Vittorio Cecchi Gori e Rita Rusic tornano insieme: “Saremo sempre una famiglia”

Vittorio Cecchi Gori e Rita Rusic sono tornati insieme: «Lo abbiamo fatto per il bene dei nostri figli, sono i più bei film che abbiamo fatto. Dopo tanta rabbia in passato, abbiamo capito che saremo sempre una famiglia». L’attesissimo annuncio è giunto a Sabato Italiano, la trasmissione di RaiUno condotta da Eleonora Daniele.

vittorio_cecchi_gori_rita_rusic_sabato_italiano_10184725Il dramma del ricovero del produttore cinematografico ha permesso alla famiglia di riunirsi e ritrovare l’armonia dei giorni più felici, come ha spiegato anche l’ex attrice: «Ero arrabbiata con lui, perché non chiamava mai i figli, ma quando abbiamo saputo tutto, il giorno di Natale, io e mio figlio Mario siamo subito venuti a Roma, mentre Vittoria è rimasta a Miami».
Visibilmente provato e dimagrito dopo il lungo ricovero al Policlinico Gemelli di Roma, il produttore cinematografico è apparso comunque in discreta forma. «Il mio problema principale è che zoppico un po’, ma mi sento bene. Il Paradiso può attendere. Sono dimagrito molto, ma ci sono modi migliori di passare due mesi in ospedale per farlo», ha spiegato Cecchi Gori, che proprio nel momento più difficile ha ritrovato l’affetto della donna che aveva sposato nel 1983.

Cecchi Gori era stato colpito da ischemia il giorno di Natale, ma al suo fianco ha sempre avuto la famiglia. Oltre a Rita, infatti, un pensiero speciale è andato al figlio Mario: «È stato un eroe, mi ha tenuto la mano per due mesi».

La Rusic ha poi ricordato i lunghi e difficili giorni del ricovero: «È stato choccante. Prima di tutto non ci vedevamo da più di 10 anni di persona. Non parlavamo da tanti anni, perché un pò siamo cattivi… E poi vederlo in quelle condizioni. Chiaramente in rianimazione una persona non sta bene. La paura, le notizie tra virgolette sono poco chiare. Nessuno ti può dare certezze. Certo cercano di rassicurati ma comunque la paura è tanta».

Craig Warwick sta male, i dubbi di Striscia la Notizia: “Eccolo muoversi tranquillamente”

Craig Warwick, ex naufrago dell’Isola dei Famosi, ha dovuto abbandonare l’Isola per un infortunio alle costole e la scorsa diretta si è allontanato dallo studio per un malore. A Domenica Live le immagini del ricovero, ma nell’ultima puntata Striscia la Notizia insinua il dubbio sulle sue condizioni di salute mostrando il sensitivo mentre esce da un negozio e cammina tranquillamente.

3587995_2157_craig_warwick

Lamentando l’infortunio, inoltre, ha potuto evitare di sottoporsi alla Macchina della Verità di Barbara D’Urso a Pomeriggio 5 per parlare del canna gate sollevato da Eva Henger nei confronti di Francesco Monte.
Intanto, nella diretta dell’Isola dei Famosi si cercherà di chiarire lo scandalo che ha travolto Franco Terlizzi. Il naufrago, accusato di omofobia da Craig, rischierebbe l’espulsione. Avrebbe detto “Sei gay, che schifo”.

Massimo Giletti come sta oggi dopo il malore. Il fratello: “Non solo influenza, ecco cosa ha avuto”

Come sta oggi Massimo Giletti? Solo ora emerge che il malore che lo ha colto in diretta negli studi di Non è l’Arena la scorsa domenica su La7 non era dovuto solo all’influenza, come trapelato inizialmente in seguito alla notizia del ricovero in ospedale.

giletti-11Ecco cos’ha svelato il fratello del conduttore di Non è l’Arena e quali sono le sue condizioni di salute dopo aver interrotto la trasmissione. Le ultime news sull’amato giornalista.
l conduttore biellese è stato trasportato al Policlinico Umberto I di Roma dove ha trascorso una notte a scopo precauzionale e stando a quanto ricostruito dal Corriere, il bollettino medico parla chiaro: Massimo Giletti sta bene ma ha bisogno di riposo.
Dunque arrivano belle notizie sulle condizioni di salute del giornalista subito dopo il malore dovuto ad una forte influenza che gli ha reso impossibile continuare a intervistare Marianna Madia.

Massimo Giletti malore, quando torna Non è l’Arena?
Belle notizie condivise dai colleghi di La7 nel corso delle trasmissioni mattutine come Omnibus e Coffee Break dove è stato sottolineato che Giletti in questi giorni ha bisogno di rimettersi in forze.
Lo rivedremo in prima linea a Non è l’Arena il prossimo 4 febbraio o è più cauto farlo riposare per bene ancora una settimana prima di rivederlo in diretta l’11?

Per il momento nessuna comunicazione ufficiale è arrivata sui prossimi step del programma domenicale, ma emerge solo ora un dettaglio interessante sul malore di Massimo Giletti.

Massimo Giletti, la rivelazione del fratello sul malore
È stato il fratello Emanuele, infatti, a svelare poco fa che il giornalista “come molti di noi soffre di coliche renali e questa volta l’hanno colpito in trasmissione. Era già mezzo influenzato, prima di andare in onda ha incominciato ad avere male e mi ha telefonato in modo da non far preoccupare la mamma nel caso avesse dovuto abbandonare la diretta”.

L’uomo ha rivelato che le coliche sono un problema oramai cronico per l’amato conduttore che abbiamo visto in effetti molto sofferente in studio prima di abbandonare la trasmissione.

Morto il Boss delle Cerimonie, don Antonio Polese stroncato da infarto

È morto il “Boss delle Cerimonie”, il titolare del ristorante La Sonrisa di Sant’Antonio Abate, nel napoletano. Don Antonio Polese è un volto molto noto anche fuori dai confini campani grazie alla famosa trasmissione TV su Real Time.

2114909_mortobosscerimoniepolese

Ricoverato ieri per scompensi cardiaci nella clinica Pineta Grande, sulla costa domiziana, il suo cuore non ha retto: aveva 80 anni. Tantissimi i fan a lutto.
Il primo ricovero di Polese risale allo scorso 30 ottobre. Già allora in tantissimi hanno preso a cuore la salute del boss, che appena possibile aveva rassicurato i suoi ammiratori anche con un video. Instancabile, don Antonio ha subito più ricoveri nell’ultimo mese, fino alla triste notizia confermata anche dai familiari.

Flavio Briatore in vacanza con Berlusconi: “Presidente in grande forma, numero uno”

Continuano le vacanze social di Flavio Briatore e come ultimo scatto su Instagram, mostra la prima foto dopo il ricovero in ospedale dell’ex presidente Berlusconi.”Presidente in grande forma, sempre numero uno”.

yourimage-12-19

Con questo messaggio Flavio Briatore ha postato la prima foto in vacanza di Silvio Berlusconi, dopo l’operazione al cuore del 14 giugno scorso al San Raffaele di Milano. Lo scatto lo ritrae sorridente in camicia bianca insieme all’ex manager di Formula Uno e a Francesca Pascale per un periodo di relax in Sardegna.

Veronica, la figlia di Bobby Solo dopo il ricovero: “Vorrei riabbracciare mio padre”

E’ una vicenda che stiamo seguendo da qualche tempo quella tra Bobby Solo e sua figlia Veronica Satti, la ragazza 25enne che il cantante ha avuto dalla relazione con la sua ex corista, Mimma Foti. Veronica nei giorni scorsi era finita in ospedale per un esaurimento nervoso dovuto al difficile rapporto con suo padre e ieri, nel corso di Domenica Live ha parlato per la prima volta, raccontando le sue sensazioni al pubblico.

1751224_veronica_satti-2 (1)

“Ho visto un video con mia sorella pubblicato da mio padre – ha spiegato Veronica a Domenica Live – Io voglio bene a mia sorella, ma sul video c’era scritto ‘mia figlia’, si divertivano in spiaggia. Mi ha ferita e sono crollata, ho pensato ‘E io? Non sono sua figlia?’ Ho avuto una crisi di pianto, di isterismo, tremavo. Sono andata subito in ospedale e mi hanno ricoverata. Sono arrivata lì che già avevo avuto una perdita di peso eccessiva. Ancora oggi mi sottopongo ad una visita ogni settimana”.  Lei, nonostante le polemiche dei giorni scorsi, è pronta a voltare pagina e ad affrontare una nuova vita con suo padre Bobby: “Non so se abbia saputo del ricovero – ha spiegato – ma ora di sicuro lo sa. Sto lavorando su me stessa, sono emotiva, sto trovando la mia forza. Ho immaginato mille volte il nostro incontro, con un po’ di imbarazzo da parte di tutti e due. Vorrei riabbracciarlo”.

Gianluca Grignani: “Mi ritiro”, pubblica il post e poi sparisce

Brutto periodo per Gianluca Grignani che, dopo il video apparso su internet, nel quale il cantante è visibilmente alterato e dopo il ricovero in ospedale, ha pubblicato nei giorni scorsi un post sulla sua pagina di Facebook.

933a33191cddb5e832eed18a765470b3-079-kDxE-U15049662835010B-620x349@Gazzetta-Web_articolo

Grignani parla di ‘attacchi di panico’ ma, fonti vicinissime a lui sono convinte che il ricovero sia causato invece da un’intossicazione da alcol.“Ciao ragazzi, ho bisogno di staccare un pò con il mondo, l’avrete capito… – ha scritto il cantante sulla sua pagina Facebook – Ora ho bisogno di tornare più forte di prima. Adesso parlerà solo la mia musica, la mia “strada in mezzo al cielo”: ho annullato gli impegni per un determinato periodo, non ci saranno apparizioni, a parte i due eventi rock 2.0 a dicembre di Milano e Roma, e dei live acustici che farò durante l’estate che saranno annunciati qui sul mio profilo… ma io leggo tutto quello che mi scrivete e solo per voi io ci sto. Sempre. Con affetto G.”.  Ebbene si, Grignani ha annullato il suo instore tour, pianificato per la promozione del suo ultimo album, Una strada in mezzo al cielo, lasciando tutti i suoi fan a bocca asciutta. Ma, nonostante questo, sono moltissimi i messaggi di affetto e di solidarietà che i suoi followers gli stanno tributando in queste ore. Dopo il suo annuncio sul social network, Gianluca Grignani non ha più scritto nulla, mantenendo la parola data e cercando di riconquistare, si spera, un po’ di pace e serenità personale.

Prince, una morte misteriosa come la sua musica

La musica perde il più irrequieto, dotato e orgoglioso dei suoi protagonisti, Roger Nelson, in arte Prince, il guru, il monumento della black music contemporanea, a cui tutti bene o male hanno attinto. Una morte ancora misteriosa, come la sua musica, preceduta una settimana fa da un improvviso ricovero in ospedale dopo un atterraggio di emergenza del suo aereo privato che lo stava riportando a casa da Atlanta, dove aveva tenuto un concerto.

Prince+xxx

Dopo tre ore di controlli, venne dimesso. Un suo portavoce dichiarò che si trattava solo di un’influenza. Stamattina il suo corpo privo di vita è stato trovato nella sua villa di Paisley Park, a Chanhassen nel Minnesota. Finisce così, a soli 57 anni, la vita di un grande talento della musica, un protagonista energico, inventivo, dilagante, inafferabile, miscelatore di un cocktail esplosivo e terribilmente contemporaneo di rock, pop, new wave, elettronica, r’n’b, jazz che ha avuto il più grande riconoscimento popolare con l’album dell’84 Purple rain, a tutt’oggi uno degli album più riusciti di black music. Un successo che lo ha portato a una lotta senza quartiere con le case discografiche per tutelare l’indipendenza della sua creatività. Fino a farlo isolare, negare perfino la propria identità, ad apparire in tv con la scritta Slave, ovvero schiavo, sulla faccia, pagando la sua lotta in termini di successo e economici. Ma certamente non di ispirazione e di talento.