Anais, la figlia 18enne di Noel Gallagher che si divide tra la moda e l’attivismo vegano

A soli 18 anni è già molto attiva tra impegni professionali e varie battaglie animaliste, ma per un po’ sarà difficile scrollarsi di dosso l’etichetta di ‘figlia di’: Anais Gallagher, però, sta cercando la propria strada anche se ammette che la sua popolarità è dovuta principalmente a suo padre Noel, fondatore degli Oasis.

3709502_1223_anais_gallagher_noel_gallagher_reebokAnais, nata dall’unione tra Noel Gallagher e Meg Mathews, in questo periodo è testimonial di Reebok, il celebre marchio sportivo, ma in passato ha già lavorato per Dolce & Gabbana e per H&M. Guai, però, a considerarla frivola solo per la carriera nell’ambito della moda: la ragazza ha la testa sulle spalle e una certa personalità, che in passato l’ha portata a ricevere molte critiche per l’appoggio a tante battaglie vegane ma anche per invitare le sue coetanee a scegliere un trucco naturale.

«So di essere arrivata nel mondo della moda grazie alla fama di mio padre, ma per restarci sto facendo affidamento solo su me stessa e sulla mia professionalità» – aveva dichiarato la ragazza – «Per essere una modella, ho tanto da dire e lo faccio con coraggio. Ricordo ancora i tanti attacchi quando avevo postato una foto delle mie ascelle non depilate, ma ora non mi faccio più buttare giù, anche se trovo ancora ridicolo che debba essere io a fare notizia quando ci sono tante cose che non vanno in questo mondo».

Da anni Anais è amica di altri figli di grandi celebrità mondiali, come Brooklyn Beckham (figlio di David e Victoria Adams) o Rocco Ritchie (figlio di Madonna e Guy Ritchie). Nella vita privata, però, è decisamente anticonformista e, tranne quando deve posare, sceglie sempre un trucco decisamente leggero: «Trovo profondamente sbagliato che ragazze della mia età si trucchino o decidano di rifarsi fino a sembrare donne di 25-30 anni. La gioventù è bellissima e va mostrata, non è qualcosa di cui vergognarsi».

Paola Saulino: “Non sono una p0rn0star”. L’ira della sexy star del “P0mpatour”

Paola Saulino dice basta. «Non sono una p0rn0star, non ho mai fatto parte di questa industria cinematografica», spiega l’attrice napoletana. Questa etichetta le è stata attribuita recentemente da un diffuso mensile femminile.

big-paola«Potrei essere considerata p0rn0star dai profani perché in qualche modo ho lavorato con il corpo e la sessualità, ma sono altre categorie, per cui fin quando non faccio parte dell’industria sono un’artista e non una porno. In un mondo in cui il porno e alla portata di tutti liberare il mondo dagli stereotipi della sessualità e portare avanti degli ideali che mirano al sesso come libertà espressiva rappresenta una rivoluzione».

Eliot Sumner, figlia di Sting, fa coming out

“Da due anni ho una relazione con Lucie Von Alten (modella austriaca, ndr)”, così Eliot Sumner, 25 anni, terzogenita di Sting e Truedie Styler ha fatto outing durante un’intervista alla rivista britannica The Evening Standard. “Non l’ho mai detto prima… perché nessuno me lo ha mai chiesto, lo sapevano tutti quindi che motivo c’era per dirlo?

C_4_foto_1422373_image

Eliot ha anche detto di non credere nelle “etichette sessuali” e che non si identifica in nessun genere: “Io sono semplicemente una musicista”, ha aggiunto, senza nessuna altra specificazione. La Sumner infatti sta per pubblicare il suo nuovo album, previsto per il 2016, “Information. Ha debuttato con “The Constant” nel 2010 con il nome I Blame Coco. “Ho sempre cercato di capire chi fossi…Ma non penso che ci si debba sentire sotto pressione per avere una etichetta, una definizione…”, ha detto anche Eliot, che ha concluso così: “Dovremmo trattare tutti allo stesso modo. Siamo tutti esseri umani “.