoperto il flirt virtuale e saputo dell’appuntamento si sarebbe fatto trovare al posto della moglie, per dare una lezione all’amante. Liu a quel punto sarebbe stato legato a un albero e percosso con le cinture dal marito di Duan e dai suoi amici.
Liu non sarebbe stato soccorso neanche dai passanti, che avrebbero ripreso la scena. Il video è virale.

Miss Mondo, la reginetta del 2017 è l’indiana Manushi Chhillar

È la studentessa indiana Manushi Chhillar la nuova Miss Mondo. Nata il 14 maggio 1997 nello stato di Haryana, Chhillar succede alla portoricana Stephania Del Valle, dalla quale è stata incoronata. La finale del concorso si è svolta in Cina, a Sanya City.

CBH2ZN7MJFIndiaManushi è la sesta indiana ad aggiudicarsi il concorso di bellezza: l’ultima era stata Priyanka Chopra nel 2000. Studentessa di medicina, la reginetta si era aggiudicata il Femina Miss India, titolo che le ha permesso di rappresentare il suo paese nella competizione mondiale.
Alta 1 metro e 75, capelli e occhi castani, Manushi Chhillar come da tradizione si è commossa, e poi ha ringraziato i suoi genitori, che le hanno permesso di coronare il suo sogno di partecipare al concorso di bellezza.

Modella di 14 anni collassa e muore dopo 13 ore di sfilate no-stop

Sul suo contratto c’era scritto che doveva lavorare un massimo di tre ore al giorno, in realtà ne passava almeno 12 sfilando, senza assicurazione medica né giorni di festa. Venerdì, dopo l’ennesima, estenuante giornata passata in passerella a Shanghai è collassata e, dopo due giorni di coma, è morta.

vlada14-kUyB-U433901559401371uH-593x443@Corriere-Web-SezioniVlada Dzyuba aveva solo 14 anni, veniva dalla città russa di Perm, e da tre mesi era impegnata in una serie di sfilate in Cina. Secondo la prima ricostruzione medica la giovane soffriva di meningite cronica ed esaurimento nervoso. Adesso è partita un’indagine, che ha riaperto il dibattito sulle condizioni di lavoro, anche minorile, nel mondo della moda. Mosca ha chiesto chiarimenti alla Cina e alla società per cui Vlada lavorava. Sulla vicenda sta indagando anche l’autorità del Cremlino sui diritti umani, Pavel Mikov.
Secondo le prime ricostruzioni, la 14enne non aveva un’assicurazione medica e il decesso è stato causato da una meningite cronica, aggravata da un grave esaurimento nervoso. A riportare la notizia sono i tabloid britannici, che citano una ricostruzione del The Siberian Times, secondo cui la ragazza aveva la febbre altissima quando ha iniziato a sfilare. Dodici ore dopo, è collassata per la stanchezza. La madre, disperata, ha raccontato che Vlada le diceva sempre che si sentiva stanca, e che voleva dormiva. «Io la pregavo di andare all’ospedale». La donna stava cercando di ottenere un visto per raggiungerla. Il capo dell’agenzia di moda che aveva dato a Vlada la possibilità di partire per il suo viaggio di lavoro, Elvira Zaitseva, ha ammesso di non aver controllato il contratto della ragazzina: «Adesso raccogliamo ciò che abbiamo raccolto».

Le bambine dimenticano i passi del ballo di Natale, la maestra le prende a calci e schiaffi

Una maestra di scuola materna è stata licenziata dopo aver preso a calci e schiaffi due bambine, che non riuscivano a memorizzare una coreografia adeguatamente per il loro evento di Natale. L’incidente è avvenuto pochi giorni prima di Natale, a Lu’an, Cina orientale, provincia di Anhui.

maestr

I filmati di sorveglianza mostrano le due bambine, di età compresa tra quattro e cinque anni, che prendono parte alla danza, per il loro spettacolo annuale di Natale. Tuttavia, le bambine hanno problemi a memorizzare la routine di danza, che coinvolge metà del gruppo, in piedi. La loro maestra impaziente, il cui nome non è stato diffuso, tira le due ragazze per i capelli e le mette da parte, le schiaffeggia e calcia, come punizione per la loro scarsa coordinazione. Le bambine hanno poi raccontato alle loro famiglie dell’abuso, che hanno chiesto di vedere in filmati. Ci deve essere almeno un altro insegnante in classe, al momento dell’incidente, ma non è intervenuto nessuno.
I genitori hanno dnunciato la scuola per danni. L’educatrice è stata licenziata poco dopo, e la scuola materna sta negoziando con i genitori una compensazione per l’esperienza traumatica.

Film hard nel maxi schermo del centro commerciale

I residenti di una città cinese sono rimasti scioccati ieri quando hanno visto video porno trasmesso su un maxischermo pubblico, per più di cinque minuti. Il video è partito poiché un lavoratore ha lasciato il computer in autoplay, secondo il Quotidiano del Popolo.

2168294_cinapornomaxischermo

L’incidente è avvenuto su una strada trafficata a Ningbo, una delle principali città, quasi otto milioni di abitanti, nella parte orientale della Cina, provincia di Zhejiang. Il contenuto esplicito è stato mostrato su un grande schermo al di fuori di un centro commerciale.
La polizia locale ha detto che il video era stato salvato nel personal computer di un lavoratore di gestione, che stava testando lo schermo. L’operaio poi è andato via lasciando il computer incustodito. Sui social media cinesi i video ripresi dai passanti sono diventati presto virali. Dei ragazzini, infatti, hanno filamto quanto stava accadendo e mentre ridevano hanno postato sui social le immagini che scorrevano sul maxiscehrmo. Una guardia di sicurezza ha detto a un giornalista del Qianjiang Evening News: ‘Il contenuto del video è stato davvero … Sono troppo timido per parlarne …’ Il caso è stato segnalato alla polizia locale immediatamente. Il lavoratore è stato portato alla polizia locale per le indagini. Il centro commerciale ha anche rilasciato delle scuse per la trasmissione video di cattivo gusto sullo stesso grande schermo.

La sposa si fa toccare il seno al matrimonio in cambio di soldi per la luna di miele

Una sposa decisamente procace ha sfoderato un’incredibile performance durante la cerimonia delle proprie nozze: la giovane, infatti, si è lasciata toccare (e in alcuni casi baciare) il seno da tutti gli invitati, uomini e donne, in cambio di denaro.

tette

È accaduto in Cina. La novella sposa si è prestata a quest’insolita forma di intrattenimento davanti agli occhi dell’impassibile marito in cambio di offerte per poter finanziare la luna di miele e la nuova vita matrimoniale. Si tratta di una forma decisamente insolita di ricevere gli ospiti ad un matrimonio, almeno per noi occidentali. In Cina, infatti, questo particolare ‘rito’ è piuttosto diffuso.

Vialli imita Vieri su Instagram, il bomber risponde: “Hai troppi peli, mi fai schifo”

Botta e risposta social tra Bobo Vieri e Gianluca Vialli. Gli ex campioni del calcio nostrano divertono il web con i loro messaggi su Instagram.

viericontro-kQhG--896x504@Gazzetta-Web

Ha iniziato Bobo Vieri con i suoi Tg da Formentera e Vialli ha rispo raccogliere la sfida è stato proprio quest’ultimo che ha risposto a Vieri facendogli il verso con un improbabile Tg Gennargentu e imitandolo a footvolley. Nell’ultimo post ha risposto a Vialli: “Hai troppi peli, mi fai schifo”. Il video in cui Vialli si mostra con tutta la sua peluria ha fatto impazzire i social. Il botta e risposta è pieno di frecciatine ironiche. Due giorni fa Bobo  ha postato da Formentera un video in cui annunciava: “Bobo is back  in cinque mesi ho perso dieci chili, ora peso 91 e se ne perdo altri due raggiungo il peso forma. Andrò a giocare in Cina”. Vialli ha replicato: “Io vado in Mongolia”.